Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarag1b9Arianna1921Riamy55maremontycassetta2norise1mariasen1bisou_fataldronedjibaldolondrafrescaselvaamorino11Crowuglybadbanderuola0
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 15/04/2024

Funghi ed omini verdi.

Post n°3135 pubblicato il 15 Aprile 2024 da fedechiara
 

Funghi ed omini verdi nel futuro della Terra. 14 aprile 2022

Giunti al punto di svolta di un ventennio infame gioverà ricordarlo e raccontarlo ai nipoti come la tragica conferma che 'il peggio non è mai morto', non muore mai, maledizione – e il cupio disolvi del biennio pandemico, finito nella pozza venefica della guerra di Ucraina e, forse, guerra mondiale alla terza (ed ultima) potenza, ce lo dimostra.
Non riesco a pensare ad un evento maggiormente nefasto che possa regalarci, da qui in avanti, la famigerata 'legge di Murphy' – non all'esplosione annunciata del 'super vulcano' dei Campi Flegrei, mitica porta dell'Inferno, non all'asteroide fatale che metta fine alla supremazia evolutiva dei dinosauri che abbiamo dimostrato di essere e sostituire: 'Troppa corazza poco cervello.'
E quel poco difficilmente rintracciabile nelle decisioni dei maggiorenti della organizzazione militare Nato e dei leaders dei paesi ad essa aderenti di osteggiare la Russia con sempre più stringenti minacce e 'cinture difensive' (sic) nei paesi della fascia della ex Urss.
E ogni giorno ha la sua pena, e l'adesione a tamburo battente della Svezia e della Finlandia alla Nato saranno il 'casus belli' dei pulsanti rossi nucleari che verranno premuti in perfetta sincronia di massacro di qua e di là dell'Atlantico.
'Ma noi non ci saremo.', cantavano i Nomadi, o ci saremo solo alla prima salva dei missili transcontinentali sparati dai sommergibili nucleari e dalle navi in rotta nel Mediterraneo poi una 'luce accecante' (raccontano i sopravvissuti di Hiroshima) e un calore da forno crematorio ci brucerà gli occhi e i cervelli e 'cenere alla cenere' come ci ricordano i preti sugli altari.
Alleluia, brava gente. Il futuro (non) è nostro. Appuntamento a qualche millennio virtuale in avanti per vedere quale altra specie vivente ci ha sostituito sulla crosta del pianeta.
I funghi, forse, pimpantissimi e radiottivi.
O gli omini verdi marziani.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

La Storia in diretta streaming.

Post n°3134 pubblicato il 15 Aprile 2024 da fedechiara
 

La Storia in diretta streaming. (Podcast non disponibile). 15 aprile 2022
Di buono c'è che ho visto in chiaro quel che è successo prima dello scoppio della prima guerra mondiale. Perché, ammettiamolo, leggerlo su Wikipedia non è la stessa cosa e lo schermo opaco della Storia impedisce di 'vedere', di assistere in diretta a quel che accadde nelle piazze delle maggior città italiane – con la pretesa intelligenza collettiva di allora, letterati e pittori di vaglia, impegnati a sostenere la grancassa dell'intervento militare e vituperare gli opposti di fede.
'Chi per la patria muor vissuto è assai.' era il Verbo imperante.
Oggi è per l'Ucraina, nuova frontiera della Patria europea.
E Orsini e Vauro alla gogna e fuori dalla Rai, maledetti 'putinisti'.
Salvo poi piangere, i Futuristi-interventisti pentiti, le amare lacrime sull'orrore della guerra nelle trincee e il pianto greco dei feriti e dei mutilati che tornavano alle città con le stampelle e la benda sull'occhio - e una trista medaglia alla memoria e niente lavoro e i figli e i nipoti immemori del Grande Sacrificio.
Ma tante belle lapidi e sacrari sparsi per tutta la penisola, questo si, da portarci le scuole in visita. E tutti i 'caduti' con il loro nome e grado militare in lapide, salvo il milite ignoto collettivo.
Succederà anche per l'Ucraina, fra qualche mese od anno?
Non era (è) meglio una subita trattativa di pace e nuovi assetti geopolitici e autonomie riconosciute per i controversi confini?
Quel che sappiamo è che i nostrani post moderni interventisti in tivù mostrano uguali entusiasmi bellici e livori contro la Russia (ieri l'Austria-Ungheria: il nemico è sempre ad est: che sia una questione di poli magnetici?). E moriremo del pari (ci dicono) nelle trincee del caldo estremo (privi dei condizionatori perché si necessita di 'Aria (oro) alla Patria ucraina') e/o di freddo - chiusi nella case private del gas. Il poco che arriverà servirà per cucinare, ma cercate di praticare il 'crudismo' per i prossimi sei mesi/un anno, che è meglio e vivrete più sani.
Ma la novità è che tutto potrebbe risolversi presto grazie alle esplosioni termonucleari ad est e ad ovest (più ad est, grazie ai ricchissimi arsenali Nato) – novità assoluta della terza guerra mondiale già in atto sotto le mentite spoglie del fornire armamenti pesanti all'Ucraina.
E' un bel conforto, conveniamone, invece di 'tirar l'anima coi denti' come fecero i progenitori durante i tre anni fatali del 15/18.
Che, poi, tu vedi le assonanze/simiglianze assassine della Storia, furono anni, quelli, accompagnati da una devastante epidemia di 'spagnola' (alcuni la dissero 'cinese') che ne sterminò di più che sui fronti di guerra.
Ma l'umanità sopravvisse (ne siamo testimoni certi) mentre con le presenti bombe termonucleari numquam.
E ci risparmieremo pure le marmoree lapidi sotto alle caldissime ceneri radiottive. Ci penseranno i sotterranei funghi a degradare il Tutto (... abisso orrido immenso, ov'ei, precipitando, il Tutto oblia).
Occhio (orecchio) ai sibili fuori dalla finestre, gente. Qui si fa l'Ucraina o si muore.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963