Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaradr.emmeallen5031bisou_fatalg1b9Arianna1921Riamy55maremontycassetta2norise1mariasen1dronedjibaldolondrafrescaselvaamorino11
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 23/04/2024

Si, viaggiare.

Post n°3146 pubblicato il 23 Aprile 2024 da fedechiara
 

Cachi (Argentina)  - 26 marzo 2019 -
E gli ampi spazi degli altopiani ci fanno venire a mente il gran correre dell'Inca di vetta in valle nel suo ampio impero di alte quote e come tempri il fisico l'altitudine e l'aria rarefatta e come siamo capaci noi umani di straordinario adattamento, nel corso delle generazioni e le evoluzioni millenarie.
E questa gran voglia di impero è una costante della storia dell'uomo: sopraffazione e imposizione manu militari della propria forza di popolo e cultura, ma anche, non sempre, integrazione e commistione di culture diverse - e convivenze durate secoli, ma spezzate dall'arrivo delle tre caravelle ondeggianti al largo e l'apparire sulle spiagge del mostro a cavallo vestito d'acciaio e munito di lunga spada che le vittime designate di un lontano olocausto dissero 'el Conquistador'.
Ed è vero che la cultura dell'indio prevedeva l'addormentare i pargoli reali e dell'aristocrazia ubriachi nelle tombe di alta quota e il gelo che li congelava ancora vivi – e le mummie del museo di Salta sono impressionanti per avere ottimamente conservato carne e bulbi oculari e capelli, ma più le espressioni tristi di quei poveretti dalla brevissima vita che la loro religione diceva 'i fortunati', sacrificati agli dei potenti e provvedenti – e tuttavia la cultura del conquistador non sembra aver dato frutti migliori e condivisibili e credibili, con tutta quella schiera di santi e madonne nelle chiese vestiti come bambole settecentesche e il 'corpo e sangue' di Cristo transustanziato che ha sostituito i sacrifici umani che diciamo costumanze barbare e pagane.
E via dalla città-monstre si respira l'universo e il silenzio è intessuto del canto dei venti che discendono le Ande e i villaggi sono apparentemente deserti: quinte cinematografiche di improbabili films 'western'; e i visi dei bis nipoti degli indios sono cotti dal sole e felici di abitare i paesaggi degli avi e sorridono al turista dell'industria nuova che garantisce un discreto 'desarollo' di trattorie e artigianato naif e tessuti di alpaca e vigogna: timidi camelidi che osservi brucare in lontananza il poco cibo che ruminano quieti - ed è immagine che commuove e intenerisce e dice il mondo ancora abitabile e gli ampi spazi vuoti che resistono, malgrado e oltre la spinta antropica che tutto asservisce e appiattisce e uniforma nelle orride croste urbane.

 
 
 

Comparazioni ed affanni epocali.

Post n°3145 pubblicato il 23 Aprile 2024 da fedechiara
 

Comparate, gente, comparate. - 23 aprile 2015
Siamo un po' tutti 'ondivaghi' e abbiamo reazioni 'di pancia', come ci rimprovera il nostro premier.
E tuttavia anche la pancia ha un suo ruolo e funzione nell'equilibrio del corpo sociale e trascurarne i segnali e i rumoreggiamenti e i tuoni può portare a pericolosi blocchi intestinali, vivamente sconsigliati dai medici, e/o a fulminanti diarree, - come accade in Sudafrica, dove l'esercito è nelle strade per contrastare i pogroms e le mattanze degli immigrati indesiderati.
E nel web, nei giorni scorsi, rumoreggiamenti e tuoni l'han fatta da padroni, da una parte e dall'altra delle opposte voci e fazioni: echi dei drammi dei migranti ai quali dovremo 'fare il callo' perché torneranno presto in cronaca e non basteranno le intenzioni pie dei governanti europei chiamati a tamponare l'ennesima emergenza ad impedirli.
Ed è appena il caso di notare che l'ultimo di questi drammi ha come protagonista assoluto e solo responsabile uno scafista ubriaco e pieno del fumo degli spinelli che si faceva in navigazione e che il peschereccio che guidava si è inabissato dopo aver ripetutamente urtato la nave che li soccorreva e per la reazione di paura della moltitudine a bordo che si è spostata da un lato come un sol uomo.
Non sarebbe male se gli esagitati che si stracciano le vesti e dicono l'Europa e gli europei cinici e insensibili considerassero i fatti con la necessaria freddezza e tenessero a freno i 'rumors' della loro pancia indignata e tanto, tanto sensibile, povera cara.
E dovremmo, invece, considerare e confrontare freddamente i fatti e i numeri e le opzioni – queste ultime, sopratutto, per poterle dire praticabili e verosimili e probabili, ma non sembra che dalle dichiarazioni dei governanti fin qua e dalla lettura degli articoli dei giornali di tutta Europa vengano indicazioni rassicuranti e convincenti per dire il dramma dei migranti governabile e capaci noi, paesi europei, di assorbire l'urto delle centinaia di migliaia di speranzosi arrembanti sulle nostre coste e violatori pervicaci delle nostre frontiere-colabrodo.
E se i numeri resteranno questi, degli ultimi venti mesi, dubito che questa massa di persone la vedremo regolarmente assunta dalle imprese europee in deficit di occupazione – come afferma un baldanzoso economista francese di grido. Vedremo, piuttosto, moltiplicarsi il mendicismo per le strade e le piazze e salire le cifre percentuali degli ospiti delle patrie galere che già scoppiano (e l'Europa ci multa) - ed è questo il confronto freddo e razionale che si dovrebbe fare e mostrarne i risultati nel corso degli appassionati dibattiti e dirlo politicamente e socialmente ingestibile e provare a convincere quei tali, a noi opposti, che non ne vogliamo sapere di incrementare il disordine sociale diffuso e il brutto mostrarsi di certuni quartieri delle nostre città equiparabili alla desolazione dei mitici 'bronx' degli anni andati.
E siamo già tutti dimentichi, noi ondivaghi radio e tele ascoltatori, che, prima di quest'ultimo naufragio che ci ha commosso, eravamo orripilati e sconvolti da quest'altra notizia di maledetto naufragio: di dodici migranti di fede cattolica spinti fuori bordo dai loro fratelli sciagurati di fede mussulmana che già ci prefigurano i 'foreign fighters' assassini e 'jihadisti' delle prossime generazioni.
Comparate, gente, comparate, poiché mala tempora currunt.
Migranti. Trovato barcone disperso: 12 i morti, 47 superstiti. Giallo sul soccorso

 
 
 

Lo zampino e il lardo.

Post n°3144 pubblicato il 23 Aprile 2024 da fedechiara
 

Lo zampino e il lardo (atomico).
Se mai avete nutrito il dubbio che sia stata una pessima idea quella di insorgere contro l'invasione russa dell'Ucraina e l'aver sottoscritto le sanzioni ed avere spedito al fronte di quella guerra per procura Nato una quantità impressionante di armamenti sempre più sofisticati e micidiali eccovi la conferma che aspettavate: 'La Polonia ha chiesto alla Nato di ospitare siti nucleari ai suoi confini.'
Della serie: 'Tanto va la Nato al lardo che alla fine ci lascia lo zampino.' delle esplosioni multiple conseguenti.
A giugno si vota, traetene le debite conclusioni se non volete trascorrere il resto delle vostre vite (i più fortunati) in un bunker anti atomico.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963