Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraArianna1921Riamy55maremontycassetta2norise1g1b9mariasen1bisou_fataldronedjibaldolondrafrescaselvaamorino11Crowuglybadbanderuola0
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 24/04/2024

Ci˛ che non siamo, ci˛ che non vogliamo.

Post n°3149 pubblicato il 24 Aprile 2024 da fedechiara
 

La Storia siamo noi (nessuno ne venga escluso). 24 aprile 2021

Ero a Cracovia, nella caldissima estate del 2012. Una bella città in cui ho soggiornato a lungo per la densità delle memorie che ospita, inclusa la Memoria per antonomasia, quella dell'Olocausto.
Ma non mi sono recato ad Auschwitz, come molti fanno e le migliori guide turistiche raccomandano per le ovvie ragioni della completezza del quadro storico che incornicia ogni antica città, le tragedie incluse.
Non ho voluto andarci non solo per non condividere il 'turismo delle catastrofi' o del dolore con le scolaresche sciamanti e cicaleccianti, bensì perché ritenevo e ritengo che non resti più molto da elaborare spiritualmente in quel luogo museale della tragedia massima che rievochiamo ogni anno a ridosso del 25 aprile, giorno di Liberazione dal nazifascismo.
E stasera ho rivisto con grande piacere il film 'La verità negata' (con una strepitosa Rachel Weisz) in cui si dibatte la questione dell'Olocausto in un'aula di tribunale, un tribunale londinese, e la sentenza castiga un famoso 'negazionista', uno storico preteso, che ha osato citare per calunnia e danni relativi la scrittrice ebrea americana Deborah Lipstadt.
Un film non solo bello e avvincente, bensì istruttivo su come si dibatte una causa in Inghilterra - dove la forma è sostanza, a partire dall'inchino che il giudice scambia con gli astanti nella sua aula di giustizia (che la scrittrice, americana, si rifiuta di fare) perché quell'inchino è un segno di riconoscimento reciproco e di rispetto. Senza il quale l'aspro teatro della giustizia non può avere inizio.
E vi è distinzione tra il 'dicitore', che discute ufficialmente la causa, e il collegio di difesa alle sue spalle che studia gli incartamenti e decide la migliore strategia processuale.
E all'imputata che perora la causa dei testimoni del massacro come evidenza massima di un Olocausto denegato il collegio di difesa raccomanda più e più volte di non parlare e di contenersi e di controllare l'emotività – non per vacua tradizione di aplomb britannico e londinese, bensì perché i testimoni di ogni sofferenza sono dei pessimi testimoni in un processo e la loro memoria è labile e soggetta a tutti i guasti della memoria di ognuno e tutti con in più il carico di orrore incancellabile e lo stress emotivo conseguente che non riesce ad elaborare razionalmente quei fatti che narrano di una straordinaria e massima malvagità umana.
E suggerisco ai nostrani habitué del ricordo della Liberazione, le figure istituzionali incluse, che ogni anno, il 25 aprile, ci sommergono con cerimonie e articoli e films e posts evocativi la Resistenza partigiana, tre giorni prima e tre dopo la fatale ricorrenza, di ri-guardare questo film istruttivo e di contenersi a loro volta e non erompere subito , a cori e tiggì riuniti, nel canto celebrativo di riferimento (Bella ciao), bensì di trovare modi diversi e migliori per richiamare e inquadrare storicamente quell'evento cruciale e controverso della nostra storia patria.
Perché non è con i mortai mediatici da 120 e gli obici mnemonici lanciati a quintali contro gli indifferenti e i pretesi fascisti (sempre risorgenti e in agguato, a sentir loro) che ci verrà garantita la verità dei fatti e il rispetto dovuto alle vittime, bensì con la passione della Storia, quella degli storici che ci garantiscono, citando le giuste fonti e le testimonianze e i riferimenti oggettivi e incontrovertibili (come si mostra nel film citato), che Giulio Cesare è esistito ed ha passato il Rubicone gettando i dadi (Barbero esprime dubbi, ad esempio, su questa storia de: 'Alea iacta est') e che il Titanic è effettivamente affondato a causa di un devastante impatto con un maledetto iceberg.
La Storia non ha bisogno di imbonimenti e annuali ramanzine e 'moniti' solenni.
La Storia la si studia e la si ama quando offre risposte certe e non verità partigiane e buone all'imbonimento di una sola parte politica.
Ben vengano, per ciò, le narrazioni accessorie che ci raccontano, insieme alla mitica Liberazione, dei fatti tragici dei partigiani di Porzus in Friuli e quelle delle foibe titine, per dire di un male di vivere che si nutre di ideologie contrapposte e di fanatismi e non ha mai una sola rappresentazione elegiaca o dannata, bensì i molti volti del nostro vivere affannoso e tragico.
La Storia siamo noi (nessuno ne venga escluso).
La verità negata: la storia vera del film drammatico sul negazionismo
COMINGSOON.IT
La verità negata: la storia vera del film drammatico sul negazionismo

 
 
 

Rivoluzioni d'antan e tempi grami.

Post n°3148 pubblicato il 24 Aprile 2024 da fedechiara
 

I Montagnardi e i Giacobini di sempre. 23 aprile 2013

Viviamo tempi rivoluzionari, non vi sembri esagerato. Provate a immaginarvi registi di un film sulla rivoluzione francese e 'mettete in scena' quella fibrillazione politica che, fuori e dentro le sale della Convenzione Nazionale e dell'Assemblea legislativa di Parigi, vide comporsi e scomporsi, come cellule metastatiche impazzite, i rassemblements di centro e di sinistra e di sinistra estrema: i Montagnardi, e i Giacobini avversi ai Cordiglieri e ai Foglianti. E, ad ogni riunione di quegli anni di fervore e febbre politica altissima, qualche testa tentennava, timorosa del prossimo distacco dal corpo (era d'uso salutarsi, tra quei dessi, 'à la guillotine' : abbassando la testa di scatto, il corpo eretto, mimando lo stacco fatale della lama).
E, non ridete, quei tali rivoluzionari prendevano nome (Cordiglieri e Giacobini) dai conventi francescano e domenicano dove si riunivano i capi dei club, i ben noti Hèbert, Desmoulins, Danton, Marat, Robespierre.
I conventi, vedi caso, già da allora condizionavano in qualche modo la vita pubblica e privata – e 'dietro al convento delle Cappuccine' ci si dava appuntamento per i duelli risolutori delle onorevoli contese.
Trasferite ora il set cinematografico a Roma e ridate anima e corpo ai 'rivoluzionari' cinque stelle (si parva licet) che, fuori da Montecitorio, hanno inneggiato alla rivoluzione contro 'la casta' e 'il vecchio' della cattiva politica nazionale – e non hanno applaudito il faticoso discorso alla nazione di 're Giorgio' a Camere riunite.
E mettete in canovaccio i furibondi conciliaboli e le risse e ' vaffa' reciproci lanciati dai vari Foglianti e Girondini interni al partito democratico - che sta per spaccarsi definitivamente di fronte alla fiducia da dare o non dare a un governo indigesto e indigeribile qual'è quello che si cucina nelle ovattate stanze del Quirinale.
Perché - è Storia, ahinoi! - è sempre a sinistra che 'va a parare' la crisi di un paese e i suoi sussulti 'rivoluzionari'. E' sempre la generosa e imbelle sinistra di ogni tempo e paese la camera di compensazione di ogni disastro politico e istituzionale iniziato e causato dalla 'destra', - da noi, la destra del barabba di s-governo, la destra fracassona e volgare e becera dei 'no taxes' evasori impuniti, la destra secessionista degli artigiani/piccoli imprenditori eredi delle 'jacqueries' del contadino francese Jacques.
E la cosa triste della nostra avvilente e squallida postmodernità politica e sociale è che manca sulla scena, consigliere del regista, un monsieur De Guillotin che ci fornisca lo strumento principe dei castighi riservati alla 'malapolitica' dei felloni e traditori e malnati e de 'la casta'. Lo 'zac' secco e definitivo della pesante lama che stacca le teste dai corpi.
E, senza quello strumento decisivo, ritrovarsi tra i piedi il berlusconi anti giudici e processi quale 'vincitore' della orrida partita a scacchi che si è giocata sulla testa del paese - e che ha visto la sinistra a pezzi, ancora una volta! - è naturale e tristissima conseguenza.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Il mondo salvato dai generali.

Post n°3147 pubblicato il 24 Aprile 2024 da fedechiara
 

Sintesi di un mese di mezza primavera pre elettorale.
Se vi capita di soggiornare in galera in un qualche paese europeo, (l'Ungheria è altamente raccomandata per i suoi requisiti specifici) procurate di avere un familiare combattivo ma di sinistra che sappia inscenare la giusta campagna mediatica per farvi apparire un martire del vangelo del Beccaria (Dei delitti e delle pene).
Se le sue entrature sono quelle giuste e i partiti di riferimento sono in grave crisi di vocazioni e di voti, eccovi messi in lista per le elezioni europee prossime venture bypassando i candidati naturali aventi diritto per lunga e fiera militanza. E può essere che la svanghiate e sarete promossi 'deputati europei' con stipendi da favola, exultate iubilate.
L'Europa salvifica che svuota le carceri e beatifica i martiri, martellatori seriali, delle soavi associazioni benefiche 'Come ti faccio rinsavire a manganellate sul cranio un fascio-nazista'.
Revival, a mondo rovesciato, dell'olio di ricino e opportune bastonate al socialista recidivo dell'odiato Ventennio, - Scurati docet (segue monologo in Rai).
Di contro: più difficile vi sarà rintracciare nelle liste presentate alle europee il partito che meglio garantisce la netta contrarietà alla fornitura di armi all'Ucraina. Ci sarebbe il M5S – che mette, al posto del nome del leader, la parola 'pace' nel simbolo, ma pesa lo sconquasso clamoroso sui conti pubblici del Bonus edilizio e del 'reddito di cittadinanza' – che tanta parte di divani scontati ha contribuito a vendere durante la sua graziosa elargizione.
E non è chiaro con chi farà alleanza, Conte e i suoi, per contare più del due di picche nel rinnovato parlamento europeo.
La Lega può garantirvi una certa tiepidezza e segreta avversione ai diktat Nato sulla fornitura di armi ai valorosi soldati in Ucraina, ma è succube dell'Alleanza di destra che voterà di bel nuovo la von der Leyen (cantando a gole spiegate l'Inno alla Gioia) e perfino il Draghi redivivo, in alternativa tragicissima e conclamata determinazione suicida all'olocausto termonucleare prossimo venturo del pulsante rosso fatale.
E perfino la Le Pen, pur di conquistare il centro dello schieramento politico, ha fatto outing di solidarietà all'Ucraina perciò, cari elettori/trici avete il compito storico di distinguere il grano dal loglio di giugno, una volta dentro la cabina elettorale. Non vi invidio.
Se la stagione mette al meglio vi penserò, dal mio storico rifugio sulle crode montane, e vi augurerò ogni bene e un meraviglioso futuro. Sempre vostro.
(A proposito: pare che il Vannacci-generale sarà in lista con la Lega con il merito di aver segnalato il mondo che va a rovescio e a catafascio.
Il mondo salvato dai generali? Sappiatemi dire.)
DE GREGORI - GENERALE KARAOKE (BY STUDIO SOUND GROUP)
YOUTUBE.COM
DE GREGORI - GENERALE KARAOKE (BY STUDIO SOUND GROUP)
DE GREGORI - GENERALE KARAOKE (BY STUDIO SOUND GROUP)

     
     
     
     
     

    © Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963