Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

QuartoProvvisoriofedechiarasurfinia60aracnoid.999assetzsoraandsakiMargBooksg1b9annaluciadgl3cassetta2chemiasrl.vanimasugyatorogodsbaglisignoragiancarlomigliozzi
 

Ultimi commenti

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 28/05/2024

La Commedia a palazzo.

Post n°3209 pubblicato il 28 Maggio 2024 da fedechiara
 

La libertà non è gratis. Goldoni che non seppe descrivere i tempi nuovi. 28 maggio 2021

Carlo Goldoni va a vivere e lavorare a Parigi. Un invito a corte che non si può rifiutare, malgrado la Comèdie italienne in loco non se la passasse affatto bene? O un dispetto a Venezia che non apprezzava troppo la sua rivoluzione teatrale di personaggi veri e 'di strada', opposti alle stanche moine delle maschere della Commedia antica medievale?
Fatto sta che Goldoni a Parigi non 'sfonda', come diremmo oggi e viene confinato nel ruolo di insegnante di italiano per le figlie del re e trascina la sua vita di esule in suol straniero (vivrai Venezia nel mio pensiero) confidando nella generosità del re che gli elargisce una modesta pensione. E la rivoluzione francese lo coglie impreparato e nei suoi 'Memoirs' non compare uno scritto e un pensiero che sia uno relativo a quel grande sommovimento sociale, a quel terremoto politico che confinava i suoi personaggi nel ruolo di macchiette di un tempo che stingeva nell'odiato Ancien Regime.
Gli storici si affanneranno a dirci che quel suo stupefacente silenzio era dovuto al debito di riconoscenza che lo legava alla corte di Luigi XVIsimo, ma è una falla di scrittura talmente macroscopica da risultare incredibile.
Come dire che io, che pure godo di una pensione graziosamente elargitami dal presente regime, rinunciassi nei miei scritti a descrivere e chiosare da par mio i nefasti della presente scena politica e i pesantissimi limiti di un vincolo costituzionale che ingessa l'espressione del consenso popolare nei ripetuti minuetti quirinalizi che ci hanno rifilato gli immangiabili sformati di s-governo di Conte, prima, e del Draghi pigliatutto poi.
E Goldoni chiude la sua vita da esule in Francia e gli venne risparmiato il dolore di vedere la sua amatissima patria veneziana occupata dall'esercito sparviero dell'ingombrante Coso imperiale che, secondo gli illusi patrioti italiani, regalava gratis la libertà ai paesi che conquistava, - ma si limitò, invece, a piantarne gli alberi (della Libertà) privi di robuste radici e che non attecchirono e il resto lo sapete o andate su Wikipedia per un veloce ripasso in vista degli esami di maturità prossimi venturi.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963