Creato da oiram2bis il 09/11/2007
Il fumo uccide
 

Prova2

Prova

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 
who's _nline who's _nline
 

Contatta l'autore

Nickname: oiram2bis
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 52
Prov: TO
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fiumechevaFinalmente.Ioadoro_il_kenyastronzo_gagliardopsicologiaforensemivuoimantenereArvaliusPapaveriSparsismaltorossoVcrazyangelheartklymened0lcevelen0nella_2008
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Senza titolo

Post n°14 pubblicato il 18 Aprile 2008 da oiram2bis

Un sant'uomo ebbe un giorno da conversare con Dio e gli chiese:

 -Signore, mi piacerebbe sapere come sono il Paradiso e l'Inferno.

Dio condusse il sant'uomo verso due porte.

Aprì una delle due e gli permise di guardare all'interno.

Al centro della stanza, c'era una grandissima tavola rotonda.

Al centro della tavola, si trovava un grandissimo recipiente contenente cibo

dal profumo delizioso. Il sant'uomo sentì l'acquolina in bocca.

Le persone sedute attorno al tavolo erano magre, dall'aspetto livido e malato.

Avevano tutti l'aria affamata.

Avevano dei cucchiai dai manici lunghissimi, attaccati alle loro braccia.

Tutti potevano raggiungere il piatto di cibo e raccoglierne un po',

ma poiché il manico del cucchiaio era più lungo del

loro braccio, non potevano accostare il cibo alla bocca.

Il sant'uomo tremò alla vista della loro miseria e delle loro sofferenze.

Dio disse:

-Hai appena visto l'Inferno.

Dio e l'uomo si diressero verso la  seconda porta.

Dio l'aprì. la scena che l'uomo vide era identica alla precedente.

C'era la grande tavola rotonda, il recipiente colmo di cibo delizioso che

gli fece ancora venire l'acquolina.

Le persone intorno alla tavola avevano anch'esse

i cucchiai dai lunghi manici. Questa volta, però, le persone

erano ben nutrite e felici e conversavano tra di loro sorridendo.

Il sant'uomo disse a Dio:- Non capisco!

- E' semplice, rispose Dio, dipende solo da un'abilità.

Essi  hanno appreso a nutrirsi gli uni gli altri mentre gli altri non pensano che a

loro stessi.

Io non sono credente, e me ne dispiaccio. Ma ciò che sta sopra scritto è sicuramente la rappresentazione allegorica di uno dei pilastri sui quali poggia la mia coscienza umana. Ecco, appunto, umana. Possibile che si debba quasi sempre riferirsi ad un "precetto" divino per comportarsi da umani? Credo che l'ipotetico Dio sarebbe più contento se un umano si comportasse da tale per sua indole e non per imposizione "timorante".

 
 
 

Si è fatto tardi

Post n°13 pubblicato il 17 Aprile 2008 da oiram2bis

Ho riletto un mucchio di cose, anzi, praticamente tutto. Cose passate da due anni, da un anno, da tre mesi... sms, post salvati da un blog che non c'è più (si, proprio quel blog)... volevo scrivere, scrivere, scrivere... ma si è fatto tardi, e certo non posso sperare di trovare a quest'ora il bandolo della matassa di pensieri che in questi giorni sono quasi unici inquilini della mia mente.

Si, si è fatto tardi... vedrò domani.

 
 
 

Post N° 12

Post n°12 pubblicato il 16 Aprile 2008 da oiram2bis

Nessuno merita le tue lacrime,
e chi le merita non ti farà mai piangere


Gabriel García Márquez

 
 
 

Post n°11 pubblicato il 14 Aprile 2008 da oiram2bis
Barzelletta che fa ridere e riflettere!

Intanto ringrazio tutti nuovamente per aver partecipato al mio sondaggio! Il risultato che ne è venuto fuori mi ha fatto venire in mente questa barzellettina:

Un vecchietto sta per imboccare l'autrostrada.
Dopo qualche istante alla radio interrompono la musica per comunicare
che un auto sta percorrendo l'autostrada contromano.
Al che il vecchietto esclama "altro che una, sono centinaia!"

(se volete raccontare questa barzelletta a voce, che viene sicuramente meglio, durante l'esclamazione del vecchietto che state interpretando dovete far finta di avere un volante in mano che viene ruotato con scatti repentini!)

Ora, sperando che la barzellettina vi abbia fatto un po' ridere, riferendosi ai risultati del mio sondaggio (msg n°3), quale riflessione ci potrebbe indurre a fare?

Ovviamente ovvio... risponda solo chi ne ha voglia! ;-)

 
 
 
 

Grazie a tutti!

Post n°10 pubblicato il 12 Aprile 2008 da oiram2bis

Un sentito ringraziamento a tutti voi, che in così tanti avete partecipato al mio sondaggio!

Pensate che ieri il mio blog è stato segnalato nelle classifiche di libero come quello che ha avuto il maggior numero di commenti e accessi in una sola giornata!

In alcuni dei vostri commenti si notava una certa curiosità sul come e sul cosa sia successo, per aver avuto appunto motivo di fare questo sondaggio.

Spiego!

Lei mi fa presente che era appunto alle prese con la costruzione di un blog. Cosa che mi ha riempito di orgoglio, a parte alcuni consigli chiesti a me (che sono un informatico) faceva tutto da sola! Pensavo di aver potuto vedere, prima o poi, i risultati di questa sua "fatica", ma mi era appunto stato vietato di cercare e ovviamente leggere ciò che in esso lei scriveva. Capita che lei abbia bisogno di aiuto, ogni tanto. Nella fattispecie non riusciva ad inserire un immagine attraverso il collegamento esterno. Alchè io mi faccio dire dove risiedeva quell'immagine per poterle poi compilare le due righine di codice necessarie per l'inserimento nel blog.

Un giorno, a casa mia, ci mettiamo al pc, e lei parlandomi dei risultati che stava ottenendo nel suo blog (a me sempre e comunque vietato) quasi mi esorta a farne uno anche io, (questo). Quindi si fa insieme, e lei mi guida nei primissimi passi. Quello che era stato fatto in quella sede era stato solo la scelta del template, del colore, del titolo etc. Nulla ancora vi era scritto. Il giorno dopo decido di inserire il mio primo post, una prova più che altro, che ora ho cancellato. Fatto ciò decido di farmi un giretto tra i mille blog presenti su libero. Bastava cliccare su "successivo" e si finiva su un blog dopo l'altro... dopo 5 o sei click ne compare uno dove c'era un immagine che avevo gia visto! Il resto non sto a dirlo!

Certo, c'era la sottile speranza di trovarlo quel blog, ma era veramente proprio sottile, addiritura mi sono meravigliato di come fosse stato facile capitarci!

 
 
 
Successivi »