Creato da irene.74 il 30/09/2013
Metamorfosi di una farfalla

Contatta l'autore

 
Nickname: irene.74
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 46
Prov: TA
 

"Poi nasce un nuovo giorno. E il buio porta via con sé quel che non serve. Il resto spetta a noi. Che di questa metamorfosi abbiamo fatto uno stile di vita. Arabe fenici dalle mille rinascite. Questo siamo..." 

 

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato  senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001

Alcune delle immagini inserite nel Blog sono tratte da internet, da siti che ne permettono la condivisione gratuita. Qualora ritenessi che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, comunicacelo via e-mail e le rimuoveremo immediatamente

 

Archivio messaggi

 
 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Ultime visite al Blog

 
carlo.capra27the_namelessirene.74Elianalikevita.perezcomesispegneBugenhagenvolami_nel_cuore33annamatrigianogiulia.valalfacentauri0303s8anaeredidauriasilver91rovinaautookay.pm
 

Area personale

 
 

FACEBOOK

 
 
 

Tag

 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 
 

 

 
« Con l’amore ho chiuso, d...Se son rose fioriranno... »

Meglio soli o male accompagnati?

Post n°521 pubblicato il 29 Settembre 2020 da irene.74

"Sola non ci so stare. Ho sempre vissuto in coppia. Anche se ammetto di non essere affatto felice e che ci sono tantissime limitazioni che il mio compagno mi impone quotidianamente, preferisco restare con lui piuttosto che provare ad immaginare la mia vita da single. Il single è uno sfigato. Senza amore non sta bene nessuno. Ed ho imparato proprio nei momenti più bui che mi va bene che ad amare sia solo io".

Mi son venuti i brividi leggendo queste parole. Ricche di luoghi comuni da sfatare, di schemi mentali opprimenti ed inadeguati, di distorsioni che all'occorrenza sembrano pure tornare comode ma che nella realtà dei fatti feriscono come una vera e propria arma maneggiata con eccessiva leggerezza...

E' meglio vivere un amore che non è amore o stare soli?

Sinceramente credo sia importante dare una risposta a questo quesito. Se è vero che nessuno può star bene senza amore, altrettanto vero è che non può essere considerato tale un rapporto a senso unico o fatto di divieti ed infelicità.

La routine può pure rivelarsi particolarmente rassicurante (e ce lo siamo detti chissà quante volte) ma non si deve dimenticare che il rischio di diventarne schiavi è sempre dietro l'angolo.

Sappiamo bene che il cambiamento è una componente con cui tutti dobbiamo fare i conti (più spesso di quanto potremmo essere portati ad immaginare...) Temerlo sarebbe un grosso errore. Anche perché non è detto che nasconda necessariamente fregature, anzi: spesso ci schiude le porte di nuove opportunità che non avremmo creduto possibili. Dovremmo provare a viverlo con la stessa curiosità che ci animava da bambini, quando la nostra fervida immaginazione cercava di arrivare ad una comprensione piena prima del tempo necessario.

L'amore è un ramo dell'albero della nostra vita. Non è l'albero stesso. E se non ci rende felici e non ci porta nulla di buono, se ci mortifica ripetutamente e arriva a complicarci la vita, se ci disprezza o ignora e ci lascia sole alle prese con tutto, forse la cosa realmente più saggia da fare è recidere il ramo perché trovi posto un altro più forte, migliore, al momento giusto.

E' assolutamente sbagliato considerare il single uno sfigato (forse potrebbero esserlo quelli che si convincono di essere felici in un rapporto di coppia che l'amore non sa neppure dove stia di casa?)

Il single è una persona che ha tutte le carte in regola per imparare ad amarsi e chiarirsi le idee sul tipo di relazione che potrebbe appagarlo e renderlo felice. Non necessariamente deve trattarsi di una condizione definitiva. Può pure essere una parentesi necessaria che, se vissuta bene, arrivi a tradursi in punto di forza.

E trovo immaturo l'atteggiamento di chi se la racconta, di chi giustifica l'ingiustificabile fino a farne addirittura trofeo da esibire. Non ha senso un rapporto in cui ad amare sia solo uno dei partner. Non è una relazione d'amore la coppia a senso unico (ma poi coppia di che? Di conviventi che dividono il pagamento di bollette e mutuo? Di comodo? Ok... ma non scomodiamo l'amore...)

Tutti abbiamo diritto a fare le scelte che riteniamo migliori. Ma bisognerebbe imparare ad essere brutalmente onesti con se stessi mentre si fanno le valutazioni necessarie. Se scelgo di vivere in un monolocale perché l'affitto mi costa poco e lo spazio me lo faccio bastare, va benissimo. Ma non va altrettanto bene se racconto in giro che l'appartamento in cui abito è una villa mega spaziale: COERENZA, questa sconosciuta.

Smettiamola di prenderci in giro, di offendere la nostra intelligenza, prima ancora di quella degli altri, andando a raccontare in giro castronerie assurde. Rischiamo di rovinarci la vita, di limitarci a volare basso ad oltranza. Rinunciando a potenzialità che potrebbero davvero renderci felici.

 

 

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: