essere uccisi

Post n°556 pubblicato il 30 Maggio 2018 da diogene51
 

 

In questi giorni, anche per fatti di cronaca recenti, ho riflettuto sulla tragedia del morire quando si viene uccisi. Morire è certo sempre angoscioso. Molti malati soffrono per l'angoscia di andarsene, di lasciare i propri cari, di non aver vissuto appieno la propria vita. Meno male che, solitamente, l'ultimo momento viene vissuto con incoscienza; raramente un malato muore lucidamente, io penso. La Natura in questo fornisce un aiuto.

 

Ma morire per mano altrui deve essere terribile. Vi figurate voi quella povera ragazzina gettata dal padre giù dal viadotto? Essere uccisa dalla persona che amava, trovarsi nel vuoto cadere verso la propria morte? un corpo ci mette qualche secondo a fare 45 metri, che angoscia deve aver provato. E le ragazze del Circeo di cui si è riparlato? Sapere di essere nelle mani di bruti che le avrebbero violate e uccise. E il povero Niccolò Regeni torturato a morte senza motivo, come deve aver vissuto i suoi momenti di dolore? Ricordate cosa disse la madre quando lo vide: ho visto sul suo volto tutto il dolore del mondo. Pensare a questi fatti mi provoca un'angoscia terribile.

 

Verso chi si rende colpevole di questi delitti non ci può essere perdono e la loro pena, se vengono assicurati alla giustizia (cosa che non sempre succede) dovrebbe essere commisurata al dolore inferto alle vittime. In quest'epoca in cui tutto si perdona so che il mio parere sarà minoritario, ma è questo. Purtroppo nessuna pena, per quanto atroce, potrà mai cancellare il dolore procurato.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

contratti

Post n°555 pubblicato il 22 Maggio 2018 da diogene51
 

 

Sta partendo il governo...se ne dice di tutto e di più.

 

Io volevo soffermarmi su una novità che non mi sembra assurda. Il contratto di governo. Non viola la costituzione. Ha senso se il governo è espressione di una coalizione, come ce ne sono state tante nei passati governi. Solitamente, cosa succedeva? I partiti si ettevano d'accordo. Gli accordi erano sconosciuti ai più. Forse erano le promesse della campagna elettorale, forse i programmi insiti nell'ideologia dei partiti. Poi si faceva il governo, il presidente del consiglio andava in parlamento e faceva un discorso in cui diceva cosa avrebbe fatto. Più o meno come le promesse elettorali, una serie di discorsi. Ora invece c'è un contratto, conoscibile da tutti, stilato integrando le finalità dei partiti. Tutti potranno dire se il governo ha rispettato le promesse o fatto il contrario. Mi sembra una novità che dovrebbe essere replicata in futuro. Voi che ne pensate?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

musica e linguaggio

Post n°554 pubblicato il 07 Maggio 2018 da diogene51
 

 

La musica è una forma di linguaggio, può esprimere tante cose, ma generalmente la si ascolta per puro piacere. Gli studiosi si domandano perché sia nata, da dove abbia avuto origine. E' connaturata con l'uomo? Nella storia dell'uomo è successiva all'inizio del liguaggio? All'inizio gli ominidi dissero: “facciamo un po' di musica?” Pare che essa non sia nata con l'uomo. Gli inizi della musica li troviamo anche in alcuni animali evoluti. Voi direte gli uccelli, che cantano così soavemente. E' vero, ma ci sono alcuni primati (ovvero scimmie) che modulano i loro versi in una specie di canto. Tante capacità che noi uomini abbiamo portato ad un livello elevato, sembra che si ritrovino a livello elementare anche in alcuni animali. Pare anche forme iniziali di aritmetica. Non vi descrivo la complessità dei test usati per verificare queste cose....

 

E così la musica è nata con noi e via via che il nostro cervello procedeva nell'evoluzione, si è affinata. Da un rullo di tamburi alla Nona di Beethoven. Sembra anzi che abbia preceduto il linguaggio, questa conquista incredibile dell'homo sapiens che permette lo scambio delle informazioni e che lega tra loro le generazioni passate a quelle future. Poi, naturalmente, ha tante altre funzioni: può esprimere vicinanza, affetto, amore.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

salviamo le api

Post n°553 pubblicato il 12 Aprile 2018 da diogene51
 

 

Come sappiamo molte delle piante alimentari hanno bisogno, per maturare i loro frutti o semi, dell'impollinazione da parte degli insetti. Alcune piante sono impollinate attraverso il movimento dell'aria (gli olivi, per esempio), ma moltissime lo sono grazie agli insetti impollinatori, tra i quali primeggiano le api. Se scompaiono le api l'agricoltura mondiale sarà a terra. Da molto tempo gli scienziati sono giunti alla conclusione che le api sono altamente minacciate dall'uso di alcuni pesticidi usati in agicoltura, i cosiddetti neonicotinoidi e la Commissione Europea sta valutando di vietarli, nonostante le proteste dei produttori di queste sostanze. Anzi un guppo di scienziati, che rappresentano il meglio della cultura biologica europea, ha mandato una lettera alla Commissione per indurli a questo divieto. Essi hanno evidenziato come la scomparsa delle api porterebbe ad azzerare un terzo delle risorse alimentari mondiali.

 

I produttori sostengono che la messa al bando di questi pesticidi ridurrebbe i raccolti, ma gli studi e le statistiche dimostrano che, anche se nel 2003 è entrato in vigore un parziale divieto di questi prodotti, non si è avuta alcuna riduzione. Questi studi hanno esaminato ben 1500 studi effettuati in tutto il mondo oltre a più di 500 esperimenti che dimostrano come qusti pesticidi siano nocivi per le api, sia domestiche (quelle adibite alla produzione del miele) che selvatiche. Ormai vari stati del mondo, come il Canada e gli Usa, vanno riconsiderando l'uso di questi pesticidi. Purtroppo i danni emergono dopo molti anni che i prodotti vengono usati; poi vengono vietati e ne sono messi in uso altri che si rieleranno poi nocivi.

 

In molte aziende ormai non si fa più uso di pesticidi, ma si combattono gli insetti nocivi con la lotta integrata: buone pratiche agricole tradizionali, uso di feromoni per confondere sessualmente i parassiti, trappole, ecc. Secondo questi scienziati l'agricoltura biologica, anche se ha produzioni minori, può sfamare il mondo se si riducono gli sprechi e si riduce il consumo di carne rossa, che richiede l'utilizzo di vegetali che vengono sottratti al consumo e che sono coltivati soprattutto nei paesi dove c'è più penuria alimentare. Anche la coltivazione su appezzamenti modesti anziché su gigantesche monoculture perette di meglio controllare i parassiti senza l'uso di pesticidi chimici.

 


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

L'acqua in bottiglia

Post n°552 pubblicato il 07 Aprile 2018 da diogene51
 

 

Voi bevete acqua di rubinetto o acqua in bottiglia?

 

In molte città l'acqua non è buona, ovvero è addizionata di cloro. A Firenze un tempo l'acqua era così, abbastanza imbevibile. Poi hanno cominciato a purificarla in altro modo, trattandola con l'ozono come disinfettante (l'acqua è presa dal fiume, un poco a nord della città ma a sud delle industrie del Valdarno) e con varie resine per abbattere gli inquinanti chimici. Ora è veramente buona e da qualche anno mi sono scocciato di portare a casa i pacchi di bottiglie, per cui la bevo tranquillamente. Oltre tutto l'acqua del rubinetto è migliore nutrizionalmente di quella in bottiglia. Questa è generalmente oligominerale, adatta tutt'al più ai lattanti, ma quasi priva del minerale fondamentale dell'acqua: il calcio. Il mio medico, per esempio, mi consiglia di berla tranquillamente. Quello che molti non sanno è che l'acqua del rubinetto è assai sicura sotto il profilo sanitario. Riordinando una volta le carte di un piccolo comune ho visto che l'acqua lì viene controllata tre volte al giorno. Nelle aziende idriche delle grandi città il monitoraggio è fatto anche ogni ora. Non mi risulta che altrettanto avvega per le sorgenti imbottigliate.

 

Non so se sapete che l'Italia è il paese in Europa dove si consuma più acqua in bottiglia e il secondo paese del mondo. Ed è un affare per le aziende imbottigliatrici, che pagano allo Stato un canone (le acque sottorranee sono di proprietà pubblica anche se si trovano su un terreno privato) pari ad un duecentocinquantesimo (1/250) del prezzo della bottiglia. E si parla tanto di difesa dell'acqua pubblica!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 72
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

e_d_e_l_w_e_i_s_smgf70soltanto_unsognosurfinia60solicino1chiarasanymolto.personalemissely_201OTerzo_Blog.Giusnina.monamourAaron_Baylediogene51twister007turisgroupCrowuglybad
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom