Tu e il Paradiso

Immagini sacre, preghiere e pensieri...dal Cielo

 

SE SIETE INFELICI NON RIMPROVERATELO A ME!

 

Io sono la Luce,

e voi non mi vedete.

  Io sono la Via,

e voi non mi seguite.

  Io sono la Verità,

e voi non mi credete.

 Io sono la Vita,

e voi non mi cercate.

 Io sono il Maestro,

e voi non mi ascoltate.

 Io sono il Capo,

e voi non mi obbedite.

 Io sono il vostro Dio,

e voi non mi pregate.

 Io sono il vostro grande Amico,

e voi non mi amate.

Hai ragione, o Gesù, troppo poco ti ricordiamo

e troppo poco ti amiamo, per questo siamo infelici.

Ma le tue braccia aperte ci invitano al tuo cuore

e ci assicurano il perdono.

Nel tuo cuore, fonte di luce,

ritroveremo la forza per seguirti Via, Verità e Vita;

la grazia per ascoltarti Capo e Maestro;

la gioia per amarti Dio di Amore,

Amico di quanti confidano in te. 

 

 

AREA PERSONALE

 

PREGHIERA A PADRE PIO

 

Tu povero nascesti, o Padre Pio 

come fu Cristo, il nostro Redentore,

compagna l'umiltà ti fu fedele,

 immensa la Tua fede nel Signore.

Simigliante a Gesù anche le piaghe, 

che Tu accettasti con rassegnazione

memore del penoso Suo Calvario e della tormentata Sua Passione.

Or che Tu godi dell'Eterna Luce, fulgente, radiosa ed infinita,

continuando a darci il Tuo aiuto 

mostrati a noi quel che Tu fosti in vita.

In questo mondo pieno di tristezza 

dona il sollievo a tutti i sofferenti,

infondi in noi l'amore in ogni cuore, 

la fratellanza tra le umane genti.

Noi affidiamo a Te le nostre pene, 

or che ormai sei più vicino a Dio,

fa quel che puoi per il nostro bene 

intercedi per Noi, o Padre Pio!

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

 

« Dalle 2 alle 3 del pomer...Dalle 4 alle 5 del pomer... »

Dalle 3 alle 4 del pomeriggio:Gesù, morto, è trapassato dalla lancia e deposto dalla croce

Post n°146 pubblicato il 09 Aprile 2013 da osservandoilparadiso

 

 

Dalle 3 alle 4 del pomeriggio:Gesù, morto, è trapassato dalla lancia e deposto dalla croce

O mio Gesù, già sei morto. Ed io, stando nel tuo cuore, comincio già a godere i copiosi frutti della tua redenzione. I più increduli si piegano riverenti innanzi a te, percuotendosi il petto, e ciò che non fecero innanzi al tuo corpo vivente, lo fanno adesso innanzi al tuo corpo esanime. La natura si scuote, il sole si oscura, la terra freme, gli elementi si risentono e pare che prendono parte alla tua morte dolorosissima. Gli angeli, presi da ammirazione e da amore, a mille a mille scendono dal cielo, ti adorano, ti rendono il tributo della riconoscenza e ti confermano vero nostro Dio. O mio Gesù, anch’io unisco le mie adorazioni alle loro, ti offro la mia gratitudine e tutto l’amore del mio povero cuore.

Vedo che il tuo amore non è ancora pago, e per darci un segno ancora più certo, permetti che un soldato si avvicini a te e con una lanciata ti squarci il cuore, facendoti versare le ultime stille di sangue ed acqua ivi ancora racchiuse. O mio Gesù, non permetterai che questa lancia ferisca anche il cuore mio? Ah, sì! Questa sia la lancia che ferisca i miei desideri, i miei pensieri, i miei palpiti, la mia volontà e che mi dia il tuo Volere, i tuoi pensieri e tutta la tua vita di amore e di immolazione.

Cuore del mio Gesù, squarciato da questa lancia, sii tu un lavacro per tutte le anime, un rifugio per tutti i cuori, un riposo per tutti gli affranti. È da questa ferita che tu fai uscire la Chiesa, tua diletta sposa, da qui i sacramenti, da qui la vita delle anime. Ed io, insieme alla tua Santissima Madre, crudelmente ferita nel cuore, intendo riparare le offese, gli abusi e le profanazioni che vengono fatte contro la tua Chiesa. In virtù di questa ferita e di Maria Santissima, nostra dolcissima Madre, ti prego di chiudere tutti nel tuo amabilissimo cuore, e di proteggere, difendere ed illuminare i reggitori della tua Chiesa.

O mio Gesù, dopo la tua morte straziante e dolorosissima, pare che io non dovrei più avere vita propria, ma la mia vita la devo ritrovare in questo cuore ferito. Sicché qualunque cosa starò per fare, l’attingerò sempre da questo cuore divino. Non darò più vita ai miei pensieri, ma se vita vorranno prenderò i tuoi. Non più avrà vita il mio volere, ma se vita vorrà prenderò la tua Santissima Volontà. Non più avrà vita il mio amore, ma se vita vorrà prenderò per vita il tuo amore. O mio Gesù, tutta la tua Volontà è mia; questa è Volontà tua, questo è il mio volere.

 Gesù è deposto dalla croce

Mio Gesù, l’ultima prova del tuo amore ce l’hai data: il tuo cuore è squarciato. Altro non ti resta da fare per noi. Ed ecco che già si dispongono a deporti dalla croce. Ed io, dopo aver deposto tutto in te, esco fuori e, insieme ai tuoi cari discepoli, voglio togliere i chiodi dai tuoi santissimi piedi e [dalle tue santissime] mani, e mentre io schiodo te, tu inchiodami tutta in te.

Mio Gesù, la prima a riceverti nel suo grembo, dopo che sei stato deposto dalla croce, è la Madre tua addolorata, e fra le sue braccia il tuo capo trafitto dolcemente riposa. O dolce Mamma, non disdegnare di avermi in tua compagnia, affinché insieme a te anch’io possa prestare gli ultimi uffici al mio amato Gesù.

Madre mia dolcissima, è vero che tu mi superi nell’amore e nella delicatezza nel toccare il mio Gesù, ma io cercherò di imitarti nel miglior modo possibile, per compiacere in tutto l’adorabile Gesù.

Perciò metto insieme alle tue santissime mani le mie, ed estraggo tutte le spine che gli circondano la sua testa adorata, con l’intenzione di unire alle tue profonde adorazioni le mie.

Celeste Mamma, già avvicini le mani agli occhi del mio Gesù, che un giorno davano luce a tutto il mondo ed ora sono oscurati e spenti, per toglierne il sangue aggrumito. O Mamma, a te mi unisco; baciamoli insieme e profondamente adoriamoli.

Vedo le orecchie del mio Gesù intrise di sangue, peste dagli schiaffi e lacerate dalle spine. O Mamma, profondiamo le nostre adorazioni su quelle orecchie che più non odono e che pure hanno tanto sofferto per richiamare tante anime sorde ed ostinate alle voci della grazia.

O dolce Mamma, vedo il tuo volto doloroso e lacrimoso nel mirare il volto dell’adorato Gesù. Unisco il mio dolore al tuo. Togliamogli insieme il fango e gli sputi che l’hanno così deformato e adoriamo quel volto di maestà divina che innamorava cielo e terra e che ora non dà più segno di vita.

O dolce Mamma, baciamo insieme la sua bocca, quella bocca divina, che con la soavità della sua parola tante anime ha attirato al suo cuore. O Mamma, con la tua stessa bocca intendo baciare quelle labbra livide ed insanguinate, e profondamente le adoro.

O dolce Mamma mia, insieme a te voglio baciare e ribaciare il corpo adorabile del mio Gesù, ridotto tutto una piaga. Metto le mie mani nelle tue per rinsaldare quei pezzi di carne pendenti da esso, e profondamente adoriamolo.

O Madre, baciamo quelle mani creatrici, che tanti prodigi hanno fatto per noi, quelle mani traforate, contorte, già irrigidite dalla morte. Racchiudiamo in queste sacrosante ferite la sorte di tutte le anime. Gesù, risorgendo, le troverà qui messe da te e nessuna andrà perduta. O Mamma, adoriamo insieme queste profonde ferite, a nome di tutti ed insieme con tutti.

O celeste Mamma, vedo che ti avvicini a baciare i piedi del povero Gesù. Quanto sono strazianti queste ferite! I chiodi hanno portato via parte della carne e della pelle, ed il peso del santissimo corpo li ha orribilmente squarciati. Baciamoli insieme, adoriamoli profondamente; rinchiudiamo in queste ferite tutti i passi dei peccatori, affinché camminando, sentano i passi di Gesù che li segue da vicino, e non ardiscano di offenderlo.

Vedo, o dolce Mamma, che volgi lo sguardo al cuore dell’adorato Gesù. Che faremo in questo cuore? Tu me lo insegnerai, Mamma; mi seppellirai in esso, mi chiuderai e mi suggellerai con la lapide e, depositando qui dentro il mio cuore e la mia vita, rimarrò nascosta sino all’eternità. Dammi il tuo amore, o Mamma, per amare Gesù, dammi il tuo dolore per supplicare per tutti e per riparare qualsiasi offesa che si farà a questo cuore.

Ricordati, o Mamma, che, come seppellirai Gesù, con le tue stesse mani voglio essere seppellita anch’io con lui, per poter risorgere con lui e con tutto ciò che è suo.

E ora, una parola per te, dolce Mamma mia. Ti compatisco assai e con tutta l’effusione del mio povero cuore. Vorrei riunire tutti i palpiti, tutti i desideri, tutte le vite delle creature e prostrarle innanzi a te nell’atto più fervente di compassione e di amore. Ti compatisco nell’estremo dolore che hai sofferto nel vedere Gesù morto, coronato di spine, straziato dai flagelli e dai chiodi; nel vedere quegli occhi che più non ti guardano, quelle orecchie che non ascoltano più la tua voce, quella bocca che più non ti parla, quelle mani che più non ti abbracciano, quei piedi che mai ti lasciavano e che anche da lontano seguivano sempre i tuoi passi. Voglio offrirti il cuore dello stesso Gesù, traboccante d’amore, per compatirti come meriti e per dare un sollievo ai tuoi acerbissimi dolori.

 Riflessioni e Pratiche

Gesù, dopo la sua morte, volle che per nostro amore fosse ferito da una lancia. E noi, ci facciamo ferire in tutto dall’amore di Gesù? Oppure ci facciamo ferire dall’amore delle creature, dai piaceri e dall’attaccamento a noi stessi? Anche le freddezze, le oscurità, le mortificazioni interne ed esterne sono ferite che il Signore fa all’anima. Se non le prendiamo dalle mani di Dio, ci feriamo da noi stessi, e le nostre ferite accrescono le passioni, le debolezze, la propria stima e, in una parola, ogni male. Invece se le prendiamo come ferite fatte da Gesù, in queste ferite egli ci metterà il suo amore, le sue virtù, la sua somiglianza, che ci faranno meritare i suoi baci, le sue carezze e tutti gli stratagemmi d’un amore divino. Queste ferite saranno voci continue che lo chiameranno e lo costringeranno a dimorare con noi continuamente.

O mio Gesù, la tua lancia sia la mia guardia che mi difenda da qualunque ferita delle creature.

Gesù si fa deporre dalla croce nelle braccia della Mamma. E noi, deponiamo nelle mani della nostra Mamma tutti i nostri timori, i nostri dubbi, le nostre ansie? Gesù riposò nel grembo della divina Madre. E noi, facciamo riposare Gesù, allontanando i nostri timori, le nostre agitazioni?

Mamma mia, con le tue mani materne togli dal mio cuore tutto ciò che possa impedire che Gesù riposi in me.

Preghiera di ringraziamento

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: osservandoilparadiso
Data di creazione: 13/12/2010
 

E' GRADITO ALLA MADONNA E A GESÙ

CHIEDIAMO AI SANTI DI INTERCEDERE PER NOI

Novena a Dio Padre e ai 9 Cori degli Angeli (per qualsiasi grazia)

Novena a S.Gianna Beretta Molla (per avere un figlio) -

Novena a S. Teresa di Lisieux - 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LA MADONNA CI ESORTA A RECITARE IL ROSARIO

 

A Fatima, a Lourdes e a Medjugorje la Madonna ha incitato insistentemente alla recita del Rosario

La Mamma celeste ci ha invitato a recitare il Rosario come arma potente contro il male.

Può sembrare una preghiera ripetitiva, invece è come due fidanzati che si dicono l'un l'altro tante volte "ti amo"... 

"Col Rosario si può ottenere tutto. 

Esso è come una lunga catena che lega il cielo alla terra; 

una delle estremità è nelle nostre mani e l'altra in quelle della S. Vergine. 

Finché il Rosario sarà recitato, Dio non potrà abbandonare il mondo, perché questa preghiera è potente sul suo cuore. 

La dolce Regina del Cielo non può dimenticare i suoi figli che, senza interruzione, ripetono le sue lodi. 

Il Rosario sale come incenso ai piedi dell'Onnipotente. 

Maria lo rinvia subito come una benefica rugiada, che viene a rigenerare i cuori. 

Non c'è preghiera che sia più gradita a Dio del Rosario". 

(S. Teresa )

" Durante un esorcismo, attraverso la persona posseduta, 

Satana mi ha detto : 

Ogni Ave Maria del Rosario, è per me una mazzata in testa ; 

se i cristiani conoscessero la potenza del Rosario, per me sarebbe finita ! " 

(Don Gabriele Amorh )

 

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

immacolatacaiazzaricamo4otilbapf.comuccaribottazzofedericocapoarea_paolucciosvaldo.biasone0terry70dglzofia2dommirabilegrautosrl2013lela_71bar.velaalf.cosmosstenom72
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom