Creato da namy0000 il 04/04/2010

Un mondo nuovo

Come creare un mondo nuovo

 

Messaggi del 01/03/2020

Coronavirus

Post n°3254 pubblicato il 01 Marzo 2020 da namy0000
 

Coronavirus. Zangrillo: «Le Terapie intensive sono pronte, no al contagio ossessivo»

«Lei è qui per chiedermi del coronavirus, giusto? Bene, vengo dal mio reparto, è appena entrato un altro paziente. Siamo a quattro». Pur in una fase incerta, resta ottimista Alberto Zangrillo, prorettore dell’Università Vita-Salute, primario di Anestesia e rianimazione generale e cardio-toraco-vascolare dell’ospedale San Raffaele di Milano e coordinatore – con il professor Antonio Pesenti del Policlinico di Milano – della rete nazionale delle Terapie intensive 'Respira'.

Professore, chi finisce in terapia intensiva?
Chi ha i parametri vitali in decadenza. Più genericamente quando le funzioni di uno o più organi vengono a deteriorarsi in modo preoccupante. Nel caso del coronavirus parliamo soprattutto di severe difficoltà respiratorie e polmonari.

Di quanti giorni necessita per guarire, in media, un paziente che entra in una terapia intensiva a causa del coronavirus?
Quando non ci sono gravi altre patologie da fronteggiare, possono essere dimessi dopo 2-3 giorni. È un virus con caratteristiche diverse da quelli già visti. Che “spiazza” il nostro sistema immunitario. Sono ottimista ma dubito della ricerca che stiamo facendo sulle positività.

Non dovremmo cercare i pazienti positivi?
Lo stiamo facendo in modo ossessivo. E non riesco a seguire le “proiezioni” che definiscono la percentuale di casi gravi e quelli mortali.

Eppure chi le sventaglia sembra fare proseliti…
Ma le proiezioni sui contagiati, o positivi, sono aleatorie perché il metodo di valutazione epidemiologica che stiamo adottando è necessariamente superficiale in quanto non abbiamo dati oggettivi. Viviamo uno scenario che sembra un proscenio per filologi più o meno noti, divulgatori seriali, matematici, informatici statistici, pseudo-giornalisti e opinionisti di svariate estrazioni che dicono di tutto e litigano per trovare uno spazio. Provo un rigetto fisiologico nei confronti di queste persone e di chi alimenta paure.

Torniamo ai casi “positivi”: dobbiamo dubitarne?
Al contrario. Sono troppo pochi. Questo virus entra nel nostro albero respiratorio e, nella stragrande maggioranza dei casi, non ci fa del male. Neppure ce ne accorgiamo!

Insomma, in tanti potrebbero già averlo “smaltito”?
Esatto. E anche sul numero dei decessi – in un Paese sempre più longevo – andrebbero fatte delle considerazioni, perché coincidono con persone anziane e con gravi patologie sottostanti. Insomma, mantenendo ferma la convinzione verso una seria sorveglianza e le giuste limitazioni decise dal Governo, dico: non costruiamo scenari apocalittici, basiamoci su dati obiettivi! Giovedì in Cina il virus ha concorso ad uccidere 29 persone. In un Paese di 1,4 miliardi di persone sono numeri, con il tutto il rispetto, marginali. In caso contrario creiamo una situazione di scarso equilibrio, anche mentale, nel Paese. Ho visto chiudere sale operatorie o reparti di ospedali. Ma rischiamo di dimenticarci delle altre esigenze terapeutiche degli altri pazienti che non hanno nulla a che fare con il coronavirus.

Anche di fronte a numeri importanti, sarebbe sufficiente il concorso delle infettivologie e delle pneumologie per prevenire un ricorso eccessivo alle terapie intensive. Qui al San Raffaele abbiamo fatto tesoro dell’esperienza Sars del 2009 e, da sabato scorso, abbiamo predisposto una terapia intensiva ad hoc con 4 posti letto isolati e una terapia semintensiva di 14 posti. Bisogna pensarci prima. Perché un reparto del genere non lo crei dalla mattina alla sera. E non parlo solo dei medici. Ma anche di infermieri ben formati, che sono figure cruciali in terapia intensiva. Perché l’aspetto umano e culturale è più importante di quello strutturale.

Parlava del rischio Sars di circa 10 anni fa. Cosa ci ha insegnato?
Molto. Il primo network tra terapie intensive che, da Milano, ha poi coinvolto tutto il territorio nazionale, è nato nel 2009, quando abbiamo dovuto affrontare quell’emergenza, che nacque in Messico prima di diffondersi ovunque. Noi specialisti chiedemmo al ministro della Salute Ferruccio Fazio di metterci nelle condizioni di poter fronteggiare quel rischio con un sistema evoluto che preparasse le terapie intensive: ottenemmo 25 milioni di euro, sapientemente utilizzati in questi anni – pensi che non abbiamo ancora finito di spenderli – per rinforzare dal punto di vista tecnologico questa rete di terapie intensive. All’epoca erano 14, oggi sono 16. Da allora ogni anno simuliamo crisi interne per prepararci.

Da questo punto di vista cosa ci riserva il futuro?
Presto ci dimenticheremo del coronavirus. E presto fronteggeremo un nuova infezione. Dobbiamo poter convivere con una realtà “ambientale globalizzata”. Nel bene e nel male. Dobbiamo essere preparati. Per il resto mi schiero con la Milano che freme per ripartire. Con prudenza sì, ma deve ripartire! Lanciando un messaggio al Paese. Ecco, in questo sto con il sindaco Giuseppe Sala. Con Sala e con tutti coloro che pensano che Milano ferma è più pericolosa del coronavirus. (Avvenire, 29 febbr. 2020)

 
 
 

Il germe dell'odio

Post n°3253 pubblicato il 01 Marzo 2020 da namy0000
 

2020, Avvenire 29 febbr.

Mattarella: «Il germe dell'odio non è sconfitto per sempre»

«Dobbiamo essere vigili. Il germe dell’odio non è sconfitto per sempre. Il timore del diverso, il rifiuto della differenza, la volontà di sopraffazione, sono sentimenti che possono ancora mettere radici, svilupparsi e propagarsi». «Sono comparse, di recente, in questi mesi, scritte contro ebrei sui muri e persino su porte di abitazioni. Folli e fanatici assassini hanno colpito cittadini inermi in borghi e quartieri della nostra Europa», ha rimarcato il capo dello Stato. «Fenomeni limitati», certo, «ma che non possono essere sottovalutati. Perché puntano a colpire i principi, le fondamenta della convivenza, la stessa memoria». «Pur essendo imperfetta, fragile, incompiuta, l’Unione europea rimane il più forte antidoto al ritorno dei muri, dei risentimenti nazionalisti, dei fanatismi che non di rado esibiscono la loro carica distruttiva», ha aggiunto ancora Mattarella. «La nostra civiltà democratica non è sorta dal nulla. È nata perché chi ha conosciuto l’orrore ha promesso solennemente alle nuove generazioni che mai più quell’orrore si sarebbe ripetuto. Questa promessa è iscritta nella nostra Costituzione, dove i diritti sono legati ai doveri di solidarietà, dove l’uguaglianza non è soltanto un orizzonte ma un impegno incessante a rimuovere gli ostacoli, le discriminazioni, le ingiustizie». «È significativo - ha detto - che in questi luoghi, dove avete avuto la forza di erigere un monumento alla memoria e il Parco dedicato alla Pace, si siano vissuti segni di riconciliazione, come - ricorda - la visita del Presidente tedesco Joachim Gauck, del Presidente del Parlamento europeo Martin Schultz, che si sono inchinati davanti all’ossario delle vittime. Gesti che hanno mostrato, una volta di più, come l’Europa unita sia la vera risposta di civiltà all’ideologia di oppressione e di morte che il nazismo e il fascismo volevano imporre ai nostri popoli». «l’Europa unione di minoranze, casa comune di libertà, uguaglianza e solidarietà, motore di democrazia e di cooperazione». «l’Europa unione di minoranze, casa comune di libertà, uguaglianza e solidarietà, motore di democrazia e di cooperazione». E «il processo di costruzione europea è stato la proiezione esterna, lo sviluppo coerente dei principi che hanno ispirato la Resistenza e unito il popolo italiano attorno alla sua Carta costituzionale. Noi - ha affermato ancora il Capo dello Stato -, insieme agli altri Paesi europei, abbiamo compreso che non si dovevano ripetere gli errori successivi alla Grande Guerra, e che la risposta alla volontà di potenza, all’ideologia del dominio e dello sterminio, agli orrori della guerra doveva collocarsi all’altezza della civiltà d’Europa».

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comelunadinonsolopolnamy0000poeta_semplicethorn777les_mots_de_sableCherryslkimtygiacinto.garceasurfinia60cassetta2ocramchatvirgola_dfcribe0amabed_2016maps.14
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom