Creato da namy0000 il 04/04/2010

Un mondo nuovo

Come creare un mondo nuovo

 

Messaggi del 11/11/2023

Le domande scomode

Post n°3933 pubblicato il 11 Novembre 2023 da namy0000
 

2023, FC n. 46 del 12 novembre

Rashia, le domande scomode di una donna coraggiosa

Rasha Nabil, 45 anni, egiziana, giornalista di spicco dell’emittente tv Al Arabiya degli Emirati Arabi Uniti, a Dubai, con la sua videointervista al leader di Hamas, Khaled Meshal, riugiato nel Qatar, ha offerto una coraggiosa testimonianza che ha acceso uno spiraglio di luce nel buio che dal vicino Oriente ha invaso il mondo. Opponendo alle narrazioni di parte il calvario indicibile di migliaia di vittime civili, quale sia la loro cittadinanza, religione e appartenenza, travolte da un incubo che le parole non possono contenere, come ha scritto David Grossman.

Ha tentato di aprire una breccia nel male assoluto della strage del 7 ottobre 2023 in Israele, trasformando un’intervista non facile in un grido di dolore, mentre incalzava l’interlocutore con determinazione, puntualità e passione che l’hanno spiazzato.

Non se l’aspettava Khaled Meshal di ricevere, da una voce araba, ritenuta amica, domande tutt’altro che accomodanti nella ricerca di verità negate. Per di più da una donna che ha saputo tenergli stesta, interrompendolo, quando divagava, mettendolo di fronte a fatti che nessuna logica bellica assolve. Una che vive a fianco di contesti pericolosi, dove le donne vengono uccise per essersi tolte lo hijab, come le iraniane Mahsa Amini e la sedicenne Armita Geravadan, morta in questi giorni dopo essere stata massacrata dalla polizia morale.

Una donna che d’ora in poi dovrà fare i conti per la libertà con cui ha contestato il tentativo di Kaled Meshal di giustificare la strage di Sukkot come un’operazione militare di legittima resistenza: «Questo è il suo punto di vista, ma quello che gli occidentali hanno visto in Tv è stata la violenza di Hamas contro i civili israeliani. Siete responsabili dell’immagine di Hamas all’estero, ora è paragonato all’Isis». E che gli ha rinfacciato: «Come potete pretendere che l’Occidente e il mondo in generale sostengano la causa palestinese quando sono evidenti le violenze perpetrate da Hamas contro i civili israeliani? Trattare i civili così fa parte dell’ideologia di Hamas».

Dinanzi a un interlocutore, sempre più infastidito, Rasha non ha usato mezzi termini: «Lei sta seduto fuori Gaza, in una stanza con l’aria condizionata e parla di guerra, di jihad, di bombardamenti, ma la gente che non ha più lacrime per piangere e fiato per vivere si sveglia la mattina con la morte sulla soglia di casa».

Non si è arresa quando Meshal, in difficoltà, con toni che volevano essere concilianti le ha detto: «Cara sorella, le organizzazioni militari sono concentrate sulle forze di occupazione e i soldati. In ogni guerra ci sono vittime civili, Hamas non è responsabile nei loro confronti». Un’autodifesa che Rasha ha rinviato al mittente con un’ultima perentoria domanda: «Vi scuserete per quello che avete fatto ai civili israeliani il 7 ottobre?». La risposta di Khaled Meshal, disarcionato e irritato, «le scuse dovrebbero essere chieste a Israele. Hamas non uccide di proposito i civili. Punto e basta», ha lasciato nei suoi occhi una sconsolata tristezza che è valsa più di ogni parola. Ma nell’aria è rimasta la speranza che la sua testimonianza contribuisca al cammino di pace, unica soluzione «per fermare le armi», come ha chiesto papa Francesco nel suo appello.

 
 
 

Combattere la violenza

2023, FC n. 46 del 12 novembre

Assistiamo oggi (2023) a molte violenze. Omicidi, stragi, risse, aggressioni, guerre, attentati, abusi su donne e minori, pressioni, minacce, ricatti, intimidazioni…

Ce li raccontano i media e i social (che sono a loro volta luoghi in cui talvolta si consuma la violenza); e vi assistiamo di persona in famiglia, a scuola, nelle istituzioni sociali e religiose, nei luoghi di lavoro, sulle strade…

Le sue cause sono molteplici: economiche, politiche, avidità di denaro, fanatismo, estremismo, sete di potere, scontro ideologico, abuso di droghe, malattie mentali…

Lo stesso Antico Testamento ne presenta numerosi esempi, talvolta addirittura compiuti nel nome di Dio (come avviene oggi in altre religioni).

Alla sua radice c’è l’odio, generato spesso da una convivenza difficile, che induce a sopprimere l’altro per liberarsi del problema. Ma la violenza ci riguarda tutti.

Allora la vera domanda è: cosa posso fare io? Caino che uccide Abele viene messo in guardia da Dio: «Verso di te è il suo istinto, ma tu dominalo!» (Genesi 4,7). Gli chiede, cioè, di essere “signore” (dominus) del suo cuore e della sua mente. Un dominio che richiede fortezza. Gesù, poi, incalza: «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra: sono venuto a portare non pace, ma spada!» (Matteo 10,34). Ecco, allora, cosa noi possiamo fare di fronte alla violenza: occorre – sì – usare la spada, ma solo per impegnarci a lottare contro il male, sfidandolo e subendone, quando necessario, la reazione.

Non chiediamoci, dunque, perché esiste la violenza, come se ci fosse estranea, ma combattiamola!

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

namy0000acer.250karen_71m12ps12Penna_Magicanonnoinpensione0cassetta2lcacremadonmarco.baroncinilisa.dagli_occhi_bluoranginellaninettodgl19mariapagliaro91GUATAMELA1navighetortempo
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie per aver condiviso questa esperienza così intensa e...
Inviato da: Penna_Magica
il 08/02/2024 alle 11:19
 
RIP
Inviato da: cassetta2
il 27/12/2023 alle 17:41
 
Siete pronti ad ascoltare il 26 settembre le dichiarazioni...
Inviato da: cassetta2
il 11/09/2022 alle 12:06
 
C'è chi per stare bene ha bisogno che stiano bene...
Inviato da: cassetta2
il 31/08/2022 alle 18:17
 
Ottimo articolo da leggere sul divano sorseggiando gin...
Inviato da: cassetta2
il 09/05/2022 alle 07:28
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963