Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Il posto dei miracoli - ...Tutto quel che vi darò -... »

Il buio oltre la siepe - Harper Lee

Titolo: Il buio oltre la siepe Titolo originale: To Kill a Mockingbird Autrice: Harper Lee Traduzione: Amalia D'Agostino Schanzer Casa editrice: Feltrinelli pag: 320

“Il buio oltre la siepe”, pubblicato per la prima volta nel 1960, e vincitore nel 1961 di un premio Pulitzer, è diventato negli anni un vero e proprio classico della letteratura americana ed uno dei libri più letti nelle scuole USA. C'è da sorprendersi quindi che la sua autrice, Harper Lee, non abbia mai scritto altri romanzi oltre questo: un po' come Margaret Mitchell, con il suo “Via col vento”, suo unico grande successo, forse è stata colpita dalla sindrome di “troppo buona la prima”.
Il successo del romanzo fu in effetti travolgente, soprattutto perché i temi, negli anni '60, erano piuttosto scottanti: razzismo, un accusa di stupro, la mentalità chiusa della provincia sudista americana.
Eppure, nonostante la durezza degli argomenti trattati, “Il buio oltre la siepe” è un libro dotato di una leggerezza unica, grazie alla prospettiva della voce narrante, quella di una bambina, “Scout”, che tenta di decifrare le motivazioni degli adulti e di dare un senso ad azioni che in effetti non ne hanno alcuna.
La storia viene narrata come un lungo racconto a flashback da parte di una Scout più adulta, che cerca di ricordare come il fratello più grande Jem si sia fatto male ad una spalla: ne scaturisce la rievocazione di un lungo pezzo d'infanzia, raccontato con gli occhi di una Scout invece giovanissima, a partire dai sei anni.
L'ambientazione è quella dei primi anni '30, un periodo durissimo della storia americana, gli anni della grande Depressione, ma per Scout e Jem gli anni di una infanzia passata tra i primi ricordi di scuola e le estati trascorse a giocare con l'amico Dill, immaginando fantasiose storie sui vicini di casa. Fra costoro ad attirare maggiormente l'attenzione dei tre bambini c'è Boo Radley, un vicino di casa misterioso, chiuso in casa da trenta anni, su cui circolano storie di un passato violento e che avrà una parte importante in questa storia.
Ben presto la tranquilla infanzia di Scout e Jem, viene messa alla prova dal compito assegnato al padre Atticus Finch, un avvocato che accetta di difendere Tom Robinson, un uomo accusato di aver stuprato una donna bianca, Mayella Ewell, benché ci siano molte evidenze che la cosa non sia affatto avvenuta, e che l'accusa sia frutto del delirio d'odio del padre di Mayella, Bob Ewell.
Scout scoprirà l'esistenza del male nella società che la circonda e come questo possa scaturire dal nulla, distruggendo tutto ciò che incontra. Bob Ewell incarnerà a pieno questa forma d'odio, diventando un vero e proprio persecutore della famiglia Finch, ma ad essere additata come colpevole in questo libro è in realtà tutta quella società sudista che predica rigore e cristianità, ma è pronta a sacrificare un innocente in nome del bruciante odio razziale.
Atticus Finch, il padre dei ragazzi, sarà la loro guida in questo passaggio dal mondo infantile alla vita adulta, mostrando come non ci si debba piegare al male mai, qualunque siano gli esiti. Dirà infatti:

“Vedi Scout, a un avvocato succede almeno una volta nella sua carriera, proprio per la natura del suo lavoro, che un caso abbia ripercussione diretta sulla sua vita. Evidentemente è venuta la mia volta. Può darsi che a scuola tu senta parlare male di questa faccenda, ma se vuoi aiutarmi devi fare una cosa sola: tenere la testa alta e le mani a posto. Non badare a quello che ti dicono, non diventare il loro bersaglio. Cerca di batterti col cervello e non con i pugni, una volta tanto... È una buona testa, la tua, anche se è dura a imparare!"
"Atticus, vinceremo la causa?"
"No, tesoro."
"Ma allora, perché..."
"Non è una buona ragione non cercare di vincere sol perché si è battuti in partenza," disse Atticus. “

Non è forse un caso che in origine Haper Lee avesse avuto l'idea di chiamare questo libro “Atticus”, proprio come l'avvocato idealista padre di Scout e Jem, per poi ripiegare su “To Kill a Mockinbird”, che invece fa riferimento al finale (bellissimo, ma tranquilli non ve lo rivelo!) di questo volume. “Mockinbird” è il nome della ghiandaia o tordo, che in questo libro è diventato un usignolo: infatti “uccidere un tordo” in italiano appare assai poco poetico e soprattutto non rende bene il significato della frase, che intende che uccidere un “mockingbird” significhi annientare una creatura fragile che regala solo bellezza con il suo canto.
Questo libro avvince con il racconto, spesso umoristico (impagabile Dill), di una infanzia passata nell'assolato Alabama, di giochi e amicizie, della scoperta di modi di vivere diversi dal proprio, tutti descritti in modo così vivido che sembra di avere sotto gli occhi ogni singola scena.
La levità del volume nelle sue parti più ricche d'humour non toglie però nulla alla forza della denuncia dell'ingiustizia sociale fatta da Harper Lee: tutte quelle brave persone che ogni giorno Scout incontra nella sua vita, possono trasformarsi in un'aula di tribunale in tanti assassini.
Bellissimo e intenso, questo libro merita assolutamente di essere letto: non stupisce che da cinquanta anni goda di un incontrastato successo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.