Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Pesca al salmone nello Y...Un passato imperfetto - ... »

Ralph Spaccatutto - Film - Recensione

Post n°1110 pubblicato il 01 Agosto 2013 da bluewillow
 

“Io sono un cattivo e questo è bello. Io non sarò mai un buono e questo non è brutto. Io non vorrei essere nessun altro a parte me.”

Le “commoventi” immortali parole di Ralph Spaccatutto riassumono bene lo spirito di questo film di animazione Disney, un piccolo inno al mondo dei videogiochi anni '80, ai videogame in generale, ma soprattutto all'essere se stessi, anche se questo comporta essere l'antagonista “cattivo” in un gioco, colui che non vincerà mai una vera medaglia da eroe.
“Felix Aggiustatutto” è un videogame da sala giochi che resiste da 30 anni saldo al suo posto, visto che dopo essere stato nuovo ora è “vintage”, cosa che gli attribuisce fascino nonostante la grafica primitiva.
Nel videogioco Felix ripara con il suo martello magico il condominio che Ralph Spaccatutto distrugge con le sue nude manone. Ma dopo tre decenni Ralph è stufo di essere il cattivo, l'escluso, quello che non si diverte mai e cerca supporto nelle riunioni dei “Cattivi anonimi” (presieduta da uno dei cattivi per eccellenza, un fantasmino di Pac-man). Infatti anche se nel mondo reale dei cattivi faremmo volentieri a meno senza problemi, nei videogiochi gli elementi negativi hanno un ruolo fondamentale: senza di loro non ci sarebbe modo di dimostrare il proprio valore e nessun videogiocatore che si rispetti spenderebbe un centesimo per un gioco nel quale tutto funziona perfettamente anche senza il suo aiuto.
Ma questa è la lezione che Ralph dovrà imparare a sue spese, dopo aver sgraffignolato una medaglia in  uno sparatutto, Hero's Duty, e aver portato scompiglio in Sugar Rush, introducendo nel pacifico gioco di corse e caramelle uno “scarafoide” fuggito proprio da Hero's Duty.
Dentro a Sugar Rush, Ralph si troverà ad aiutare la piccola Vanellope, un “glitch”, un errore di programmazione, che aspira diventare parte integrante del gioco.
Dopo molte peripezie Ralph capirà qual è il suo vero ruolo e quanto sia importante e nonostante ci siano tutte le premesse per un disastro totale, alla fine non solo tutto andrà a buon fine e  riuscirà a diventare amico di Felix e addirittura ad arricchire il parterre di principesse Disney di un nuovo elemento tutt'altro che zuccheroso (e credetemi, visto che tutto avviene in Sugar Rush, non era facile!).
“Ralph Spaccatutto” è un allegro film dai buoni sentimenti che piacerà sicuramente a tutti coloro che amano i videogiochi e ripensano ancora con nostalgia al perduto mondo anni '80,  una pellicola che ironizza sui cliché dei giochi più popolari. I personaggi sono animati alla perfezione, con un occhio al tipo di comportamento che avrebbero in base al tipo di videogame da cui provengono, per cui Felix e i personaggi del suo videogioco si muovono un po' più a scatti e con gestualità esagerata, proprio come nei vecchi giochi, mentre la sergente Tamora Jean Calhoun di Hero's Duty, è rappresentata con maggiore definizione, proprio come in un gioco moderno.
Proprio come in un vero videogioco ci sono corse scatenate, missioni da portare a termine, ostacoli da superare ed un cattivissimo boss finale.
Un film molto divertente, dalla grafica curata e coloratissima pensato per i bambini, ma che credo intratterrà ancora di più gli adulti.
Alla fine del film verrebbe voglia di fare un giro sulla pista di Sugar Rush e con mia sorpresa ho scoperto che è possibile, perché la Disney ha allestito un sito dedicato al film, in cui si può giocare sia a “Felix Aggiustatutto” che a “Hero's Duty” che a “Sugar Rush” (qui).
Trovare la propria strada non è semplice, soprattutto quando quello che sai fare meglio è distruggere più che costruire, ma questo film sembra voler indicare che c'è un percorso giusto per ognuno e che non ha senso invidiare gli eroi, perché come direbbe il sergente Tamora, con parole di ispirata poesia:
“L'invidia è come una palla, più la mandi a fondo, più viene a galla”.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.