welcome in my world

Diverse cose da dire

Creato da diluvio0 il 02/03/2013

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

bluiceeeRoHarLuRebecca_rebby0Solo_per_te_Antforestales1958crissmacbimbumbammsoltanto_unsognoroberta.cantraBailo_settantaaBailo_settantaleportedelsognoBaciamiLeDoppiePunteelena.seycatwoman_kiss
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

I miei Blog Amici

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Terrorismo frasi, citazioni e aforismi

Post n°13 pubblicato il 16 Novembre 2015 da diluvio0
Foto di diluvio0

Uccisi perché? Per il ogno di un grupp0 di esaltati che giocavano a fare la rivoluzione, si illudevano di essere spiriti eletti, anime belle votate a una nobile utopia senza rendersi conto che i veri “figli del popolo”, come li chiamava Pasolini, stavano dall’altra parte, erano i bersagli della loro stupida follia. 

“Se non ci si oppone, se non ci si difende, se non si combatte, la Jihad vincerà. E distruggerà il mondo che bene o male siamo riusciti a costruire, a cambiare, a migliorare, a rendere un po' più intelligente cioè meno bigotto o addirittura non bigotto.” 

Il "terrorismo islamico" si chiama anche Mister potere e petrolio. Grazie grande Turchia. Atta Turk prenderebbe tutti a calci nel sedere.  Si chiama anche potere di gente che vivono ancora nel medio evo e che tolgono la libertà al popolo rendendo tutti schiavi.

“Non c’è nulla in tutto il nostro Libro sacro che ordini di massacrare donne e bambini per compiacere colui che chiamiamo Allah.” Non ci sarano 7 vergine ma solo l'inferno che vi aspetta. Bastardi.

Ijihadisti prendono una o due frasi fuori contesto, le distorcono ulterirmente e poi pretendono di avere una giustificazione divina. Loro fumano, bevono, ballano, uccidono, stuprano ma se uno si permette di fare come loro lo uccidono.

“Intorno all’islam è in atto un grande gioco politico: quello dei media che cercano di creare nell’inconscio dello spettatore di massa un’associazione tra islam e terrorismo. Si tratta di uno stratagemma puramente politico: in realtà, i movimenti terroristici non costituiscono che una minima parte dell’islam.

“La guerra produrrà centinaia di Bin Laden e di Al Bagdadi. Se tagli una testa ne spunterano altre 10.

                             

 

 

 

                                                          
 
 
 

AMORI IMPOSSIBILI

Post n°12 pubblicato il 27 Agosto 2015 da diluvio0
Foto di diluvio0

Ci sono storie d’amore che sono solo storie.
Ci sono storie d’amore che mai saranno storie.
Ci sono storie d’amore che vivono nella loro pienezza senza mai concretizzarsi.
Ci sono storie d’amore che non si vogliono, ma accadono.
Ci sono storie d’amore che ingenuamente non fanno i conti con il tempo, con la distanza o con un altro cuore.
Ci son storie d’amore che mai vedranno l’agognata ultima riga delle favole: E vissero per sempre felici e contenti.
Ci sono storie d’amore fatte di speranze e mai d’abbracci. 
Sono gli amori impossibili, plasmati su sogni che non si realizzeranno. Il dramma di tutti gli innamorati che amano a senso unico.
Bastardi amori impossibili, che ci fanno desiderare qualcuno che non ci vuole, che magari vorrebbe averci, ma di fatto, non ci vuole.

Come si sopravvive ad una passione così?
Come si fa a continuare a respirare quando pensi di aver trovato qualcuno per cui ne valga la pena, ma il destino è schifosamente avverso?
 
Ho provato a definire l’amore impossibile, che è un po’ come voler definire l’orizzonte.
Ma quando è effettivamente così, o quando invece è goffamente celato dietro una scusa?


1. Lui vi ama, ma non è proprio il momento.
Perché il lavoro fa schifo, a 40 anni non ha ancora lasciato il nido, la sua mamma è in punto di morte, la cagnetta è in calore, sta aspettando che nascano i girasoli. Insomma. Vi fornisce motivi più o meno validi per cui voi tecnicamente siete anche le donne giuste, ma le vostre anime non possono essere legate da qualcosa che si chiami Relazione. Vi convince che in un’altra vita, in un altro momento, in un’altra galassia, saremmo più fortunati. E voi vi perdete dietro alle sue scuse, vi lamentate di questo Dio che (come disse una mia amica) vi fa incontrare ma non vi dà la possibilità di stare insieme.  
Roba da attaccarsi alla bottiglia finchè morte non sopraggiunga.
Non è un amore impossibile e Dio non c’entra un cazzo. E’ un amore dove uno stronzo non vuole stare con voi. No, non è amore. E’ codardia.

2. Lui vi ama ma ha sposato la donna sbagliata. 
Dopo promesse di vita felice a due, lui si sposa. Non con voi ovviamente, sennò mica faremmo sto casino. Si sposa con quella sciapa, quella insulsa, quella che non esprime un pensiero manco sotto torture cinesi. Quella che può gestire e continuare a farsi i fatti suoi. Con voi.
E voi lo accettate perché poverino, ha fatto la scelta sbagliata, si è sposato per pigrizia, perché aveva una pistola alla tempia, per non far piangere il cuginetto, non si sa. Ma siete relegate al ruolo infame di amanti, perché l’amore impossibile che lui elargisce con il contagocce, vi dà quel brivido al cuore, per cui tanto impazzite.
No, non è un amore impossibile. E’ un amore marcio ed egoista che vi farà stare da schifo.

3. Lui vi ama. Ma ha paura.
Di cosa? Boh. Forse delle implicazioni sentimentali, del dire Ti amo, come se un Ti amo si traducesse in matrimonio imminente con relativo trasferimento di vostra mamma nella sua tana, della convivenza, delle cavallette, dell’Isis, degli alieni o delle polpette al sugo che gli cucinate.

Non si sa il reale motivo, ma il cucciolo è terrorizzato.
E voi pazienti lo accudite come una foca che ha appena perso i parenti uccisi a mazzate, aspettando che il piccolino non tremi alla frase Questo week end stiamo insieme? 
No, non è un amore impossibile. E’ un amore masochista che dovrete riconoscere, per poi fuggire a gambe levate con il primo cubista del Cocoricò.
Lui non è un uomo. E’ un mollusco.

Fondamentalmente sono arrivato alla conclusione che l’amore impossibile esista in rarissimi casi, e non contempli la parola Ma.
Se l’amore è amore, il Ma non sussiste.
L’amore impossibile è quella scusa che date a voi stesse per non ammettere che non siete amate abbastanza. Che nessuno voglia rischiare per voi. O che voi, non vogliate rischiare tutto per qualcun altro, perché ad amare si fa fatica e come dico sempre, La felicità fa più paura della tristezza.
Gli amori impossibili sono per donne infelici. E sono gli unici che, sfortunatamente, durano in eterno.

Non si è mai abbastanza pronte per uno stronzo.

Qualche cittazioni francesi :

L'une des plus grandes douleurs est d'aimer une persone que tu ne peux pas avoir.

Uno dei piu grandi dolori è di amare una persona che non puoi avere.

Tu aimerais qu'il tienne à toi, qu'il te le montre, qu'il soit jaloux, mais la seule chose qu'il sait faire, c'est faire semblant.

Vorresti che tenga a te, che te lo dimostra, che sià geloso di te, ma la sola cosa che sa fare e di fare finta di niente.

Offrir l'amitié à qui veut l'amour, c'est donner du pain à qui meurt de soif

Offrire l'amicizia a chi vuole il tuo amore è dare del pane a chi muore di sete.


 
 
 

VERO O FALSO !!

Post n°11 pubblicato il 11 Agosto 2015 da diluvio0
 
Foto di diluvio0

Allora, un po di conoscenza generale. Vi offro la settimana enigmistica gratuitamente :-) Una serie di domande. Le risposte le troverete alla fine del post. Il premio : Beh si andrà a letto più intelligenti !!!!!!

Domanda :

1) Sono le mele e no la caffeina che meglio ci svegliano al mattino?

2) Alfred Hitchcock non aveva l'ombelico?

3) Un fumatore che fuma un pacchetto di sigarette al giorno perde circa 2 denti ogni 10 anni?

4) Non ci ammaliamo in inverno perchè fa freddo, lo siamo perché rimaniamo troppo dentro?

5) Quando starnutiamo, tutte le funzioni corporee si fermano, anche il cuore (si parla di mil di secondi ovvio) e a 160 - 200 km orrari ?

6) Solo il 7 % della popolazione mondiale è mancina ?

7) Una essere umano (normale) di circa 50 anni sarà rimasto cinque anni nelle code o file di attesa ?

8) Lo spazzolino per pulirci i denti fu inventato nel 1498 ?

9) Una mosca vive circa 1 mese ?

10) I piedi sono un po più grandi il pomeriggio che la mattina ?

11) La maggior parte di noi abbiamo mangiato un ragno durante il sonno ? O 300 gr di insenti ? che schifffffffffo !!!!!!! Pero....questa del ragno ci credo. Davanti a certe persone quando scrivi o parli si vede che hanno una ragnatela al posto del cervello. 

12) I struzzi mettono la testa sotto la terra per trovare acqua ?

13) Gli unici animimali che possono vedere dietro se stessi senza girarsi sono il coniglio e il pappagallo ?

14 ) Se non vi era alcuna colorazione chimica nel coca cola sarebbe verde ? (provate a mettere un pezzo di carne dentro un recipiente di coca cola e dopo 4 gg guardate il risultato) ;-)

15) Un dentista invento la sedia elettrica ?

16 ) Per voi donne.... le scaglie dei pesci sono un ingrediente essenziale per il rossetto ?

17) Un kg di limone contiene più zuccheo di un kg di fragole ?

18) Per gli Einstein di Libero ....111'111'111 x 111'111'111 = 12'345'678'987'654'321?

19) Se mastichiamo una gomma da masticare mentre tagliamo le cipolle, non si abbiamo le lacrime ? (bisogna verificarla questa)

20) I denti dei castori crescono continuamente senza mai fermasi ?

21) Una farfalla ha 12'000 occhi ?

22) I coccodrillo non puo tirare la lingua ne ha delle labbra ?

23) I maiali e i gatti bianchi sono le sole specie di animali che possono avere una scottatura per colpa del sole ?

24) Negli stati uniti circa 200'000'000 di M&M's sono venduti ogni giorno ?

25) Tutti i 40 minuti circa 40 persone si trovano al pronto soccorso per colpa di un morso di un cane ?

26) 80 % degli animali sono insetti ?

27) Circa 40'000 americani sono feriti ogni anno nei watters facendo l'amore ?

28) Davanti a un pc gli occhi si aprono e chiudono 7 volte in un minuto ?

29) I delfini sono i soli animali al mondo con l'uomo che fanno sesso solo per piacere? Beh...hanno fatto scuola dal Cavaliere (che di cavaliere ha poco. Al massimo buffone del Re Potere) Berlusconi!!! Non confondere con i bonobo e scimpanze che lo fanno per salutarsi. Immaginate al livello umano se fosee cosi?!?! Quando dici ciao tutti che girano la testa. 

tik tak tik tak tik tak

........

.......

TUTTO VEROOOOOOO !!!!!!!! E dopo questo post vi auguro delle bellissime vacanze per quelli che ci sono già e per quelli che partono state attenti sulle strade. E scusatemi per i miei errori nella lingua di Dante ma non è la mia lingua madre!!!!!! O ve meno a tutti per le reclamazioni :-)))

 
 
 

IL BACIO

Post n°10 pubblicato il 30 Luglio 2015 da diluvio0
Foto di diluvio0

Una carissima amica mi ha chiesto di commentare un suo post per il bacio e mi ha ispirato sta cosa. Allora sono andato a prendere delle risposte su Wikipedia ma ho aggiunto anche la mia.

Il bacio fu banalizato dagli americani nel 45 dopo la guerra contro il Giappone. E se parliamo scientificamente si utiliza 28 muscoli per fare quel semplice gesto. Adesso prendiamo Wikipedia !!!

Il bacio consiste tipicamente nel contatto tra le labbra di una persona e quelle di un'altra, ma più in generale il contatto può avvenire anche verso una qualsiasi altra parte del corpo di un'altra persona. Durante questo contatto, le labbra della persona baciante possono o meno aspirare leggermente dell'aria, creando il tipico rumore dello "schiocco".

Il bacio è un importante fonte di contatto fisico fra due persone ed è per questo che assume diverse caratteristiche e significati a seconda del contesto, ed oggi è diventata in molte culture del mondo una comune forma di espressione di affetto, ma anche di amore, passione, amicizia, rispetto, un saluto, e molte altre ancora.

Esistono diverse opinioni e teorie riguardo alle possibili funzioni del bacio e ai suoi legami con la sfera emotiva e sociale umana, anche in seguito all'osservazione di comportamenti simili di altre specie animali. Attualmente si ritiene che il bacio abbia anche la funzione di cercare partner con sistema immunitario diverso dal proprio, al fine, in termini evolutivi di favorire il riassortimento genico e aumentare le probabilità di sopravvivenza della prole.

In quello medievale, il bacio era utilizzato per suggellare il cosiddetto 'baciatico', cioè diritto della fidanzata a ricevere una donazione dal fidanzato.

La consuetudine deriva da un'analoga consuetudine romana, l'osculum interveniens, il bacio che interveniva a sancire il diritto della fidanzata a ricevere in donazione metà dei beni ricevuti in regalo, in caso di morte del fidanzato

IL BACIO COME SEGNO D'AFFETTO (Wikipedia)

Quando durante il bacio come saluto, si vuole sottolineare l'affetto verso l'altra persona, allora invece di porgere solo le guance, si porgono le labbra in modo da baciare in pieno il viso dell'altra persona. Il bacio sulla guancia è infatti un grande segno d'affetto, e viene utilizzato fra amici e parenti quando si vuole dimostrare il bene che si vuole. Spesso è anche accompagnato da un abbraccio. Ma io che vivo in Svizzera qui si danno 3 baci anche se non conosci la persona (sesso opposto) e in Francia 4. In Republica Ceca meglio evitare, esperienza vissuta personalmente. Il bacio, per metà del mondo, non è piacevole e talvolta può recare fastidio. In Cina il bacio è considerato poco igienico. In Giappone non si usa baciarsi in pubblico, perché può recare fastidio. Il bacio degli eschimesi è molto particolare: si strofinano le punte dei nasi, con labbra ed occhi chiusi.

Ultimo consiglio agli uomini. Non mangiare cose tipo aglio e cipolla ne alcool e caffè e sigarette perche le donne ci giudicano tantooooooo su questo gesto molto semplice che tanto semplice non è quando si è in intimità.

 

 
 
 

L'UOMO SBAGLIATO

Post n°9 pubblicato il 10 Luglio 2015 da diluvio0
 
Foto di diluvio0

Quante di voi (donne) si sono scontrate contro il concetto di uomo sbagliato!?
Non è vero che l'uomo sbagliato non esiste,...... ESISTE e come....
Normalmente la donna incontra più uomini sbagliati che giusti....
C'è un motivo razionale e logico a queste scelte per lo più sbagliate, tutto ruota intorno al fatto che la donna ha l'istinto della CROCEROSSINA.
Questa cosa è innata dentro di voi, voi gli uomini volete aiutarli, capirli,cambiarli, facendoli diventare spesso a vostra immagine e somiglianza...sbagliatissimo!! Per certe come l'immagine del votro padre (sindrome di Elettra).
Come capire quando state sbagliando??
Bene, prima regola, l'uomo è un essere molto semplice e spesso banale, lui non vuole una donna, lui vuole spesso una mamma. Ma questo tipo d'uomo è la prima categoria.
Lui vuole una persona che lo accudisca e questo è il primo passo per una relazione poco stabile, perchè l'uomo giusto deve saper proteggere la sua donna, farla sentire donna tutti i giorni. E qursta è la seconda categoria.

Loro (la prima categoria), credono di poter gestire il gioco ma in realtà è sempre e solo la donna a dettar legge.

Ci sono delle semplici regole per capire se l'uomo che frequentate è giusto o sbagliato per voi :

Passo 1: se un uomo ti dice che non vuole una relazione stabile, difficilmente cambierà idea;

Passo 2: Voi non dovete salvare nessuno, se l'uomo che hai di fronte ha problematiche irrisolte, lascia perdere, non sarai certo tu a cambiarlo;

Passo 3: Gli atteggiamenti ed il carattere escono  quasi subito....mai sottovalutare i primi segnali di incompatibilità;

Passo 4: Se non ti fa domande sul tuo quotidiano, se non s'interessa delle  tue cose,se non gli interessa come stai, non gli interesserà neanche domani, è un uomo egoista;

Passo 5:Se fa il "piacione" con le altre donne in tua presenza, gli interessa solo di piacere e non è pronto a donarsi totalmente ad una sola persona;

Passo 6 : Ascoltare i consigli che le persone esterne danno, essendo esterne vedono la situazione in modo più lucido;



Oggi incontrare l'uomo sbagliato è molto più semplice che incontrare quello giusto, quindi armarsi di pazienza ed amarsi totalmente, solo così capiranno di non aver di fronte una donna come le altre!!

T.

 
 
 

Mal d'Amore

Post n°8 pubblicato il 04 Luglio 2015 da diluvio0
Foto di diluvio0

Molto spesso si ricorre a frasi fatte e proverbi di ogni sorta per cercare di consolare una persona appena uscita con le ossa rotte da una relazione sentimentale. Purtroppo, però, i vari detti come "morto un Papa se ne fa un altro!", o magari "chiusa una porta si apre un portone!", sono solo dei luoghi comuni che non alleviano minimamente il dolore della persona che sta soffrendo. Credo che nessuno di noi possa avere la presunzione e la fortuna di affermare di non aver mai subito una delusione d'amore. Una delusione può colpire chi amava una persona da tanti anni, ma anche chi in poco tempo si era invaghito di un qualcuno che, per qualche motivo, ha deciso che quella storia non doveva proseguire. Il mal d'amore è sempre più spesso causa di drammi personali, e anche se è difficile guarire, vediamo almeno come alleviarne le ferite.

Assicurati di avere a portata di mano:

  • Tempo e pazienza
  • Coraggio
  • Voglia di tornare a sorridere

Al giorno d'oggi troppo spesso ci imbattiamo in notizie drammatiche legate alle delusioni d'amore. C'è chi non vede più la luce in fondo al tunnel e decide di farla finita, e c'è chi, invece, accecato dal dolore e dalla rabbia uccide l'ex, o il suo nuovo partner. Infatti, quando si esce da una storia, oltre al dolore che provoca il fatto di non poter più "possedere" la persona, c'è la grande rabbia di poterla vedere un giorno insieme a qualcun altro. Per questo motivo, non sono rari comportamenti, a volte esagerati, atti ad ostacolare la "nuova vita" del nostro ex. Purtroppo il mal d'amore è una sofferenza soggettiva, quindi elencare rigide regole sarebbe superficiale e poco utile. Cerchiamo invece di trovare qualche soluzione che ci permetta di riflettere in serenità. Partiamo dal presupposto che, come ogni batosta, una delusione ha bisogno di tempo per essere assorbita, quindi più tempo passa e più smetteremo di pensarci. Ovviamente i primi periodi saranno quelli più complicati da affrontare. Ovvio che vogliate accelerare i tempi, ma far finta che il problema non sussiste e cercare di eliminarlo dalla propria testa non serve a niente, anzi. Bisogna prendere coscienza del trauma, e cercare di combatterlo con tutte le nostre forze, cercando di reagire, senza abbattersi. Non tenetevi tutto dentro, ma piangete liberamente se ne avete bisogno e parlate sfogandovi con una persona cara, vi sarà di enorme aiuto (ma non smpre) condividere il vostro dolore. Ricordate che un consiglio di una persona che valuta la situazione dell'esterno è un aiuto preziosissimo (non sempre) se abbiamo la capacità di ascoltare.

 
 
 

GELOSIA

Post n°7 pubblicato il 12 Maggio 2015 da diluvio0
 
Foto di diluvio0

La gelosia, lo sappiamo, è la paura di perdere la persona amata, un amico o una relazione o, più specificamente, è la paura di perdere l'esclusività di un rapporto, di non essere più considerati come prima. Generalmente tutti siamo o siamo stati gelosi di qualcuno, chi più chi meno, ma la gelosia, superati certi limiti, può trasformarsi in un sentimento distruttivo e addirittura pericoloso.  La gelosia infatti può far emergere tutti quei sentimenti di inadeguatezza o inferiorità che solitamente teniamo a bada, ed è proprio grazie a ciò che essa può diventare un ottimo strumento per conoscere meglio noi stessi e quelle parti di noi che spesso odiamo e rifiutiamo.

La gelosia come falsa premessa: le cose come le persone.
La gelosia nasce da una falsa premessa: infatti laddove l'invidia è il desiderare le cose che gli altri hanno, la gelosia è la paura di perdere ciò che si ha: ed è questo l'equivoco di base da cui sorge la gelosia, cioè l'idea che le persone e le emozioni si possano avere, come si hanno le cose.
Le cose stanno lì, immobili, sempre sotto il nostro controllo, ma non le persone che rimangono inconoscibili: c'è sempre infatti una parte dell'Altro che sfugge, una parte che sentiamo di non poter  mai afferrare ed è questo ciò che più ci spaventa, la consapevolezza che non potremo mai conoscere totalmente l'Altro, perchè "conoscere" significa incasellare l'Altro in uno schema mentale dove non può far altro che comportarsi sempre e solo nello stesso modo.

L'Illusione di conoscere il partner
Quando diciamo di conoscere il partner, in realtà stiamo dicendo che sappiamo come si comporterà o cosa penserà, e questo ci rassicura. Ma ciò significa anche che il partner è stato rinchiuso nella nostra gabbia concettuale dov' è sempre uguale a se stesso, come sempre uguali sono le cose, ed è questo il desiderio che sottostà alla gelosia: ciò che ci spaventa infatti è che il partner, nell'esserci infedele, si mostrerebbe diverso, nuovo, quando in realtà, ciò che più desideriamo, è che egli rimanga sempre uguale.  Da questa illusione di poter possedere davvero qualcuno nascono tutte quelle fantasie di tradimenti, di menzogne, di dubbi che costellano la mente del geloso e che nessuna rassicurazione può placare, perché ciò che il geloso chiede in realtà è la certezza che nessuno possa abbandonarlo, rifiutando il carattere transitorio ed insicuro dell'amore e dell'Altro.

La gelosia dunque, seppur nell'immaginario collettivo sia diventata il metro di misura dell'amore, tanto che si pensa che non ci possa essere amore vero senza di essa, in realtà misura solo il grado di possesso e di dipendenza dall'altro, perchè la gelosia non è la paura di perdere una persona, ma consapevolezza che quella persona, in quanto persona, non potrà mai essere nostra...

 
 
 

FRASI PER RIFLETTERE

Post n°6 pubblicato il 25 Aprile 2015 da diluvio0
 
Foto di diluvio0

Non si può insegnare niente ad un uomo: si può solo
aiutarlo a trovare la risposta dentro se stesso.  
(Galileo Galilei)


La verità è una terra sconosciuta.
(Frederich Nietzshe)

La conoscenza arriva, ma la saggezza rimane.
(Alfred Tennyson)

Tutto ciò che  occorre lo trovi
in te stesso.
(Fun  Chang)

Tutto deriva dall’amore, anche quando non sembra.
(Anonimo)

In realtà non distruggo un nemico, quando
lo converto in mio amico? 
(Abraham Lincoln)

Per essere soddisfatto con le cose semplici,
bisogna avere un’anima grande.
(Arthur Graf)

Nessuno può farti sentire
inferiore senza il tuo consenso.
(Eleanor Roosevelt)

Tutte  le battaglie, comprese quelle che perdiamo,
servono ad insegnarci qualcosa.
(Paulo Coelho)

L’incontro fra due personalità è come il contatto fra due
sostanze chimiche: se c’è una reazione, entrambe si
trasformano.
(Carl G. Jung)

Nessun uomo è un’isola completa in se stessa;
ogni uomo è un frammento del continente.
(John Donne)

L’allegria e la sofferenza sono inseparabili,
arrivano insieme e quando una si siede al tuo tavolo,
ricorda che l’altra sta dormendo nel tuo letto.
(Khalil Gibran)

 
 
 

Semplice e Complicato

Post n°5 pubblicato il 20 Aprile 2015 da diluvio0
 
Foto di diluvio0

Basta essere nervoso e sentirti perso. Basta non sentirti importante. Tu devi sorridere. E' molto meglio un sorriso triste che la tristezza di non saper sorridere.

Se guardi indietro potresti vedere cose che non avrai mai più. Se guardi avanti potresti immaginarti cose che non arriveranno mai. Devi solo chiudere gli occhi e riaprirli quando avrai la forza di tornare indietro senza starci male e guardare avanti sorridendo. 

Nessuno è mai povero abbastanza per concedersi un sorriso. 

Devi imparare che la cosa più bella è vivere, vivere per se stessi, con più sorrisi, con più persone vere, con meno pensieri per gli altri ma tutelando per primi se stessi. 
Devi imparare che gli ostacoli si superano rendendoli bazzecole e che, a volte, non c'è una soluzione a tutto ma fregarsene ed essere felice è l' opzione migliore. 
Devi essere capace a percorrere la tua strada senza rimpianti, consapevole di aver dato tutto.. fine alla fine. E se poi non è andata come volevi.. beh.. non è un problema; sii felice e domani saprai il perché.

Dovremmo prendere spunto dai bambini; ingenui, innocenti ed alcune volte insopportabili.. ma il loro sorriso è così vero, così reale e così spontaneo da poterci insegnare moltissimi valori. Ogni cosa per loro è lineare, zero problemi.. e se oggi sono tristi e piangono, domani sono già che sorridono, perché ieri oramai è passato ed oggi un nuovo gioco li aspetta.

Vivi la tua vita e se lei non ti sorride, tu sorridi lo stesso.. Cosi.. tanto per farle un dispetto.
 
 
 

Ask.fm : Adolescenti suicidi, il sito boicottato

Post n°4 pubblicato il 28 Ottobre 2013 da diluvio0
Foto di diluvio0

GENITORI ATTENTI !!!!!!!!!!!!!!   

Il sito Ask.fm accusato di essere responsabile del suicidio di 4 adolescenti inglesi e 5 francesi in questi ultimi mesi. 

Ask.fm accusato di induzione al suicidio. Tanti partner commerciali come Mc Donald, British Airways e Vodafone si sono ritirati come sponsors. Oggi si contano nel mondo circa 60 milioni di utenti, molto spesso adolescenti, per porre domande e/o risposte.  Il tutto in anonimato. Si apre un account come Facebook ma tutti possono andare a visionare le vostre foto e video. 

Tutti questi adolescenti sono stati portati alla morte dopo un continuo di cyber-bullismo. Genitori e associazioni hanno chiesto di chiudere questo infame sito web scrive il Daily Mail (giornale famoso nel regno unito). Tutti questi bambini erano diventati oggetto di agressioni e offese continue da parte da "amci virtuali". L'ultima ragazza ha deciso di fare l'inpensabile di suicidarsi dopo aver ricevuto diversi messaggi che la suggerivano di mutilarsi. 

Il premier inglese David Cameron ha chiesto il boicottagio immediato del sito e il parlamento europeo sta analizando di chiudere completamente questa vera merda.... Infatti questo sito web incita la gente a farsi del male, o violenza, una specie di bizzutaggio, una sfida. 

Oggi viviamo in una società dove tutti devono essere educati, mai dire del male in pubblico verso altre persone è ovvio che quando un occasione del genere si presenta tanti la vedono come uno sfogo. L'anonimato accresce l'inibizione. Pensiamo che ne usciremo impuniti e che non ci potranno mai fare nulla, quindi abbiamo più facilità nel comportarci come non faremmo mai se non ci fosse l'anonimato. Siamo una specie di Dr. Jeckil e Mister Hide o Bruce Banner e Hulk. La nostra bestia interiore si sveglia. 

Dunque GENITORI, non avete vergogna a controlare i cell o computer dei vostri bimbi anche se pensate di violare la loro privacy. In francese si dice : UN HOMME AVERTI EN VAUT 2 (un uomo che anticipa ne vale 2).

Articolo del Daily Mail. 

 

 

 
 
 

Matthieu Ricard - L'uomo più felice del mondo

Post n°3 pubblicato il 18 Ottobre 2013 da diluvio0
Foto di diluvio0

La biologia è veramente un campo dalle possibilità illimitate, dal quale ci dobbiamo attendere le più sorprendenti delucidazioni, non possiamo quindi indovinare quali risposte essa potrà dare, tra qualche decennio, ai problemi che le abbiamo posto.

Forse queste risposte saranno tali da far crollare tutto l'artificioso edificio delle notre ipotesi. Queste parole sono state scritte da Sigmund Freud negli anni 20 e anche se tutta una nuova famiglia di scienze biologiche non era stata ancora inventata, il padre della psicanalisi aveva visto giusto.

Tutto il filone delle neuroschienze esiste solo da poche decine di anni e i progressi fatti in questo campo sono state strabilianti. Oggi, le neuroscienze sono giunte a stabilire quali siano parametri biochimici e fisiologici della felicità e sono riuscite a misurare tali parametri: la felicità esiste scientificamente, si può misurare ed è anche stato trovato l'uomo più felice del mondo (Matthieu Ricard - monaco buddista e ex-biologico dell'Istituto Pasteur). 

Ma tutto questo è dovuto a una meditazione di 20 minuti al giorno. Toglie lo stress. Chi non ha desiderato almeno una volta nella vità di avere il controllo delle proprie emozioni ? Sapere gestire se stessi, il proprio corpo e le proprie emozioni è indispensabile per chi si trova a dover gestire le emozioni e le azioni non solo di se stessi, ma anche di altre persone.  Occore infatti partire da se stessi per poter arrivare agli altri. 

Matthieu Ricard - Monaco Buddista.

 
 
 

La gestone ottimale del tempo.

Post n°2 pubblicato il 14 Ottobre 2013 da diluvio0
Foto di diluvio0

Quante volte abbiamo detto o pensato "NON HO TEMPO". ? 

Nella vita privata e in quella lavorativa questa mancanza fa si che non riusciamo con la dovuta costanza i lavori veramente importanti o non riusciamo a dedicare il giusto tempo a quello che ci sta a cuore.

Tutto ciò spesso è anche fonte di stress che rischia di ridurre le nostre energie. Di tempo non ce ne sarà mai abbastanza. Possiamo però imparare a gestirlo in maniera efficace, consapevoli che ciò richiede chiarezza sulle priorità e disciplina nell'applicazione delle regole.

Oggi quasi tutti, oberati da mille impegni, si lamentano di non tempo in sufficiente per riuscire a fare tutto. E la fretta, o meglio l'aver fretta, è una dimensione interiore che fa percepire il poco tempo a disposizione, anche se a volte il tempo non manca. 

Non è detto, poi che la fretta soddisfi la velocità, anzi, le azioni svolte in fretta, spesso implicano maggiori probabiltà di errori che richiedono poi ulteriori dispendio di tempo ed energie. Altri, invece, tendono a rimanere i compiti per una serie di motivi.

Forse il compito è difficile e non sappiamo da dove cominciare o è un compito che non si riesce a trovare divertente. 

Le cose importanti sono raramente urgenti e le cose urgenti sono raramente davvero importanti. Le cose poco imporrtanti diventano urgenti per la mancaza di pianificazione. AVETE CAPITO UN TUBO ? 

La gestione del tempo è una abilità personale. Un efficace apprendimento delle competenze di gestione del tempo può aiutare a gestire in modo produttivo la vita personale e professionale.

Le tre regole di base : Pianificare, Stabilire delle priorità e Programmare.

Di tempo non ce ne sarà mai abbastanza. Possiamo però imparare a gestirlo in maniera efficace, consapevoli che ciò richiede chiarezza sulle priorità e disciplina nell'applicazione delle regole. 

Time Management : è il corso che getta le basi per migliorare l'efficacia operativa e l'organizzazione della vita e del lavoro.

USA IL TEMPO, NON LASICARE CHE SCIVOLI VIA (Willam Shakespeare). 

 
 
 

L'obesità infantile.

Post n°1 pubblicato il 13 Ottobre 2013 da diluvio0
Foto di diluvio0

Come ogni patologia comporta degli effetti negativi più o meno gravi non solo sulle condizioni di vita di chi ne soffre, ma anche su quella dei familiari e, indirettamente, sulla colletività.

L'obesità produce i suoi effetti negativi a livello di autostima e sull'immagine che i bambini hanno di loro stessi, inducendoli spesso a quei comportamenti che sono tipici di questa patologia: passare molte ore davanti alla tv, non voler partecipare ad attività con i coetanei, scarso impegno scolastico, modificazione del carattere, con conseguente emarginazione per diversità.

Affrontare il problema attraverso la semplice imposizione di una dieta alimentare si è dimostrata una scelta inefficace e controproducente.

Per ottenere cambiamenti durevoli è utile un approccio di tipo comportamentale, inteso non già come perdita esclusiva di peso corporeo, piuttosto come adozione di comportamenti finalizzati al cambiamento degli stili di vita, che contribuiscono cioè ad accrescere il livello di autoefficacia del bambino migliorandone l'autostima.

E' necessario che i bambini in sovrappeso si confrontino tra di loro, vivendo insieme un percorso rieducativo alimentare, fisico e psicologico e si confrontino in una attività fisica e di educazione alimentare che li porti a dimagrire e sopratutto a vivere una vita sana. 

Per i bambini delle scuole primarie (6 - 10 anni), si stima un 24 % di bimbi in sovrappeso e un 12 % obeso. Fra gli aspetti più critici rilevati vale la pena citare che l'11 % dei bambini non fa la prima colazione e il 28 % la fa in maniera non adeguata, l'82 % fa una merenda a scuola qualitativamente non corretta, il 23 % dei genitori dichiara che i propri figli non consumano giornalmente frutta e verdura e quelli che ne consumano sono troppo pocchi meno del 5 %. Le chiffre che fanno paura sono le bevande zuccherare che bevono al giorno. Coca cola in primis. La percentuale mondiale dei bimbi in sovrappeso è del 68 %. Cosa da matti. E vero che se si lascia scegliere i bimbi di cosa vogliono mangiare sarebbe solo caramelle, cioccolata, hamburger, patatine ecc ecc (la lista è lunga).

Per non parlare dei videogiochi e seduti danvanti al televisore di più di 2 ore. Attività fisica scarsa. Oggi tutto è permissivo. 

L'incidenza economica negativa deriva dai costi dei sistemi sanitari. Un recente sondagio dice che :

Lo sport fa bene alla pagella. 

RACCOMANDAZIONI DIETETICHE :

L'ansia che il proprio figlio non si nutra a sufficienza e non cresca adeguatamente appartiene a tutte le mamme. Può diventare un problema quando questa ansia rischia di fare danni a lungo termine. Se insistiamo, se facciamo ricatti affetivi, se siamo sempre noi a decidere cosa, quando e come mangiare, i bambini perdono la capacità di ascoltare le esigenze del loro corpo.

Costringerli a mangiare, otteniamo un rifiuto ancor più pronunciatonell'immediato che lungo andare può consolidarsi. Anche distrarli è sbagliato è opportuno che la nutrizione sia consapevole

Pregarli rimangono smarriti e perplessi di fronte all'espressione di un genitore preoccupato perché ha smesso di mangiare per lui tutto è normale

Punirli  premiarli. Il cibo non deve diventare il metro con cui valutare quanto è bravo o poco ubbidiente.

Evitare gli alimenti fuori pasto (le solita merde del mulino bianco) ed evitare che il bambino beve subito prima del pasto, soprattutto bevande gassate . Lo stomaco dovrebbe essere vuoto nel momento in cui il bambino inizia il pasto.

Non distrarre il bambino durante il pasto pulendolo e ascigandolo in continuazione, cambiandogli posizione, ecc ... evitare, inoltre, di utilizzare gli altri componenti della famiglia, pupazzi e storielle per farlo mangiare, perché pretenderà ogni giorno qualcosa di diverso.

Variare spesso i cibi. 

Vi riccordate del film WALL-E della PIXAR ? 

 

Tutti grassi sdraiati su una sedia davanti a un pc e non conosceano neanche chi li stava vicino ? Be, se nello scorso secolo il problema numero 1 era il mal di schiena, oggi e in un prossimo futuro sara il diabete. Quel film è come una profezia. Obesita, pc, più sdraiati che in piedi. Oggi muscoliamo il cervello e dimentichiamo il corpo.