asmodai

correnti alternative - http://asmodeo.blog.lastampa.it/

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 

 

Alla faccia del "rumor"...

Post n°60 pubblicato il 27 Agosto 2008 da retiarius72
 

E cosi', contrariamente a quanto ho scritto ieri, non si trattava affatto di un'eventualità: la C.I.A. ha davvero sventato un attentato a Barack Obama, e gli attentatori non erano 4 ma 3.

Ieri sera ne hanno diffuso le foto: curioso come quelli, che, in U.S.A., si dichiarano i migliori esponenti della razza bianca, siano poi, sempre, di fatto, i suoi esemplari peggiori.

Mah, i giornalisti minimizzano, la C.I.A. minimizza, ma ciò non toglie che, per certo tipo di statunitense - il razzista bianco, misogino ed omofobo, per intenderci - le elezioni che si approssimano siano quanto di più sconcertante possa loro capitare...

Escludendo infatti i candidati minori - che, imho, hanno pochissime chance - di fatto l'elettorato americano deve scegliere tra...

Un afroamericano e una donna.

Tempi duri, in America, per le teste di cazzo...

Bye,

Davide.

 
 
 

Don't touch Obama!

Post n°59 pubblicato il 26 Agosto 2008 da retiarius72
 
Tag: sfoghi!

Questa mattina, mentre venivo a lavorare, come sempre sintonizzato su Radio Capital (e questa non è pubblicità occulta, ma solo un’attestazione di come le abitudini, con l’età – faccio per dire, ho 36 anni – diventino inveterate), stavo ascoltando il programma di Vittorio Zucconi, che parlava del primo confronto ”ufficiale” che la Signora Obama ha avuto con il pubblico degli elettori di suo marito.

Al di là di questo, che è ciò che meno mi ha colpito (pare che, comunque, Miss Obama abbia fatto egregiamente il suo dovere, mostrandosi per quello che tutti gli americani vogliono che sia: ovvero una madre umile, determinata e assieme amorosa, una moglie fedele in grado di sostenere il marito nei momenti più difficili, e, infine, una gran sostenitrice dell’American Dream), quello su cui volevo concentrare questo – spero – breve post (che è una pillolina d’acido, come potete vedere dalla categoria), è quanto Zucconi ha detto in fine di programma.

Pare che i servizi segreti di intelligence americani (la C.I.A., per intenderci), abbiano denunciato il rischio che Obama, subito dopo l’eventuale suo insediamento, successivo al 4 novembre, possa essere ucciso da dei neo-nazisti.

Addirittura la C.I.A. paventava la possibilità di un attentato ad opera di 4 giovani neo-nazi, che avrebbero attentato alla sua vita armati di fucili di precisione (dimostrando quindi non di avere informazioni vaghe, ma di disporre di precisi rumors), cosa che, viste le ripercuzzioni possibili, potrebbe ri-precipitare gli States ai tempi dell’assassinio di Martin Luther King.

Credetemi, la notizia mi ha sconcertato.

Non sono un fan assoluto di Barack Obama (anche perché, per poterlo essere, una persona, in primo luogo, dovrebbe essere statunitense), però, credetemi, la notizia non ha mancato di scombussolarmi e, dico sul serio, preoccuparmi.

Obama, al di là di tutto, è, in effetti, perfetto emblema del self made man, che non solo si è fatto da sé, si è anche riuscito a liberare senza remore e senza pudori ipocriti da un passato di consumo di droghe e di alcolici (gente italica, notate, non si è mai fatto tema di nascondere il suo passato! Ve la immaginate una cosa del genere qui da noi?), e, infine, cosuccia non da poco, è riuscito ad arrivare alle presidenziali americane con le sue sole forze, avversato dall'elettorato bianco, ricco ed evangelista, leviatano mostruosamente potente e con le mani in pasta in un oceano di lobbies, prima fra tutte quella del petrolio (tra l'altro, secondo me, c’è pure il rischio che le elezioni le vinca!).

Quindi: “NON TOCCATEMI OBAMA!”

Nazisti di tutto il mondo, vi avverto: se non volete un novello Simon Wiesenthal che vi insegua in capo la mondo per farvi a brani le chiappe col suo raggio della morte personale, state lontani da Barack!

...

Bye,

Davide.

 
 
 

Che pena, che mondo!

Post n°58 pubblicato il 31 Maggio 2008 da retiarius72
 
Tag: sfoghi!
Foto di retiarius72

Ho avuto una disavventura con la Tim ed un suo "partner commerciale", Jamba, e, visto come è andata e come mi è stato risposto, non posso esimerimi dal raccontarvi quanto è accaduto...

Questo nella speranza che quanto è successo a me non succeda ad altri.

Non vorrei essere prolisso, ma purtroppo, la storia è abbastanza complicata.

Allora, mi viene regalato un terminale in grado di navigare in rete, e, così, decido di chiamare la Tim per farmi spiegare come impostarlo. L'operatrice che mi risponde mi offre di attivare un'opzione settimanale del costo di 2 eu., che prevede la possibilità di scaricare un fisso di 100 mb., senza altro aggiungere.

Ieri carico il cellulare di 30 eu., e, nel frattempo, mi viene anche la brillantissima idea di scaricare un gioco dei Simpson dal sito Jamba, cosa che avrebbe implicato l'attivazione di un abbonamento da 4 eu. settimanali (mi sono detto: lo faccio, e, se mi annoio, massimo una settimana e disdico tutto).

Ieri sera provo a mandare un messaggio, e, sorpresa, il credito telefonico è esaurito!

Come mai, mi chiedo?

Chiamo in Tim, al 119, e, _solo ieri sera_, mi viene detto che la promozione attivatami, qualora il credito scenda al di sotto dei 5 eu. (non a credito nullo, chiarisco, perché è importante!), non si rinnova!

Risultato, ca 20 eu. bruciati senza sapere ne' come ne' perché...

Ma non finisce qui: grazie alla mia brillante idea di scaricarmi il gioco dei Simpson, mi arriva una raffica di messaggi _non richiesti_ (tre in tutto) relativi ad _altri giochi e suonerie_...

Altra sorpresa - cosa che ho scoperto oggi - ognuno di quei messaggi ha implicato una decurtazione di credito dai 2 ai 5 eu. a messaggio!

(Premetto che non li ho scaricati, ma cancellati, ma, a quanto pare, non fa la differenza!)

Oggi, quantomai infuriato, cerco di disattivare il servizio Jamba, copio diligentemente la sintassi per la disattivazione ("Offclubpower"), e, naturalmente, questa non funziona!

Vado sul sito Jamba, et voilà: "Per disattivare (il serivizo, aggiungo io) manda un SMS con OFFCLUBPLUS o OFFCLUBPOWER o OFFCLUBMUSIC al 48277 o chiama il 48277 da telefono Telecom Italia", ci riprovo e nada, nix, rien!

"Controllare la sintassi dalla 'offpowerkey'"!

Chiamo il numero urbano per la disattivazione, 0230353033, e, indovinate... Nulla!

Muto, nessun risultato!

Dopo cinque minuti di sfuriate, finalmente trovo un numero verde (800979219), che, finalmente, funziona...

Peccato che ormai i miei soldi fossero finiti in cenere!

E sapete cosa mi ha detto la Tim?

Che, questi messaggi, sono analoghi a virus informatici, e che loro non possono farci nulla, perché "non c'è una legge in proposito"!

Avete capito?

L'operatore di rete, che dovrebbe impedire che i suoi utenti non vengano tartassati, "non puo' farci nulla"!

In piu', poco importa che sulla linea non ci siano piu' soldi: _il credito va in negativo!_

E, ovviamente, come si dice in questi casi, al danno si è aggiunta la beffa: la disabilitazione del servizio che permette di scaricare 100 mb. a settimana è _definitiva_! Ovvero, anche se il credito torna _al di sopra dei famigerati 5 eu._ il servizio, contrariamente a quanto credevo, _non_ si ri-attiva piu'!

Andrebbe attivato di nuovo, su vostra esplicita richiesta!

In definitiva, ho bruciato anche i 30 eu. che ho caricato oggi!

(Non solo in realtà, sono _di nuovo_ a credito negativo!)

Ma come è possibile che questa gente agisca così impunemente?

Perché deve essere il consumatore a doversi difendere?

Tra l'altro, che dovrei fare, se non mi rimborsassero?

Spendere 2000 euro di avvocato per intentare una causa contro un mostro come la Tim, o la sua misteriosa controparte, Jamba?

Tsk-tsk, come lottare coi mulini a vento...

E sapete qual è la cosa che piu' mi imbufalire?

Che loro lo sanno!

Sì, confidano proprio nel fatto che l'utente medio si senta esasperato, cosi' esasperato da considerarsi sconfitto a priori!

Un operatrice Tim di Roma molto gentile dice che si sta "occupando della cosa", quindi, quanto alla Tim, chissà, però circa Jamba posso salutare i miei soldini!

Bello, eh?

Che pena, che mondo!

Qui non si fa altro che pensare sistemi per fregarci!

Saluti a tutti, e occhio alla penna, gente!

Bye,

Davide.

 
 
 

La Formula di Dio

Post n°57 pubblicato il 08 Maggio 2008 da retiarius72
 

Questo post è un post anomalo.

Per quanto lo stia “immettendo” nella sezione “Cosmologia”, in effetti, sarebbe potuto stare benissimo nella sezione “recensione libri”.

Tutto nasce, infatti, dal libro “Einstein e la Formula di Dio”, di José Rodriguez Dos Santos.

Il punto però è che questo libro mi è piaciuto così tanto ed ha avuto per me delle implicazioni così considerevoli (per quanto non del tutto condivise, come dirò dopo) che scriverne alla stregua di un mero commento volto ad indurvi a comprarlo sarebbe stato, come dire, assai limitante.

Tralascerò la trama (per conoscere la quale dovrete leggerlo), anche perché, senza per questo volere offendere in nessun modo né il libro né l’autore, quello che conta in questo testo non è tanto la storia in sé per sé, ma la concezione di fondo che sottostà alla storia. In altri termini, per quanto affascinante sia la trama, è, come dire, del tutto subordinata alla concezione scientifico-filosofica che tale libro esprime.

Come è facilmente deducibile dal titolo, questo libro parla di Dio.

Ma, avendo profondamente affascinato e colpito una persona razionalista e a-religiosa come me, capirete che la divinità intesa nel senso delle tre religioni monoteistiche principali (Cristianesimo, Ebraismo e Islamismo), non c’entra assolutamente nulla.

(En passant, ma di questo scriverò dopo, mi è parsa una notevole coincidenza quella che ho scoperto esistere tra la mia Weltanschauung e quella di Dos Santos, per quanto, come ho già detto, ci siano tra esse delle differenze)

D’altronde, come Dos Santos magnificamente esprime, non potrebbe essere in altro modo.

Riferendosi alla Bibbia, fa dei ragionamenti così stringenti e puntuali che contraddirlo diventa molto difficile.

Ad esempio: Dio è buono e onnipotente?

Se così, fosse, come pretenderebbe la Bibbia, per quale ragione permetterebbe l’esistenza del male?

Facendo un semplice ragionamento logico, è palese che i due concetti siano così contradditori da non potere coesistere: se Dio è buono, non può essere onnipotente, dal momento che non riesce ad eliminare il male. Se, al contrario, è onnipotente, non può essere buono, visto che permette l’esistenza del male (in altri termini, se esiste, è una forza a-morale).

Un concetto esclude l’altro.

C’è poi un paradosso che spiega l’impossibilità dell’onnipotenza, che può essere formulato in questo modo: se Dio è onnipotente, può creare una pietra che sia così pesante da non potere essere nemmeno sollevata da lui stesso. Ma, se è così, capirete che c’è una fondamentale contraddizione: se Dio non riesce ad alzare la pietra, significa che non è onnipotente.

Ma non finisce qui: se ci riesce, vuol dire che, in ogni caso, non è onnipotente, perché non è riuscito a creare una pietra che non sarebbe potuta essere sollevata nemmeno da lui.

Credetemi, non sto vaneggiando.

Tutto questo mi serviva unicamente a farvi capire che non sono stato fulminato sulla Via di Damasco...

E, in effetti, sempre utilizzando la logica, vi dimostrerò cosa intendo (o, meglio, che il Dio della Bibbia è una creazione umana, concepita come Padre Universale, il cui scopo sarebbe quello di proteggerci nei momenti in cui ci sentiamo perduti).

In effetti, alla base delle teoria del Big Bang, c’è un grosso “però”, che, quando ci si interroga con gli strumenti che la logica ci fornisce circa le sue caratteristiche intrinseche diventa difficile - per non dire impossibile – ignorare.

Ora mi speigo: presumendo che il tempo e lo spazio siano nati col Big Bang, la catena della causalità (da cui, per farla semplice, ad una causa segue un effetto), dovrebbe essere nata con lo "spazio-tempo" stesso.

Ma, se davvero è così, se, cioè, prima del "Grande Botto" quanto esisteva (se così si può dire), esisteva in una dimensione a-spaziale ed a-temporale, allora non potevano nemmeno esserci cause, e, a seguito di queste, effetti...

Partendo da questo assunto, la stessa venuta ad esistenza del cosmo, prendendo ovviamente per buoni i presupposti del Big Bang, non avrebbe ragione di essere...

O, meglio, non sarebbe potuta essere.

Eppure, è...

E noi siamo la prova più semplice, immediata ed evidente di ciò.

Quindi, quando nella Bibbia leggiamo “Io sono l’Alfa e l’Omega”, allora, forse, qualcosa di vero c’è, perché, senza una forza scatenante, il Big Bang non sarebbe potuto essere.

Come fa Dos Santos a dimostrare l’esistenza di Dio?

Qui non voglio rovinare il piacere della lettura di “La Formula di Dio” a quanti possano essere intenzionati ad acquistarlo, quindi qui inserisco un bell’avviso di

SPOILER

(Che, certamente saprete, non è inteso qui nel senso della propaggine aerodinamica che contraddistingue certi veicoli, ma nel senso di “Chi vuole comprare ‘La Formula di Dio’ è meglio che si fermi qui, altrimenti leggerlo avrà poco o nessun senso e gli verrà una notevole voglia di prendermi a botte”.)

Dunque, tornando a bomba a quanto detto sopra, come fa Dos Santos a dimostrare l’esistenza di un “principio creatore”?

Nella trama del libro l’onere è lasciato sia ad Einstein (come è facilmente intuibile), sia ad un personaggio fittizio, il matematico Augusto Siza, i quali giungono alla dimostrazione dell’esistenza di Dio in due modi distinti.

La prima dimostrazione è quella einsteiniana, ed è strettamente legata sia alla lettera biblica ed allo schema letterario dei sette giorni che alla relatività.

Per chi è totalmente digiuno di Einstein, si fa necessaria una breve spiegazione: questi ha in sostanza dimostrato che il “tempo assoluto” newtoniano non esiste,  che eventi che possono sembrare contemporanei per un dato osservatore non lo sono per un altro, e che, infine, tempo e spazio sono una medesima entità, e che non solo l’uno non può darsi senza l’altro, ma anche che uno è strettamente collegato all’altro.

Su queste basi, Dos Santos ci fa credere che Einstein fosse giunto a dimostrare che la lettera biblica non andasse interpretata testualmente, ma in chiave relativistica.

In altri termini, il primo giorno, in cui viene separata la luce dalle tenebre, corrisponderebbe ad otto miliardi di anni - sarebbe cominciato 15,7 miliardi di anni fa e sarebbe terminato 7,7 miliardi di anni fa.

Il secondo giorno, in cui vengono separate le acque superiori (che si pensava stessero sopra la volta stellare) dalle acque inferiori, sarebbe durato quattro miliardi di anni e sarebbe terminato 3,7 miliardi di anni fa.

Il terzo giorno, in cui vengono separate la terra, il mare e il regno vegetale, sarebbe corrispondente ad un periodo iniziato 2 miliardi di anni fa e terminato 1,7 miliardi di anni fa.

Il quarto giorno, in cui vengono poste nel firmamento le due luci maggiori, il Sole e la Luna (separazione del giorno dalla notte, i cosiddetti "luminare maggiore" e "luminare minore"), sarebbe durato 1 miliardo di anni e sarebbe terminato 750 milioni di anni fa (e qui c’è una apparente contraddizione: qualcuno di voi potrebbe obiettare: “Ma il sole e le stelle non erano apparse nel secondo giorno?” In effetti, sì, ma non erano visibili, o meglio, l’atmosfera divenne trasparente lasciando vedere il cielo solo successivamente, in questo periodo).

Il quinto giorno, in cui vengono creati gli esseri marini e gli uccelli ("e vengono benedetti perché possano moltiplicarsi", ma questa è un’altra storia), sarebbe cominciato 750 milioni di anni fa e sarebbe durato cinquecento milioni di anni.

Il sesto giorno, in cui vengono creati gli animali e l'uomo, sarebbe cominciato 250 milioni di anni fa (qui c’è una sottigliezza, su cui non mi dilungo per appesantire troppo il post, ma che se volete vi spiego).

Anche se questa vi sembrerà un’assurdità, in realtà ad essa sottostanno precisi calcoli basati sulla relatività.

Considerando questa coincidenza, ecco quindi che la lettera della Bibbia assume un valore diverso - anche per chi, come me, è a-religioso.

Per quanto concerne la seconda spiegazione propostaci da Dos Santos - l’altra modalità attraverso cui l’autore perviene alla dimostrazione dell’esistenza di Dio - questa passa attraverso tre presupposti.

Anzitutto, il Principio Antropico.

Per chi, come sopra, sia digiuno di questi argomenti, il Principio Antropico può essere spiegato in modo assai semplice: la struttura delle cose, sia a livello microscopico che macroscopico, sembra essere concepita appositamente per permettere il nascere e l’evolversi della vita intelligente (il valore che hanno le masse sub-atomiche, la costante cosmologica, la gravità, e, circa la Terra, sempre più andando nel dettaglio, la sua inclinazione rispetto all’eclittica, la presenza di un campo magnetico che ci protegge dagli effetti nocivi del Sole e dai raggi cosmici, e l’elenco potrebbe continuare a lungo, tutto sembra così assurdamente preciso da parere progettato appositamente per permettere l’evolvere della vita senziente).

Poi, correlato al Principio Antropico, l’Intenzionalità della Creazione.

Anche questa viene dimostrata attraverso un paradosso (che fu formulato da William Paley nel 1802 nella sua “Natural Theology”): immaginate di essere in un ristorante, e di trovare, di fronte a voi, un masso. Cosa pensereste? Che, per quanto possa trattarsi di un’eventualità anomala, questo oggetto che voi vi trovate di fronte altro non è che un prodotto della Natura. Immaginate ora di trovarvi di fronte un orologio – ovviamente, la finzione del paradosso vuole che voi non sappiate cosa sia. Ebbene, per quanto voi potreste non capirne la finalità, non avreste neanche il minimo dubbio circa il fatto che dietro di esso ci sia un artefice intelligente. Ora, se questo è vero per un orologio, perché non deve esserlo nei confronti di una cosa così complessa come il creato (o di “ciò che esiste”, se siete degli atei convintissimi e la parola “creato” vi suona male)? Prendete, di nuovo, così come fa il Principio Antropico, ad esempio, la natura della materia e dell’energia, la meccanica celeste, la natura delle stelle e dei pianeti, pensate al processo in base a cui esse si formano e considerate questo come l’immenso meccanismo che sembra essere: diventa difficile pensare ad un puro e semplice caso, giusto?

E’ chiaro che, in quest’ottica, sembra essere evidente un processo “intelligente” e “deliberato” di creazione.

Infine, di nuovo, la natura del tempo.

Non esistendo un tempo unico ed universale, ciò significa che una cosa è contemporaneamente non ancora accaduta ed è già accaduta.

Il matematico Laplace formulò un magnifico principio, che poi divenne noto come il demone di Laplace, ed esso afferma: “Possiamo considerare lo stato attuale dell'universo come l'effetto del suo passato e la causa del suo futuro. Un intelletto che ad un determinato istante dovesse conoscere tutte le forze che mettono in moto la natura, e tutte le posizioni di tutti gli oggetti di cui la natura è composta, se questo intelletto fosse inoltre sufficientemente ampio da sottoporre questi dati ad analisi, esso racchiuderebbe in un'unica formula i movimenti dei corpi più grandi dell'universo e quelli degli atomi più piccoli; per un tale intelletto nulla sarebbe incerto ed il futuro proprio come il passato sarebbe evidente davanti ai suoi occhi”.

Ora, è evidente che se esiste (o è esistita) una intelligenza così evoluta da essere in grado di permettere a ciò che esiste di assumere la natura che ha assunto, e se è vero che in un’ottica relativistica un dato fenomeno è contemporaneamente non ancora accaduto ed è già accaduto, allora ciò significa che tutto è determinato.

Per dirla in altri termini, cito letteralmente Dos Santos: “L’universo è stato concepito con un ingegno tale da denunciare intelligenza e con una tale precisione da lasciare intravedere un proposito. La nostra esistenza non ha la minima possibilità di essere accidentale per il semplice fatto che tutto è determinato fin dall’inizio”.

E’ chiaro che il creatore, così inteso, non è un Dio onnisciente e barbuto, ma tutt’altro.

Dio non è altro che l’universo che si è fatto materia, poi materia intelligente, poi Intelligenza Artificiale, poi IA diffusa a livello universale,  poi “divinità” (latu sensu, parliamo solo di un principio onnisciente, in grado di manipolare la materia dall’infinitesimo all’infinitamente grande) in grado di contrastare l’Entropia e permettere al cosmo di rinascere, in un ciclo continuo di morte e rinascita assai simile (si può dire “spaventosamente” simile) a quello enunciato dal Brahmanesimo.

Fantastico, vero?

Per me lo è, però ha anche delle implicazioni terribili (affascinanti, ma, per chi, come me, spera, in fondo, nel contrario, terribili, così terribili da sembrare mostruose, quasi oscene, se mi passate il termine).

Adesso vado a concludere: se è vero tutto quanto enunciato sopra, allora quanto Kant temeva (di ciò si può trovare traccia nell’introduzione alla seconda edizione della “Critica alla Ragion Pura”), e che cioè l’uomo non sarebbe mai potuto giungere ad alcuna conclusione utile (intendo utile perché vera) circa Dio, l’Immortalità e il Libero Arbitrio non è esatto, perché:

1)      Dio, come spiegavo, è la stessa materia che si fa “principio divino e creatore” (avete presente il mio altro post “Sia la luce”? Se no, leggetelo, vedrete che il citato “L’ultima domanda” di Asimov, con il suo Multivac che si fa Dio ed inverte l’Entropia è paurosamente simile a quanto ipotizzato da Dos Santos);

2)      L’immortalità - dell’uomo e di qualsiasi altra cosa - non esiste. La materia non è altro che un hardware in cui è iscritto un software il cui fine è quello di evitare il Big Freeze, portare al Big Crunch e fare rinascere tutto (nella fattispecie dell’essere umano, è evidente che questo ruolo di software lo assuma il DNA);

3)      Il Libero Arbitrio non esiste: se tutto è determinato ed è finalizzato al perpetuarsi del ciclo di morte e di rinascita cosmica che contraddistinguerebbe il nostro universo, il Libero Arbitrio non può esistere (da notare come più di uno scienziato, di recente, abbia rilevato come la differenza esistente tra noi, e, ad esempio, una forma di vita inferiore come un insetto, stia solo nella qualità e nella quantità di stimoli che ci condizionano, costantemente e quotidianamente).

Non trovate che tutto questo sia assieme affascinante, bellissimo e terribile?

Diamine, personalmente, spero proprio non stiano così le cose...

Sia perché talvolta trovo consolazione nel pensare a Dio e all’Immortalità tradizionalmente intese (per quanto anche io sia quasi convinto che Dio è una forza immanente, trascendentale e necessariamente impersonale ed amorale), sia perché, ammettiamolo, pensare che siamo né più né meno che dei raffinatissimi organismi biologici pre-programmati, in tutto paragonabili a dei robot in carne ed ossa con un software già impostato (peraltro, dalla notte dei tempi), mi fa immensamente girare le palle!

Comunque, e qui concludo davvero: come ho fatto notare in un altro mio post, le teorie dell’universo ciclico hanno, a mio parere, un difetto logico di base, profondamente invalidante...

Quello che Dos Santos asserisce difficilmente è vero perché la ciclicità che i suoi assunti teorici presumono è infinita.

Mentre invece, un inizio, unico ed assoluto, un vero ed autentico Alfa, deve pure esserci stato, no?

Fin.

 
 
 

Napoleone is death

Post n°56 pubblicato il 23 Ottobre 2007 da retiarius72
 
Foto di retiarius72

..L'anno scorso, col numero 54, e io non lo sapevo.

Naturalmente, il Napoleone cui alludo io è il "Napoleone", nato nel 1997 (se non erro) dalla fantasia di Carlo Ambrosini, uno dei migliori sceneggiatori di tutta la "scuderia" Bonelli.

E' triste come gli impegni continui, specie quelli lavorativi, ti portino via il tempo, e così di brutto che nemmeno hai l'occasione di andare in edicola a comprare uno dei tuoi fumetti preferiti, ma così è... Lo stesso mi è successo con la magnifica "Gea" (chi legge fumetti sa che Luca Enoch è un grande, e quanto bello e atipico sia Gea come fumetto), nel senso che ugualmente mi sono dimenticato di comprarla, però, in quel caso, il discorso è diverso, visto che Gea è nata come "romanzo a fumetti", e quindi era destinata a finire di suo (vabbe', ad essere "filologici", anche Napoleone non doveva andare oltre il numero 8, però è un altro discorso, occhei?).

Questo è il motivo per cui un post da sezione "Fumetti", mi finisce dentro "Purple Pills": l'arrabbiatura (si fa per dire, poi spiegherò) derivante non solo dall'essermelo perso per mesi, ma, soprattutto, il fatto, nel momento in cui me non sono ricordato, di sapere che non usciva più, e nemmeno da poco, ma da circa un anno, perché, appunto, "Napoleone", come serie - bimestrale, per altro - era defunta.

Dunque, parlavo di arrabbiatura.

Beh, arrabbiatura è una parola grossa, però, davvero, il fatto che Napoleone non uscirà più mi intristisce (sempre di retorizzazioni si tratta, non prendetemi troppo sul serio), perché era realmente un fumetto sui generis.

Anzitutto, per il modo in cui il protagonista interagiva col suo inconscio, che gli si palesava sotto forma di tre allucinazioni semi-permanenti: Lucrezia, Caliendo e Scintillone.

Lucrezia è una ninfetta, presumo, nell'intento dell'autore, emblema della natura duplice dell'animo umano (è molto femminile, molto sensibile e molto caparbia: insomma, è molto donna), Caliendo è un maggiordomo dal naso enorme e dalla tenuta old style, compassato e ligio alle regole, Scintillone è una sorta di quadrumane anfibio, insofferente alle imposizioni, al contrario di Caliendo.

Già il particolare di questi tre distinti e loici aspetti della personalità di Napoleone me lo rendeva simpatico, inoltre, in questa serie hanno sempre avuto un gran peso la psicanalisi e l'inconscio collettivo (e, inevitabilmente, con esso, gli archetipi), quindi, in un modo o nell'altro, era difficile non rimanere colpiti dalle singole storie. In effetti, Lucrezia, Caliendo e Scintillone o si manifestavano accanto a Napoleone, accompagnandolo nelle sue avventure, oppure vivevano le loro "vite" nel mondo archetipico cui appartenevano (in dipendenza sempre di quello che il loro "creatore" in carne ed ossa viveva e subiva, ovviamente).

Napoleone aveva altri tre comprimari importanti, questi però in carne ed ossa: l'ispettore Boulet, che, spesso, lo seguiva nelle indagini, che per tutta la serie si è ostinato a chiamarlo "Signore", sempre e comunque, malgrado fossero amici di vecchia data e Napoleone insistesse per farsi dare del "tu"; Allegra, ragazzina orfana salvata da Napoleone nel n. 4 della serie, della quale poi diveniva tutore legale, e, infine, la burbera e materna signora Simenon, governante dell'Hotel di proprietà di Napoleone, che si lamentava continuamente di lui e delle sue abitudini, ma, era evidente, gli voleva bene come avrebbe voluto bene ad un figlio.    

Napoleone è proprietario dell'Hotel Astrid di Ginevra. E' un ex poliziotto, emigrato dall'Etiopia a seguito delle rivoluzione sanguinosa del 1974 (o almeno presumo che sia quella: così fosse, Napoleone, nella serie, intendo, dovrebbe avere una cinquantina d'anni, ma non li dimostra affatto).

Vista la sua passata professione, la vocazione di detective gli è rimasta, e, in effetti, la serie era un giallo.

In ogni modo, si è sempre trattato di un giallo originale, atipico ed inconsueto, in cui, anzitutto, spesso i criminali non sono condannati (da un punto di vista morale, intendo) e, in secondo luogo, i "tòpoi" tipici del giallo classico, alla Conan Doyle o alla Agatha Christies, per intenderci, dove, i protagonisti, con geniale logica ferrea, giungono eroicamente alle conclusioni più improbabili, frequentemente sono del tutto assenti: al contrario, spesso e volentieri la dinamica del caso e del caos regnano sovrane, e, le attitudini holmesiane o marpoliane (perdonatemi il neologismo) mostrano la corda, parendo, rispetto alla serie Napoleone, palesemente tirate via (per dirla in altri termini: il mondo è troppo complesso perché, deducendo qui, arguendo là, si possa arrivare a conclusioni univoche, e questa "filosofia" ha fatto da perno a tutta la serie).

Non di rado questo fumetto mi ha commosso, non esagero (sul serio, senza esagerazioni retoriche, intendo), e non poche volte mi ha colpito profondamente.

Se pensate che la stia facendo più grossa del dovuto, vi consiglio "Il mio nome è Nessuno", che, per caso, ho letto di recente, trovandolo in biblioteca (episodio che, tra l'altro, mi ha fatto ricordare che m’ero dimenticato della serie): troverete che è una eccellente riflessione sul nominalismo nichilistico (ovvero, sui limiti di definizione della realtà di cui intrinsecamente la "legislazione" del linguaggio patisce), sull’ontologia, sulla mancanza e sul dolore derivanti dalla perdita di qualcuno che ci è caro, e sulla capacità (o sulla necessità, se preferite) di andare oltre tale dolore, perché, altrimenti, non potremmo continuare a vivere (per non parlare del fatto che è disegnato in modo spettacoloso, e il "custode" della porta che viene aperta dalla prima parola mai pronunciata fa paura).

Che dire, per concludere?

Speriamo che, “Al di sopra degli stagni, al di sopra delle valli, delle montagne, dei boschi, delle nubi, dei mari, oltre il sole e l'etere, al di là dei confini delle sfere stellate”, il nostro amico Napoleone sia sopravvissuto, e continui a vivere le sue strane, mirabolanti e dolce-amare avventure...

Over,

Dave.

p.s.: vi posto questo link di recensioni, per farvi capire quanto Napoleone fosse apprezzato:

http://www.sergiobonellieditore.it/auto/componi_recensioni?id_personaggio=9

p.p.s.: ho scritto "dolce-amare", vabbene? per una volta ho deciso di mettere da parte il mio cinismo, occhei? ;-)

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: retiarius72
Data di creazione: 17/12/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

controlaltcancRavvedutiIn2asmodaveevangelio.lucianolegalucaunioddelinquentedelfuturosonosophianiki_gigio
 

ULTIMI COMMENTI

incredibbile, kazzo, non riesco a postare un nuovo...
Inviato da: asmodave
il 01/10/2009 alle 00:35
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 15:40
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 21:50
 
tanks, e altrettanto!
Inviato da: Anonimo
il 14/10/2007 alle 14:20
 
ciao e buona domenica ...mohamed...
Inviato da: mohamed21
il 14/10/2007 alle 13:42
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom