Creato da angels_devils66 il 27/01/2009

brischyoliamo

di tutto e un pò di me

 

ahahahah

Post n°64 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

Una vecchietta minuta entra nello studio di un medico a piccoli passetti.
"Dottore ho un problema di gas intestinali. Non è che la cosa mi disturbi poi molto, perchè le puzzette che faccio sono silenziose e assolutamente non puzzolenti.
Però un po' mi infastidisce: vede, da quando sono entrata nel suo studio ne avrò mollate una decina. Naturalmente lei non se ne è accorto perchè sono silenziosissime ed inodori, però è così."
Il dottore la guarda e sussurra:
"Capisco, conosco bene questo tipo di problema. Faremo due cure separate. La prima cura consiste nel prendere queste pillole per una settimana ininterrottamente. Dopodiché torni da me e vedremo per la seconda parte della terapia."
Dopo una settimana la vecchietta si ripresenta.
"Dottore, non so che cavolo mi ha dato da prendere, ma adesso le mie puzze sono sì silenziose, ma di un fetore impossibile...!"
E il dottore, alzandosi con un sorrisetto le dice:
"Bene, nonnetta. Adesso che la sinusite è guarita vediamo cosa possiamo fare per l'udito!!!"

 
 
 

le olive

Post n°63 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

Due ragazzi andarono a rubare in un orto. Il contadino trovò uno dei due intento a rubare olive. Presolo di sorpresa gli diede un ceffone se lo mise sulle ginocchia e incominciò a infilargli tutte le olive nel culo. Il ladro scoppiò a ridere e il contadino sentitosi preso in giro continuò a infilargli olive. Ma il ragazzo continuava in perterrito a ridere a squarciagola . Dopo un po' il contadino stufo e arrabbiato disse al giovane "ora mi dici cos'hai tanto da ridere!" "sto ridendo perchè penso all'altro che ha rubato cocomeri!

 
 
 

i banditi e la vecchietta

Post n°62 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

Un gruppo di banditi assalta un treno, il capo al megafono ordina: "Tutti i passeggeri scendano dal treno".
Si avvicina un ragazzino che implora: "Signor bandito mia nonna è vecchia, la prego le risparmi questo trauma".
"HO DETTO TUTTI!" ribatte con decisione il capo, poi riprende: "Ed ora tutti i passeggeri devono depositare in quel sacco i loro averi." Si avvicina il ragazzo che lo prega nuovamente: "Ma signor bandito mia nonna è vecchia..."
"HO DETTO TUTTI!", lo interrompe seccamente il capo. "E adesso tutti i passeggeri si spoglino completamente, che mi voglio un po' sfogare".
Il ragazzo come al solito: "La scongiuro signor bandito, mia nonna è vecchia..."
"HA DETTO TUTTI!" Lo interrompe seccamente la vecchietta.

 
 
 

squilla il telefono

Post n°61 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

Squilla il telefono a casa Papagnetti, ma non c'e? nessuno tranne il cane.
Squilla, squilla, squilla, alla fine il cane si stufa e si arrampica al mobile del telefono, gli da' una zampata e rovescia la cornetta sul pavimento.
Voce: "Pronto? ".
Cane: "Bau!".
"Pronto?! ".
E il cane: "Bau! ".
"Ma chi parla? Non si capisce niente! ".
E il cane: "Bau! Bau! ".
"Pronto! Non la sento bene! ".
E il cane incazzato: "Bau! B come Bologna, A come Ancona, U come Udine! ".

 
 
 

ihihihih

Post n°60 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

Due squattrinati hanno una voglia matta di alcoolizzarsi ma non hanno soldi, decidono quindi di mettere su una messinscena per non pagare, si procurano un werstel e uno dei due se lo nasconde nelle mutande.
I due entrano nel primo bar bevono qualche birra poi, mario tira giù la cerniera, tira fuori il wurstel e urla all'amico "inginocchiati e succhia". Tutti i clienti del bar urlano allo scandalo e il barista butta fuori i due amici a calci.
Così i furboni hanno bevuto gratis... e decidono di continuare...
Ripetono la scena per una decina di locali, finché Silvio (l'amico di Mario) ubriaco marcio dice a mario "basta non ne posso più, ho bevuto abbastanza e mi fanno male la schiena e le ginocchia a furia di inginocchiarmi",
mario lo guarda un po' stralunato e replica:
"e io cosa dovrei dire che al terzo bar ho perso il wurstel!!!"

 
 
 

due amici

Post n°59 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

"Due amici fanno un'escursione in montagna, dopo qualche ora che camminano si fermano a riprendere fiato, ad uno dei due scappa di fare la pipi, cosi si apparta un po’ tira giù la cerniera e comincia a farla, ma improvvisamente salta fuori una vipera e lo morde proprio sul pisello, lui urla e accorre l’amico che preso alla sprovvista non sa cosa fare, poi si ricorda del suo amico dottore e pensa di chiamarlo con il cellulare: "Pronto, Gino, ho qui Franco che è stato morso da una vipera non ho il siero, cosa posso fare?", chiede disperato, e l'amico dottore gli risponde: "Senti la cosa migliore che puoi fare è cercare di succhiare con cura il veleno dalla ferita". Quando il ferito gli chiede: "Che cosa ha detto?", risponde: "Ha detto che devi morire.""

 
 
 

in convento

Post n°58 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

La madre superiore di un convento decide di riunire tutte le suore nell'atrio perché la sera prima è avvenuto un misfatto. Suora Madre: "Mie consorelle, ho deciso di riunirvi qui perché ieri sera nel convento è avvenuto un fatto deplorevole!". Tutte le suore: "OoooHhhh!"; una suora in fondo: "Hihihihihih!". La suora Madre continua: "Abbiamo trovato una giacca da uomo!". Tutte le suore: "OoooHhhh!"; la suora in fondo: "Hihihihihi!". La suora Madre: "C'erano anche un paio di calzoni da uomo !". Tutte le suore: "OoooHhhh!"; la suora in fondo: "ihihihihihi!!". La suora Madre: "Vi erano anche un paio di mutande da uomo!". Tutte le suore: "OoooHhhh!"; la suora in fondo: "Hihihihihihi!!". La suora Madre: "C'era anche un profilattico!!". Tutte le suore: "OoooHhhh!"; la suora in fondo: "Hihihihihihi!!". La suora Madre: "Il profilattico era bucato!!". Tutte le suore: "Hihihihihihihihi!"; la suora in fondo: "OoooHhhh!!"."
 
 
 

per ridere un po'

Post n°57 pubblicato il 22 Ottobre 2013 da angels_devils66

Una coppia con 4 figlioli vive in un monolocale. Sempre i figlioli tra le palle e non riuscivano mai a fare l'amore, così un giorno il marito dice alla moglie: "Senti, quando fai da mangiare fai finta di tagliarti un dito, così vai in bagno io vengo a medicarti e scopiamo". La moglie acconsente. Mentre taglia il pane grida: "ohi ohi mi sono tagliata, ragazzi, chiamate il babbo che venga a medicarmi!". Entra in bagno, arriva il babbo, chiude la porta e la tromba! I figlioli sono agitati; quello più grande, curioso, guarda dal buco della serratura. Dopo un po' tutto spaurito, si gira verso i fratelli e dice: "Ragazzi se vi tagliate state zitti senno il babbo vi incula tutti!!!"."

 
 
 

LETTERA DI UNA MAMMA A UN FIGLIO

Post n°56 pubblicato il 13 Settembre 2013 da angels_devils66

Caro figlio,
ti scrivo queste poche righe perchè tu sappia che ti ho scritto.
Se ricevi questa lettera, vuol dire che è arrivata. Se non la ricevi fammelo sapere, così te la rimando.
Scrivo lentamente perchè so che tu non sai leggere in fretta.
Qualche tempo fà tuo padre ha letto sul giornale che la maggior parte degli incidenti capitano entro un raggio di chilometro dal luogo di abitazione, così abbiamo deciso di trasloccare un po' più lontano. La nuova casa è meravigliosa: c'è una lavatrice, ma non sono sicura che funzioni. Proprio ieri c'ho messo dentro il bucato, ho tirato l'acqua e il bucato è sparito completamente.
Il tempo qui non è troppo brutto. La settimana scorsa ha piovuto due volte: la prima volta per tre giorni, la seconda per 4.
Ti voglio anche informare che tuo padre ha un nuovo lavoro. Adesso ha 500 persone sotto di se, infatti taglia l'erba nel cimitero.
A proposito della giacca che mi avevi chiesto. Tuo zio Piero mi ha detto che spedirla con i bottoni sarebbe costato molto caro per via del loro peso. Allora li ho staccati, Se pensi di riattaccarli, te li ho messi tutti nella tasca interna.
Tuo fratello Gianni, ha fatto una grossa sciocchezza con la macchina: è sceso chiudendo di scatto la portiera e lasciando dentro le chiavi. Allora è dovuto rientrare in casa a prendere il crick per spaccare il vetro e così siamo potuti scendere dalla macchina anche noi.
Se vedi Margherità salutamela da parte mia, se non la vedi non dirle niente.
Adesso ti saluto perchè devo correre all'ospedale. Tua sorella sta per partorire, ma non sappiamo ancora se avrà un bambino o una bambina, per cui non so dirti se sarai zio o zia.
Un forte abbraccio dalla tua mamma che ti vuole tanto bene.
PS: volevo metterti un po' di soldi ma avevo già chiuso la busta. 

 
 
 

COME NACQUERO LE POMPE FUNEBRI

Post n°55 pubblicato il 13 Settembre 2013 da angels_devils66

Durante il medioevo, quando un uomo moriva, per certificarne la morte, veniva chiamato il medico condotto, il quale, per verificare l'effettivo decesso, usava infliggere dolore al deceduto. Il modo più comune, utilizzato in quel tempo, era un potente morso inflitto alle dita dei piedi. Quasi sempre l'alluce. Nel dialetto del popolo il medico assunse così il nome di "beccamorto". 
Questa pratica diede origine a un vero e proprio mestiere. La tradizione prevedeva che tale mestiere fosse tramandato dal padre al primo figlio maschio.
Verso la fine del medioevo, accadde però qualcosa che cambiò il futuro dei beccamorti. Uno dei beccamorti più famosi non riusciì a concepire un figlio maschio: la moglie partorì 4 figlie femmine. Il beccamorto, per evitare l'estinzione del mestiere, domandò alla chiesa la dispensa per poter tramandare la professione alla propria figlia femmina, la quale, dopo aver ricevuto la benedizione, iniziò il suo lavoro di beccamorto.
Il caso volle che il suo primo morto fosse un uomo al quale un carro aveva tranciato entrambe le gambe. La ragazza era indecisa su dove infliggere il morso ma, alla fine, prese una decisione.
Nacquero così le "pompe funebri".

 
 
 

RIDIAMO UN PO'

Post n°54 pubblicato il 13 Settembre 2013 da angels_devils66

IL GENIO DELLA LAMPADA

Due giovani sposi stanno giocando a golf quando, durante un tiro di avvicinamento a una buca, la moglie sbaglia completamente il colpo e manda la palla a rompere il vetro di una villa lì vicino.
Preoccupati i due si avvicinano con cautela alla casa e rimangono stupiti da quanto sia bella. Intimoriti per il danno che la palla potrebbe avere provocato, e preoccupati per un eventuale risarcimento, decidono comunque di suonare alla porta. Non avendo risposta e notato che l'uscio è aperto, lo varcano piano piano. Entrati nello splendido salone, notano un'antica bottiglia rotta vicino alla finestra. All'improvviso un distinto signore di mezza età, vestito in modo molto arabeggiante, si presenta loro dicendo:
- Grazie per avermi liberato. Erano 5000 anni che vivevo rinchiuso in quella bottiglia. Ora posso esaudire tre desideri: due li lascio a voi, uno a testa, ma il terzo spetta a me!
Il marito senza neanche pensarci dice:
- Voglio uno stipendio da 100.000 euro al mese per il resto della vita!
La moglie lo segue:
- Voglio una casa di mia proprietà in ogni stato del mondo!
E il genio:
- E sia! Il mio desiderio invece è quello di fare sesso con la signora. Sapete com'è, dopo 5000 anni di astinenza ...
Marito e moglie convengono che con tutto quello che ci guadagnano, vale la pena sacrificarsi un po', così lei si apparta con il genio. Due ore dopo, finito il tutto, il genio, accesa la sigaretta comodamente adagiato tra le lenzuola, si rivolge alla donna:
- Quanti anni ha tuo marito?
- 35 ... perchè?
- E tu?
- 33, ma perchè?
- Non vi sembra che alla vostra età sia il caso di smettere di credere ai geni delle bottiglie? 

 

 
 
 

...

Post n°53 pubblicato il 17 Luglio 2013 da angels_devils66

Primo giorno di scuola, in una scuola Americana, la maestra presenta alla classe un nuovo compagno arrivato in USA da pochi giorni: Sakiro Suzuki (figlio di un alto dirigente
della Sony).
Inizia la lezione e la maestra dice alla classe: "Adesso facciamo una prova di cultura. Vediamo se conoscete bene la storia americana.
Chi disse: "Datemi la libertà o datemi la morte"?
La classe tace, ma Suzuki alza la mano.
"Davvero lo sai, Suzuki? Allora dillo tu ai tuoi compagni!"
"Fu Patrick Henry nel 1775 a Philadelphia!"
"Molto bene, bravo Suzuki!"
"E chi disse: Il governo è il popolo, il popolo non deve scomparire nel nulla ?"
Di nuovo Suzuki in piedi: "Abraham Lincoln nel 1863 a Washington!"
La maestra stupita allora si rivolge alla classe:
"Ragazzi, vergognatevi, Suzuki è giapponese, è appena arrivato nel nostro paese e conosce meglio la
nostra storia di voi che ci siete nati!"
Si sente una voce bassa bassa: "Vaff.... a ´sti bastardi giapponesi!!!"
"Chi l´ha detto?" chiede indispettita la maestra.
Suzuki alza la mano e, senza attendere, risponde: "Il generale Mac Arthur nel 1942 presso il Canale di Panama e Lee Iacocca nel 1982 alla riunione del Consiglio di Amministrazione della General Motors a Detroit."
La classe ammutolisce, ma si sente una voce dal fondo dire: "Mi viene da vomitare!"
"Voglio sapere chi è stato a dire questo!!" urla la maestra.
Suzuki risponde al volo: "George Bush Senior rivolgendosi al Primo ministro Giapponese Tanaka durante il pranzo in suo onore nella residenza imperiale a Tokyo nel 1991."
Uno dei ragazzi allora si alza ed esclama furioso: "Succhiamelo!"
"Adesso basta! Chi è stato a dire questo?" urla inviperita la maestra.
Suzuki risponde impeterrito: "Bill Clinton a Monica Lewinsky nel 1997, a Washington, nello studio ovale della Casa Bianca."
Un altro ragazzo si alza e urla: "Suzuki del c...o!"
Suzuki risponde impeterrito:"Valentino Rossi rivolgendosi a Ryo al Gran Premio del Sudafrica nel Febbraio 2005."
La classe esplode in urla di isteria, la maestra sviene.
Si spalanca la porta ed entra il preside: "C...o, non ho mai visto un bordello simile!"
Suzuki risponde impeterrito:"Silvio Berlusconi, luglio 2008, nella sua villa Certosa in Sardegna."

 
 
 

...

Post n°52 pubblicato il 28 Aprile 2013 da angels_devils66

Due carabinieri si sono persi nel deserto: da vari giorni camminano sotto il sole.
Ad un certo punto uno dice all'altro: "Ho una sete ... ".
E l'altro: "Sai ho un rimedio infallibile contro la sete: basta ciucciare un sasso!"
"Già peccato che qui ci sia solo sabbia ... ".
"Hai ragione accidenti!".
Lungo silenzio.

Ad un certo punto uno dei due esclama: "Ehi! Saremmo salvi se solo trovassimo un fiume!".
"Hai ragione: sul fondo dei fiumi ci sono sempre un casino di sassi!"


Un tizio assai appassionato di tennis ha un'apparizione nel sonno: E' San Pietro, al quale chiede: "San Pietro, ti prego, lo so che ti sembrerà esagerato, ma dimmi se in Cielo esistono i campi da tennis: non posso dormire senza sapere se quando verrà il mio giorno potrò ancora giocare".
E San Pietro: "Veramente non saprei dirti, l'addetto allo sport è San Tommaso, ma vorrei aiutarti, andrò a chiederglielo e poi ti riapparirò in sogno".
Passano alcuni giorni e San Pietro riappare in sogno:
"Ho buone notizie per te. In Cielo esistono i migliori campi a tennis che tu abbia mai potuto immaginare: in erba, in terra, in cemento. Spogliatoi eccellenti: tutto gratis".
"Grazie San Pietro, grazie".
Ma San Pietro aggiunge:
"C'è anche una brutta notizia ... ".
"Cioè?".
"C'è un campo prenotato per te domani!".


1- la maga che trasformava gli uominni in porci ... CICCIOLINA
    (tu dirai: ma non era una maga ... intanto però i pitoni sparivano)
2- si fa alla stazione ... TOSSICO
3- si mescola con la calce ... PENTITO
4- un argomento da evitare ... INTER
5- sono d'oro a 50 anni ... DENTI
6- si indossa nelle belle occasioni ... PRESERVATIVO
7- si mette nell'orecchio per attirare l'attenzione ... LINGUA
8- più forte di Golia ... FISHERMAN
9- si prova prima di comprarlo ... FUMO
10- vi è nato Archimede ... PAPEROPOLI
11- si risolve formando un nuovo governo ... NIENTE
12- circonda la villa ... DIGOS
13- in mezzo alla portiera ... DITA
14- può animare una festa ... RISSA
15- fa estrazioni milionarie ... DENTISTA
16- c'è quella da montare e quella da cucina ... DONNA
17- visita posti meravigliosi ... GINECOLOGO
18- li portano al parco i nonni ... CATETERI
19- un massimo popolare comico con i baffi ... D'ALEMA
20-  opposta allo zenith ... BULOVA
21- un componente della camera ... COMODINO


I bimbi di una classe delle elementari di una scuola cattolica vengono fatti allineare per il pranzo: c'è un vassoio di mele esposte con un bigliettino che dice:
"Prendetene solo UNA. Dio vi guarda!"
Lungo la fila ad un altro tavolo c'è una pila di dolcetti al cioccolato. Un bimbo mette un bigliettino con scritto:
"Prendete tutti quelli che volete. Dio sta guardando le mele!"


COME SOMMINISTRARE LA PILLOLA A UN GATTO

1) Prendete il gatto e sistematelo in grembo tenendolo col braccio sinistro come se fosse un neonato. Posizionate pollice e indice sui rispettivi lati della bocca del gatto ed esercitata una pressione delicata ma decisa finché il gatto apre la bocca. Appena il gatto apre la bocca, inserite la pillola in bocca. Consentite al gatto di chiudere la bocca, tenetela chiusa e con la mano destra massaggiate la gola per invogliare la deglutizione.

2) Cercate la pillola in terra, recuperate il gatto da dietro il divano e ripetete il punto n. 1.

3) Recuperate il gatto dalla camera da letto e buttate la pillola ormai molliccia.

4) Prendete una nuova pillola dalla confezione, sistemate il gatto in grembo tenendo le zampe anteriori ben salde nella mano sinistra. Forzate l'apertura delle fauci e spingete la pillola in bocca con il dito indice della mano destra. Tenetegli la bocca chiusa e contate fino a dieci.

5) Recuperate la pillola dalla boccia del pesce rosso e cercate il gatto nel guardaroba. Chiamate qualcuno ad aiutarvi.

6) Inginocchiatevi a terra con il gatto ben incastrato tra le gambe, tenete ben salde le zampe anteriori e posteriori. Ignorate il leggero ringhiare del gatto. Dite al vostro aiutante di tenere ben salda la testa con una mano mentre inserisce un abbassalingua di legno in bocca. Inserite la pillola, togliete l'abbassalingua e sfregate vigorosamente la gola del gatto.

7) Convincete il gatto a scendere dalle tende. Annotate di farle riparare. Scopate con attenzione i cocci di statuine e vasi rotti cercando di trovare la pillola. Mettete da parte i cocci con la nota di re-incollarli più tardi e, se non avete trovato la pillola, prendete un'altra pillola dalla confezione.

8) Avvolgete il gatto in un lenzuolo e chiedete al vostro aiutante di tenerlo fermo usando il proprio corpo in modo che si veda solo la testa del gatto. Mettete la pillola in una cannuccia, forzate l'apertura delle fauci del gatto aiutandovi con una matita e usando la cannuccia come cerbottana posizionate la pillola in bocca al gatto.

9) Leggete il foglietto illustrativo del farmaco per controllare che non sia dannoso per gli esseri umani. Bevete un succo di frutto per mandare via il saporaccio. Medicate il braccio del vostro aiutante e lavate il sangue dal tappeto usando acqua fredda e sapone.

10)Recuperate il gatto dal garage dei vicini. Prendete un'altra pillola. Incastrate il gatto nell'anta dell'armadio in modo che si veda solo la testa. Forzate l'apertura delle fauci con un cucchiaino. Ficcategli la pillola in gola usando un elastico a mo' di fionda.

11) Cercate un giravite nella vostra cassetta degli attrezzi e rimettete a posto l'anta dell'armadio. Medicatevi la faccia e controllate quando avete fatto l'ultima antitetanica. Buttate la maglietta e indossatene una pulita e intatta.

12) Telefonate ai pompieri per recuperare il gatto dall'albero del dirimpettaio. Chiedete scusa al vostro vicino di casa che rincasando ha sbandato e ha fracassato la macchina contro il muro per evitare di investire il vostro gatto impazzito che attraversava la strada di corsa. Prendete l'ultima pillola dalla confezione.

13) Legate le zampe anteriori e le zampe posteriori del gatto con una corda e legatelo al piede del tavolo. Cercate i guanti da lavoro e indossateli. Inserite la pillola nella bocca del gatto facendola seguire da un grosso pezzo di filetto di manzo. Tenete la testa del gatto in posizione verticale e inserite 2 bicchieri di acqua in modo da assicurarvi che abbia ingoiato la pillola.

14) Dite al vostro aiutante di portarvi al pronto soccorso, restate pazientemente seduti mentre i dottori ricuciono le vostre dita alla mano ed estraggono i frammenti di pillola dall'occhio destro. Sulla strada per tornare a casa fermatevi al negozio di arredamento  per comprare un nuovo tavolo.

15) Telefonate alla Protezione Animali per vedere se possono prendersi cura di un gatto mutante. Telefonate al più vicino negozio di animali per vedere se ci sono in vendita dei criceti.


DIALOGO TRA NINO E UN MEDICO

Medico. - Dunque ... Signor Giuffrida, che problema ha? -
Nino. - E' lei che me lo dovrebbe dire, io posso solo enunciarle i sintomi el mio malessere ... -
Medico. - Mi dica ... -
Nino. - Ecco ... vede ... ho forti mal di testa, talmente testardi nella loro manifestazione da non permettermi più di sorridere ... -
Medico. - Ma questo è impossibile! Un mal di testa non può pregiudicare la possibilità del sorriso. Lei avrà problemi di altro tipo ... Sarà una semplice emicrania, niente di più ... -
Nino. - Ma lei può guarirmi? -
Medico. - Senza dubbio, deve prendere tre compresse: mattina, mezzogiorno e sera ... e sarà come nuovo! -
Nino. - Con le pillole sorriderò? -
Medico. - No. Guarirò il suo mal di testa. -
Nino. - Ma io voglio sorridere, non mi frega un accidenti del mal di testa! -
Medico. - Si rivolga a un pagliaccio allora! -
Nino. - Già fatto. Gli avevo chiesto se poteva riportare il sorriso sulle mie labbra, ma dopo più di un'ora di patetici scherzetti con  l'acqua, barzellette, ecc, mi aveva soltanto provocato il mal di testa di cui ora soffro. Così, quando egli i domandò del perché non sorridessi ai suoi giochetti, io gli risposi che stavo male. E' stato in questo modo che ridente e soddisfatto mi disse che non potevo ridere per questo problemino alla testa, e che dovevo recarmi da lei per  guarire la mia apatia. Dottore lei può guarirmi vero? -
Medico. - Si trovi una ragazza e sorriderà come il sole in agosto! -
Nino. - Già fatto. Però, non vedendola sorridere con me, io l'ho imitata a perfezione tanto da farne un'abitudine. -
Medico. - Esca con gli amici allora ... -
Nino. - Già fatto. Ma dopo due o tre uscite mi hanno allontanato dicendo di essere troppo "diverso" e sempre per questo mio maledetto difetto di non saper sorridere! Dottore, la prego, mi aiuti! -
Medico. - Ha provato col far finta di sorridere? Magari pian paino imparerà e le verrà naturale ... -
Nino. - A ecco ... devo mentire! Grazie Dottore, questo non l'avevo ancora provato ... -

 
 
 

...

Post n°51 pubblicato il 11 Gennaio 2013 da angels_devils66

 

ops

 

Un ingegnere, un contabile, un chimico, un informatico e un funzionario pubblico si vantano ognuno di avere un cane meraviglioso.
Per dimostrarlo l'ingegnere chiama la sua cagnolina:
"Radicequadrata facci vedere cosa sai fare!"
La cagnetta trotterella verso la lavagna e disegna un quadrato, un cerchio ed un triangolo.

Il contabile dice al suo cane: "Attivopassivo, mostraci le tue competenze!"
Il cane va in cucina torna con una dozzina di biscotti e li ordina in tre pile uguali da quattro cadauna.

Il chimico dice: "Termometro fai il tuo numero!"
Il cane apre il frigo, prende un litro di latte, un bicchiere da 10 cl e vi versa esattamente 8 cl di latte senza farne cadere una goccia.

L'informatico ormai sicuro di batterli tutti: "Discorigido, impressionali!"
Il cane si mette davanti al computer, lo avvia, fa partire un antivirus, invia una email e installa un nuovo gioco.

I quattro guardano il funzionario pubblico e gli chiedono: "Il tuo cane cosa sa fare?"
Il funzionario con un sorriso dice:
"Pausacaffè facci vedere i tuoi talenti da funzionario!"

Il cane si alza mangia i biscotti, beve il latte, cancella tutti i files del computer, si accoppia con la cangetta dell'ingegnere e giura che facendolo si è fatto male alla schiena, quindi compila il formulario di incidente sul lavoro e prende un congedo di sei mesi.

 
 
 

TANTO PER RIDERE

Post n°50 pubblicato il 27 Ottobre 2012 da angels_devils66

Due carabinieri, apprendendo che la vendita di scarpe di coccodrillo può portare a lauti guadagni, danno le dimissioni e partono per l'Africa.
Ivi giunti, affittano una canoa e risalgono il fiume. All'improvviso vedono un coccodrillo che nuota beato, uno si tuffa e dopo una terribile battaglia alla fine lo solleva fuori dall'acqua.
Il suo compagno però lo guarda ed esclama: "Che sfiga, non ha le scarpe, ributtalo in acqua!".
Dopo un po' trovano un altro coccodrillo: uno si tuffa, battaglia all'ultimo sangue, ma dopo averlo sconfitto e sollevato il suo compagno esclama: "Ehhh, ma che scalogna! Anche questo è a piedi nudi, ributtalo dentro!".
La stessa scena si ripete varie volte finché i due decidono di rinunciare all'impresa e di ritornare in Italia.
Si ripresentano al maresciallo: "Purtroppo ci è andata male, vorremmo essere riassunti!".
"Certo, ma come mai avete fallito?".
"Il fatto è che di coccodrilli nell'acqua ne abbiamo trovati tanti, ma erano tutti a piedi nudi, senza scarpe!".
Il maresciallo si mette a ridere e poi dice: "Ma siete proprio scemi ... scusate un po', se erano nel fiume a fare il bagno, le scarpe le avranno lasciate in spiaggia, no?"

 
 
 

TANTO PER RIDERE

Post n°49 pubblicato il 04 Febbraio 2012 da angels_devils66

Una pattuglia di Carabinieri ferma una macchina passata con il semaforo rosso. Scendono in due, si avvicinano al guidatore ed
uno dei due gli dice: "Senta! Ma lei non si è accorto che è passato con il semaforo rosso?" Il guidatore: "e lo so, abbia pazienza, sa sono daltonico!" Stizzito interviene l'altro carabiniere:"EMBE' VORREBBE FARMI CREDERE CHE A DALTONIA NON CE LI AVETE I SEMAFORI!?!?!"

 
 
 

Barzelletta

Post n°48 pubblicato il 11 Gennaio 2012 da angels_devils66

Un vecchietto va dal panettiere:
"Mi scusi, vorrei 5 Kg. di pane!".
Il panettiere, stupito:
"Ma non gli sembra di esagerare? Perchè poi diventa duro ..."
E il vecchietto risponde:
"Allora me ne dia 10Kg.!


"Buongiorno. Vorrei una bomboletta di PRONTO!"
Il droghiere va nel retrobottega e torna con una bomboletta di PRONTO e una di VETRIL.
"Mi scusi, io volevo solo la bomboletta di PRONTO ... "
"Vede signora, una volta puliti i mobili, con i vetri sporchi, non si vedrà il lavoro fatto ..."
"Bravo, ha ragione, lo compro!".
"Vedi - dice il droghiere al commesso - così si fa!"
Entra una seconda signora:
"Buongiorno, vorrei una bottiglia di VETRIL ..."
Il commesso va nel retrobottega e torna con il VETRIL e il PRONTO.
"Scusi, io le avevo chiesto solamente il VETRIL ... "
"Cara signora, se lei pulisce i vetri si noteranno tutte le ditate sui mobili!"
"Ha ragione, compro tutto!"
"Bravo - fa il droghiere al commesso - la prossima cliente toccherà a te!"
Entra ancora una signora:
"Buongiorno ... Vorrei una scatola di TAMPAX."
Il commesso va nel retrobottega e torna con i TAMPAX, il PRONTO e il VETRIL ...
"Scusi, ma deve esserci un errore. Io le ho chiesto solo ..."
"Lo so - la interrompe il commesso - ma visto che questa settimana non si scopa, la vogliamo dare una pulitina alla casa?!"



 
 
 

IL PASSEROTTO

Post n°47 pubblicato il 03 Novembre 2011 da angels_devils66

 

uccellino

 

Un uccellino incontra un cane e gli chiede: "Tu chi sei?" e il cane: "Sono il cane lupo!" - "Non può essere: uno o è cane o è lupo!" E il cane, con tanta pazienza, gli spiega: "Mia mamma era una lupa e mio padre era un cane. Hanno fatto sesso e sono nato io: un cane lupo!"

Il passerotto si reca perplesso presso un ruscello per bere e qui vede un pesce: "E tu chi sei?" E il pesce: "Io sono la trota salmonata!" - "Non può essere: uno o è trota o è salmone!" E la trota: "Mia mamma era una trota e mio padre un salmone, hanno fatto sesso e sono nata io!"

L'uccellino perplesso si gira e vede un insetto: "E tu chi sei?" E l'insetto: "Sono la zanzara tigre... " E il passerotto: "Ma vanfan..... "

(dal web)

 
 
 

LA POLITICA SPIEGATA A UN BAMBINO

Post n°46 pubblicato il 25 Maggio 2011 da angels_devils66

Un bambino domanda al padre:"Papà, che cos'è la politica?" Il papà ci pensa un po' su e poi gli dice "Guarda, te lo spiego con un esempio: Io porto i soldi a casa, per cui sono il Capitalismo, Tua madre gestisce il denaro, quindi è il Governo, Il nonno controlla che tutto sia regolare, per cui è il Sindacato, La nostra cameriera è la Classe operaia, Noi tutti ci preoccupiamo solo che tu stia bene. Perciò tu sei il Popolo. E il tuo fratellino, che porta ancora i pannolini, è il Futuro. Hai capito figlio mio?" Il piccolo ci pensa su e dice a suo padre che vuole dormirci sopra una notte. Nella notte il bambino viene svegliato dal fratellino che piange perchè ha sporcato il pannolino. Visto che non sa cosa fare, va nella camera dei suoi genitori dove c'è sua madre che dorme profondamente e lui non riesce a svegliarla. Così va in camera della cameriera, dove trova suo padre che se la spassa con lei, mentre il nonno sbircia dalla finestra.. Tutti sono così occupati che non si accorgono della presenza del bambino perciò il piccolo decide di tornare a dormire. Il mattino dopo il padre gli chiede se ora sa spiegargli in poche parole che cos'è la politica. "Sì" risponde il figlio: "Il capitalismo approfitta della classe operaia, Il sindacato sta a guardare, Nel frattempo il governo dorme, Il popolo viene completamente ignorato ... ... e il futuro è nella m****"

 
 
 

Barzelletta

Post n°45 pubblicato il 07 Febbraio 2011 da angels_devils66

 

L’altra settimana ho portato degli amici a un ristorante e ho notato che il cameriere che ci ha preso l’ordinazione aveva un cucchiaio nel taschino della camicia, ma non ci ho fatto caso più di tanto.

Però mi sono accorto che ce l’aveva anche il ragazzo che ha apparecchiato… Mi sono guardato intorno e ho visto che tutto il personale aveva un cucchiaio nel taschino.

Quando il cameriere è tornato, gli ho chiesto il perché del cucchiaio.

“Vede – mi ha spiegato – i titolari si sono rivolti alla “McKinsey”, esperti in efficienza, per revisionare le procedure del ristorante. Dopo mesi di analisi statistiche, hanno concluso che i clienti fanno cadere il cucchiaio il 78% più spesso che le altre posate, per un totale di circa 3 cucchiai all’ora. Se il personale è pronto per queste evenienze, possiamo ridurre i viaggi cucina-sala, risparmiando 1.5 ore/uomo ogni sera.”

Appena ha finito di parlare, da un tavolo vicino è caduto un cucchiaio. Il cameriere l’ha sostituito subito, e ha spiegato: “Ora ho tutto il tempo di prenderne un altro di riserva con comodo, quando passerò dalla cucina, invece di andarci apposta”.

Ero impressionato. Il cameriere continuava a prendere gli ordini, e mentre i miei amici ordinavano, ho continuato a guardarmi intorno. Mi sono così accorto c he ciascun cameriere aveva un cordino che dall’asola dei pantaloni finiva dentro la cerniera. La curiosità mi ha spinto a chiedere al cameriere che cosa fosse quel cordino.

“Mi complimento per il suo spirito di osservazione, la McKinsey ha scoperto anche che potevamo risparmiare tempo in gabinetto. Ehm… Tirandolo fuori col cordino, possiamo avvicinarlo all’orinatoio senza toccarlo, eliminando la necessità di lavarsi le mani; cosi il tempo trascorso in bagno si riduce ben del 58%!”

“Ok, capisco – ho detto io – il cordino vi aiuta a tirarlo fuori, ma come lo rimettete dentro?”

“Beh – ha sussurrato – non so gli altri camerieri, ma io uso il cucchiaio…”

 

 
 
 
Successivi »
 

 

campagna anti troll

 

 

 

Profilo Facebook di Sironi Antonella

 

AREA PERSONALE

 

 

 

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sibillixmario.abenibrischy1titty6470smoby0mbelletGianpirexMatAndMarkmikib80alfacentauri.88rompotuttocritaino79Rete.Rossagiuseppeprimo45pietrablu
 

ULTIMI COMMENTI

certamente i post che pubblico li scopiazzo anch'io...
Inviato da: angels_devils66
il 22/10/2013 alle 03:36
 
Una risata ci voleva proprio in questa mattinata monotona....
Inviato da: margherita.lotti
il 13/09/2013 alle 12:45
 
eheheh!!! Carinissima! Ciao! virgola
Inviato da: virgola_df
il 03/11/2011 alle 14:44
 
l'attività tellurica della terra è in aumento, non...
Inviato da: pgmma
il 10/04/2009 alle 13:48
 
Simpaticissima!! :)
Inviato da: basta_chiedere
il 14/03/2009 alle 10:55
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom