io e cassandra

quello che accade

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
immagine
 

O N E

Is it getting better,
or do you feel the same
Will it make it easier on you now
You got someone to blame

You say one love, one life
When it's one need in the night
It's one love, we get to share it
It leaves you baby if you don't care for it

Did I disappoint you?
Or leave a bad taste in your mouth?
You act like never had love
And you want me to go without

Well it's too late tonight
To drag the past out into the light
We're one, but we're not the same
We get to carry each other... carry each other
One

Have you come here for forgivness
Have you come to raise the dead
Have you come here to play Jesus
To the lepers in your head

Did I ask too much, more than a lot
You gave me nothing, now it's all I got
We're one, but we're not the same
Well, we hurt each other, then we do it again

You say,

Love is a temple, love the higher law

Love is a temple, love the higher law
You ask me to enter, but then you make me crawl
And I can't be holding on to what you got
When all you got is hurt

One love, one blood
One life, you got to do what you should
One life, with each other
Sisters, brothers
One life, but we're not the same, we get to
Carry each other, carry each other
One
One

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

 

Da "Muntu | Laboratorio didattico"

Post n°144 pubblicato il 08 Marzo 2009 da casssandraaa

Il Simposio di Platone: dopo Fedro, Pausania ed Erissimaco, parla Aristofane: ed il suo discorso è tra le cose più note di Platone.
Racconta Aristofane un mito. Dice che in origine gli uomini non erano come ora. Esistevano uomini e donne che avevano quattro mani, quattro braccia, due volti, eccetera: insomma, due uomini e due donne attaccati per la testa, che era una sola. Esisteva poi un terzo genere, l’ermafrodito, che era formato da un maschio e una femmina attaccati anch’essi per la testa.
Questi esseri strani non erano poi tanto male. Si muovevano molto velocemente sulle otto membra ed “erano terribili per forza e per vigore e avevano grande superbia, tanto che cercarono di attaccare gli dei” (190 B). Zeus allora, che non voleva fare una brutta fine, decise di segarli in due: zac! Quelli che erano stati seperati desideravano ardentemente ricongiungersi, e vivevano attaccati, e perciò morivano di fame, perché non pensavano nemmeno a mangiare, pur di stare attaccati all’altra parte di sé. Allora Zeus, impietosito, creò gli organi sessuali, affinché potessero sperimentare la loro unione attraverso il sesso, dedicandosi ad altro quando erano sazi.
Succede dunque che nella vita quegli uomini che erano parte di un uomo originario, desiderano congiungersi ad un altro uomo: è l’amore omosessuale maschile. Quelle donne che facevano parte della donna originaria invece cercano un’altra donna: è l’amore omosessuale femminile. Infine, quelli che facevano parte dell’ermafrodito cercano una persona del sesso opposto: è l’amore eterosessuale.
Per Aristofane l’amore eterosessuale, quello che noi consideriamo normale, è una forma di amore che costituisce quasi un’eccezione. I migliori sono quei ragazzi che amano gli uomini, “perché per natura sono più virili” (192A). Sono loro che si occupano della politica, una volta cresciuti.
Insomma, per Aristofane l’amore è desiderio di unità con la persona amata, la quale non è una persona a caso, ma è quella stessa persona cui eravamo legati in origine. Questo vuol dire che esiste in un certo senso una persona predestinata, e che non è possibile amare allo stesso modo più persone. Conclude Aristofane: “la nostra razza sarebbe felice se ciascuno di noi conducesse l’amore al suo fine e ritrovasse il suo amato, ritornando, così, all’antica natura” (193 C).
Qui troviamo, dunque: a. l’amore come desiderio di unità b. la superiorità dell’amore omosessuale c. l’amore come “destino”.
L’Aristofane platonico potrà contribuire in qualche modo alla nostra personale riflessione sull’Eros?

 
 
 

La paura ci sta affondando

Post n°143 pubblicato il 05 Febbraio 2009 da casssandraaa

Non commento ...non ho parole.


 

 
 
 

SPERIAMO BENE PER TUTTI NOI...

Post n°142 pubblicato il 20 Gennaio 2009 da casssandraaa

 
 
 

Responsabilità...

Post n°141 pubblicato il 20 Gennaio 2009 da casssandraaa

Credo che ogni tanto sia necessario porsi delle domande e credo questo sia il momento...

 
 
 

...e  B U O N    A N N O!!!

Post n°140 pubblicato il 29 Dicembre 2008 da casssandraaa

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: casssandraaa
Data di creazione: 09/05/2006
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ikomcasssandraaavoglioandarviafavour_love10sagredo58alf.cosmosmedea111983psicologiaforenseSeria_le_Ladyun_altravitaermes.patrytartarughina1985WIDE_REDloveandpeacetoyou
 

 

NON TI MUOVERE...

Chi ti ama c'è sempre,

c'è prima di te,

c'è prima di conoscerti...

 

ULTIMI COMMENTI

niente e' caso tutto e' senso, solo che il senso...
Inviato da: ongy37
il 05/12/2011 alle 16:11
 
Ciao Monica, viviamo tempi difficili, anch'io ci sono,...
Inviato da: casssandraaa
il 17/02/2010 alle 16:24
 
tesoro ci sono..sempre..un pò stonata ma con l'anima...
Inviato da: ikom
il 15/02/2010 alle 23:57
 
troppo carino!
Inviato da: casssandraaa
il 04/08/2009 alle 11:04
 
Passo a tratti, a sbalzi, di notte, ma vi cerco e vi seguo....
Inviato da: casssandraaa
il 11/02/2009 alle 00:10
 
 

U N O

 

Sta andando meglio
oppure ti senti uguale?
Sarà più facile per te
ora che hai qualcuno a cui dare la colpa?

Tu dici un solo amore
una sola vita
quando c'é un solo bisogno nella notte
é un solo amore abbiamo la possibilità di condividerlo
ti lascia piccola se non te ne prendi cura

Ti ho delusa?
O ti ho lasciato un sapore amaro in bocca?
Ti comporti come se non avessi mai avuto amore
e vuoi che io ne faccia senza

Bhe é troppo tardi questa notte
per trascinare il passato alla luce
siamo uno solo, ma non siamo uguali
possiamo portarci l'un l'altro, portarci l'un l'altro

Sei venuta in cerca di perdono
sei venuta per risvegliare i morti
sei venuta per interpretare la parte di Gesù
ai lebbrosi nella tua testa

Ti ho chiesto troppo? più di molto
tu non mi hai dato nulla e ora é tutto quello che ho
siamo uno solo, ma non siamo uguali
ci feriamo l'un l'altro, e poi lo facciamo ancora

Tu dici l'amore é un tempio, l'amore é una legge superiore
mi chiedi di entrare, e poi mi fai strisciare
e io non ce la faccio a rimanere aggrappato a ciò che hai
quando tutto ciò che hai é dolore

Un solo amore, un solo sangue
una sola vita, devi fare ciò che devi
una sola vita, l'uno con l'altro
sorelle, fratelli
una sola vita, ma non siamo uguali
possiamo portarci l'un l'altro, portarci l'un l'altro
uno, uno

 

S A R A ED IL SUO MONDO

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom