Blog
Un blog creato da gates_of_dawn il 30/10/2003

Check Point

travelling through inner and outer space..

 
 

ALI DI CARTA

 

Copertina del libro Il cimitero di praga

 Umberto Eco
Il cimitero di Praga


 

Copertina del libro Libertà di Jonathan Franzen

Jonathan Franzen
Freedom

 


 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

venere_privata.xcassetta2IlGrandeSonnodaunfiorewalter.bortolossirenato.gabaldoDifettoDiReciprocitaventodamareclementeambroil_fiume_di_susicarezzadellanimaannarita.martellaliberantegates_of_dawnaltrodanoi
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

 

Walter Bortolossi "Sex - Measure of all things - A life of Alfred Kinsey" (2004)

Post n°257 pubblicato il 20 Marzo 2006 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn





"The only unnatural sex act is one you cannot perform."


Alfred Kinsey


 
 
 

Post N° 256

Post n°256 pubblicato il 25 Febbraio 2006 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn






"Cara Radio Popolare,
certo tu già sai che Radio24 ha chiuso la trasmissione quotidiana Zombie di Diego Cugia.  Oggi era l'ultima.

Abbiamo già visto questo vergognoso film, per Cugia (con Alcatraz), e per molti molti altri professionisti, giornalisti e artisti, seri, intelligenti e integri.
Santalmassi sostiene che è solo una sospensione, ma di censure più o meno mascherate ormai abbiamo troppe esperienze..

Cara Radio, ti seguo da quando sei nata, non so come potrei comprendere e sopportare questo mondo senza di te.
Ora ti scrivo per chiederti un favore, anche se non so se sarebbe possibile, ma so che siamo in tanti ad apprezzare Cugia.

Vorresti dare ospitalità a Zombie nel tuo network?
Tra le tue tante voci di radio meticcia c'è un po' di posto per un'altra voce apolide e libera?

Mai prima avevo ascoltato la radio del Sole24ore, manco sapevo della sua esistenza.
Solo quando ho saputo che trasmettevano Zombie, ti ho 'tradito', ma non con lei, l'altra radio, ma per lui, Diego Cugia, per quell'ora quotidiana di resistenza umana che ne ha fatto per me un'isoletta sorella, nell'ordine del senso, della mia amatissima e necessaria finestra sul mondo: tu, Radio Popolare.

Grazie, e buone trasmissioni,
Annamaria"



 
 
 

Post N° 255

Post n°255 pubblicato il 07 Febbraio 2006 da gates_of_dawn




Hai scritto:

no, e' solo polvere..


Io leggo:

polvere di stelle,

schiuma d'onda di mare del sud,

carne e sangue,

ponte che unisce passato e futuro,

fiamma incastonata in una goccia d'ambra


..e so bene, amico mio, che non è che una piccola parte..
 



 
 
 

Post N° 254

Post n°254 pubblicato il 31 Gennaio 2006 da gates_of_dawn






Annamaria dorme poco, troppo poco.



 
 
 

27 gennaio 2006

Post n°253 pubblicato il 27 Gennaio 2006 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn




MAI  PIU'




 
 
 

I have a problem!

Post n°252 pubblicato il 11 Gennaio 2006 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn


Bloggers avvisati, mezzo salvati!



Spettabile Polizia Postale,
 
vorrei segnalare una serie di attacchi che sto subendo da alcuni giorni sul mio PC di casa.
Si tratta di un dialer molto infido, in quanto disconnette la mia regolare connessione, e tenta una connessione a numeri a pagamento, inserendo un falso record nella mia cartella Connessioni di linea.
 
Credo di non avere subito danni, in quanto da due anni ho installato un software freeware (StopDialers della www.socket2000.com) che mi sembra efficace, ma ancora devo fare verifiche in tal senso con Telecom.
Grazie a questo software, che segnala il numero telefonico della tentata connessione, sono in grado di segnalarvene uno (non sono certa che sia stato sempre lo stesso, perché il numero di connessione appare temporaneamente, e non appena StopDialers blocca la connessione inautorizzata, la finestra con il numero scompare).
 
Il numero in questione è 899272793.
La finta connessione si installa con il nome ssavers_15 oppure ssavers_167, e altri dove la parte alfabetica è sempre 'ssavers' e quella numerica varia, ma è sempre di due o tre cifre.
 
Se posso esservi utile in qualche altro modo, fatemi sapere.. Lavoro in campo informatico.
 
Cordiali saluti,
Annamaria (..omissis..)




 
 
 

Post N° 251

Post n°251 pubblicato il 05 Gennaio 2006 da gates_of_dawn





A proposito dei misteri dell'universo, che poi per me quelli più affascinanti sono gli interrogativi che riguardano gli umani..

La scienza mira dritto al problema. Prima lo disfa in innumerevoli dettagli, ne sceglie uno, inizia a produrre ipotesi.  Una per volta le verifica e le falsifica, e pare strano ma spesso ottiene più informazioni da una risposta negativa che da una positiva. Scarta qui e scarta là, ogni tanto arriva ad una scoperta riproducibile. Il soggetto (lo scienziato) cerca per quanto è possibile di essere neutro e non condizionare l'operazione, e quindi l'oggetto.

La filosofia si immerge nel problema, lo frulla insieme a tutti i suoi elementi, lo contestualizza nel tempo e nello spazio, confronta ed elabora, e soprattutto interpreta. Nella ricerca filosofica il soggetto (il filosofo) non pretende di essere neutro, ed l'oggetto è sempre incastonato in una griglia interpretativa.

E poi c'è l'arte.
L'arte guarda all'universo con la coda dell'occhio, con uno sguardo obliquo, mai diretto, perché passa dall'anima senza filtri e la traiettoria prende un "effetto" mai prevedibile.
Uno sguardo miope, così che l'immagine che trasmette perde definizione, il senso comune esplode, e la visione diventa indefinibile o ridefinibile all'infinito.
Uno sguardo strabico, che elegge a visibilità la relazione tra schegge di senso mai prima collegate.
Uno sguardo presbite, incapace di fermarsi su quanto ha troppo vicino, per lanciarsi attraverso gli orizzonti. 

L'arte scopre misteri senza distruggere nulla, senza pretendere nulla, senza neppure sapere dove sta sgomitolando la matassa, e di che materiale è fatto il filo.
L'arte sogna, sogna verità, e ce le mostra senza spiegazioni.

Talvolta ne fa una freccia ardente che ci si conficca nella parte della mente che sta in mezzo al petto, e non ce la schiodiamo più.
Altre volte ci avvolge e ci consola con la certezza della bellezza, della forza e dell'amore.
 




Grazie, Inthemood e Orpheus!













 
 
 

Post N° 250

Post n°250 pubblicato il 03 Gennaio 2006 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn




"C'è una teoria che suppone che, se mai qualcuno scoprisse esattamente cos'è l'Universo e perché esiste, esso scomparirebbe istantaneamente e sarebbe sostituito da qualcosa ancor più bizzarro e inesplicabile.
C'è un'altra teoria che dice che ciò è già successo."
 
Douglas Adams, "The Hitchhiker's Guide to the Galaxy"




 
 
 

Post N° 249

Post n°249 pubblicato il 02 Gennaio 2006 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn





Gli attacchi alla Legge 194








IL 14 GENNAIO: 2 PIAZZE PER LE LIBERTA´


Le donne e gli uomini che hanno promosso le due manifestazioni nazionali del 14 gennaio, "TUTTI IN PACS" che si terrà a Roma in piazza Farnese dalle 14,30 e "USCIAMO DAL SILENZIO" che si terrà a Milano dalle 14.00, da Piazza Duca d´Aosta a Piazza del Duomo, stanno lavorando affinché le due piazze , che condividono temi importanti come la libertà e la responsabilità di donne e uomini sul terreno della sessualità, della procreazione e delle relazioni, possano dialogare e segnare un significativo momento di mobilitazione comune tra il movimento delle donne, quello gay, lesbico, bisessuale e transessuale e chiunque abbia a cuore le libertà civili.

Tale legame profondo sarà reso esplicito attraverso la presenza di delegazioni che interverranno ad entrambe le manifestazioni e alle conferenze stampa di presentazione.
L´utilizzo di segnali distintivi comuni sottolineerà il ponte ideale che c´è tra le due piazze.


TUTTI IN PACS

USCIAMODALSILENZIO


L’appuntamento per la manifestazione nazionale
del 14 gennaio a Milano è alle ore 14,00 in Piazza Duca d'Aosta (Stazione Centrale).
Il corteo si concluderà in Piazza del Duomo


 
 
 

Post N° 248

Post n°248 pubblicato il 01 Gennaio 2006 da gates_of_dawn



Cara P.,
ho visto sulla segreteria il tuo messaggio.
Oggi pomeriggio ero dai miei, non ho potuto esimermi, anche se voglia zero.
Come ti ho scritto in risposta ai tuoi auguri carinissimi, in portoghese, sono qui, invece di essere là.
Se mi permetti, tu che sei l'astrologa e la counselor, di prevedere qualcosa, ho idea che non appena ti racconterò come sono andate le cose tu mi dirai che un'idea ce l'avevi che fra un Acquario (io) e un Sagittario (lui), non avrebbe potuto funzionare.
Dopotutto tu un Sagittario l'hai sposato e lo conosci bene. E conosci bene anche me, dopo trent'anni di amicizia, ed è chiaro a chiunque mi conosca almeno un po' che con un uomo che ha bisogno di 'avere il controllo', e non ha mai provato a stare con una donna che prende delle decisioni, io non potrei avere una relazione.
Questa è la "retroanalisi" risultato di tanto domandarmi cosa gli stava succedendo. Ed è una riflessione sulla sua personalità al di là del motivo contingente della decisione di far saltare, improvvisamente e unilateralmente, questo progetto di incontrarci per Capodanno.
La questione immediatamente evidente è che lui da qualche settimana è depresso.
L'avevo già intuito da alcuni messaggi che non potevano avere altro senso, mi ha dato un parere esperto in questo senso anche G. il mio ex web-lover, che nel campo psichiatrico e psicoanalitico ci lavora da anni.
Mi sono angosciata, mi sono sentita più sola che mai. E mi ha creato anche una serie di problemi pratici, non ultimo un biglietto da 417 euro da buttare nella spazzatura. Ma possibile che una persona che dice di amarti, non si faccia un problema al mondo di cosa vivi tu, se ti dice che sei stata impulsiva  a prenotare il volo, e che non è il caso che tu vada da lui per trascorrere un capodanno deciso insieme, aspettato con gioia fino a due settimane prima?
Io credo che troppe persone parlano di amore a vanvera. 
Mi dispiace tanto per lui, mi dispiace che stia male, ma in una storia appena appena iniziata, in cui mi sono trovata a coinvolgermi quasi mio malgrado, dalla sua sensibilità, intuito, e dalla forza e la sicurezza dei suoi sentimenti, mi trovo totalmente spiazzata e insicura di tutto, compresa la mia capacità di capire le persone, che credo sia pari a zero.
P., tu sai cosa ho vissuto con e per Alberto, sei stata sempre presente e vicinissima ad entrambi.
Sai bene che ho
già sperimentato più che abbastanza cosa significa stare insieme ad un uomo affetto da depressione. E so sulla mia pelle che l'amore non serve a niente.
Non ho più energie per caricarmi delle conseguenze del "danno" accaduto ad un punto della storia di una persona, che continua a devastarla per il resto della vita.
Gli ho scritto: "E' stato come un bel sogno. Ora cerchiamo di dimenticare".
Cerchiamo di dimenticare .
Ti abbraccio forte, un bacione alla tua superbimba, speriamo in un anno migliore, e soprattutto nella forza di affrontare quello ci riserva il futuro, e ugualmente conservare il sorriso!
                                          Annamaria
 

 
 
 

1 dicembre 2005

Post n°247 pubblicato il 01 Dicembre 2005 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn

Hai ancora dubbi?


Perché l'AIDS esiste.



manifesto fotografato ad una fermata d'autobus a Porto (Portogallo)





 
 
 

Post N° 246

Post n°246 pubblicato il 20 Novembre 2005 da gates_of_dawn

... e ho fatto pure la malatina, l'ultima settimana..

Oggi sono uscita dopo giorni di reclusione costellata di starnuti e colpi di tosse, ormai in preda ad una crisi di astinenza da benzene, polveri sottili, e ossido di carbonio (è la scimmia di noi milanesi, ahimè...).
Perdipiù è appena arrivata l'arietta frizzante dalla Svezia, e ci collochiamo con nonchalance tra meno due e più sette.
Però c'è il sole :o))) 


Sono andata in centro e mi sono imbucata per un tempo incalcolabile dentro la Feltrinelli International. Senza alcun ritegno, mi sono seduta sull'unico pouf a esplorare libri portoghesi.

Prima di tutto, scopro un "Imparare rapidamente il Portoghese", con prezzo accessibile (non immaginate che prezzi folli hanno grammatiche e testi per imparare questa lingua!).  Proprio quello che mi serve, sto saltando troppe lezioni del mio corso, per un motivo o per l'altro, e rischio di restare indietro.

Ma voglio anche qualcosa da leggere. Dopo l'esperienza con  l'inglese il mio percorso all'interno di una lingua altra passa necessariamente attraverso la narrativa.
Mi passo lo scaffale, e riprovo la leggera vertigine che mi aveva sorpreso nella FNAC del NorteShopping di Porto: è un buco nero, per me, il mondo letterario portoghese, e non me ne sarei accorta mai, forse..  Non che qui ci siano molti libri, c'è giusto tutto Saramago, pochissimo di Pessoa, e qualcosa di altri tre o quattro autori spalmati su quattro secoli, dal 1500, al 1800. 
Scelgo un libretto di uno scrittore che si chiamava Camilo Castelo Branco (1825 - 1895), morto suicida. Titolo: "A mulher fatal". Il libro stesso sembra d'epoca, le pagine sono un po' giallastre. Chissà..

Ho letto di recente da qualche parte che dopo i quarant'anni è molto difficile imparare una lingua nuova..  ho ridacchiato!

Sono tornata a casa alle nove, e dopo mezz'ora arrivava un sms, anzi, un mensagem.



Quanti universi ci possono stare dentro una telefonata d'amore di quarantacinque minuti?



    

 
 
 

Post N° 245

Post n°245 pubblicato il 05 Novembre 2005 da gates_of_dawn

Aspettando una telefonata..

 

 

Stasera ho deciso di restare qui. Non mi sentivo di andare al cinese con gli amici festaioli. Che non sono più così festaioli come qualche anno fa. La vita picchia, troppo. E adesso gli stessi che allora erano l’ala leggera dei miei amici, si sono appesantiti. Sono discretamente infelici e non sanno come uscirne. (Grande Furio Colombo a Fazio!) Non per questo non  sono uscita. Esco volentieri con loro anche se non sono rapporti realmente equilibrati. Non lo sono mai stati. ma mi sono cari, con loro sono andata a Cuba nel ’99. Stavo così male, dovevo mettere chilometri tra me e il mio amore che mi aveva abbandonato. Ne ho messi ottomila e sono riuscita a sopravvivere.

Oggi che sto lasciandomi alle spalle anche il grande amore della mia vita, cazzo, ci ho messo ben sette anni! sono lenta, lenta, senza nessun riferimento a quel cazzo di rockpolitick che mi fa abbastanza incazzare.. finalmente.. nel senso inglese di ‘infine’. Infine / finalmente, sto staccandomi dalle illusioni. E dove sto dirigendomi? Dall’altra parte. Non avrei mai potuto immaginare una persona così agli antipodi rispetto all’antico amore tanto rimpianto. Sto perdendo il filo, stavo dicendo che non sono uscita. No. Perché non mi sentivo di uscire a cena. Volevo stare qui e aspettare questa telefonata internazionale. Il mio amore in boccio questo ha dettato, e io ascolto.. non posso fare altro. E va bene così. L’uomo di cui sto innamorandomi ha perso la madre, e io sono triste, sono con lui nei miei pensieri, e fanculo le migliaia di chilometri che dividono i nostri corpi. Io sto qui ad aspettare la sua telefonata.
Stasera ho un piede nel presente e uno nel passato, ma lo sguardo è rivolto al futuro. Non progetti, non aspettative, ma solo desideri, desideri e ancora desideri.. che si realizzeranno, o no. Non importa così tanto, è vitale averne, come è vitale sognare e non ho mai smesso di sognare, mai. Credo che smetterò quando morirò. Chi mi vuole davvero bene, comprende. Perché non è un rifiuto, oh no.. è una necessità intrinseca in questo amore in boccio, ha radici profondamente e saldamente aggrappate alla stima di lui e di me stessa.. ad un sentire che mi vuole, anche se solo virtualmente, al suo fianco, in un momento molto doloroso. E’ quello che io vorrei per me, e lo regalo al mio amore nascente. 

 

 
 
 

Post N° 244

Post n°244 pubblicato il 31 Ottobre 2005 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn

Milagre

E’ grande o silêncio.
Aguardo o milagre
Chegas amor finalmente,
O meu amor mesmo tarde:

Eu vou livremente,
contigo a meu lado.
T
enho o meu mundo contente
neste sonhar acordado.
Onde está a tua voz, quero ouvir
a tua voz...
O desejo pretende
louvar a tua voz
a tua voz anda ausente
e eu estar contigo é milagre.

 

Ainda - Madredeus (Teresa Salgueiro)

 
 
 

Post N° 243

Post n°243 pubblicato il 21 Ottobre 2005 da gates_of_dawn




Quanto mi piace Porto!

Ma come ho fatto a vivere fino adesso senza conoscere questo paese?
Avra' anche tanti difetti, come mi dice J., ma per ora mi piace proprio tanto.

Le case colorate di azulejos e di bucati stesi al sole e al vento, le chiese e i palazzi monumentali ridondanti di ori e decorazioni, eccessivi.
La potenza inquietante dell'oceano, che starei a contemplare per ore, eccessiva.
 
Citta' di contrasti, dove passato, presente e futuro si intrecciano con grande armonia.
Cammino per i vicoli che scendono alla Ribeira (e poi ti spezzano le gambe a risalire!) e mi sembra di muovermi nel passato: taverne fumose, donne sedute sui gradini che all'angolo della strada vendono pesce appena pescato in grandi secchi, nella piazza principale ci sono perfino i lustrascarpe.
Ma a fianco dei loro seggiolini passano frotte di ragazzine con i jeans a vita bassa e l'ombelico al vento.
Gli autobus viaggiano veloci nonostante il traffico, e le automobili si fermano appena accenno ad attraversare la strada! Come in Svizzera! Un altro mondo.
Quasi in ogni piazza, sculture contemporanee, anche molto audaci. Un museo d'arte contemporanea con installazioni multimediali.
C'e' un grande fermento culturale e artistico, questa citta' la sento giovane, in movimento. Al confronto Milano mi sembra veramente e irrimediabilmente arida e senile. 

Non vi dico della cucina, e dei vini, mmhm.. che quando torno mi devo rimettere a dieta strettissima!
Non sono contenta di lasciare tutto questo, no, (e poi, come si fa a non adorare un paese dove la mia taglia e' la 44??!! ;o))), ci sto cosi' bene.. Incredibile!
E il mio portoghese migliora ogni giorno di piu', e' una grande soddisfazione!

Giuro, vorrei poter rimanere, e farei pure felice J., il quale mi parla di progetti insieme..  e io lo ascolto, incantata, anche se ancora non so cosa mi fa stare cosi' bene con lui, tanto ma tanto diverso da me.

Finiro' per fidanzarmi senza sapere perche'?






 
 
 

Post N° 242

Post n°242 pubblicato il 13 Ottobre 2005 da gates_of_dawn






E così volerò verso ovest.
A sentire, a capire, a vivere.

O que serà, serà..




 
 
 

Post N° 241

Post n°241 pubblicato il 12 Ottobre 2005 da gates_of_dawn





...stasera quando dicevi:
"... essere mia amica, mia madre, mia sorella, mia moglie..", e potevi dire anche 'mia amante' perché anche questo hai dentro, come anche io, è stato come se tu mi avessi letto nell'anima.
L'amore gioioso, profondo, intenso ed eccitante, l'amore che illumina, l'amore che ci fa crescere, è così: accoglie, consola, coccola, ascolta, racconta, si confronta, abbraccia, dà e riceve piacere...





 
 
 

Post N° 240

Post n°240 pubblicato il 26 Settembre 2005 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn


Who is the leader in China????



Secretary: - Mr. President, Condoleeza Rice is here to see you.
George B. : - Good, send her in.
Secretary: - Yes, sir.
(Hangs up. Condi enters.)
Condoleeza: - Good morning, Mr. President.
George B. : - Oh Condoleeza, nice to see you. What's happening?
Condoleeza : - Well, Mr. President, I have the report here about the new
leader in China.
George B. : - Great, Condi. Lay it on me.
Condoleeza : - Mr. President, Hu is the new leader of China.
George B. : - Well, that's what I want to know.
Condoleeza : - But that's what I'm telling you, Mr. President.
George B. : - Well, that's what I'm asking you, Condie. Who is the new
leader of China?
Condoleeza : - Yes.
George B. : - I mean the fellow's name.
Condoleeza : - Hu.
George B. : - The guy in China.
Condoleeza : - Hu.
George B. : - The new leader of China.
Condoleeza : - Hu.
George B. : - The Chinaman!
Condoleeza : - Hu is leading China, Mr. President.
George B. : - Whaddya' asking me for?
Condoleeza : - I'm telling you Hu is leading China.
George B. : - Well, I'm asking you, Condie. Who is leading China?
Condoleeza : - That's the man's name.
George B. : - That's who's name?
Condoleeza : - Yes.
(Pause.)
George B. : - Will you or will you not tell me the name of the new leader
of China?
Condoleeza : - Yes, sir.
George B. : - Yassir? Yassir Arafat is in China? I thought he was in the
Middle East.
Condoleeza : - That's correct.
George B. : - Then who is in China?
Condoleeza : - Yes, sir.
George B. : - Yassir is in China?
Condoleeza : - No, sir.
George B. : - Then who is?
Condoleeza : - Yes, sir.
George B. : - Yassir?
Condoleeza : - No, sir.
(Pause. Crumples paper)
George B. : - Condi, you're starting to piss me off now, and it's not
'cause you're black neither. I need to know the name of the new leader of China. So why don't you get me the Secretary General of the United Nations on the phone.
Condoleeza : - Kofi Annan?
George B. : - No, thanks. And Condi, call me George. Stop with that ebonics crap.
Condoleeza : - You want Kofi?
George B. : - No.
Condoleeza : - You don't want Kofi.
George B. : - No. But now that you mention it, I could use a glass of milk. And then get me the U.N.
Condoleeza : - Yes, sir.
George B. : - Not Yassir! The guy at the United Nations.
Condoleeza : - Kofi?
George B. : - Milk! Will you please make that call?
Condoleeza : - And call who?
George B. : - Well, who is the guy at the U.N?
Condoleeza : - No, Hu is the guy in China.
George B. : - Will you stay out of China?!
Condoleeza : - Yes, sir.
George B. : - And stay out of the Middle East! Just get me the guy at the U.N.
Condoleeza : - Kofi.
George B. : - All right! With cream and two sugars. Now get on the phone.
(Condi picks up the phone.)
Condoleeza : - Hello. Rice, here.
George B. : - Rice? Good idea. And get a couple of egg rolls, too, Condi.
Maybe we should send some to the guy in China. And the Middle East. Can you get chinese food in the Middle East? I don't know.







 
 
 

Post N° 239

Post n°239 pubblicato il 06 Luglio 2005 da gates_of_dawn
Foto di gates_of_dawn

heute abend..

KRAFTWERK !!! 

 
 
 

Post n°238 pubblicato il 25 Giugno 2005 da gates_of_dawn

Venerdì sera, festa di Rifondazione

Ho cenato, da sola, al ristorante Porto di Mare. Avevo voglia di pesce, e il fritto misto era veramente buono, asciutto, non unto, delicato.

I compagni che prendono le ordinazioni, quelli che servono a tavola ti sorridono e ti danno del tu, non importa età né niente.
Dalle cucine ogni tanto arrivano risate e coretti.


Sono tutti lì a lavorare gratis per pura allegra passione, e già basta questo a farmi sentire decentemente bene.. 
(e decente, credetemi, è una parola più degna di quanto si potrebbe pensare)

Dopo sono dall'altra parte, a sentire buona musica succhiando una caipirissima. Intorno un incredibile numero di marmocchi in passeggino, verniciati di autan.

Se seguo i miei pensieri, trovo tristezze, e allora osservo. Lascio che il mondo mi entri dentro, e diluisca il vuoto.
Almeno, mi sento a casa.