Un blog creato da GDTeo il 18/03/2007

Lost In The Ozone

Mi sono perso nei miei pensieri. Era un territorio non familiare.

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

GDTeofoxylady630aimenmatMadeInTiffanyio86darkpantaleoefrancasimpaticacanaglia19paroleurlatealestellina85harpo_marxCorpo_Di_Rosasopuhsabbia555ninokenya1awaitingyoureply2
 
 
 
 
 
 
 

H.P. LOVECRAFT


 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
 
 
 
 
 
 

L'OMBELICO!


 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

...GRAZIE... R.I.P.


 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« DITEMI PERCHE' SE LA MU...

IL SILENZIO DELL'IMBUTO

Post n°74 pubblicato il 12 Settembre 2010 da GDTeo

C'è il silenzio della vergogna, quello della paura, dell'ignoranza. Il silenzio della rabbia e quello della speranza. Poi c'è il SILENZIO DELL'IMBUTO.

In soldoni, mercoledì sera apro il blog e lo chiudo due ore dopo senza una parola pubblicata, stessa scena la sera seguente. Carenza d'idee? No. Poca voglia? Men che meno. Mangiato troppo? Può darsi ma che c'entra... Imbuto? Proprio lui. Bastardo.

A volte le parole, che altro non sono che la traccia che lasciano emozioni e concetti, sono ordinate nella mente in frasi, discorsi e libri interi. Altre volte, le stesse parole, le stesse emozioni, sono intricate in un groviglio che non si riesce a sbrogliare. Il perchè non è dato saperlo, ma la sensazione è chiara, è comune a tutti, la si può provare in famiglia, sul lavoro, molto spesso in amore, in quei famosi silenzi creati non dalla paura di aprirsi, ma dall'impossibilità di dare un flusso ordinato a emozioni troppo grandi per noi.

Questo porta al perchè si scrive. Ai due motivi di fondo che conosco.

Il primo motivo l'ho già spiegato (Creatore di sogni), in pratica si scrive per vivere tutte le avventure di questa terra, anche le più illogiche, senza essere chiamati dalla realtà ad una scelta. Che ne capirà poi la realtà di ciò che è reale... Questo non è dato saperlo.

Il secondo motivo per cui si inizia a scrivere è LA SENSAZIONE.

Non la bella sensazione di poggiare le dita sulla tastiera, soppesare le parole di fronte ad un thè indossando un maglione a collo alto delle toppe sui gomiti... Anche perchè, vista così, non sembra una sensazione, ma la pubblicità del moment o l'inizio di un film di bassa lega.

La sensazione è quell'attimo di intuizione supremo. Non una semplice idea, ma la vera e propria soluzione della matassa. La spada che taglia il nodo. Le idee che si mettono in riga pronte a essere disegnate dalle PAROLE.

Descriverla è davvero dura. E' come se lo spirito salisse di un livello e potesse attingere ad un unico contenitore di idee, un grande calderone con dentro tutte le storie, i saggi e gli articoli del mondo... E' il momento in cui tutto diventa possibile, il momento in cui ogni cosa può essere descritta e ogni parola può essere collocata. In quei momenti tutto potrebbe essere scritto benissimo, il testo della lista della spesa, le istruzioni per la lavastoviglie, i discorsi dei leghis... Vabbè, non esageriamo.

Io ho descritto la sensazione riferendola alla mia passione per la scrittura, ma credo che in ogni persona si possa manifestare quando è alle prese con la propria passione, sia essa la pittura, la musica, il bricolage o il bracconaggio...

Ho provato questa sensazione un paio di volte nella mia "carriera" e l'idea di poterla provare di nuovo basterebbe a farmi scrivere per altri mille anni. STAVOLTA NON SCHERZO.

La sensazione l'ho provata, ma non riuscivo a descriverla. Da un lato non riuscivo a definirla, dall'altro lato la vedevo come una sensazione solo mia, da non condividere, nè raccontare.

Ma la conoscenza è apertura, il caso volle che ne parlassi per la prima volta qualche giorno fa e che trovassi addirittura, ad ascoltarmi, chi sapesse di cosa parlavo. Nella fattispecie ho saputo che i buddisti chiamano questa sensazione "illuminazione parziale", in Giapponese Engaku, e la collocano nell'ottavo mondo degli stati d'animo umani (una bella zona champions per capirci).

In pochi giorni ho imparato due cose. Ho definito in maniera più completa la sensazione che inseguo e ho capito che le idee vanno scambiate, che il pensiero non serve se non è condiviso, ho capito che non ci si può fermare quando le idee si affollano.

Neanche quando l'unica soluzione, per farle uscire dalla testa, è passare dal foro di un imbuto.

PS: Mi piacerebbe che qualcuno, passando di qui e capendo le mie parole messe a casaccio, scrivesse se ha trovato la propria versione della "sensazione".

PS2: Un nuovo spunto per la curiosità.. Non ha prezzo.

 
Rispondi al commento:
GDTeo
GDTeo il 19/12/12 alle 22:04 via WEB
Esattamente, grazie per il bel commento.. Buon natale.. ^^
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: GDTeo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 36
Prov: TO
 
 
 
 
 
 
 

AVVISO


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

 
 
 
 
 
 
 

EDGAR ALLAN POE


 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

FEAR FACTORY - FEAR CAMPAIGN


 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 69
 
 
 
 
 
 
 

THE CALL OF CTHULHU


 
 
 
 
 
 
 

MOTORHEAD - LOST IN THE OZONE

I am a drifter on a hungry empty sea
There is no one on earth to rescue me
The winter storms they freeze me
Summer burned alive
I can't remember when another soul passed by
Marooned and stranded, on the Islands of the Damned
There is no one on earth to take my hand
There is no voice to speak, no soul for company
The sun goes down like blood into the Western Sea

Alone and dying, and a thousand miles from home

I know I never was so broken and alone
I searched the sky for God, shivered to the bone
Drowned in sorrow, Lost in the Ozone

No hand for me, abandon me

Wash over me, watch over me, drowned forever
Alone and crying, and a thousand miles astray
Alone upon the cruel sea, forsworn and cast away
I turned my face to god, but his face was turned away

Lost in the Ozone, nothing left to say

Lost in the Ozone, nothing left to say
Nothing left to say, nothing left to say
Wash over me 
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom