Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 42
Prov: MI
 

Nessuna descrizione disponibile.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

speedy.72giulia_770.itQuartoProvvisoriovincent_vega68Salnikov65Sefy71massimocoppafrarossmacarla58_arianadiacalanchicavvvvsorboledgltempestadamore_1967la.cozza
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

Anche nel lazio..

Post n°7885 pubblicato il 19 Giugno 2021 da giulia_770.it

"Nel Lazio vaccino per i senzatetto e chi non ha il permesso di soggiorno": approvata una mozione in Regione...

"Si tratta delle tante persone che vivono in situazioni di povertà o disagio come i senza fissa dimora, gli stranieri senza permesso di soggiorno, coloro che abitano gli insediamenti formali o informali della città, ma anche gli stranieri che hanno fatto domanda di regolarizzazione e sono ancora in attesa della risposta (visti i tempi lunghissimi con cui si sta procedendo a lavorare le pratiche), che incontrano tutti grandi difficoltà burocratiche, quando non vera e propria impossibilità, nell'accedere alla vaccinazione", scrivono i due in una nota."Oltre al fatto, già di per sé dirimente, che il diritto alla salute dovrebbe essere assicurato a chiunque si trovi nel territorio del nostro paese, è bene sottolineare che portare a compimento in modo efficace la campagna vaccinale è impossibile senza immunizzare anche queste persone: proteggere loro significa proteggere tutta la comunità. La mozione approvata assume quindi un'importanza strategica rispetto al grande lavoro che sta facendo la regione Lazio sulla campagna vaccinale, in una corsa contro il virus che riusciremo a vincere solo se nessuno verrà lasciato indietro".

 
 
 

Itinerari per tutte le gambe ...

Post n°7884 pubblicato il 19 Giugno 2021 da giulia_770.it

tra cielo e lago più blu del cielo in un’oasi di quieta rigenerazione

In bicicletta a Porlezza e dintorni, sulle sponde italiane del lago di Lugano

La pandemia ci ha fatto capire quanto la bellezza spesso stia dietro casa. E che non sempre è necessario salire su di un aereo, oppure affrontare ore e ore di viaggio in treno o in macchina per raggiungere luoghi che appagano gli occhi e riempiono l’anima. A poco più di un’ora da Milano, ad esempio, esiste un posto che sta nel cuore della nostra “regione dei grandi laghi”. Il lago di Lugano è un azzurro zig-zag incastonato tra Lombardia e Svizzera, una chiave di volta dell’arco prealpino, un segmentato trait-d’union tra lago Maggiore e lago di Como. Sta per la sua gran parte tutto dentro il territorio del Canton Ticino elvetico, ma se il ramo sud-occidentale, tra Ponte Tresa e Porto Ceresio, ha sponde dirimpettaie, di qui varesina e di là svizzera, tutta italiana è invece  la propaggine che si inoltra a oriente verso il medio Lario.

Questo tratto comasco s’incunea tra la val Solda, a nord, e l’alto balcone della val d’Intelvi, a sud, e termina a Porlezza, borgo dalla storia antica, legato da secoli alla vastissima diocesi di Milano. Proprio l’orientamento est-ovest di questo ramo di lago lo rende singolare rispetto agli altri bacini lacustri lombardi, tutti orientati longitudinalmente: la luce che qui segue, soprattutto nella bella stagione, il percorso del sole, da oriente a occidente, è molto diversa. E forse si spiega perché una delle etimologie dell’altro suo toponimo, Ceresio, sembri derivare a una parola latina traducibile più o meno così: “più blu del cielo”.

 
 
 

Si parla di donne

Post n°7883 pubblicato il 19 Giugno 2021 da giulia_770.it

Milano-Palazzo Reale

Si parla di donne, di talenti femminili dediti all’arte, di donne che si imposero con successo tra il XVI e il XVII secolo, in un campo prettamente maschile, che raramente fino ad allora le accolse.Ed eccole, sono figlie, mogli, sorelle di pittori, o a volte donne di religione. Si affacciano alla ribalta e mostrano non solo le loro abilità artistiche, ma anche la capacità di sapersi relazionare con prestigiosi committenti delle corti internazionali, di sapersi affermare trasformandosi in vere e proprie imprenditrici, di sapersi confrontare con i loro ideali, i diversi stili di vita e il loro bagaglio di grandi e piccole pene, successi e delusioni.Nella mostra di Palazzo Reale scopriremo un universo meraviglioso fatto di bella pittura e belle ed interessanti storie di pittrici note, come Artemisia Gentileschi, Fede Galizia, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, accanto ad artiste meno conosciute come la nobile romana Claudia del Bufalo, Rosalia Novelli, Lucrezia Quistelli…Uno straordinario puzzle di arte e storie si comporrà tassello dopo tassello e per molti sarà una scoperta, una finestra aperta su un mondo della storia dell’arte, spesso trascurato, ma tanto interessante.

 
 
 

Piastrinopenia autoimmune: cos’è la malattia di Camilla

Post n°7882 pubblicato il 12 Giugno 2021 da giulia_770.it

la 18enne di Genova morta dopo la dose di AstraZeneca

piastrinopenia autoimmune, cosa è la malattia della 18enne di genova

Nelle ultime ore è emerso che Camilla Canepa, la 18enne ligure morta a causa di una trombosi ed emorragia cerebrale pochi giorni dopo aver ricevuto una dose di vaccino AstraZeneca, soffriva di piastrinopenia autoimmune. Sul caso indagano i Carabinieri, per capire se la patologia della giovane era stata segnalata prima della vaccinazione. Cos’è la piastrinopenia, quali sono i sintomi e che rischi comporta per il vaccino Covid-19.Se ne parlerà molto, nei prossimi giorni: Camilla infatti non era solo una ragazza 18enne, di per sé già fascia d’età e genere per cui il vaccino AstraZeneca era stato sconsigliato, ma soffriva anche di una patologia non comune.Si chiama Piastrinopenia Autoimmune (ITP) ed è una malattia che comporta la distruzione e la soppressione della produzione del numero di piastrine, fondamentali per la coagulazione. La patologia, si apprende sul sito dell’AIL (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma) si presenta in forma primaria nell’80% dei casi e secondaria nel restante, ma in ogni caso la natura della malattia sarebbe autoimmune.La piastrinopenia (letteralmente scarsità di piastrine) viene solitamente diagnosticata per esclusione: non ci sono infatti altri sintomi direttamente relazionabili ad essa ma può essere accertata con l’osservazione del sangue al microscopio.Ci sono alcuni sintomi che possono lanciare l’allarme: petecchie (piccole macchie cutanee) sulle gambe, emorragie e perdita di sangue dal naso e dalle gengive.Camilla, la 18enne di Genova soffriva di piastrinopenia autoimmuneLa piastrinopenia autoimmune si classifica con 3 modalità: può essere di nuova diagnosi, persistente oppure cronica. In quest’ultimo caso, è necessario seguire alcune terapie, proprio come quelle che stava seguendo Camilla Canepa, la 18enne morta a Genova pochi giorni dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca.Sono state sequestrate le sue cartelle cliniche e ora si cerca di capire se la malattia di cui soffriva, pare a livello familiare secondo quanto riportato, fosse stata dichiarata, così come la duplice terapia ormonale. In caso negativo, la situazione si complicherebbe: la scelta di organizzare open day per AstraZeneca anche per soggetti a rischio era stata, pare, avallata dal Cts, ma unendo i rischi del vaccino ad una malattia autoimmune che colpisce specificatamente le piastrine, sembra aver creato una tempesta perfetta che ha portato al drammatico esito.

Io mi chiedo, ma il medico curante  non conosceva la patologia della ragazza? cmq.mi risulta che quando il Prof..Galli ha manifestato dubbi sull'uso di astrazenica  per i giovani sia stato coperto di insulti, forse non era un idea sbagliata...Anche se tutto ciò ci crea perplessità, abbiamo scelto di vaccinarsi per combattere questa pandemia e dobbiamo andare avanti...

(VI CONSIGLIO PRIMA DEL VACCINO, FATE QUESTE ESAMI :emocromo con formala leucocitaria, piastrine,ematacrito,tempo di protrombina (Tp)--l esitp lo avete nello stesso giorno...

 
 
 

Agli amici di Barbablu!!!

Post n°7881 pubblicato il 10 Giugno 2021 da giulia_770.it

Gli invisibili - Film (2014) - MYmovies.it

Le persone più belle che io abbia mai conosciuto sono quelle che ti entrano nel cuore senza un motivo…senza una ragione…che ti prendono l’anima e l’abbracciano semplicemente con una parola…e rimangono lì impresse e salde …sono quelle che hanno conosciuto la sconfitta, la sofferenza, lo sforzo, la perdita e nonostante ciò hanno trovato sempre la via per uscire dal buio… queste persone hanno un rispetto, una sensibilità, ed una comprensione per gli altri e per la vita che le riempie di compassione, di gentilezza…e qualunque cosa accadrà sai che non potrai fare a meno di provare affetto …

(loro sanno a presto.. un abbraccio)

 
 
 

Misericordia!!

Post n°7880 pubblicato il 10 Giugno 2021 da giulia_770.it

Teatro Fraschini -

Sabato 12 Giugno 2021, ore 20:30 e Domenica 13 Giugno, ore 16

MISERICORDIA, di Emma Dante

 

Tre prostitute e un ragazzo menomato vivono in un monovano lercio e miserevole. Durante il giorno le donne lavorano a maglia e confezionano sciallette, al tramonto, sulla soglia di casa, offrono ai passanti i loro corpi cadenti. Arturo non sta mai fermo, è un picciutteddu ipercinetico. Ogni sera, alla stessa ora, va alla finestra per vedere passare la banda e sogna di suonare la grancassa. La madre di Arturo si chiamava Lucia, era secca come un’acciuga e teneva sempre accesa una radiolina. La casa era china ‘i musica e Lucia abballava p’i masculi! Soprattutto per un falegname che si presentava a casa tutti i giovedi. L’uomo era proprietario di una segheria dove si fabbricano cassette della frutta, guadagnava bene ma se ne andava in giro con un berretto di lana e i guanti bucati. Lo chiamavano “Geppetto”. Alzava le mani. Dalle legnate del padre nasce Arturo e Lucia muore due ore dopo averlo dato alla luce. Nonostante l’inferno di un degrado terribile, Anna, Nuzza e Bettina se lo crescono come se fosse figlio loro. Arturo, il pezzo di legno, accudito da tre madri, diventa bambino. ‘Misericordia’ è una favola contemporanea. Racconta la fragilità delle donne, la loro disperata e sconfinata solitudine.

da non perdere :

L’ultimo intimo capolavoro della regista Emma Dante.
 
 
 

La Pittura d'Italia

Post n°7879 pubblicato il 10 Giugno 2021 da giulia_770.it

Painting is back. Anni Ottanta, la pittura in Italia

Painting is back. Anni Ottanta, la pittura in Italia

LA NUOVA STAGIONE DELLE GALLERIE D’ITALIA APRE CON UNA MOSTRA STRAORDINARIA SUGLI ANNI OTTANTA: UNO SGUARDO INEDITO SULLA PITTURA ITALIANA ATTRAVERSO UN PERCORSO PER EMBLEMI E CASI, IDEATO DA LUCA MASSIMO BARBERO, CURATORE ASSOCIATO DELLE COLLEZIONI DI ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI INTESA SANPAOLO..

...

Luogo: GALLERIE D'ITALIA - PIAZZA SCALA : Piazza della Scala, 6   - Milano

 
 
 

Si torna a dipingere!!!!

Post n°7878 pubblicato il 10 Giugno 2021 da giulia_770.it

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone e spazio al chiuso

Dalle porte aperte dei laboratori d’arte di Sant’Egidio entra aria per ventilare le stanze e arrivano, contenti di tornare, gli “Amici”, gli artisti, persone con disabilità, che danno vita a un movimento artistico che a Roma è presente al centro e nelle periferie.

 
 
 

Saman Abbs colpevole di essere libera..

Post n°7877 pubblicato il 09 Giugno 2021 da giulia_770.it

Si cerca ancora Saman Abbas...

La ragazza pakistana di 18 anni che si era ribellata ad un matrimonio combinato in famiglia due anni fa. L’ipotesi è che i genitori l’abbiano consegnata allo zio con l’obiettivo di ucciderla. la frase choc dello zio in chat: "Un lavoro fatto bene" Il fidanzato rivela un vocale della ragazza: "La madre indicò l'uccisione come unica soluzione" per una donna che non si attiene alle regole di vita pakistane. Una famiglia dovrebbe educare i propri figli ad essere indipendenti e pensare con la propria testa, rispettare i valori e star vicini in tutte le difficoltà. Tutto il resto non è famiglia, non è amore.

...

È necessario e doveroso che si parli di Saman e di tutte persone i cui diritti e la cui autodeterminazione vengono negati da chi detiene qualsivoglia forma di potere politico, religioso o sociale. E lo si deve fare sempre, senza timidezze di sorta

 
 
 

Molto molto dopo!!! :)))

Post n°7876 pubblicato il 08 Giugno 2021 da ilaria_770

Nessuna descrizione disponibile.Nessuna descrizione disponibile.Nessuna descrizione disponibile.

Come posso lavorare in questo modo??....Mi fai sapere il tuo prossimo rientro, grazie!!!

 
 
 

Prima e dopo...

Post n°7875 pubblicato il 07 Giugno 2021 da giulia_770.it

Nessuna descrizione disponibile.

Nessuna descrizione disponibile.

Nessuna descrizione disponibile.Nessuna descrizione disponibile.

Nessuna descrizione disponibile.

 
 
 

Sognava di fare il calciatore...

Post n°7874 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it

Seid Visin è morto suicida a 21 anni.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e in piedi

Origini etiopi, adottato piccolissimo da una famiglia di Nocera inferiore, ex promessa del calcio italiano e mondiale, aveva giocato nelle giovanili del Milan accanto a Donnarumma, prima di decidere di abbandonare e tornare nella sua città, per prendere il diploma e cercare un lavoro.Ed è lì che hanno trovato il suo corpo senza vita. Un suicidio. Che lui aveva in qualche modo anticipato mesi fa con una lettera agli amici e allo psicoterapeuta. A rileggerla oggi, fa venire i brividi per la chiarezza, la lucidità, la sofferenza.

...

"Sono stato adottato da piccolo. Ricordo che tutti mi amavano. Ovunque fossi, ovunque andassi, tutti si rivolgevano a me con gioia, rispetto e curiosità. Adesso sembra che si sia capovolto tutto. Ovunque io vada, ovunque io sia, sento sulle mie spalle come un macigno il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti delle persone. Ero riuscito a trovare un lavoro che ho dovuto lasciare perché troppe persone, specie anziane, si rifiutavano di farsi servire da me e, come se non mi sentissi già a disagio, mi additavano anche come responsabile perché molti giovani italiani non trovassero lavoro. Dentro di me è cambiato qualcosa. Come se mi vergognassi di essere nero, come se avessi paura di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare alle persone, che non mi conoscevano, che ero come loro, che ero italiano, bianco. Non voglio elemosinare commiserazione o pena, ma solo ricordare a me stesso che il disagio e la sofferenza che sto vivendo io sono una goccia d’acqua in confronto all’oceano di sofferenza che sta vivendo chi preferisce morire anziché condurre un’esistenza nella miseria e nell’inferno. Quelle persone che rischiano la vita, e tanti l’hanno già persa, solo per annusare, per assaggiare il sapore di quella che noi chiamiamo semplicemente vita".

Seid Visin è morto di razzismo in Italia, nel 2021. Ed è ora che cominciamo a chiamarlo col suo nome.

 
 
 

Il suo tempo. Il nostro tempo

Post n°7873 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it

Ha aperto sabato al Mart - Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto la grande mostra "Botticelli. Il suo tempo. Il nostro tempo", che vede protagonista il maestro del Rinascimento con una delle sue opere più note: la bellissima Venere Sabauda.La mostra è divisa in due sezioni: la prima è una mostra classica, con opere di Botticelli e degli artisti del suo tempo; la seconda invece è una mostra di arte contemporanea, con le opere degli artisti che dal Novecento ad oggi si sono ispirati all’iconica figura della Venere botticelliana: da Andy Warhol a Botero.

 
 
 

Il volto dell'umanita'

Post n°7872 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it
 

Ci sono artisti che sono passati alla storia per un’opera, diventata icona di un periodo storico e di un certo modo di fare arte: penso al Bacio di Klimt, all’Urlo di Munch o alla Ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer. È vero, è riduttivo, perché un artista è sempre molto di più di una sola opera, ma i meccanismi del ricordo spesso tendono a semplificare (e banalizzare).È stato così anche per Velázquez, autore dell’indiscusso capolavoro "Las Meninas", che con la sua luce ha rischiato di mettere in ombra un patrimonio artistico di indiscutibile pregio e una storia che vale la pena conoscere....È la storia di un artista di talento che non si è mai fermato, cercando di imparare sempre qualcosa di più; è la storia di un artista che ritraeva i ricchi ma che aveva capito che è nei poveri che si nasconde il volto dell’umanità; è la storia di un artista che (forse) è morto per onorare fino all’ultimo il suo impegno verso il sovrano che aveva avuto fiducia in lui quando era poco più che un ragazzo.

 
 
 

American Art 1961-2001

Post n°7871 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it

Firenze - fino al 29/08/2021

American Art 1961-2001 a Firenze

L’esposizione propone uno straordinario percorso attraverso importanti e iconiche opere di personalità e movimenti che hanno segnato l’arte americana tra due momenti storici decisivi, l’inizio della Guerra del Vietnam e l’attacco dell’11 settembre 2001: dalla Pop Art al Minimalismo, dalla Conceptual Art alla Pictures Generation, fino alle più recenti ricerche degli anni Novanta e Duemila.A cura di Vincenzo de Bellis (Curator and Associate Director of Programs, Visual Arts, Walker Art Center) e Arturo Galansino (Direttore Generale, Fondazione Palazzo Strozzi), la mostra testimonia la poliedrica produzione artistica americana tra pittura, fotografia, video, scultura e installazioni, proponendo una inedita rilettura di quarant’anni di storia e affrontando tematiche come lo sviluppo della società dei consumi, la contaminazione tra le arti, il femminismo, le lotte per i diritti civili.

 
 
 

Un maestro pisano tra Caravaggio e Gentileschi...

Post n°7870 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it

Fino al 5 settembre 2021 a Pisa nella sede espositiva del Palazzo dell’Opera, in piazza dei Miracoli, si terrà la mostra Orazio Riminaldi. Un maestro pisano tra Caravaggio e Gentileschi...

Orazio Riminaldi. Un maestro pisano tra Caravaggio e Gentileschi

Fino al 5  settembre 2021 a Pisa nella sede espositiva del Palazzo dell’Opera, in piazza dei Miracoli, si terrà la mostra Orazio Riminaldi. Un maestro pisano tra Caravaggio e Gentileschi, a cura Pierluigi Carofano e Riccardo Lattuada e organizzata dall’Opera della Primaziale Pisana.L’idea della mostra è nata in occasione del recente restauro dei dipinti della cupola della cattedrale pisana, realizzati da Orazio Riminaldi tra il 1627 ed il 1630. Un’opera monumentale, dipinta ad olio, non ad affresco come talvolta affermato, che raffigura l’Assunta portata in cielo dagli angeli e una teoria di santi

 
 
 

Buone notizie...

Post n°7869 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it

Buone notizie per chi desidera visitare musei e mostre in compagnia del proprio amico a 4 zampe

I musei di Bologna diventano dog friendly

“Da oggi MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna e Museo Morandi sono Dog Friendly Museums! Grazie a Bauadvisor puoi prenotare il servizio, venire al museo con il tuo cane e lasciarlo a un dogsitter per tutta la durata della tua visita (avrà anche lui delle opere da vedere nel parco del Cavaticcio!)”. Con queste parole postate su Facebook, il direttore del MAMbo Lorenzo Balbi annuncia l’apertura del suo museo alla filosofia pet friendly con l’avvio di un servizio di dog sitting prenotabile su web e app. Dogs & Museum nasce dall’accordo siglato tra Istituzione Bologna Musei e Bauadvisor, nuovo portale di comunicazione e servizi globali e innovativi dedicato al mondo dei cani e dei loro proprietari pensato per vivere tutti i giorni 24 ore su 24 insieme.

 
 
 

Da scoprire...

Post n°7868 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it

Oltre cinquemila metri quadri e ben otto mostre di approfondimento ad accompagnare la presentazione di una collezione già corposa: stiamo parlando del nuovo ADI Design Museum

A Milano c'è un nuovo e bellissimo museo da scoprire

L’apertura di un nuovo spazio espositivo dedicato al progetto – di dimensioni imponenti, con i suoi oltre cinquemila metri quadri e ben otto mostre di approfondimento ad accompagnare la presentazione di una collezione già corposa, poiché composta dagli oggetti selezionati dalla prima edizione del premio a oggi – rappresenta una risposta alle incertezze di questo momento storico e un segnale importante per Milano, che intende ribadire il suo status di capitale mondiale del design. Un modo, insomma, per dire “ci siamo” e per ricordare che, malgrado il virus abbia imposto nuovi modi di vivere e lavorare basati sul digitale, non possiamo prescindere dalla città e dal suo ruolo di catalizzatore di energie. “Questo museo è quasi un simbolo della ripartenza non solo per Milano ma per tutto il Paese”--Penso che saranno mesi complicati per molti aspetti ma l’Italia nei momenti di difficoltà, come il secondo dopo guerra, ha sempre mostrato una grande capacità di ripartenza anche più forte degli altri Paesi. Nella ripartenza, correremo e metteremo in campo la creatività italiana, la capacità di adattamento e la voglia di ripartire.
 
 
 

Segreti..

Post n°7867 pubblicato il 06 Giugno 2021 da giulia_770.it

TUTTI I SEGRETI DELLA RAGAZZA CON L'ORECCHINO DI PERLA DI VERMEERCosa cela lo sguardo languido della ragazza ritratta dal pittore fiammingo? E il celeberrimo orecchino era davvero una perla?

Non è facile spiegare il successo planetario di alcune opere d’arte. Cosa trasforma un quadro in un’icona capace di attrarre le masse? Qual è il fattore x che rende un dipinto immortale? In questo video, realizzato dallo storico dell’arte James Earle per la serie TED Education, si analizza nel dettaglio uno dei quadri più famosi della storia dell’arte occidentale: La ragazza con l’orecchino di perla di Johann Vermeer (1665). In soli quattro minuti Earle ci accompagna in un viaggio sintetico ma esaustivo attraverso le suggestioni dell’opera, che viene contestualizzata storicamente, economicamente e politicamente, oltre che paragonata ad altre opere dello stesso autore.La scelta dell’inquadratura, lo sguardo misterioso e ammiccante della ragazza, l’allure esotica evocata dal turbante: tutto contribuisce a costruire il mito. E infine lui, il celeberrimo orecchino: era davvero una perla oppure soltanto una sfera di metallo ben lucidata?

 
 
 

Ripugnante liberta'!

Post n°7866 pubblicato il 01 Giugno 2021 da giulia_770.it

Non e'la giustizia che meritano gli italiani

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e in piedi

Sì, certo, fa impressione vedere Giovanni Brusca, detto “O scannacristiani”, uscire a 64 anni, dopo 25 anni di carcere, nonostante 150 omicidi commessi e ammessi, la strage di Capaci e un bambino sciolto nell’acido. Chi non ha un sussulto, un moto spontaneo di rabbia e repulsione fisica, o non ha cuore o non conosce la storia degli ultimi 30 anni di mafia in questo Paese. Oppure entrambe le cose.

 
 
 
Successivi »
 
 

Nessuna descrizione disponibile.

 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI

Grazie Peter,ora sono piu' tranquilla, Pietro e...
Inviato da: giulia_770.it
il 11/06/2021 alle 23:22
 
Grazie anima bella! Noi tutti bene, siamo in attesa del...
Inviato da: INVISIBILE
il 11/06/2021 alle 20:54
 
Mi dispiace moltissimo per questa ragazza. Forse qualcuno...
Inviato da: amabed_2016
il 10/06/2021 alle 17:12
 
Si certo, sempre con me.
Inviato da: giulia_770.it
il 10/06/2021 alle 14:01
 
l'hai adottato? sei veramente un cuore nobile
Inviato da: massimocoppa
il 09/06/2021 alle 12:30