Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 40
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

dams777I3Shadowsisladellalunaortica73salvacongiu1960franca.f2002pag_cristinaautotrasportimaionetreaprile73mi_piaci15angela.lvmimma_serenamanu78_itroxarpa
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

È il sogno di ogni accanito lettore

Post n°7185 pubblicato il 24 Maggio 2019 da manu78_it

{}{}

{}

Attardarsi sugli scaffali, sfogliare volumi su volumi, perdersi in profumi e pagine. Senza fretta, senza ansie da orari di chiusura. Anzi, finendo addirittura col dormire, letteralmente, tra i tanti tomi. Da oggi è possibile. La libreria diventa una lussuosa stanza da letto, almeno per una notte, al “Book and Bed” di Napoli. È il primo ad aprire, in Italia. L’inaugurazione, già annunciata un anno fa, è programmata per sabato 25, nel palazzo di Mooks a via Luca Giordano, al piano superiore della libreria Mondadori. Un primo esercizio di questo tipo è stato lanciato a Tokyo, nel 2016. Funzionerà anche nel capoluogo partenopeo? “Speriamo di sì !!

 
 
 

E' stata proprio lei...

Post n°7184 pubblicato il 23 Maggio 2019 da manu78_it

la padrona del cagnolino, a richiedere nel suo testamento la soppressione del cane...

Un cane sano è stato soppresso per essere sepolto insieme alla sua proprietaria. E' accaduto  negli Stati Uniti. Era stata la stessa padrona a chiederlo esplicitamente nel suo testamento. Il caso dello Shih Tzu  ha scatenato le polemiche. Gli animalisti del Chesterfield County Animal Service, il rifugio per animali dove il cane era stato portato in attesa dell'eutanasia, avevano cercato di fermare l'esecutore delle volontà della donna, cercando di convincerlo a non uccidere , bensì a darla in adozione, senza però riuscirci. La notizia ha fatto il giro del web, suscitando dibattiti e indignazione...

Indignazione si!!!  e se moriva prima il cane le si faceva sopprimere?  Mah!

 
 
 

Anche io ho pianto tanto!

Post n°7183 pubblicato il 21 Maggio 2019 da simona_780car

 

^--*^--*

... ... ma perché criticate tanto la Pamela Prati?! ... io la comprendo moltissimo! ... quando m'ha lasciato Antonio Banderas ho pianto tanto... una tragedia proprio...

 
 
 

Tutti sanno, nessuno fa nulla !

Post n°7182 pubblicato il 20 Maggio 2019 da manu78_it

La 19enne di Monterotondo ha sferrato un colpo mortale al padre violento durante una colluttazione, nel tentativo di difendere la madre.

Quello che fa rabbia è che le denunce non servono a risolvere questi problemi!!! Deve scapparci il morto, purtroppo!!! Questa persona andava aiutata....ma la ragazza non doveva vivere questa esperienza che lascia un segno indelebile per la sfiducia negli uomini violenti e per l'azione che è stata costretta a fare !!! Vorrei vedere quale figlia non difende sua madre!!

 
 
 

Arrivera' il sole...

Post n°7181 pubblicato il 19 Maggio 2019 da manu78_it

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

ma tu sei splendida anche con la pioggia!!

 
 
 

Indimenticabile...

Post n°7180 pubblicato il 18 Maggio 2019 da manu78_it

"A questa città vorrei dire che gli uomini passano, le idee restano, le loro tensioni morali continuano a camminare sulle gambe di altri uomini,”

Oggi è l'anniversario della nascita di Giovanni Falcone. Il magistrato italiano si è battuto lungo tutta la sua carriera contro la mafia diventando un simbolo della lotta a Cosanostra. Il suo impegno non è mai venuto a mancare fino alla tragica morte il 23 maggio 1992 quando il magistrato fu ucciso insieme alla moglie e a tre uomini della scorta dalla mafia

 
 
 

La prima cosa bella di venerdì 17 maggio 2019

Post n°7179 pubblicato il 17 Maggio 2019 da manu78_it
 

Bolzano : Era un senza tetto, o meglio, l’aveva perso il tetto. Il suo matrimonio si era dissolto in modo doloroso, aveva cominciato a bere, lo avevano allontanato dal lavoro stabile in un’azienda telefonica. Dormiva in chiesa, o negli androni. Al risveglio camminava per le strade del centro ripetendo allegro: “E anche oggi siamo vivi!”. Se gli davano due euro prendeva un caffè e uno l’offriva. Aveva solo 51 anni. Fatico a giudicare persone che precipitano in basso, perché credo che l’inciampo sia stato possibile per tutti. Si apre l’ascensore, la cabina non c’è, eppure tu fai il passo. Un giorno di maggio Maurizio ha cominciato a scendere la scala che portava al bingo, è scivolato, ha battuto la testa. Poche ore dopo è morto. Aveva solo un lontano parente, poco empatico, diciamo. Il suo corpo è rimasto in una cella frigorifera, in attesa di finire tumulato nel campo comune dei dimenticati. I commercianti del centro di Bolzano lo hanno ricordato con commozione e pietà. Due donne,  hanno avviato una sottoscrizione online per pagargli il funerale. Quando ho cliccato per donare mi è apparsa la scritta: la cifra necessaria è già stata raggiunta. E questo è bello.

 
 
 

In Italia c'e' una citta' sotterreanea..

Post n°7178 pubblicato il 17 Maggio 2019 da simona_780car
 
Tag: Turismo

Dove?

Il sottosuolo del centro storico e' un piccolo paese facente parte dei quattro comuni del Parco ......, ospita oltre due chilometri di grotte sotterranee scavate nell’arenaria. Le grotte venivano utilizzate fin dal Medioevo come ritrovi segreti. Successivamente, in tempo di guerra, vennero adibite a rifugio per la popolazione---

 
 
 

ISOLA IL CUORE DELLA STREET ART MILANESE!

Post n°7177 pubblicato il 16 Maggio 2019 da simona_780car

questa...SERA, 16 MAGGIO, ISOLA IL CUORE DELLA STREET ART MILANESE!

L'immagine può contenere: 1 persona

La “street art” torna con un appuntamento dedicato al solo quartiere dell’ Isola. Un luogo che per anni ha vissuto un lento degrado, la ferrovia di Porta Garibaldi e le presenze di fabbriche e officine hanno creato una condizione di esclusione dal resto della città. Muri grigi che poco per volta sono stati fagocitati dagli artisti di strada, trasformando il quartiere in un museo a cielo aperto. Qui troviamo la Madonna di Guadalupe realizzata da Ozmo,e gli stencil di Zibe, oltre a firme importanti come Microbo e Bo130. Una invasione che si è estesa anche sulle cler dei negozi, una forma di comunicazione curiosa e particolare, visibile solo di sera. Un percorso tra le vie dell’Isola scoprendo i segreti che i muri ci svelano.

 
 
 

La Polaroid in mostra a Milano..

Post n°7176 pubblicato il 16 Maggio 2019 da simona_780car

Grazie ad una selezione di oltre 120 Polaroid inedite, la mostra traccia per la prima volta l’uso della fotografia istantanea di Gian Paolo Barbieri negli ultimi trent’anni. Fino al 27 luglio al 29 Arts In Progress di Milano.

Fino 27 luglio 2019, 29 ARTS IN PROGRESS gallery di Milano (Via San Vittore 13) presenta in prima assoluta la più vasta retrospettiva sulla fotografia istantanea di Gian Paolo Barbieri intitolata “Polaroids and more”, a pochi mesi dal premio ricevuto ai Lucie Awards 2018 di New York come miglior Fotografo di Moda Internazionale ...Le immagini risultano fantastiche e magiche, oniriche e ludiche, ironiche e teatrali. Sono istantanee seducenti. La superficie bidimensionale della stampa fotografica diventa, grazie alla sensibilità del fotografo milanese, un “oggetto di fascino”, uno stimolante invito all’immaginazione e alla fantasia, un territorio che cattura lo sguardo e che richiama il lettore a decifrarne i misteri.

 
 
 

Musei Civici di Pavia...

Post n°7175 pubblicato il 15 Maggio 2019 da simona_780car

Nessuna descrizione della foto disponibile.

I Musei Civici partecipano alla Giornata internazionale dei Musei e alla Notte dei Musei che seguirà... a breve il programma!

 
 
 

I maestri di Magnum in mostra a Milano

Post n°7174 pubblicato il 15 Maggio 2019 da simona_780car

Dal Gandhi di Cartier-Bresson alla Mayfair di Morath. Viaggio in bianco e nero con i maestri della fotografia del 900. Fino al 6 ottobre 2019 il Museo Diocesano di Milano...

Magnum First - Collective Exhibition London. Mayfair (1954) Bond Street, London, Great-Britain, 1953. @ Inge Morath/Magnum Photos

La prima mostra di Magnum”. La storica agenzia fotografia, tra le più importanti del Novecento, trasporta armoniosamente ben 83 opere vintage dei suoi maggiori esponenti. Il percorso, settorialmente diviso in base all’artista, vi permetterà di immergervi negli angoli di capitali europee come Londra, farvi rivivere momenti storici emozionanti e attimi di umile vita quotidiana di maestri come: Henri Cartier-Bresson, Marc Riboud, Inge Morath, Jean Marquis, Werner Bischof, Ernst Haas, Robert Capa ed Erich Lessing. Otto nomi per un grande progetto.La rassegna milanese ha un importante valenza storica poiché ripercorre la prima mostra del gruppo Magnum, intitolata Gesciht Der Zeit – Il volto del tempo – tenuta in 5 città austriache. Curiosamente il corpus di opere, dopo le esposizioni del 1995 e 1996, viene dimenticato in una cantina di Innsbruck e trovato cinquant’anni dopo, ancora intatto e conservato nelle sue casse.
 
 
 

Il sogno è finalmente realtà...

Post n°7173 pubblicato il 15 Maggio 2019 da manu78_it

Andare al cinema e godersi la proiezione di un film non sarà mai più la stessa cosa se tutti i Paesi dovessero adeguarsi all’iniziativa presa da una sala francese, che si è dotata di comodi letti matrimoniali al posto delle tradizionali poltrone..

idea che è piaciuta molto in Inghilterra e nei Paesi orientali prontamente disposti a scardinare le vecchie sedute per sostituirle con confortevoli letti a due piazze, così da poter guardare il film accoccolati accanto al proprio partner, da soli, belli spaparanzati o -perché no?!- vicini a uno sconosciuto con cui iniziare un qualche approccio.

Seee ciao,  io non vedrò più un film intero !!

 
 
 

Mapplethorpe, secondo me.

Post n°7172 pubblicato il 14 Maggio 2019 da simona_780car

A Roma tre curatori a confronto sul grande fotografo americano..

Tre critici che hanno curato tre diverse mostre dell’artista americano, per un incontro che intende offrire spunti di riflessione proprio a partire da queste esperienze espositive, alla ricerca di confronti, parallelismi, assonanze e divergenze. L’artista è Robert Mapplethorpe, ed i critici sono Flaminia Gennari Santori, Jonathan K. Nelson e Andrea Viliani, che si incontrano domani mercoledì 15 maggio – alle ore 17.30 – per una conversazione presso la Galleria Corsini, a Roma, che ospita la mostra Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile, curata dalla Gennari Santori.

 
 
 

Codice Atlantico

Post n°7171 pubblicato il 14 Maggio 2019 da simona_780car

Palazzo Vecchio presenta dodici carte vergate da Leonardo, provenienti dalla veneranda Biblioteca Ambrosiana.

Cinquecento anni fa, nel castello di Clos-Lucé, in Francia, moriva Leonardo da Vinci. Aveva lasciato Firenze da oltre dieci anni, ma alla sua città era rimasto profondamente legato. Per tutta la vita si definì ‘pittore fiorentino’, chiese nelle volontà testamentarie di essere sepolto nella ‘giesia de sancto Fiorentino de Amboysia’ e dedicò uno dei suoi ultimi ricordi scritti, l’anno prima di morire, al serraglio dei leoni che si trovava dietro Palazzo Vecchio. Il foglio dedicato all’animale totemico di Firenze, testimonianza di un ricordo ancora vivissimo, porta la significativa data del 24 giugno 1518, giorno del patrono cittadino

 
 
 

«Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani»

Post n°7170 pubblicato il 14 Maggio 2019 da simona_780car

OTTOCENTO. L'arte dell'Italia tra Hayez e Segantini

La mostra forlivese ai Musei San Domenico del 2019 si occuperà della grande arte italiana dell’Ottocento nel periodo che intercorre tra l’ultima fase del Romanticismo e le sperimentazioni artistiche del nuovo secolo, tra l’Unità d’Italia e la Grande Guerra. La locuzione attribuita a uno dei protagonisti del nostro Risorgimento, Massimo d’Azeglio, «Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani», rimane in sé un’espressione chiave di riflessione sulla nostra storia: come sia stata costruita e creata l’identità nazionale negli anni che hanno fatto seguito all’Unità d’Italia, come sia stata raffigurata l’autobiografia di una nazione, come gli italiani, prima divisi in diverse realtà politiche, sociali e culturali locali, abbiano vissuto l’aspirazione e la realtà di diventare un solo popolo, condividendo una storia comune.

 
 
 

Arte, donne e femminismo...

Post n°7169 pubblicato il 14 Maggio 2019 da simona_780car

8 mostre celebrano le (artiste) donne in Italia...

Girando per l’Italia si fanno notare le numerose mostre e retrospettive che vari spazi e musei stanno dedicando all’arte delle donne e al femminismo. Da Roma a Milano, passando per Bologna, Firenze, Bergamo, segnano tutte un’attenzione per la produzione d’arte di ispirazione femminista come una sorta di risarcimento verso un passato (scomodo) archiviato velocemente, finora trascurato e non sufficientemente valorizzato. Il fil rouge e il segno positivo di queste mostre è dato infatti dal recupero della produzione femminista degli anni ’60 e ’70 del ‘900, considerandola non più solo come autoreferenziale per i movimenti, ma come la traccia di un passaggio storico sostanziale per i mutamenti della nostra società. Il femminismo e le sue protagoniste hanno fatto la storia delle donne, ma anche degli uomini, e oggi più che mai è fondamentale recuperarne la memoria. Le battaglie per le libertà, i diritti, la parità e l’autodeterminazione femminile è appartenuta, ed appartiene, anche all’arte e le opere delle artiste che hanno segnato la storia del femminismo hanno un valore storico, sociale e civile, oltre che artistico. Un significato che va veicolato alle nuove generazioni che tendono a dare per scontati i diritti acquisiti di cui godono dalla nascita, senza conoscerne i processi che li hanno generati. È fondamentale quindi che le opere di artiste femministe escano sempre più frequentemente dagli archivi in cui sono state conservate e vengano riproposte ad un pubblico più ampio e generico possibile, composto soprattutto dai giovani, ai quali abbiamo veicolato poco e male qual è stata la storia della condizione femminile nei secoli.

 
 
 

Le ironie del web!

Post n°7168 pubblicato il 13 Maggio 2019 da manu78_it

Il conto pagato da due turisti a Roma ha scatenato le ironie del web: “Con gli hamburger ti bevi il cappuccino? Io avrei alzato il prezzo e e dato due frustate sui denti”

Uno scontrino da capogiro per un pasto niente affatto lauto: 81,60 euro per due hamburger, un caffè americano doppio e due cappuccini. Ecco il conto pagato da due turisti stranieri a Roma, in zona San Pietro, il giorno 9 maggio.Insomma, nulla di nuovo: le cronache ci hanno abituati a conti salati, anzitutto per quanto riguarda i locali turistici. Ma a far sorridere sono le reazioni del web, che hanno ironizzato sull’ordinazione dei malcapitati avventori.

___^^^^___

Io con i miei soldi compro ciò che voglio. Potrei ordinare anche latte e biscotti con hot dog e maionese. Nessuno può dirmi cosa mangiare. Ma qui noto che, piuttosto che condannare l’esercizio per aver fatto pagare un conto così salato, ci scandalizziamo per ciò che è stato ordinato. È vero siamo a San Pietro ma un hamburger resta un hamburger, a meno che non venga fatto con semi d’oro.

 
 
 

Auguri a tutte le mamme del mondo!

Post n°7167 pubblicato il 12 Maggio 2019 da manu78_it

Viva le mamme!!!

L'immagine può contenere: 1 persona

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: 1 persona

Auguri a tutte le mamme del mondo!
"UNA BUONA MADRE VALE CENTO MAESTRI"

 
 
 

"Se trovassi 100 euro li prenderesti? Anche a un senzatetto che dorme?"

Post n°7166 pubblicato il 11 Maggio 2019 da stefano_75sc
 

Esperimento sociale...

"Se trovassi 100 euro li prenderesti? Anche a un senzatetto che dorme?": queste le provocatorie domande alla base del nuovo esperimento sociale dello youtuber milanese Kiko.Co. Che questa volta si è calato nei panni di un clochard addormentato all’angolo di una strada, apparentemente ignaro del fatto che qualcuno gli abbia lasciato ben 100 euro nel piattino di fronte al suo giaciglio improvvisato. Le banconote sono false, ma i passanti – le cui reazioni sono state filmate di nascosto – non lo sanno. Un video che fa riflettere, specialmente nella parte finale.

l'unica cosa che si può fare è svegliare il senza tetto e dirgli di togliere quei soldi prima che passi un (senza dignità..)

 
 
 
Successivi »
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!