Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 42
Prov: MI
 

Nessuna descrizione disponibile.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

giulia_770.itmaurocarrera1973surfinia60mararadamatteo.scaltrittiumb.u19621962massimocoppavololowpietro_791.itSaturnjamonica.fioccorosuditonospeedy.72QuartoProvvisorio
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

per i no green pass

Post n°7902 pubblicato il 25 Luglio 2021 da giulia_770.it

Nessuna descrizione disponibile.

Visto e considerato che NOI vaccinati moriremo tutti uccisi dal vaccino, ai contrari al green pass chiedo, cortesemente, di lasciarci godere cinema, bar, discoteche, spiagge, ristoranti, stadi, etc etc - tra di noi - per il tempo che ci resta, ché tanto, tra poco, il mondo sarà tutto vostro, e farete quello che vi pare, quando vi pare.

 
 
 

Sì, viaggiare

Post n°7901 pubblicato il 23 Luglio 2021 da giulia_770.it

Sì, viaggiare. Soprattutto se lo facciamo immergendoci in  meravigliose opere d'arte, ognuna delle quali racconta il viaggio da un punto di vista diverso: dalle esotiche donne di Gauguin agli onirici viaggi di Chagal

Chagall_In-volo-su-Vitebsk_arte_viaggio_due-minuti-di-arte

QUANDO IL VIAGGIO È TRADIZIONE

...

In quest’opera compare uno dei personaggi che ricorre più spesso nei dipinti di Chagall: la figura dell’ebreo errante, immagine tipica della tradizione ebraica. Come sempre, il vecchio è rappresentato con il bastone che lo guida lungo il viaggio e il sacco in cui ha raccolto ciò che possiede.Nel dipinto di Chagall l’ebreo errante viaggia per fuggire da Vitebsk, paese natale dell’artista, luogo in cui gli ebrei erano sottoposti e discriminazioni e vere e proprie persecuzioni da parte dello zar di Russia.Chagall in questo dipinto racconta con il suo tocco dolce e onirico uno dei drammi del suo popolo, costretto a viaggiare per andare

 Gauguin_Arearea_arte_viaggio_due-minuti-di-arte

QUANDO IL VIAGGIO E' AVVENTURA

.

Nessuno come il pittore francese Paul Gauguin riesce a farci viaggiare lontano con la fantasia, in terre esotiche baciate dal sole, dove il tempo non esiste e l’uomo pare vivere in simbiosi con la natura.L’opera fa parte di una serie di tre dipinti che Gauguin realizzò durante il suo viaggio a Tahiti, dove si ritirò nel 1891 deciso a non tornare mai più, sdegnato con la società francese che sembrava non apprezzare la sua arte.Il suo viaggio in realtà durò solo due anni, dopodiché l’artista fu costretto a tornare in Francia senza un soldo e oppresso dai debiti, facendosi inviare dalla moglie i soldi per tornare a casa.La sua permanenza sulla terraferma non durò a lungo. Un uomo avventuroso come Gauguin non poteva restare “ancorato” per sempre nello stesso luogo. Nel 1985 vendette tutte le sue opere e partì per la Polinesia.Non fece mai più ritorno in Europa, avendo finalmente trovato in quelle piccole isole l’anima primitiva che aveva sempre cercato senza successo nei suoi numerosi viaggi.

 
 
 

Chiedo!!!

Post n°7900 pubblicato il 22 Luglio 2021 da giulia_770.it

No tacco al mare – I HATE BANANAS

... Ma quelle che vanno in spiaggia con i tacchi devono fare il buco per l'ombrellone?...chiedo per un'amica eh!

 
 
 

Sintesi e grandiosità...

Post n°7899 pubblicato il 22 Luglio 2021 da giulia_770.it

Al Museo del Novecento arriva una splendida mostra dedicata a Mario Sironi. Sarà visitabile fino al 31 marzo 2022..

Al Museo del Novecento arriva una splendida mostra dedicata a Mario Sironi

Si intitola "Mario Sironi: sintesi e grandiosità" la splendida mostra dedicata ad uno degli iniziatori del movimento artistico del Novecento a Milano. Pittore, architetto, grafico, scultore, illustratore e scenografo: i mille volti di Mario Sironi sono raccontati in questo splendido "viaggio" che apre dei focus sui luoghi di Milano che conservano opere sironiane.

.Per l'acquisto dei biglietti vi invitiamo a visitare il sito ufficiale del Museo del Novecento..

 cliccando qui.

Il museo è aperto al pubblico dal martedì alla domenica dalle ore 10:00 alle ore 19:30 (il giovedì fino alle ore 22:30).

 
 
 

E' ufficiale!

Post n°7898 pubblicato il 22 Luglio 2021 da giulia_770.it

Il green pass sarà obbligatorio per accedere a musei, mostre e tutti i luoghi della cultura. Lo ha annunciato il ministro Speranza.

Ufficiale, green pass anche per musei, mostre e tutti i luoghi della cultura

È ufficiale: dal 6 agosto il green pass, ovvero il certificato rilasciato a chi ha fatto il vaccino anti-Covid, a chi è guarito o a chi ha fatto un tampone negativo, sarà necessario per accedere ai musei, alle mostre e a tutti i luoghi della cultura, oltre che ai cinema e ai teatri, ai centri culturali, ai centri sociali e ricreativi centri congressi. Lo ha comunicato in conferenza stampa pochi minuti fa il ministro della salute Roberto Speranza.Al momento basterà una sola dose di vaccino. Sono esentati dalla misura i bambini al di sotto dei dodici anni e coloro che non possono vaccinarsi per motivi di salute, sulla base di idonea certificazione medica. Il Green Pass sarà richiesto in tutte le zone: bianca, gialla, arancione e rossa. Altri settori dove sarà obbligatorio il certificato: bar e ristoranti al chiuso (non sarà richiesto dunque all’aperto, e neppure per consumazioni al bancone), palestre, piscine, fiere, centri termali, stadi, concerti, sale bingo e casinò, procedure concorsuali. Rimangono invece chiuse le discoteche, a prescindere dal green pass. Per ora il certificato non sarà richiesto sui mezzi di trasporto, né quelli a lunga percorrenza, né il trasporto pubblico locale. È stato inoltre prorogato lo stato di emergenza fino al 31 dicembre 2021.

(Hai capito Lange!!!!!)

 
 
 

È stata prorogata

Post n°7897 pubblicato il 22 Luglio 2021 da giulia_770.it

È stata prorogata fino al 22 agosto 2021 la mostra “Le Signore dell'Arte. Storie di donne tra '500 e '600”: ancora un mese di tempo per vederla nelle sale di Palazzo Reale a Milano.

Prorogata la mostra “Le Signore dell'Arte” a Milano: ancora un mese di tempo per visitarla

È stata prorogata fino al 22 agosto 2021 la grande mostra Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ’500 e ’600 in corso a Milano nelle sale del piano nobile di Palazzo Reale (leggi qui la nostra recensione). Con oltre 130 opere, la mostra è dedicata alle più grandi artiste vissute tra Cinquecento e Seicento: 34 artiste vengono riscoperte attraverso le loro opere a testimonianza di un’intensa vitalità creativa tutta al femminile, in un racconto di appassionanti storie di donne già “moderne”.Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Fede Galizia, Giovanna Garzoni e non solo. Tra questi grandi nomi più conosciuti dal grande pubblico anche nuove scoperte, come la nobile romana Claudia del Bufalo, che entra a far parte di questa storia dell’arte al femminile; ma anche opere esposte per la prima volta come la Pala della Madonna dell’Itria di Sofonisba Anguissola, realizzata in Sicilia, a Paternò, nel 1578 e mai uscita prima d’ora dall’isola; così come lascia per la prima volta Palermo la pala di Rosalia Novelli Madonna Immacolata e san Francesco Borgia, unica opera certa dell’artista, del 1663, della Chiesa del Gesù di Casa Professa; o la tela Matrimonio mistico di Santa Caterina di Lucrezia Quistelli del 1576, della parrocchiale di Silvano Pietra presso Pavia.

 
 
 

Grande omaggio!

Post n°7896 pubblicato il 22 Luglio 2021 da giulia_770.it

La Fondazione Made in Cloister annuncia una grande mostra multimediale dedicata a #PinoDaniele, cantautore indimenticabile nonché simbolo della sua stessa città. L’evento sarà fruibile dal 18 settembre presso il complesso di Santa Caterina a Formiello, a Napoli

Napoli si prepara alla grande mostra omaggio a Pino Daniele | Sky Arte

 

PINO DANIELE TRA MUSICA E FOTOGRAFIAPino Daniele Alive, la mostra è il titolo dell'evento che, dal 18 settembre fino al 31 dicembre, vedrà nel complesso di Santa Caterina a Formiello la prima tappa di un’esposizione itinerante atta a celebrare l’importanza del cantautore scomparso nel 2015.Fortemente voluta dal figlio del cantante, Alessandro Daniele, e dal fotografo Guido Harari, la rassegna prende ispirazione dall’installazione permanente Pino Daniele Alive, allestita all’interno del Museo della Pace di Napoli. Per l’occasione verrà proposto un percorso multimediale all’interno del quale si potranno ammirare fotografie inedite e in grande formato, atte a restituire i lati meno conosciuti dell’artista napoletano.

... 

LE OPERE IN MOSTRAA firmare i numerosi scatti presenti nel percorso espositivo saranno grandi nomi del panorama fotografico contemporaneo: Mimmo Jodice, Guido Harari, Giovanni Canitano, Cesare Monti, Luciano Viti e Lino Vairetti (storico cantante della band progressive Osanna). Con il patrocinio del Ministero della Cultura, l’iniziativa comprenderà anche una serie di attività no profit a cura della Pino Daniele Trust Onlus, che arricchirà il programma con una serie di appuntamenti didattici, live e divulgativi delle opere dell’artista.]
 
 
 

la grande mostra sulla scultura del Rinascimento da Donatello a Michelangelo

Post n°7895 pubblicato il 22 Luglio 2021 da giulia_770.it

Si è aperta ieri al Castello Sforzesco di Milano, presso le Sale Viscontee, la mostra "Il Corpo e l’Anima, da Donatello a Michelangelo. Scultura italiana del Rinascimento", visitabile al pubblico fino al 24 ottobre 2021. Una grande esposizione con 120 opere dedicata alla scultura del Rinascimento, in cui centrale è la figura umana.

A Milano la grande mostra sulla scultura del Rinascimento da Donatello a Michelangelo

fino al 24 ottobre 2021, le Sale Viscontee del Castello Sforzesco di Milano ospitano la mostra Il Corpo e l’Anima, da Donatello a Michelangelo. Scultura italiana del Rinascimento, a cura di Marc Bormand (conservatore al dipartimento delle sculture al Louvre), Beatrice Paolozzi Strozzi (direttrice del Museo Nazionale del Bargello dal 2001 al 2014) e Francesca Tasso (conservatrice responsabile delle Raccolte artistiche del Castello Sforzesco): obiettivo della rassegna è quello di utilizzare la scultura, in dialogo con le altre arti (pittura, disegnie altri manufatti) per evidenziare i principali temi dell’arte italiana nella seconda metà del Quattrocento. L’esposizione illustra dunque la scultura italiana del Rinascimento, che ha visto all’opera molti grandi artisti, tra i quali Donatello e Michelangelo ma anche Tullio Lombardo, Bertoldo di Giovanni, Antonio Pollaiolo, Bartolomeo Bellano, Bambaia, Francesco di Giorgio Martini, Sansovino, Giovanfrancesco Rustici, Cristoforo Solari, e molti altri.Protagonista dellamostra è la figura umana, nel suo essere corpo e anima, nell’interpretazione innovativa data dagli scultori del tempo. Il corpo e l’anima non si contrappongono nella scultura del Rinascimento, ma al contrario, secondo le teorie di Leon Battista Alberti, i movimenti (ovvero le pulsioni) dell’anima sono rese visibili dall’attitudine dei corpi, così come il tormento fisico è finalizzato a commuovere lo spettatore. Gli artisti interpretano questa caratteristica in tutta la sua ricchezza, rappresentando i corpi a riposo, in movimento, mentre stanno lottando, mentre sognano, evidenziando le emozioni dell’anima, tanto nell’ambito sacro quanto in quello profano, in un modo sia ferocemente espressivo sia, al contrario, dolce e delicato.

 
 
 

LA PARATA DEGLI YŌKAI

Post n°7894 pubblicato il 22 Luglio 2021 da giulia_770.it

A Roma arriva una mostra dedicata agli yōkai, le creature soprannaturali del folklore giapponese: è la prima fuori dal Giappone su questo tema.

A Roma arrivano gli yōkai, le creature soprannaturali del folklore giapponese

Fate largo, lasciate passare LA PARATA DEGLI YŌKAI: creature soprannaturali dal Giappone: questo il titolo della mostra realizzata da The Japan Foundation in viaggio lungo il mondo, e che ora fa tappa all’Istituto di Cultura Giapponese di Roma. La mostra, a cura di Yumoto Kōichi, in collaborazione con Yumoto Koichi Memorial JAPAN YOKAI MUSEUM (Miyoshi Mononoke Museum), presenta la cultura giapponese degli yōkai che arriva ai giorni nostri attraverso dipinti su rotolo e stampe-broccato nishiki-e in primis, per poi traslarsi nei diversi media, come giocattoli o film. Gli yōkai giapponesi appaiono pure in innumerevoli racconti, personaggi ad hoc per esprimere le forze soprannaturali, per provocare sorpresa o incutere timore. Con il passare dei secoli e lo sviluppo della società moderna, gli yōkai sembrano avere perduto l’iniziale allure orrifica a favore di un’immagine più rassicurante. Il Giappone possiede ancora forte tuttavia l’interesse verso i kaidan, racconti di fantasmi e storie del soprannaturale, soprattutto in estate, quando gli yōkai imperversano in Tv e nei teatri dell’intero paese. LA PARATA DEGLI YŌKAI pone l’accento sulla popolarizzazione dell’universo di mostri-spettri&co, invitando la platea internazionale ad avventurarvisi ed esplorare la profondità dell’immaginario horror del Giappone di tutti i tempi. Il titolo si ispira all’omonimo tema classico dell’iconografia yōkai, il cui più antico esempio giunto fino a noi è il dipinto su rotolo di epoca Muromachi (1336-1573) attribuito a Tosa Mitsunobu..

La mostra presenta 4 sezioni/capitoli, oltre a column e side stories di approfondimento

 
 
 

Viva noi!!!

Post n°7893 pubblicato il 12 Luglio 2021 da pietro_791.it

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e stadio

Campioni d'Europa!!! L' arroganza, la presunzione e l' ipocrisia dei giocatori inglesi, che prima si sono inginocchiati contro il razzismo... poi hanno fischiato il nostro Inno nazionale e no!!! Siete state sconfitti da una squadra azzurra sorprendente per umiltà, coesione e spirito di sacrificio...D'altra parte con la Brexit eravate usciti dall'Europa e sarebbe stato davvero anacronistico se foste stati voi vincitori!!! E no!!! Buongiorno Italia!

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone

Vince il cuore enorme dell'Italia. Vince un gruppo, una squadra, una nazione intera. Questa, l'immagine più bella. Che felicità!

 
 
 

L’OTTOCENTO E I GIGANTI

Post n°7892 pubblicato il 01 Luglio 2021 da giulia_770.it

La mostra allestita a Palazzo Roverella ripercorre il legame secolare tra la musica e le arti visive, spaziando dall’Ottocento ai primi del Novecento

Il connubio tra arte e musica svelato in una mostra straordinaria

Solo per il fatto che un tema non sia ben indagato e studiato, non vuol dire che non esista e che non abbia una grande importanza. A giocare contro una visione sintetica, di “arte totale”, Gesamtkunstwerk, come si sarebbe detto in epoca wagneriana, è forse stata fin dai tempi antichi la canonizzazione delle discipline artistiche in vari comparti (arti maggiori e arti minori, e poi pittura, scultura etc.), ma che queste dialoghino costantemente tra loro è un dato di fatto, e a ben pensarci sarebbe assurdo che non lo facessero.A porre rimedio e a rileggere il rapporto stretto tra arti visive e musica è la mostra in corso a Rovigo, che si concentra in particolare su un periodo che ha reso più evidente del solito questa “corrispondenza”, vale a dire l’epoca che va dal Simbolismo alle Avanguardie. Ma il discorso potrebbe senza dubbio essere esteso a ogni età, e basti pensare ai capitelli raffiguranti i toni della musica che in origine erano parte integrante della “macchina di immagini” dell’allora potentissima abbazia di Cluny (siamo in Borgogna, alla fine dell’XI secolo), senza parlare di tutte le raffigurazioni di strumenti musicali, di concerti, di angeli o semplici umani musicanti: soggetti sempre presenti nelle opere dall’antichità a oggi.

 
 
 

Fotografia e immaginario materico”

Post n°7891 pubblicato il 01 Luglio 2021 da giulia_770.it

Burri e Giacomelli: due giganti in mostra a Senigallia

“Giacomelli / Burri. Fotografia e immaginario materico” è il titolo della nuova rassegna al Palazzo del Duca di Senigallia. Un progetto itinerante che indaga le visioni sul paesaggio di due grandi protagonisti dell'arte italiana

 
 
 

“irrequietezza“

Post n°7890 pubblicato il 01 Luglio 2021 da giulia_770.it

Se dovessimo trovare una parola sola per descrivere l’intera esistenza di questo artista, essa sarebbe “irrequietezza“, la spasmodica ricerca di qualcosa. Una mancanza che non gli permise mai di stringere legami stabili con luoghi e persone, e che lo spinse ad abbandonare la famiglia per navigare in isole lontane.Una ricerca approdata in terre lontane, negli sguardi placidi delle sue donne esotiche, quegli occhi nei quali l’artista ha cercato l’essenza della vita, per dare un significato a quella maledetta irrequietezza che non lo avrebbe mai abbandonato. Era il 7 giugno 1848 e a Parigi nasceva Paul Gauguin.

 
 
 

Parlare di mare..

Post n°7889 pubblicato il 01 Luglio 2021 da giulia_770.it

Potrebbe essere un contenuto artistico

Con l'approssimarsi dell'estate comincio a parlare di mare, e per farlo non posso che partire dal Paul Gaguin che nel corso della sua vita avventurosa ha fatto anche il marinaio.Tra i suoi dipinti ho scelto "L’onda – The wave", opera del 1888 che colpisce soprattutto perché rende evidene la differenza tra il suo modo di ritratte il mare e quello di grandi artisti a lui contemporanei, gli impressionisti. Per Gauguin il mare è potente, aggressivo e vivo come una belva che non può essere addomesticata.

 
 
 

il nostro viaggio nell'estate

Post n°7888 pubblicato il 01 Luglio 2021 da giulia_770.it

quest'opera di Bazille

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone, persone in piedi e attività all'aperto

In questo dipinto il sole sembra inondare di luce questo nutrito gruppo di ragazzi che si gode una giornata d’estate in riva al fiume Lez, che scorreva attraverso la città francese di Castelnau, presso la quale l’artista aveva soggiornato da bambino.L’opera fu accolta con grande entusiasmo dalla critica che riconosceva a Bazille un grande talento, che purtroppo non riuscì ad esprimersi appieno a causa della tragica morte dell’artista a soli ventinove anni, nel corso della guerra franco-prussiana.

 
 
 

Notte Europea dei Musei

Post n°7887 pubblicato il 01 Luglio 2021 da giulia_770.it

 

Notte Europea dei Musei: sabato 3 luglio apertura serale a 1 euro

Sabato 3 luglio 2021 torna la Notte Europea dei Musei, l’iniziativa organizzata dal Ministero della Cultura francese e patrocinata dall’Unesco, dal Consiglio d’Europa e dall’ICOM giunta alla sua diciassettesima edizione. In occasione dell’evento si potrà accedere ai musei e ai luoghi della cultura straordinariamente in orario serale al costo simbolico di 1 euro (eccetto le gratuità previste). La manifestazione si propone in questo momento storico come un’opportunità di rilancio e di promozione delle attività degli Istituti previste durante la stagione estiva. Tutti gli eventi culturali saranno organizzati nel pieno rispetto delle vigenti normative anti-Covid per evitare assembramenti e garantire il distanziamento. Per scoprire le sedi museali e i luoghi della cultura che aderiscono all’iniziativa, nonché tutte le informazioni relative agli eventi e agli orari di apertura, è possibile accedere alla pagina istituzionale del Ministero della Cultura https://cultura.gov.it/evento/nottedeimusei2021.

((L’elenco è in continuo aggiornamento. ))

 
 
 

il suo tema preferito, la solitudine..

Post n°7886 pubblicato il 01 Luglio 2021 da giulia_770.it

Piccolo ragazzo che guarda il mare, 1891EDWARD HOPPER (1882-1967)Edward aveva 9 anni quando ha disegnato questo sulla sua pagella.

Potrebbe essere un disegno raffigurante bambino

 

Già da bambino aveva una visione del mondo molto particolare.I suoi quadri sono belli, silenziosi affascinanti apparentemente statici ma quanto riescono ad esprimere in quel saper osservare comprendere e contemplare il senso della vita...

 
 
 

Anche nel lazio..

Post n°7885 pubblicato il 19 Giugno 2021 da giulia_770.it

"Nel Lazio vaccino per i senzatetto e chi non ha il permesso di soggiorno": approvata una mozione in Regione...

"Si tratta delle tante persone che vivono in situazioni di povertà o disagio come i senza fissa dimora, gli stranieri senza permesso di soggiorno, coloro che abitano gli insediamenti formali o informali della città, ma anche gli stranieri che hanno fatto domanda di regolarizzazione e sono ancora in attesa della risposta (visti i tempi lunghissimi con cui si sta procedendo a lavorare le pratiche), che incontrano tutti grandi difficoltà burocratiche, quando non vera e propria impossibilità, nell'accedere alla vaccinazione", scrivono i due in una nota."Oltre al fatto, già di per sé dirimente, che il diritto alla salute dovrebbe essere assicurato a chiunque si trovi nel territorio del nostro paese, è bene sottolineare che portare a compimento in modo efficace la campagna vaccinale è impossibile senza immunizzare anche queste persone: proteggere loro significa proteggere tutta la comunità. La mozione approvata assume quindi un'importanza strategica rispetto al grande lavoro che sta facendo la regione Lazio sulla campagna vaccinale, in una corsa contro il virus che riusciremo a vincere solo se nessuno verrà lasciato indietro".

 
 
 

Itinerari per tutte le gambe ...

Post n°7884 pubblicato il 19 Giugno 2021 da giulia_770.it

tra cielo e lago più blu del cielo in un’oasi di quieta rigenerazione

In bicicletta a Porlezza e dintorni, sulle sponde italiane del lago di Lugano

La pandemia ci ha fatto capire quanto la bellezza spesso stia dietro casa. E che non sempre è necessario salire su di un aereo, oppure affrontare ore e ore di viaggio in treno o in macchina per raggiungere luoghi che appagano gli occhi e riempiono l’anima. A poco più di un’ora da Milano, ad esempio, esiste un posto che sta nel cuore della nostra “regione dei grandi laghi”. Il lago di Lugano è un azzurro zig-zag incastonato tra Lombardia e Svizzera, una chiave di volta dell’arco prealpino, un segmentato trait-d’union tra lago Maggiore e lago di Como. Sta per la sua gran parte tutto dentro il territorio del Canton Ticino elvetico, ma se il ramo sud-occidentale, tra Ponte Tresa e Porto Ceresio, ha sponde dirimpettaie, di qui varesina e di là svizzera, tutta italiana è invece  la propaggine che si inoltra a oriente verso il medio Lario.

Questo tratto comasco s’incunea tra la val Solda, a nord, e l’alto balcone della val d’Intelvi, a sud, e termina a Porlezza, borgo dalla storia antica, legato da secoli alla vastissima diocesi di Milano. Proprio l’orientamento est-ovest di questo ramo di lago lo rende singolare rispetto agli altri bacini lacustri lombardi, tutti orientati longitudinalmente: la luce che qui segue, soprattutto nella bella stagione, il percorso del sole, da oriente a occidente, è molto diversa. E forse si spiega perché una delle etimologie dell’altro suo toponimo, Ceresio, sembri derivare a una parola latina traducibile più o meno così: “più blu del cielo”.

 
 
 

Si parla di donne

Post n°7883 pubblicato il 19 Giugno 2021 da giulia_770.it

Milano-Palazzo Reale

Si parla di donne, di talenti femminili dediti all’arte, di donne che si imposero con successo tra il XVI e il XVII secolo, in un campo prettamente maschile, che raramente fino ad allora le accolse.Ed eccole, sono figlie, mogli, sorelle di pittori, o a volte donne di religione. Si affacciano alla ribalta e mostrano non solo le loro abilità artistiche, ma anche la capacità di sapersi relazionare con prestigiosi committenti delle corti internazionali, di sapersi affermare trasformandosi in vere e proprie imprenditrici, di sapersi confrontare con i loro ideali, i diversi stili di vita e il loro bagaglio di grandi e piccole pene, successi e delusioni.Nella mostra di Palazzo Reale scopriremo un universo meraviglioso fatto di bella pittura e belle ed interessanti storie di pittrici note, come Artemisia Gentileschi, Fede Galizia, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, accanto ad artiste meno conosciute come la nobile romana Claudia del Bufalo, Rosalia Novelli, Lucrezia Quistelli…Uno straordinario puzzle di arte e storie si comporrà tassello dopo tassello e per molti sarà una scoperta, una finestra aperta su un mondo della storia dell’arte, spesso trascurato, ma tanto interessante.

 
 
 
Successivi »
 
 

Nessuna descrizione disponibile.

 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI

Facitc sta quiet...
Inviato da: Teresa
il 25/07/2021 alle 08:02
 
tornano utili, in effetti...
Inviato da: massimocoppa
il 23/07/2021 alle 12:59
 
Ohh tu non vuoi mai discutere con me..ti chiedo dove sei e...
Inviato da: pietro_791.it
il 22/07/2021 alle 23:43
 
Immagino l'altra fuori di testa aaahhaha
Inviato da: pietro_791.it
il 22/07/2021 alle 23:41
 
eccolo!! Addumann a lui...sono stanca Pietro nn ho voglia...
Inviato da: giulia_770.it
il 22/07/2021 alle 23:37