Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 41
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

bloggoricercatoreteifretogiulia_770.itpietro_791.itvita.perezmassimocoppaMARI066la.cozzacharley0concettacasillodianapicagiovanni.rossi20lazzaronefluigimirri
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

"Basta Poco"

Post n°7773 pubblicato il 26 Novembre 2020 da pietro_791.it

L'odissea di chi vive senza tetto tra coperte di cartone

Tutti presenti per coperte e indumenti invernali? Il rischio per i senza tetto è alto con queste temperature....

Grazie ragazzi ci sentiamo per i turni...

Grazie sweety come sempre!!!!

 
 
 

Per te!!!

Post n°7772 pubblicato il 24 Novembre 2020 da giulia_770.it

Quelle scarpe rosse tacco 12 che fanno pensare .

"se mai abbassero' la testa...sara' solo per ammirare le mie scarpe"

Un abbraccio  Clara

 
 
 

Miss!

Post n°7771 pubblicato il 20 Novembre 2020 da pietro_791.it

Mi spiace, ancora un po' di pazienza!!

Ora sorridi!!!

Ti giuro, a lui piace tanto lo scaldacollo!!

 
 
 

Ma cosa hanno di speciale?

Post n°7770 pubblicato il 18 Novembre 2020 da manu78_it
 

Le sneakers di 13 euro (in negozio) sono andate a ruba. Dal nord al sud,tutte esaurite

Gente in fila dalle 7.30 per le scarpe Lidl. Po rivendute su internet anche a 2mila euro

Ho appena trovato sul web questa immagine a dir poco vergognosa... che riguarda la ressa "dell'accaparramento"... per chi fosse arrivato primo... le scarpe da running a 13 euro e calzini di spugna a 3 euro... E' davvero vergognoso assistere a questi "spettacoli" in un momento tragico come questo... Si predica bene e poi si razzola male... Si predicano le distanze e non gli assembramenti e fatemi passare... vi prego il termine... il solito caxxone italiano non riesce a controllarsi... Idioti!!!... barattate la vostra salute con l'arroganza degli ignoranti... IO desidererei che le Autorita' competenti sanzionino il gruppo commerciale autore di questo colpo di genio in questo momento particolare per non aver saputo garantire né l'ordine e né il distanziamento... Lo chiedo anche a nome dei tanti ristoratori... baristi etc che stanno sopportando in silenzio questa ennesima cagata italica... 

 
 
 

Grazie per il sostegno!!!

Post n°7769 pubblicato il 12 Novembre 2020 da giulia_770.it

Ciao a tutti...

Sto molto meglio, tutto sotto controllo!!

Grazie con affetto vi abbraccio tutti..

A presto!

 
 
 

.Io Dico No alla violenza!Dico no alla guerriglia!

Post n°7768 pubblicato il 28 Ottobre 2020 da giulia_770.it

Non si risolvono così i problemi.

L'immagine può contenere: una o più persone

... qualunque sia il grado di esasperazione sia personale che collettiva, non dimentichiamo mai che le criticità non si risolvono lanciando bombe carta e pietre contro le Forze dell'ordine e i negozi... Ovviamente massima solidarietà a chi sta soffrendo a causa delle restrizioni imposte dal DPCM...ricordo però che fortunatamente questa nostra povera  Italia ancora sempre più claudicante ... è quella dell'inno di Mameli altrimenti avremmo già visto i carri armati nelle piazze...

 
 
 

Solo 12 minuti per il risultato

Post n°7767 pubblicato il 22 Ottobre 2020 da manu78_it

Da domani al pronto soccorso delle Molinette e nei giorni successivi in tutti gli altri reparti di emergenza di Città della Salute e del resto del Piemonte saranno disponibili i tamponi rapidi. La Regione ne ha acquistato 1 milione, i primi 50mila sono arrivati questa mattina al laboratorio di microbiologia e virologia di Città della salute saranno utilizzati per i pazienti che arrivano in pronto soccorso. "Stiamo completando la formazione dei dipendenti: da domani li useremo" spiega il direttore Giovanni La Valle. Non solo: oltre che negli ospedali i tamponi rapidi saranno disponibili a pagamento anche in farmacia, e in un secondo tempo anche dai medici di famiglia (ma i sindacati sono ancora divisi).In farmacia il test rapido - ma anche il sierologico, se si vuole - si deve prenotare di persona e non al telefono. Si dovrebbe partire alla fine di questa settimana, dice il presidente di Federfarma Piemonte, Massimo Mana. Il test si paga e non è a carico del sistema sanitario regionale. Lo fa chi vuole, anche chi sta benissimo ma soffre di ansia e vuole sapere.Costerà 43 euro, 32 se in famiglia si acquistano due test antigenici, in grado di assicurare una risposta in venti minuti. Sono 1.550 le farmacie piemontesi, per ora ci sono 8mila sierologici e altrettanti rapidi a disposizione "ma saranno riassortiti molto velocemente", assicura Mana. Per sottoporsi al test non si va in farmacia, precisa Federfarma: "Evitare code e altre occasioni di assembramento è l'obiettivo". Un infermiere andrà a domicilio ma solo trascorsi tre giorni dalla prenotazione per fare in modo che eventuali sintomi abbiano il tempo di manifestarsi. Una parte si paga al momento della prenotazione, che dovrà essere di persona perché si dovranno comunicare una serie di dati personali.Il test rapido è meno invasivo rispetto a quello tradizionale e soprattutto ha tempi di risposta molto più veloci. È sufficiente inserire il tampone nel naso del paziente, catturarne le secrezioni nasali - non i frammenti di rna come nel caso del tampone molecolare - senza salire fino alla faringe. Il tampone viene poi esaminato da una macchinetta a lettura facilitata e in 12 minuti si ha il risultato che chiarisce se si è positivi o no al coronavirus. Oltre alla macchinetta sarà possibile esaminare il test anche con le strisce.Il test rapido è molto attendibile se dà risultato negativo, mentre è meno sensibile del tampone molecolare in caso di positività: per questo i protocolli prevedono che se il test rapido è positivo, il paziente sia sottoposto a tampone tradizionale per confermare la diagnosi. "Questo strumento ci serve per identificare in tempi molto rapidi i positivi, indirizzarli in percorsi Covid e alleggerire i laboratori che esaminano i tamponi tradizionali" spiega la professoressa Rossana Cavallo, direttore laboratorio microbiologia e virologia di Città della salute.A inizio novembre, poi, grazie al tampone rapido antigenico inizierà la "fase due" dello screening per 20mila lavoratori delle forze dell'ordine. Lo annuncia l'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, dopo aver incontrato, ieri sera, i rappresentanti delle forze dell'ordine per concordare le modalità dell'operazione, con il coordinamento dell'Asl Città di Torino.L'iniziativa coinvolgerà i ventimila operatori, su base volontaria, tra forze dell'ordine, forze armate, polizia locale, vigili del fuoco e lavoratori dei tribunali ordinari, amministrativi e contabili.

...

 

Forse mi sbaglio ma secondo me l'articolo e' scritto malissimo."Il test rapido è molto attendibile se dà risultato negativo, mentre è meno sensibile del tampone molecolare in caso di positività". Se uno strumento diagnostico e' meno sensibile sara' meno attendibile nel rilevare i positivi deboli! Il rischio sono i falsi negativi, non quello che avete scritto.

 
 
 

Un giorno, potremo raccontare di essere stati contemporanei di quest’uomo...

Post n°7766 pubblicato il 21 Ottobre 2020 da manu78_it

L'immagine può contenere: 1 persona

"Le persone omosessuali nel mondo hanno il diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo.Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo".Non lo ha detto un attivista per i diritti Lgbtq o un politico di sinistra.Lo ha detto il più alto rappresentante della Chiesa cattolica apostolica romana, che per secoli ha considerato l’omosessualità un peccato non emendabile e gli omosessuali al di fuori dell’ordine morale costituito.Queste sono parole epocali, pronunciate da un uomo straordinario e, per distacco, il Papa più importante e rivoluzionario della storia recente.

Di la tua..

 
 
 

Beccata!!!!

Post n°7765 pubblicato il 21 Ottobre 2020 da pietro_791.it

Miss, per una giusta causa????

notizie grazie!!!

 
 
 

Cosi, giusto per dirne una...

Post n°7764 pubblicato il 13 Ottobre 2020 da manu78_it

"Nei luoghi privati il titolare, sia che trattasi di abitazioni familiari o sedi associative, può consentire l'accesso a un massimo di dieci persone diverse dal proprio nucleo familiare risultante dall'anagrafe comunale", si legge nella bozza del prossimo Dpcm atteso nelle prossime ore.

Nel testo si spiega anche che per assicurare il rispetto di tale prescrizione gli incaricati dalla pubblica autorità potranno in qualsiasi momento chiedere l'accesso così da procedere alla identificazione dei soggetti presenti nell'immobile.

Intanto il ministro Speranza invita pubblicamente alla delazione, cioè alle segnalazioni da parte dei vicini di casa.

Insomma, le autorità ci potranno entrare in casa in qualunque momento, senza un mandato, in barba all'articolo 14 della Costituzione e dall'altra dovremo temere gli spioni che come i peggiori delatori saranno pronti a segnalare comportamenti sospetti.

Tutti orrori che abbiamo visto solo sotto il regime stalinista e negli angoscianti romanzi e film distopici.

L'immagine può contenere: il seguente testo

 
 
 

Miss!

Post n°7763 pubblicato il 12 Ottobre 2020 da pietro_791.it

HOTEL MODERNO PAVIA 4* (Italia) - da € 135 | HOTELMIX

Ma sei ancora a Pavia? Perché non rispondi al cellulareeee!!!!  Mi fai arrabbiareeee....

 
 
 

Paghi per un’ora, mangi quello che vuoi:

Post n°7762 pubblicato il 12 Ottobre 2020 da manu78_it

a Bologna nasce la prima osteria “a tempo

Per superare le limitazioni imposte dal Coronavirus al mondo della ristorazione, come i posti calmierati e distanziati, Mirco Carati e Antonella De Sanctis hanno dovuto varare un menù legato all'orologio nel loro ristorante da 12 coperti: per il momento c'è un turno da un'ora (che costa 18 euro vini esclusi) o da due ore (26 euro). In questo lasso di tempo il cliente può mangiare a volontà, con bis e tris

Paghi per un'ora, mangi quello che vuoi: a Bologna nasce la prima ...

Non è un fast food e tantomeno un ristorante ‘all you can eat’. Vâgh íñ ufézzí è la prima osteria a tempo. Un posto, in pieno centro a Bologna, dove il tempo diventa denaro. Per superare le limitazioni imposte dal Coronavirus al mondo della ristorazione, come i posti calmierati e distanziati, Mirco Carati e Antonella De Sanctis hanno deciso di lasciarsi ispirare dall’antica tradizione bolognese. Come racconta Francesco Guccini nel suo ultimo libro autobiografico, in via del Pratello alla fine della seconda guerra mondiale aprì Il Ghitton: la cuoca serviva solo pasta e fagioli e si pagava a tempo, del tipo “Dieci minuti di pasta e fagioli grazie!” Ogni commensale infatti doveva specificare per quanti minuti avrebbe mangiato e la ciotola sarebbe stata riempita di conseguenza.

A pranzo con Bea - Vâgh íñ ufézzíù

Quindi adesso qui si paga il conto in funzione del tempo che si trascorre a tavola: per il momento c’è un turno da un’ora (che costa 18 euro vini esclusi) o da due ore (26 euro). In questo lasso di tempo il cliente può mangiare a volontà, con bis e tris. Piatti emiliano-romagnoli e non solo. A sancire lo scadere dell’ora ci sarà anche il suono di una vecchia campana, se non dovesse bastare l’orologio sul tavolo.

 
 
 

Loro hanno bisogno di noi!

Post n°7761 pubblicato il 07 Ottobre 2020 da giulia_770.it

abbiamo ripreso il nostro servizio di unità di strada della domenica nell’Area Ovest di Milano, con tutte le misure di sicurezza, dopo essere stati costretti a fermarci per un po’: alle vecchie conoscenze, che sono state contente di rivederci, se ne sono aggiunte di nuove che nelle prossime settimane continueremo a seguire aiutandole a costruire un percorso di uscita dalla strada.

L'immagine può contenere: 1 persona, il seguente testo

Sono purtroppo sempre tante le persone senza dimora... a Milano, ancora di più che nei mesi invernali, ed è per questo che abbiamo ritenuto importante riprendere appena possibile l’attività: non è facile per una piccola realtà come la nostra, ma grazie ai nostri volontari e alle persone che continuano a sostenerci torneremo presto a fare le stesse cose di prima e anche di più.

Ragazzi "Basta poco!"...Passaparola--iniziamo con la raccolta coperte e igienizziamo!!!! GRAZIE__

 
 
 

Ho lottato e sofferto tanto che mi merito qualcosa di intero, intenso, indistruttibile. -

Post n°7760 pubblicato il 07 Ottobre 2020 da giulia_770.it

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

....Lei non era bellissima, ma era come arte. E l'arte non deve essere bellissima, deve farti provare delle emozioni. Quando ti fa innamorare, è un capolavoro.

Vi aspettiamo alla Fabbrica del Vapore... Milano

 
 
 

Una scena davvero incredibile.

Post n°7759 pubblicato il 06 Ottobre 2020 da giulia_770.it

L'immagine può contenere: 1 persona, vestito elegante e spazio al chiuso

Alla Camera era in discussione il nuovo Dpcm del Governo.

Un Dpcm resosi necessario non perché il Presidente Conte e il Ministro Speranza si divertano a scriverne di nuovi o perché siano particolarmente cattivi, ma per l'aumento ormai costante dei contagi, dei ricoveri e delle terapie intensive.

Ebbene: a causa dell'assenza di 15 parlamentari della maggioranza, dovuta a situazioni di isolamento fiduciario di alcuni parlamentari (21 del Pd, 5 di Italia Viva e 1 di Leu), il numero legale non è stato raggiunto.

Ed è qui che arriva la scena incredibile: la destra ha esultato. Letteralmente. Con tanto di urla e applausi.
I deputati della Lega, cioè, hanno festeggiato non solo sulla pelle di alcuni colleghi che, a causa del Covid, sono costretti a vivere in isolamento, ma anche sulla pelle degli italiani.

Perché cosa prevedeva quel Dpcm? Il lockdown? La chiusura di locali e ristoranti? Il ritorno alla vita di marzo e aprile?

No, nulla di tutto questo. Prevedeva tre semplici cose: la proroga dello stato d'emergenza al 31 gennaio; la conferma di tutte le misure anticontagio finora previste e l'obbligo delle mascherine all'aperto, come già disposto autonomamente da alcune Regioni.

La destra, che della parola sicurezza si riempie la bocca, ha quindi esultato perché la vita degli italiani sarà un po' meno sicura.

Se avesse potuto, anche il Covid si sarebbe unito con piacere ai loro festeggiamenti.

-----

Forse i deputati in isolamento avrebbero potuto partecipare alla seduta collegandosi a distanza.

 
 
 

Non approvo affatto

Post n°7758 pubblicato il 06 Ottobre 2020 da giulia_770.it

L'immagine può contenere: 2 persone, occhiali

... Non approvo affatto l’ondata di commenti di odio verso Giannini e Lorenzin risultati positivi al Covid...Addirittura una donna ha detto che trattasi di “castigo divino” e auguravano loro la morte...il Dio che" conosco" io non credo punisca le persone con la malattia...non penso si diverta a far soffrire la gente... Ignoranza e cattiveria sono gli altri due virus da debellare!!! E per questi purtroppo non basta la mascherina!!!

 
 
 

“Il provvedimento"

Post n°7757 pubblicato il 04 Ottobre 2020 da giulia_770.it

Attiva con successo dal 2014, l’iniziativa che prevede l’ingresso gratuito ogni prima domenica del mese in tutti i musei statali, è stata sospesa “in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica".

Il crescente aumento dei contagi da Covid-19 che oramai da settimane attanaglia l’intero territorio nazionale colpisce anche il settore dei Beni Culturali, con una nuova ordinanza emanata dal Ministero della Salute – e pubblicata lo scorso 26 settembre in Gazzetta Ufficiale – che sancisce la sospensione delle domeniche gratuite nei musei statali.

(“Il provvedimento è stato preso a seguito della segnalazione da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo della necessità, in attuazione delle misure di riduzione e contenimento del rischio connesso all’emergenza sanitaria da Covid-19, di sospendere l’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso gratuito ai musei e agli altri istituti e luoghi della cultura la prima domenica del mese”, si legge dalla nota stampa pubblicata dal MiBACT. “L’ordinanza del Ministero della Salute è motivata in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica a livello internazionale e il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia da COVID-19”.)

 
 
 

la Gioconda non fu dipinta a mano libera--

Post n°7756 pubblicato il 04 Ottobre 2020 da giulia_770.it

Gli studiosi Pascal Cotte e Lionel Simonot pubblicheranno sul Journal of Cultural Heritage i risultati della loro ricerca ultra decennale. Da quanto è emerso, la Gioconda non fu dipinta a mano libera, bensì ricalcando un bozzetto preparato a parte.

Bersaglio per rivisitazioni dada e pop, protagonista di un best seller, oggetto di studi psicoanalitici: la Monna Lisa, l’iconica opera realizzata da Leonardo da Vinci tra il 1503 e il 1504, non smette di ammaliare appassionati e studiosi con la sua aura enigmatica. L’ultima notizia che la riguarda proviene dall’esito di una ricerca ultra decennale condotta da Pascal Cotte, ingegnere dei laboratori Lumière Technology, e da Lionel Simonot, specialista in proprietà ottiche dei materiali dell’Università di Poitiers. Lo studio rivela che il celebre dipinto non è stato realizzato a mano libera, bensì con la tecnica dello spolvero, che richiede il supporto di un bozzetto preparatorio. L’analisi, che verrà presto pubblicata sulla rivista specializzata Journal of Cultural Heritage, aggiunge un importante tassello alla conoscenza della genesi di quest’opera, in buona parte ancora avvolta nel mistero.

 
 
 

Le luci della mente..

Post n°7755 pubblicato il 04 Ottobre 2020 da giulia_770.it

Dopo il terremoto del 2012, i restauri architettonici dedicati al miglioramento strutturale antisismico e l’emergenza Covid, è tornato a splendere il SalonedeiMesi, capolavoro dell’arte rinascimentale italiana custodito a PalazzoSchifanoia a Ferrara.

...

Il Salone dei Mesi, capolavoro dell’arte rinascimentale custodito in uno dei luoghi simbolo di Ferrara, Palazzo Schifanoia, torna a splendere grazie a un nuovo progetto di illuminazione firmato iGuzzini su concept dello Studio Pasetti Lighting. All’interno del grandioso Salone, fatto decorare dal principe estense Borso d’Este intorno al 1469, è possibile ammirare il programma iconografico progettato da Pellegrino Prisciani, astrologo e bibliotecario di corte. Un grande calendario per esaltare l’età dell’oro che la città visse nei vent’anni di potere borsiano, nel quale convivono le esigenze celebrative di Borso, la mitologia antica e l’astrologia araba.
 
 
 

"Il primato dell’opera":

Post n°7754 pubblicato il 04 Ottobre 2020 da giulia_770.it

L'immagine può contenere: spazio al chiuso

“Si tratta di 194 opere (di cui 43 provenienti dalla Fondazione Ettore De Fornaris) frutto di donazioni e acquisizioni che vanno dagli anni ’20 a oggi da gallerie internazionali”, ha precisato durante la conferenza stampa Maurizio Cibrario, Presidente della Fondazione Torino Musei che ha, così, dato il via alla riapertura del museo al pubblico dopo i lunghi mesi di lockdown. “Il lavoro di riallestimento è nato in poco tempo”, ha aggiunto il direttore della GAM Riccardo Passoni, “il progetto di revisione della lettura del Novecento storico è iniziato l’anno scorso e va ad inserire nel percorso figure identitarie della storia dell’arte con opere che per metà sono diverse dall’allestimento precedente”.

 
 
 
Successivi »
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI

.. questo poco ma sicuro ! :)
Inviato da: MARI066
il 24/11/2020 alle 23:28
 
Bellissima
Inviato da: la.cozza
il 24/11/2020 alle 19:10
 
Incredibile! Gli ospedali sono pieni per colpa di questo...
Inviato da: Vincenzo
il 19/11/2020 alle 20:17
 
Decadenza. Oggi 700 morti, un momento drammatico della...
Inviato da: stefano_75sc
il 19/11/2020 alle 20:15
 
1) Complimenti a tutte le Lidl che hanno permesso...
Inviato da: modi_1973
il 19/11/2020 alle 20:11