Creato da igor_2007 il 17/07/2008

Mare e dintorni

Dedicato al Mare

 

 

C'era una volta...

Post n°655 pubblicato il 06 Ottobre 2019 da igor_2007

 
 
 

"Se ami per la prima volta" di S.Agostino

Post n°653 pubblicato il 28 Marzo 2012 da igor_2007

 
 
 

Due

Post n°652 pubblicato il 27 Marzo 2012 da igor_2007

 
 
 

a mariooo

Post n°651 pubblicato il 25 Marzo 2012 da igor_2007

 
 
 

Valore

Post n°650 pubblicato il 25 Marzo 2012 da igor_2007

Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca.
Considero valore il regno minerale, l'assemblea delle stelle.
Considero valore il vino finché dura il pasto, un sorriso involontario,
la stanchezza di chi non si è risparmiato, due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varrà più niente e quello
che oggi vale ancora poco.
Considero valore tutte le ferite.
Considero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe,
tacere in tempo, accorrere a un grido, chiedere permesso prima di sedersi,
provare gratitudine senza ricordare di che.
Considero valore sapere in una stanza dov'è il nord,
qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato.
Considero valore il viaggio del vagabondo, la clausura della monaca,
la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.
Considero valore l'uso del verbo amare e l'ipotesi che esista un creatore.
Molti di questi valori non ho conosciuto.

Erri De Luca

 
 
 

Ascoltando il silenzio

Post n°649 pubblicato il 20 Marzo 2012 da igor_2007

 
 
 

lei e il mare

Post n°648 pubblicato il 14 Marzo 2012 da igor_2007

 

 
 
 

Inno alla poesia

Post n°647 pubblicato il 07 Dicembre 2011 da igor_2007

 
 
 

Il cuore più bello del mondo

Post n°646 pubblicato il 29 Settembre 2011 da igor_2007

C'era una volta un giovane in mezzo a una piazza gremita di persone: diceva di avere il cuore più bello del mondo, o quantomeno della vallata. Tutti quanti gliel'ammiravano: era davvero perfetto, senza alcun minimo difetto. Erano tutti concordi nell'ammettere che quello era proprio il cuore più bello che avessero mai visto in vita loro, e più lo dicevano, più il giovane s'insuperbiva e si vantava di quel suo cuore meraviglioso.

All'improvviso spuntò fuori dal nulla un vecchio, che emergendo dalla folla disse: "Beh, a dire il vero.. il tuo cuore è molto meno bello del mio."

Quando lo mostrò, aveva puntati addosso gli occhi di tutti: della folla, e del ragazzo. Certo, quel cuore batteva forte, ma era ricoperto di cicatrici. C'erano zone dove dalle quali erano stati asportati dei pezzi e rimpiazzati con altri, ma non combaciavano bene - così il cuore risultava tutto bitorzoluto. Per giunta, era pieno di grossi buchi dove mancavano interi pezzi.

Così tutti quanti osservavano il vecchio, colmi di perplessità, domandandosi come potesse affermare che il suo cuore fosse bello.

Il giovane guardò com'era ridotto quel vecchio e scoppiò a ridere: "Starai scherzando!", disse. "Confronta il tuo cuore col mio: il mio è perfetto, mentre il tuo è un rattoppo di ferite e lacrime."

"Vero.", ammise il vecchio. "Il tuo ha un aspetto assolutamente perfetto, ma non farei mai a cambio col mio. Vedi, ciascuna ferita rappresenta una persona alla quale ho donato il mio amore: ho staccato un pezzo del mio cuore e gliel'ho dato, e spesso ne ho ricevuto in cambio un pezzo del loro cuore, a colmare il vuoto lasciato nel mio cuore. Ma, certo, ciò che dai non è mai esattamente uguale a ciò che ricevi - e così ho qualche bitorzolo, a cui sono affezionato, però: ciascuno mi ricorda l'amore che ho condiviso. Altre volte invece ho dato via pezzi del mio cuore a persone che non mi hanno corrisposto: questo ti spiega le voragini. Amare è rischioso, certo, ma per quanto dolorose siano queste voragini che rimangono aperte nel mio cuore, mi ricordano sempre l'amore che provo anche per queste persone.. e chissà? Forse un giorno ritorneranno, e magari colmeranno lo spazio che ho riservato per loro. Comprendi, adesso, che cosa sia la VERA bellezza?"

Il giovane era rimasto senza parole, e lacrime copiose gli rigavano il volto. Prese un pezzo del proprio cuore, andò incontro al vecchio, e gliel'offrì con le mani che tremavano. Il vecchio lo accettò, lo mise nel suo cuore, poi prese un pezzo del suo vecchio cuore rattoppato e con esso colmò la ferita rimasta aperta nel cuore del giovane. Ci entrava, ma non combaciava perfettamente, faceva un piccolo bitorzolo.

Il giovane guardò il suo cuore, che non era più "il cuore più bello del mondo", eppure lo trovava più meraviglioso che mai: perchè l'amore del vecchio ora scorreva dentro di lui

    

 
 
 

IL VIAGGIO D’AMORE DEL TONNO (Un racconto emozionante)

Post n°645 pubblicato il 06 Giugno 2011 da igor_2007

 

Siamo in molti qui, l'acqua è grigia, fa freddo ma lo sento appena, però c'è tanto da mangiare, sardine, piccoli pesci, ci tuffiamo correndo in mezzo a loro e la bocca si riempie, la fame non è un problema.

Con i miei compagni ci divertiamo a nuotare veloci, e il primo che avvista un branco di acciughe lo comunica a tutti, ogni tanto uno di noi se ne va dietro ad una barca che trascina un filo quasi invisibile, ma il gruppo non si disperde, restiamo tutti uniti perché se vogliamo difenderci dai nemici e trovare cibo abbondante è così che dobbiamo fare.

E tutti insieme un giorno decidiamo di lasciare quelle acque fredde e piene di pesci da mangiare, perché c'è qualcosa che ci chiama verso sud, non lo sappiamo cos'è, ma da sempre quando le giornate cominciano a prendere il sopravvento sulla notte noi tonni facciamo così. Per me è la decima volta che mi lascio spingere dall'istinto verso quello stretto passaggio dove d'un tratto sembra di correre dentro un fiume, che non c'è bisogno nemmeno di muovere la coda per viaggiare veloci.

Per dieci volte una voce dentro di me mi ha detto di andare, nuotare, e accanto, e davanti, e dietro, tanti altri tonni nuotano dritti verso l'appuntamento che la Natura ha preso per loro mille e mille anni fa; io spesso nelle notti rischiarate dalla luna, nelle baie dall'acqua gelida, me lo sogno quel posto luminoso e caldo dove mi sento completamente a mio agio. Ogni volta che ci torno è come ritornare alla giovinezza, quando ero un tonnetto di pochi grammi eppure già correvo dietro alle larve diafane che mi passavano davanti trasportate dalla corrente. Per due o tre volte ho visto i miei amici più grossi, dai quali avevo imparato a inseguire le cicirelle (1), correre verso ponente, e poi per tanto tempo non li ho visti più; però quando l'acqua cominciava a riscaldarsi li vedevo tornare, e mi raccontavano di praterie di alghe dove il cibo non manca mai. Un giorno mi sono sentito forte abbastanza per andare con loro (2), e da quella volta anch'io mi faccio sospingere dalla corrente che passa tumultuosa avanti e indietro in quella specie di imbuto che divide l'immenso Oceano con le enormi onde dal più tranquillo mare interno dove l'acqua è calda e limpida, il sole ti inebria e il sale ti riempie gli occhi e le branchie (3). Ora sono un tonno adulto, e i 250 centimetri di lunghezza sono tutti attraversati da muscoli potenti, in grado di spingere i miei quasi 300 chili ad una velocità anche di 35 nodi (4).

Le Plejadi sono sorte in cielo, e la loro luce rischiara la notte, l'onda dell'Oceano aiuta il mio nuoto, da giorni viaggio senza sosta e sulla mia sinistra corrono porti e spiagge lunghissime, città e alte rocche, c'è cibo per me e per i miei compagni, ma l'istinto mi dice di andare avanti, di non fermarmi, di nuotare sempre più veloce, qui a trenta metri di profondità stiamo correndo verso il nostro mare promesso (5).

Da qualche giorno la fame si fa sentire di meno, bastano pochi pescetti per riempirmi lo stomaco, e faccio fatica a scendere là dove la luce del sole quasi non arriva, come invece facevo fino a qualche giorno addietro (6).

Ora a sinistra c'è spazio, la costa rientra, viro anch'io e d'un tratto una corrente violenta mi afferra e mi trasporta a velocità sempre crescente, è come venire risucchiati, altri gruppi di tonni si uniscono al mio, vengono da ponente e da mezzogiorno, tutti insieme ci precipitiamo dentro quel fiume che corre sotto il mare, inutile cercare di cambiare rotta, e poi perché? stiamo andando dove ci chiama il Dio dei tonni, a destra e sinistra intravedo tremule costruzioni sottomarine che ingoiano alcuni dei miei compagni (7), ma io proseguo dritto, al centro di quella strada liquida che la Natura ha costruito per noi, davanti a me il mare diventa sempre più bello, limpido e caldo.

Ecco, la spinta della corrente diminuisce, ci ritroviamo in un tripudio di colori, siamo in tanti, più di quanti eravamo quando abbiamo iniziato questa corsa verso la luce; alcuni deviano a sud, altri a nord, io col mio gruppo proseguiamo verso levante, è lì che nasce il sole.

Giorni e giorni di navigazione nell'acqua sempre più calda e salina, con l'addome che si riempie di ora in ora nonostante non mangi ormai da tempo, non sento nemmeno il morso della fame, piuttosto cos'è quella tensione che mi opprime lo stomaco? (8)

Ora la tensione è troppo forte, devo liberare l'addome e per farlo ho bisogno di acque più luminose e meno profonde, l'istinto mi dice di deviare la mia corsa e andare verso terra, lì troverò ciò che cerco. Il mio branco stavolta è meno numeroso, alcuni compagni ci hanno lasciato già da qualche giorno, altri tirano avanti, noi ci stringiamo ancora per non restare isolati, stavolta non c'è la corrente violenta a condurci per mano, ma un soffio che ci suggerisce il cammino; ora davanti abbiamo la terra, il fondale sotto di noi sale rapidamente, dobbiamo virare ancora ma non vogliamo allontanarci da quelle acque dove stiamo così bene, ci incamminiamo per un sentiero invisibile che corre parallelo alla costa, che scorgiamo con l'occhio sinistro. Riprendiamo a correre, e intanto la pressione nello stomaco diventa insopportabile.

Cos'è quello sbarramento di rete che ci impedisce il cammino? Lo risaliamo velocemente, dovrà finire prima o poi. Ecco, finalmente un'apertura, via veloci verso il mare aperto ... no, ora ci sono sbarramenti a destra e sinistra, dappertutto, dove siamo finiti? Corriamo a levante, niente, un muro anche qui, proviamo a ponente ma il risultato è lo stesso. Che facciamo? Lo spazio c'è, intanto possiamo nuotare sereni, dopo si vedrà. All'inizio nel branco c'era un poco di nervosismo, ma poi ci tranquillizziamo, non c'è pericolo, e anzi altri tonni stanno arrivando un po' alla volta, ora siamo nuovamente in tanti, tre - quattrocento, forse di più. I nuovi arrivati sono più giovani, corrono veloci come per gioco tutti insieme ma non ci danno fastidio. Due scontrosi pescispada se ne stanno per i fatti loro, non sembrano tranquilli in questo posto, vanno avanti e indietro nervosi e non ci degnano di uno sguardo.
Noi giriamo in tondo notte e giorno, e qualcuno comincia già a svuotare l'addome turgido, una nuvoletta bianca si disperde nella corrente leggera, si mischia ad altre nuvole lattiginose che fluttuano nel nulla, la pressione sui fianchi comincia a scemare (9).

E' bello partire veloci accanto a lei, girarsi e rigirasi nell'acqua limpida, vedo il suo ventre brillare sotto i raggi del sole che arrivano fin qui (10), le mie gonadi si vanno svuotando, e intanto continuo a correre girandomi con la pancia in su, dal fondo punto verso la superficie, poi viro a sinistra, e mi rituffo nel blu. Sui fianchi sento scivolare l'acqua ormai tiepida, e non faccio fatica a mantenermi sempre alla stessa profondità, è come fluttuare nel nulla. Sono felice, e mi piace pensare che quando il giorno e la notte dopo il lungo inverno si divideranno ancora il tempo, io sarò nuovamente qui, dove sono nato tanti equinozi fa, assieme agli altri tonni per il nostro lungo viaggio d'amore.

Appena il sole sorge arrivano barche nere, e strani esseri si sporgono per guardarci da dentro un cilindro, loro guardano noi, e noi guardiamo loro, cosa vorranno? E quello strano essere avvolto dalle bolle d'aria che passa attraverso il branco come per contarci, cos'è? Non lo sappiamo, ma sentiamo che per noi non è un pericolo, non è come quell'altro pesce che ha la coda come la nostra ma che ci insegue e si butta sopra i più deboli facendoli a pezzi con i denti aguzzi (11).

Da giorni giro senza sosta dentro questa trappola, non so più cosa fare, e mi sta tornando la fame ... (12).

Il sole se n'è andato, oggi non c'è luna, le code dei miei compagni lasciano una scia fosforescente nell'acqua di cristallo, la temperatura è mite, è dolce lasciarsi cullare dalla leggera corrente che spira da levante, ma è un attimo, nel buio sono andato a sbattere contro qualcosa, non posso più nuotare, chi mi blocca? il terrore mi assale, le branchie bruciano, l'acqua non scorre per la gola, non mi arriva più ossigeno nel cervello e nei muscoli, tentacoli invisibili mi avviluppano il muso, la coda e le pinne, cosa accade? con tutta la forza che mi resta cerco di sfuggire a quella morsa che mi sta uccidendo, la coda si libera, tendo i muscoli, inarco la schiena, fra qualche secondo morirò, no, qualcosa cede, uno schiocco secco, il muso è libero, ancora uno sforzo, riprendo a nuotare, piano però, sono esausto e il mio piccolo cuore batte all'impazzata. Cosa è successo? (13).

Ora la luce è tornata ad illuminare il mare, nel muro che ci separa dalla libertà c'è un buco delimitato da brandelli di rete, ieri prima che facesse buio non c'era. Lì stavo perdendo la mia vita.

Le barche sono ritornate, ma stavolta ne vedo passare tante, sono molte più dei giorni scorsi. C'è confusione là sopra, le barche si attaccano una sull'altra, da quella più piccola occhi curiosi ci spiano attraverso il cilindro dal quale riesco a vedere il volto di un uomo e il cielo azzurro. La corrente e l'istinto mi dicono di correre verso ponente, ma un muro di rete me lo impedisce, no, il muro non c'è più, di là c'è la libertà, mi fermo incerto, sarà vero? anche i miei compagni non sanno cosa fare, continuiamo a girare in tondo come se la nostra prigione fosse ancora chiusa, ma è un attimo, andiamocene via, corriamo dove ci dice il cuore (14).

La libertà! Da giorni avevo dimenticato cosa vuol dire, finalmente niente ci ferma, corriamo tutti insieme ... Ma cos'è? un nuovo muro, stavolta ancora più solido, dalle maglie quasi non passa nemmeno l'acqua, torniamo indietro, qui non sappiamo cosa ci aspetta. No, impossibile ritornare, dove prima c'era il nulla è comparsa una rete con dei fiori gialli intrecciati, non l'avevo mai vista prima (15).

Siamo confusi, non sappiamo più dove andare, cerchiamo un varco ma è tutto inutile, e per giunta ci sta venendo meno l'acqua, la rete si restringe, il fondo sale, per noi c'è sempre meno spazio. Dall'alto sentiamo arrivare un canto appena smorzato dalla profondità (16). I più giovani di noi sembrano impazziti, hanno già le pinne fuori dall'acqua, cominciamo a sbattere uno contro l'altro, qualcuno nel tentativo di fuggire è finito avviluppato nella morsa della rete.

Ora non c'è più mare, solo rete sotto e di fianco, e dall'alto arrivano lunghi uncini a sfregiare la mia carne. Il dolore è tremendo, l'acqua è diventata rossa del mio sangue. Finisce così il mio viaggio?

Ormai non ho più forza, gli uncini sono penetrati in tutto il corpo, mi sento morire, ma so che ho ancora un compito da portare a termine, con un ultimo sussulto svuoto le gonadi del loro contenuto. Non rivedrò più le coste verdi davanti alle quali le sardine vivono in branchi immensi, né più mai vedrò Arturo tramontare sul mare che ogni anno ci accoglie nel suo ventre caldo e limpido, ma la mia corsa non è stata inutile, le migliaia di uova che ho fecondato si lasceranno trasportare dalla corrente, e fra tre mesi piccoli tonnetti da 200 grammi inizieranno a correre dietro ai pesciolini che nuotano appena sotto la superficie. Un giorno anche loro usciranno dalle Colonne d'Ercole richiamati dall'istinto, e poi rientreranno nel Mare dove sono nati, nel meraviglioso girotondo della Natura.

Braccia possenti afferrano le mie pinne, uomini sporchi di sangue mi tirano fuori dal mare, li guardo sgomento, poi il mio piccolo cuore si arrende, cado in una barcaccia nera di pece e mi lascio morire mentre gli schizzi d'acqua creano un arcobaleno nel cielo azzurro ...

NOTE

 

1.Amnodytes cicirellus, piccolo pesce che assieme alle sardelle e agli sgombri costituisce parte importante dell'alimento dei giovani tonni

.

2.La migrazione atlantica inizia con la maturità sessuale, intorno ai 2/3 anni di età.

3.Le condizioni ambientali ottimali per la riproduzione si verificano nella primavera/estate mediterranea, quando la temperatura dell'acqua si aggira sui 17/20 gradi, e la salinità raggiunge il 37,5 per cento.

4.Un tonno di 13/14 anni di età misura circa 250 cm. di lunghezza, per un peso di 240/300 chilogrammi.

5.Nella migrazione genetica i tonni, che pure sono in grado di inabissarsi per centinaia di metri, solitamente non scendono oltre i 50 metri, preferendo gli strati superficiali dell'acqua (25/30 metri).

6.Il minore peso specifico a causa del grasso nei tessuti, e delle cavità addominali riempite dalle gonadi mature, facilita il galleggiamento, e di converso rende difficoltosa l'immersione.

7.Lungo le coste atlantiche di Portogallo, Spagna e Marocco per secoli sono state calate importanti tonnare, e alcune di esse continuano ad operare con profitto.

8.Le cavità addominali vanno riempiendosi per il turgore delle gonadi, l'intestino viene compresso e non c'è quasi spazio per il cibo.

9.All'apice della fregola sessuale i tonni, nuotando vicini, svuotano le gonadi, i maschi espellendo lo sperma (lattume) e le femmine le uova: i prodotti sessuali trasportati dalla corrente si mischiano, fecondandosi.

10.           Nel loro girarsi pancia contro pancia, i tonni mostrano ai pescatori l'addome (surra), e questo comportamento viene chiamato surriare; il lampo di luce avvertito anche a grande profondità attraverso lo specchio viene definito dai tonnaroti sbàrraco (i tonni sbarrachìano).

11.           Lo squalo Mako, pisci tunnu (Isurus oxyrhinchus), dal "calcagnolo" di coda simile a quello dei tonni.

12.           Dopo lo svuotamento delle gonadi, al termine della fase genetica, ricompare lo stimolo della fame.

13.           Una notte di tanti anni fa l'autore, giovane ed esuberante, si ritrovò con alcuni amici a far baldoria all'interno di un campo di bocce; il guardiano notturno svegliato dal rumore, aggredì con un idrante i ragazzi che fuggirono scomposti nel buio. Nella mia fuga cieca andai a sbattere violentemente contro la recinzione resa invisibile dall'oscurità, e in un attimo provai una ridda di sentimenti: sorpresa, sgomento, dolore, paura. Guardando i tonni rimasti avviluppati nella invincibile maglia di rete che ne ha fermato il cammino, non posso fare a meno di andare con la mente a quella notte di tanti anni addietro ...

14.           I tonnaroti hanno abbassato la porta cannapa e un'illusoria libertà si è aperta a ponente.

 

15.           I tonni sono entrati nella camera della morte, ed i pescatori hanno richiuso la porta cannapa, dove sono intrecciati i gialli fiori di maggio (custura l'erva).

16.           Dal vascello di levante i tonnaroti cominciano a tirare la rete del corpu, accompagnando i loro sforzi con le cialome (v. infra, "E criasti ...").

 

Tratto dal libro di Ninni Ravazza "Il sale e il sangue.
Storie di uomini e tonni" (Magenes Editoriale, Milano, 2007, pp. 233)

Le immagini sono state prelevate dal web

 
 
 

Mare e Prigioni

Post n°644 pubblicato il 20 Maggio 2011 da igor_2007

 
 
 

No alle guerre

Post n°642 pubblicato il 23 Aprile 2011 da igor_2007

 

La cosa più importante

 Li Tien Min (poeta cinese)

Non importa chi tu sia

uomo o donna

vecchio o fanciullo

operaio o contadino

soldato o studente o commerciante

non importa quale sia

il tuo credo politico

o quello religioso;

se ti chiedono qual è la cosa

più importante per l'umanità

rispondi prima

dopo

sempre

la pace!

BUONA PASQUA

 

 

 
 
 

Piccoli tesori

Post n°640 pubblicato il 17 Aprile 2011 da igor_2007

 

 

 

 

 

 

 

 

"Andai al mare a cercare conchiglie.
In una trovai una piccola perla,
e adesso la conservo nel cuore."

 
 
 

l'essere egoisti

Post n°639 pubblicato il 12 Aprile 2011 da igor_2007

 

 

 

 

«L'egoismo non consiste nel vivere come
ci pare

ma nell'esigere che gli altri
vivano come pare a noi.» 

                                                       Oscar Wilde

 

 
 
 

Il mare...

Post n°638 pubblicato il 02 Aprile 2011 da igor_2007

Il mare non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli

che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là

dove nasce e muore il sole....

Giovanni Verga

 
 
 

..

Post n°637 pubblicato il 01 Aprile 2011 da igor_2007

Forse quando diciamo, che i gatti sono animali poco affettuosi, dovremmo riflettere meglio su questa affermazione. Ho avuto modo di osservare mamme gatte, che per nutrire i propri piccoli percorrono distanze incredibili con il fardello del cibo in bocca.
Quando arrivano in prossimità del luogo dove allevano i piccoli, emettono un richiamo, i cuccioli si avvicinano e mamma gatta, rilascia il cibo procurato con molta generosità e spirito di abnegazione.

Guardare questa immagine la racconta lunga sull'amore che le mamme gatte riesce a regalare.

 

 
 
 

Affascinante e temibile

Post n°636 pubblicato il 30 Marzo 2011 da igor_2007

 

 
 
 

A volte succede....

Post n°635 pubblicato il 30 Marzo 2011 da igor_2007

 

 

Ridiamo, perchè le lacrime che ci hanno insegnato

la verità hanno bisogno di un sorriso

che li consoli

 
 
 

L'attimo fuggente

Post n°634 pubblicato il 23 Marzo 2011 da igor_2007

Cogli la rosa quando è il momento, che il tempo, lo sai,

vola e lo stesso fiore che sboccia oggi, domani appassirà.


 
 
 

l'uomo e il pesce spada

Post n°633 pubblicato il 17 Marzo 2011 da igor_2007

Non è possibile stabilire con precisione la nascita della pesca del pesce spada nell'area dello Stretto di Messina di sicuro è una lotta cruenta con tradizioni antichissime che vede come protagonisti, i pescatori e il pesce spada. La lotta si ripete ogni anno da Maggio ad Ottobre.

I pescatori uomini duri abituati a fatiche incredibili, per portare avanti le loro famiglie, sono anche profondi conoscitori della natura e fruitori della stessa natura esercitando prelievi di pesce in un rapporto così equilibrato che mai nessuno ha pensato che questo tipo di pesca possa contribuire a distruggere la specie pescata.
Pensate che per rendere più proficua la pesca, catturano prima la femmina di pesce spada perchè l'esperienza e la conoscenza, ha insegnato loro, che il pesce spada maschio non abbandonerà la compagna uccisa e cercherà di difenderla in una lotta all'ultimo respiro. Per quanto possa sembrare crudele e violenta questa lotta, è uno dei pochi casi, rimasti, in cui l'uomo si integra con la natura. Per poter catturare un esemplare in più, l'uomo, deve conoscere le abitudini del pesce che si è prefisso di catturare;Lo cattura usando una tecnica tramandata da generazioni in generazioni, rifiutando in gran parte, quello che la moderna tecnologia mette a disposizione; La pesca, attuata in questo caso, è altamente selettiva, non distrugge l'ambiente, ma l'ambiente viene utilizzato per soddisfare una esigenza primaria che è la sopravvivenza. C'è un lato poetico nella lotta tra pesce e pescatore, che esprime rispetto da parte del pescatore verso la preda catturata. Infatti su ogni esemplare catturato, il pescatore, incide una serie di strisce su un lato della guancia del pesce spada chiamata" a cruci da cordata" ed è un riconoscimento che il pescatore fa al pesce come dire, ti ammiro perchè hai combattuto con onore

 

Dall'altra parte c'è il pesce spada, il lato romantico e tragico di questa lotta atavica.
Che è raccontato ed umanizzato in modo molto toccante e poetico nella canzone di  Domenico Modugno, "U' Pisci Spada"

questo il testo:

U' pisci spada

Domenico Modugno

Pigghiaru 'a fimminedda,
drittu drittu 'ntra lu cori
e chiancia di duluri
aya aya aya ya!
E la varca la tirava
e lu sangu nni curria
e lu masculu chiancia
aya aya aya ya!
E lu masculu
paria 'mpazzutu
cci dicia:
"Amuri miu,
nun chiangiiiri!"
Rispunnia 'a fimminedda
cu nu filu filu 'e vuci:
"Scappa, scappa,
amuri miu,
ca sinno' t'accideran!"
No, no, no,
no, no amuri miu,
si tu mori
vogghiu muriri
'nsieme a tiiia!
Cu nu saltu
si truvau
'ncucchiu, 'ncucchiu,
cori a cori,
e accussi' finiu l'amuri
di due pisci sfurtunati.
Ci pigghiaru 'a fimminedda,
drittu drittu 'ntra lu cori
e chiancia di duluri
aya aya aya ya!
E la varca la tirava
e lu sangu nni curria
e lu masculu chiancia
aya aya aya ya!
E lu masculu
paria 'mpazzutu
cci dicia:
"Amuri miu,
nun chiangiiiri!"
Rispunnia 'a fimminedda
cu nu filu filu 'e vuci:
"Scappa, scappa,
amuri miu,
ca sinno' t'accideran!"
No, no, no,
no, no amuri miu,
si tu mori
vogghiu muriri
'nsieme a tiiia!
Cu nu saltu
si truvau
'ncucchiu, 'ncucchiu,
cori a cori,
e accussi' finiu l'amuri
di due pisci sfurtunati.
Chista ena storia
d'un piscispada
Storia d'amuri
d'amuri

Traduzione "U'pisci spada" di D.Modugno

DAI DAI E' LI', L'HO VISTO... - PRENDI LA FIOCINA, UCCIDILO UCCIDILO UCCIDILO AHH...
HANNO COLPITO LA TUA FEMMINA DRITTO DRITTO IN MEZZO AL CUORE
E PIANGEVA DI DOLORE AHI AHI AHI AHI AHI AHI AHI
E LA BARCA LA TRASCINAVA E IL SANGUE SI SPARGEVA
ED IL MASCHIO PIANGEVA AHI AHI AHI AHI AHI AHI AHI
ED IL MASCHIO PAREVA IMPAZZITO
DICEVA: "BELLA MIA NON PIANGERE, BELLA MIA NON PIANGERE, DIMMI PIUTTOSTO COSA
DEVO FARE?....."
RISPONDEVA LA FEMMINA, CON UN FILO DI VOCE:
"SCAPPA SCAPPA AMORE MIO, PERCHE' ALTRIMENTI TI UCCIDONO----"
"NO NO NO NO NO AMORE MIO, SE TU MUORI VOGLIO MORIRE ASSIEME A TE
SE TU MUORI AMORE MIO VOGLIO MORIRE..."
CON UN SALTO SI TROVO' ABBRACCIATO CUORE A CUORE VICINO AD ESSA
E COSI' EBBE FINE L'AMORE DI DUE PESCI SFORTUNATI....
DAI DAI E' LI', L'HO VISTO - C'E' PURE IL MASCHIO - PRENDI LA FIOCINA , UCCIDILO,UCCIDILO
UCCIDILO
AHH....
QUESTA E' LA STORIA - D' UN PESCE SPADA - STORIA D'AMORE......

 
 
 
Successivi »
 
 

MAGNOLIA

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

igor_2007peliosELEMENTO_SCOSTANTEnina237930deliaemmeadagio.14LastSecretGirlcoluciCONSIGLIA316fin_che_ci_sonoConcluSionerry30norma3330maresogno67
 

ULTIMI COMMENTI

Versi emozionanti e toccanti:mi piace la metafora della...
Inviato da: LastSecretGirl
il 10/01/2019 alle 08:30
 
Ciao
Inviato da: ConcluSion
il 07/05/2017 alle 09:31
 
Son passata per curiosità in questo blog. Questa poesia è...
Inviato da: EMMEGRACE
il 04/07/2016 alle 09:35
 
...è vero piace molto anche a me. Erri De Luca è...
Inviato da: igor_2007
il 26/03/2012 alle 18:59
 
Bellissima, non la conoscevo.
Inviato da: unafatastrega
il 26/03/2012 alle 15:24
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

L'UOMO E IL MARE

L'UOMO E IL MARE
Charles Baudelaire 


Sempre il mare, uomo libero, amerai! 
Perché il mare è il tuo specchio;
tu contempli nell'infinito svolgersi dell'onda l'anima tua,
e un abisso è il tuo spirito non meno amaro.
Godi nel tuffarti in seno alla tua immagine;
l'abbracci con gli occhi e con le braccia,
e a volte il cuore si distrae dal suo suono
al suon di questo selvaggio ed indomabile lamento.
Discreti e tenebrosi ambedue siete: 
uomo, nessuno ha mai sondato il fondo dei tuoi abissi;
nessuno ha conosciuto, mare, le tue più intime ricchezze,
tanto gelosi siete d'ogni vostro segreto.
Ma da secoli infiniti senza rimorso né pietà lottate fra voi,
talmente grande è il vostro amore per la strage e la morte,
o lottatori eterni, o implacabili fratelli!
 

L'ANIMA DEL MARE

 

 

LA NOTTE SALUTA IL SOLE

Un altro giorno nasce. La notte saluta il sole e tutto è ancora tranquillo, quasi irreale, immobile. Solo un gabbiano vola...

 

DE GREGORIO

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

...RIPOSANDO SULLE ROSE