**TEST**
 

 

« Messaggio #33Messaggio #35 »

Post N° 34

Post n°34 pubblicato il 11 Maggio 2008 da sonosaffitrina

Messaggio N°34

23-04-2008 - 07:46

Ritrovato in un cassetto

Questo post si rifà un po' al precedente ed è l'esempio di come si svolge un percorso mentale e a quali risultati (e trasformazioni) può portare. E' uno scritto che risale a poco meno di quattro anni fa e contiene tutta la mia disperazione di quel tempo... Mio marito non era ancora andato via, ma la nostra crisi era ormai giunta all'apice, pronta all'epilogo...

"Ecco, ci risiamo!...
Di nuovo quel caos nella mia testa e quella stretta al cuore che m'impediscono l'uno di concentrarmi e l'altra di respirare... M'incammino come un automa, senza meta e con lo sguardo perso, fisso e basso, come se la risposta a tutti i miei problemi fosse nella punta delle mie scarpe!... Nonostante l'alienazione totale, riesco a percepire gli occhi della gente puntati su di me. Sento che mi osservano, mi scrutano, si interrogano, facendo congetture su di me e sul mio (penoso) stato d'animo... Ho come la sensazione che vogliano penetrarmi fin dentro l'anima e temo che possano scoprire quant'è sofferente e segnata...

"Colpa di tutti i pianti non fatti" mi dico..

Già, perché tutte le lacrime non piante, goccia a goccia, formano fiumi che ti scorrono dentro e la solcano profondamente, l'anima!

Ebbene, vorrei tirarle fuori tutte insieme, tutte ora, quelle lacrime, ma il mio senso del pudore me lo impedisce: non potrei proprio davanti a tutte queste persone!... I loro sguardi diventerebbero ancora più indagatori, la loro curiosità crescerebbe a dismisura ed io finirei per sentirmi osservata come un animale in gabbia, mentre invece voglio leccarmele in santa pace, le mie ferite! Purtroppo temo di non riuscire a contenere ancora a lungo il mio dolore e così accelero, cercando di farmi largo a gomitate tra quelle moltitudine di persone che mi cammina contro, che sembra passarmi attraverso!...

(...) mi appaiono come un tutt'uno omogeneo che tra l'altro mi si oppone, rallentandomi...

Mi sento tanto un salmone che deve risalire la corrente per andare a deporre le proprie uova e quanto più si avvicina la meta, tanto più mi appare imminente e improrogabile lo sgravio...

"Oddio" penso "sto per buttare fuori tutto! E il solo pensiero di quell'evenienza mi fa star male più del malessere che l'ha provocata!

"Trattieniti, trattieniti" mi esorto, mentre a forza di spintoni, riesco ad aprirmi un varco tra la folla...

Infilo una stradina laterale e, da lontano, individuo una panchina, l'unica libera!... Affretto il passo: non voglio che qualcuno ci arrivi prima di me!

Finalmente la raggiungo e mi ci adagio con tutto il mio peso, non solo esteriore ma anche e soprattutto interiore.

Ho il cuore in una morsa e un leggero affanno, ma non credo sia colpa di tutto quel correre... In fondo ci sono abituata: in vita mia non ho fatto altro!

Correre, correre, correre...

Correre dietro alle persone, dietro alle cose, per non arrivare mai a niente!... O per ritrovarmi sempre in coda, e a questo punto non so quale delle due cose sia peggio!

Se ci penso mi sento tanto un'anomala centometrista, perché in vita mia ho sempre fatto cento metri in avanti e cinquanta all'indietro!

Un immenso e infinito gioco dell'oca, la mia esistenza!... L'oca ero io e chi tirava i dadi per me per me sbagliava spesso, perché finivo sempre per ritrovarmi un passo dietro gli altri... A quel punto ci si trasformava tutti in corpi magnetici e chissà perché io avevo sempre la stessa polarità di quelli che mi precedevano, cosicché il mio stesso incedere diventava la causa del loro allontanamento...

Era come stare sempre al traino... Io, un aratro tirato da  buoi (ma talvolta anche da asini!) dai quali mantenevo costantemente la stessa distanza, mio malgrado...

E alla fine non si capiva più se erano più stanchi gli animali o io, così affannata dall'esser trascinata...

Ormai, esser seconda sembrava esser diventato il mio unico dovere e il "piacere e compiacere" un obbligo faticoso...

"Ma perché" mi chiedevo "dove sta scritto che devo piacere per forza?... E se a qualcuno proprio non piaccio, è un problema suo, non mio!...

Tuttavia, prima d'ora, non ero mai riuscita ad evitare tutto questo...

Già! Purtroppo la mente è una maledetta tagliola in cui sarebbe meglio non incappare, perché una volta dentro, i condizionamenti che tu stesso tendi a creare, non ti permettono di liberarti facilmente...

E anche ammesso che tu riuscissi a divincolarti, non faresti altro che ferirti maggiormente!

Ed eccola, la mia trappola: 

...Non ho gli occhi azzurri...

...Non ho gambe lunghe né piedini da Cenerentola...

...Non ho braccia tornite né dita affusolate...

...Non ho né seni né glutei tondi e sodi

 

...Non sono una buona casalinga: ho sempre la casa in disordine, pur essendo una lavoratrice indefessa, fuori...

...Non sono magra

...Non sono bella, o meglio, non sono dotata di quella bellezza appariscente che fa voltar la testa agli uomini per strada o che suscita i loro apprezzamenti... Anzi, quando passo io sembra proprio che non passi nessuno!...

...Non sono elegante: amo i capi comodi e detesto le scarpe coi tacchi...

...Non sono all'ultima moda...

 Ehi, un momento! Così non va mica bene!... NON, NON, NON... Ma che sto facendo?? In questo modo finirò per negare completamente me stessa!... Cosa resterà di me, di questo passo??... IO  ESISTO, sono una persona, non certo il nulla!

 D'accordo, non sarò una Venere, ma questo mi autorizza forse a non amarmi e giustifica il non essere amata??

In fondo ci sono un sacco di brutte cose, nella vita, e in giro tante brutte persone, eppure non capita sovente di amarle lo stesso o di non poterne fare a meno??

Prendi ad esempio alcune madri... E mica "Son tutte belle le mamme del mondo"? Quelli sono solo i versi di una canzone, ma la realtà spesso è ben diversa!... Eppure non c'è figlio che non ami la propria madre, così come non c'è madre che odi il proprio figlio perché magari è brutto!... Anzi, gli occhi di una mamma non lo veranno mai così!... Altrimenti che l'avrebbero coniato a fare il detto:
"Ogni scarrafone è bello 'a mamma soja"??

Ok, non sarò neanche una silfide, ma non è forse vero che al mondo ci sono un sacco di cose maestose e imponenti e che desideriamo vederle lo stesso? Pensa al Colosso di Rodi: chi non avrebbe voluto vederlo e immortalarlo?

Va bene, sono una 4G (Giusi-grande-grossa e goffa) e allora??

Un albatro non è forse così? Eppure è tanto leggiadro in volo quanto impacciato in terra, proprio come me!

Già, perché non c'è niente di più bello dei miei "voli", che poi stanno nelle cose che penso, nelle cose che sogno... Nella mia interiorità, insomma!... Ma se invece consento a qualcuno, o ancor peggio a me stessa, di tarparmi le ali, non mi resterà altro che la mia goffaggine!... No, non lo posso permettere!... Da oggi voglio imparare a volermi bene, sennò chi mai potrebbe volermene? E se non dovesse funzionare neanche così, beh pazienza! In fondo nessuno ci merita più di quanto ognuno di noi meriti se stesso!...

Io DEVO STARE BENE CON ME, innanzitutto! Perché se non lo faccio, non starò mai bene con nessuno e questo autorizzerà chiunque a calpestarmi, a sgualcire la mia anima!...

Da oggi si cambia musica!...

Ehi, però per cambiare musica occorre cambiare gli strumenti e io non ne ho altri!... Quindi??...

Quindi devo partire da quelli che ho e sfruttarli al meglio, perché tutto ciò che non sono, tutto ciò che non ho, non posso crearlo dal niente con una bacchetta magica che tra l'altro non possiedo!

Oggi, su questa panchina, faccio pace con me stessa e mi prometto di non torturarmi più, né tantomeno di permettere a chicchessia di farlo!

Da oggi, Giusi comincia ad amarsi!... E così sia!"

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

I miei link preferiti

Ultimi commenti

5 Ottobre 2008

Ops!!!... Ti aspettavi forse di trovare una CUFITECA???
Eh no, direi che hai proprio sbagliato indirizzo web!
Qui non c'è nessuna CUFITECA, solo pagine di vita VISSUTA, emozioni, pensieri e sensazioni, musica e, qualche volta, anche poesia... E c'è interazione col prossimo, confronto, scambi di idee e di vedute... Il tutto nella massima semplicità possibile.
Non amo i fronzoli e, qui dentro come nella vita reale, prediligo l'essere, non l'apparire!... Inoltre non sopporto l'ostentazione, in qualsiasi forma essa venga espressa...
D'altra parte, quando ricevi un regalo, tieni forse la confezione, buttando via il dono?
Io non credo proprio!
Comunque, se non approvi questo mio modo di essere, puoi sempre cliccare su Esplora, in alto a destra...
Chissà che tu non sia più fortunato, trovando al primo colpo la CUFITECA che vai cercando!
Io te lo auguro di cuore e ti ringrazio lo stesso per essere entrato, seppure sbadatamente o per puro caso... Ma quelli che restano, li ringrazio ancor di più, perché mi donano la cosa più preziosa che abbiano: il loro tempo! Ed io non posso che apprezzare :-)

 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

Ultime visite al Blog

mariomancino.mmassimiliano.rasulodottor.thomas1967sunshineraymaxbinda0musician.worldsilvana.granitielisabetta.unicinghiale20070la.cozzaradiana777yanksGiorgione29giovanna_051992barbaradentone
 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

Assegnatomi da tonylum

 

...e da fiumecheva

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag