Creato da laparolamia il 17/02/2008

RICATTI esistenziali

Meglio bruciare in una coscienza ardente eppure restare in vita, piuttosto che portare dentro di sè, come un cadavere, una coscienza morta.

 

 

Christmas must be tonight

Post n°768 pubblicato il 22 Dicembre 2011 da laparolamia

 

 

Auguri a tutti

 
 
 

Ritratto di un'ombra

Post n°767 pubblicato il 12 Settembre 2011 da laparolamia
 

 

 
I tuoi occhi, orma di luce dei miei passi;
la tua fronte, solcata dal lampo delle spade;
i tuoi sopraccigli, orlo della rovina;
le tue ciglia, messi di lunghe lettere;
i tuoi riccioli, corvi, corvi, corvi;
le tue guance, stemma del mattino;
le tue labbra, ospiti tardivi;
le tue spalle, statua dell'oblio;
i tuoi seni, amici delle mie serpi;
le tue braccia, ontani alla porta del castello;
le tue mani, tavole di morti giuramenti;
i tuoi fianchi, pane e speranza;
il tuo sesso, legge dell'incendio boschivo;
le tue cosce, ali nell'abisso;
i tuoi ginocchi, maschere della tua boria;
i tuoi piedi, teatro d'armi dei pensieri;
le tue piante, cripte di fiamme;
la tua orma, occhio del nostro addio.

 
 
 

Il grillo e la formicuzza

Post n°766 pubblicato il 25 Agosto 2011 da laparolamia

 

 
 
 

O non ci si incontra proprio....ACC......

Post n°765 pubblicato il 29 Giugno 2011 da laparolamia

 

 

 
 
 

Per una notte di vino

Post n°764 pubblicato il 23 Giugno 2011 da laparolamia

 

 

........pagherò cento giorni d'aceto

 
 
 

Tango

Post n°762 pubblicato il 20 Giugno 2011 da laparolamia
 

 

 

 

.....de li sette veli

 
 
 

Strane creature

Post n°760 pubblicato il 10 Giugno 2011 da laparolamia
 

 

 

 
 
 

Chitarra e mandolino

Post n°759 pubblicato il 06 Giugno 2011 da laparolamia

 .

 

 
 
 

Il vino triste

Post n°758 pubblicato il 04 Giugno 2011 da laparolamia
 

 

 

e la vita non è che un ronzio di silenzio.

 
 
 

...sparati dritta nel cuor...

Post n°757 pubblicato il 01 Giugno 2011 da laparolamia

 

 
 
 

...di un grande generale cos'č rimasto ormai...

Post n°756 pubblicato il 19 Maggio 2011 da laparolamia

 

 

PROVA A PESARE ANNIBALE

 
 
 

L'assenza

Post n°755 pubblicato il 18 Maggio 2011 da laparolamia

 

 
 
 

E sei cosě...

Post n°754 pubblicato il 11 Maggio 2011 da laparolamia

 

 
 
 

LINA

Post n°753 pubblicato il 11 Maggio 2011 da laparolamia
 
Tag: Lina, U.Saba

 

 

Ed io,io ho sposato la donna più ingiusta, più crudele,...più feroce, che mi sia stato dato di conoscere al mondo. E, al tempo stesso, la più prossima, la più vocata ad una forma personale di santità. (da Come di un vecchio che sogna, U.Saba)

 
 
 

Farfalla

Post n°752 pubblicato il 04 Maggio 2011 da laparolamia

 

 

 

 
 
 

Porto di mare

Post n°751 pubblicato il 22 Aprile 2011 da laparolamia
 

 Ieri, al porto

Sei porto di mare
e mi fermo nella tua insenatura.
Con strano
movimento della vita.
Quando c’è burrasca
o il gabbiano porta avvisaglia di
tormenta
resto, pur se inquieto guardo
il mare
che non mi lascia andare
presso altri lidi.
Poi parto
quando le acque sono calme e
placide
e l’orizzonte è trasparente
come
verde mattutino, ancora
non imporporato dal sole incipiente.
E nell’andare
guardo indietro
dolcemente nostalgico
per un attimo
sapendo che non ti perdo
solo se parto

 
 
 

Ti ho sognata

Post n°750 pubblicato il 05 Aprile 2011 da laparolamia
 

 

 

 

Ti ho sognata
mi sei apparsa sopra i rami
passando vicino alla luna
tra una nuvola e l'altra
andavi, e io ti seguivo
ti fermavi e io mi fermavo,
mi fermavo, e tu ti fermavi,
mi guardavi e io ti guardavo
ti guardavo e tu mi guardavi
poi tutto è finito. Ti ho sognata

 

 
 
 

Il mondo sottosopra

Post n°749 pubblicato il 28 Marzo 2011 da laparolamia

 

 

 

Mi tuffo nelle mie riflessioni e volo al di sopra del mondo.

 
 
 

...............

Post n°748 pubblicato il 16 Marzo 2011 da laparolamia

 

 
 
 

te siento temblar contra mí como una luna en el agua.

Post n°746 pubblicato il 07 Marzo 2011 da laparolamia
 

 

    Toco tu boca, con un dedo toco el borde de tu boca, voy dibujándola como si saliera de mi mano, como si por primera vez tu boca se entreabriera, y me basta cerrar los ojos para deshacerlo todo y recomenzar, hago nacer cada vez la boca que deseo, la boca que mi mano elige y te dibuja en la cara, una boca elegida entre todas, con soberana libertad elegida por mí para dibujarla con mi mano por tu cara, y que por un azar que no busco comprender coincide exactamente con tu boca que sonríe por debajo de la que mi mano te dibuja.

 

     Me miras, de cerca me miras, cada vez más de cerca y entonces jugamos al cíclope, nos miramos cada vez más de cerca y nuestros ojos se agrandan, se acercan entre sí, se superponen y los cíclopes se miran, respirando confundidos, las bocas se encuentran y luchan tibiamente, mordiéndose con los labios, apoyando apenas la lengua en los dientes, jugando en sus recintos donde un aire pesado va y viene con un perfume viejo y un silencio. Entonces mis manos buscan hundirse en tu pelo, acariciar lentamente la profundidad de tu pelo mientras nos besamos como si tuviéramos la boca llena de flores o de peces, de movimientos vivos, de fragancia oscura. Y si nos mordemos el dolor es dulce, y si nos ahogamos en un breve y terrible absorber simultáneo del aliento, esa instantánea muerte es bella. Y hay una sola saliva y un solo sabor a fruta madura, y yo te siento temblar contra mí como una luna en el agua.

 


 
 
 
Successivi »
 

 

CON LA FRENTE MARCHITA

Adriana Varela

 

MONTEGRIDOLFO

 

STAZIONI

Neruda..."Non star lontana da me un solo giorno, perchè,/ perchè non so dirlo, è lungo il giorno,/ e ti starò attendendo come nelle stazioni/ quando in qualche parte si addormentano i treni."

 

IO AMO LEI----THE NIRO

 

...

 

MAI PAURA

 

DA DIANA...

Ogni fotografia č un certificato di presenza

Roland Barthes.

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

sogni.e.realtaavv.tommasoespositoelio763tizclaSmog198rosetta.didiorossorelativo_cclatino6921il.mio.viaggiolorenza.biaginiantonina.angelottialexioboi95zapata71cc450zitellapride
 

 

FERNANDA PIVANO E FABRIZIO DE ANDRČ

 

TORNA

Torna sovente e prendimi,
torna e prendimi amata sensazione
quando il ricordo del corpo si ridesta
e trascorre nel sangue il desiderio antico,
quando labbra e pelle rammentano,
e alle mani pare di nuovo di toccare.
Torna sovente e prendimi la notte,
quando labbra e pelle rammentano...
Kavafis
 

PABLO NERUDA

"potranno recidere tutti i fiori, ma non potranno fermare la primavera"


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31