Creato da Giulia_live il 23/11/2010

ROSSO DI SERA

FARO' IL GIRO DELLE INNUMEREVOLI STANZE, E IN OGNUNA DI ESSE... APRIRO' UNA FINESTRA

neon-open-sign

tango-1600x1200

Il futuro appartiene

a coloro che credono

nella bellezza

dei loro sogni.

 

E. Roosevelt

e80pbc

 

ULTIME VISITE AL BLOG

robertopenellomi_piace_il_ccuriosetto4das.silviam.scarponigaza64gabriellagenisinahanrico1063patata.bollitaanonimo610Lita890dgl0gold1966mariomancino.mdiogene30
 
 

ULTIMI COMMENTI

Io potrei provare a spiegare
Inviato da: passerosolitario1110
il 16/05/2018 alle 01:21
 
Io potrei provare a spiegare
Inviato da: passerosolitario1110
il 16/05/2018 alle 01:21
 
Nonostante questo c'è ancora chi crede che in Italia...
Inviato da: giumadgl0
il 17/09/2017 alle 12:28
 
... ci manchiiiiii ...
Inviato da: angelorosa2010
il 10/12/2015 alle 18:48
 
Giuliaaaaaaaaaaaa
Inviato da: rugiada_nel_mattino
il 21/09/2015 alle 10:50
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 54
 

images20

 

   Bisogna volere l'impossibile

perchè l'impossibile accada

Eraclito

magritte 1 - Copia

 

Io sono una selva e una notte

di alberi oscuri,

ma chi non avrà paura

delle mie tenebre...

troverà anche pendii di rose

sotto i miei cipressi.

F. Nietzsche

 

44276fc4-0b4f-43a8-b854-a9d322

L'amore  

 

Che hai, che abbiamo,
che ci accade?
Ahi il nostro amore

è una corda dura
che ci lega ferendoci
e se vogliamo
uscire dalla nostra ferita,
separarci,
ci stringe un nuovo nodo

e ci condanna
a dissanguarci

e a bruciarci insieme.

 

P. Neruda

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

E' più facile spezzare un atomo

che un pregiudizio

A. Einstein

5044061_1a991246_560

 

I have a dream

M.L. King

sogno

 

Non è che ho paura di morire.

E' che non vorrei esere lì,

quando questo succede.

W. Allen

 

fragoline

 

Per aspera ad astra

Seneca

angelo e diavolo

 

acqua3

Alle fronde dei salici
E come potevamo noi cantare
Con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull'erba dura di ghiaccio, al lamento
d'agnello dei fanciulli, all'urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.
S. Quasimodo
 

MARE QUADRATO

 

Dove c'è molta luce

l'ombra è più nera.

J.W. Goethe

 

3177665

 

Quando pensi che a nessuno importa

se sei vivo,

prova a non pagare per due mesi

la rata della macchina.

J. Belushi

Alberto_Savinio_-_The_Marriage

L'amore è come una clessidra:

quando ti riempie il cuore,

ti svuota il cervello.

J. Renard

 

 

tramonto sul mare

Adoro i piaceri semplici,

sono l'ultimo rifugio

della gente complicata.

O. Wilde

 

 

Haiku

Post n°1208 pubblicato il 16 Maggio 2014 da Giulia_live
 
Tag: amore, bacio

 

asdfgg.1

 

*

 

Il bacio è

equilibrio

tra due vertigini.

 

(Giulia_live, da "Arcani Minori" di Giulia Cerney)

 

 

 
 
 

Autismo e creatività

Post n°1207 pubblicato il 13 Maggio 2014 da Giulia_live
 

 

img_mosaicamente (1)

 

*

 

È sempre piacevole presenziare all'inaugurazione di una mostra d'arte, volendovi cogliere oltre agli stimoli culturali anche quelli puramente relazionali. Che in una simile mostra possa invece predominare il lato umano, e solidale, è piuttosto raro e sorprendente.

Ma così è accaduto venerdì 9 maggio, all'apertura della mostra "Omaggio a Picasso", presso la Casa della Confraternita nel Castello di Udine. È accaduto perché la ventina di opere esposte, realizzate in mosaico interpretando i capolavori del grande genio della pittura, sono il frutto del talento messo in opera da artisti assolutamente insospettabili.

Artisti, dicevo: perché splendide sono le opere, da Les demoiselles d'Avignon al Ritratto di Dora Maar, da I tre musicanti a La pianta di pomodori… e, per finire, un'intensa e meravigliosa interpretazione del capolavoro di Guernica.

Artisti, dicevo: ma quali straordinari artisti!

Straordinari perché sono gli artisti dell'Officina dell'arte di Pordenone, centro facente parte della Fondazione Bambini e Autismo Onlus. Perché di questo si tratta: gli artisti sono persone adulte con autismo. E se l'autismo sono i disturbi neurobiologici che, di fatto, sviluppano disarmonie sia sensoriali sia motorie e rendono quasi impossibili anche i più semplici interessi cognitivi, il mio grande plauso va ai responsabili e agli operatori dell'Officina dell'arte che, con felice intuito, con impegno e costanza, seguono le persone a loro affidate fino a portarle a esprimere con grande successo non soltanto la loro manualità ma anche e soprattutto la loro creatività, quel senso del bello particolarmente spiccato in chi è affetto da autismo.

La mostra durerà fino all'8 giugno, poi proseguirà a Salsomaggiore e a Trieste.

 

(Giulia_live)

 

 

 

 
 
 

Haiku 1

Post n°1206 pubblicato il 11 Maggio 2014 da Giulia_live
 

 

12

 

*

 

È il maggio piovoso -

stabili le sue quotazioni

solamente sul calendario.

 

(Giulia_live)

 

 

 
 
 

Perché negarsi...?

Post n°1205 pubblicato il 06 Maggio 2014 da Giulia_live
 

 

 

 

 

21547

 

*

 

Più si va avanti con l'età, più pesante diventa il fardello delle esperienze negative, più diventa difficile conservare quella leggerezza necessaria a sentirsi felici aprendo gli occhi al mattino, anche per il solo fatto di essere vivi. Eppure il bagaglio delle esperienze positive - e chi può affermare di esserne stato privo? - dovrebbe servire - e dovrebbe bastare - a bilanciare quel peso.

Perché, per qualcuno, ciò non avviene? Forse per un difetto di memoria? Forse perché, di ciò che si è vissuto, è più facile ricordare i torti, le ingiustizie, gli affanni, le insuperabili difficoltà, piuttosto che il bene che si è ricevuto, piuttosto che le fortune regalate dal destino o quelle costruite con il proprio sudore.

Ma lasciarsi schiacciare da quel fardello, diventarne succubi, farlo diventare un condizionamento del proprio pensare e del proprio agire, è tuttavia solamente in parte un percorso obbligato, mentre per la gran parte è una precisa scelta di vita. E' ciò che avviene qualora si ritenga essere preferibile accettare e vivere con pigrizia la monotonia del proprio perenne malcontento, piuttosto che darsi da fare per evadere da quell'invalidante prigione. Eppure il mondo è pieno di bellezze e delizie accessibili a chiunque, da poter godere a qualsiasi età: perché, quindi, non attivare in sé quella leggerezza che rende possibile desiderarle, sognarle, cercarle, conquistarle? Perché negarsi il piacere, la gioia, l'emozione di sentirsi vivi?

 

(Giulia_live, da "Frammenti d'interiorità")

 

 

 
 
 

Grand Budapest Hotel

Post n°1204 pubblicato il 03 Maggio 2014 da Giulia_live
 

GrandBudapestLoc1

 

*

È nuvoloso, pioverà? Nulla di piacevole nel programma della serata? Allora tutti al cinema! Sarebbe un peccato perdersi "The Grand Budapest Hotel", il film di Wes Anderson ormai nelle sale già da qualche settimana. È la storia di Gustave H, il mitico concierge del lussuoso hotel appollaiato quasi sulle cime di una montagna, e di Moustafa Zero, l'ultimo assunto dei fattorini, lanciati in un'avventura tragicomica e surreale, ma incredibilmente umana. E' interpretato da Ralph Fiennes, Adrien Brody, Tilda Swinton e Bill Murray: bravissimi, tutti!

 

(Giulia_live)

 
 
 

Pier Paolo Pasolini

Post n°1203 pubblicato il 30 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

1493195_10202098077717075_6331

 

*

 

... e intanto era aprile,

e il glicine era qui, a rifiorire.

Prepotente, feroce

rinasci, e di colpo, in una notte, copri

un intera parete appena alzata, il muro

principesco di un ocra

screpolato al nuovo sole che lo cuoce ...

E basti tu, col tuo profumo, oscuro,

caduco rampicante, a farmi puro

di storia come un verme, come un monaco:

e non lo voglio, mi rivolto – arido

nella mia nuova rabbia,

a puntellare lo scrostato intonaco

del mio nuovo edificio.

 

Tu che brutale ritorni,

non ringiovanito, ma addirittura rinato,

furia della natura, dolcissima,

mi stronchi uomo già stroncato

da una serie di miserabili giorni,

ti sporgi sopra i miei riaperti abissi,

profumi vergine sul mio eclissi,

antica sensualità...

 

Pier Paolo Pasolini, Il glicine

 

 

 
 
 

Libera

Post n°1202 pubblicato il 28 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

 

1395433_403488763111466_735333

 

*

Una durissima ed estenuante prova fisica e psicologica, un contemporaneo conseguente massacro di opportunità e di certezze. Quasi un disastro completo nei territori dello spirito, eppure l'aveva superato. E quando finalmente tornò a sorridere, fu allora che avvertì la profondità del cambiamento. Infatti si accorse che affrontava ogni cosa con maggior leggerezza, con una sensibilità acutizzata dai tormenti vissuti. Come se ora potesse guardare il mondo attraverso un filtro, come se oramai non l'affliggessero più come prima le aspre rugosità e le parti scure e le ombre meschine, né delle cose né degli accadimenti né delle persone. Come se avesse imparato a cogliere e a trattenere, per se stessa e per il suo giudizio, solamente ciò che avesse un senso, una bellezza, un valore, lasciando al suo destino ciò che fosse inconciliabile con il suo intimo pensiero. Come se avesse ritrovato la libertà perduta in una risposta, quella maturatasi nello sforzo del drammatico attraversamento di quel fiume in piena. La risposta che le certificava l'assurdità dell'angoscia costante del vivere, quando l'angoscia è generata da ciò che, pur esistendo al di fuori del Sè, manifesta tuttavia la sua propria realtà in maniera contagiosa e devastante. Una realtà che, oramai, difficilmente avrebbe potuto rimuovere il filtro, costruito da lei stessa, a difesa del principio vitale del suo proprio Io.

 

(Giulia_live, da "Frammenti d'interiorità")

 

 

 
 
 

Felice

Post n°1201 pubblicato il 24 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

Joan Mirò -.-,

 

*

 

Un bellissimo sogno a colori! Tenevo, fra le mani, una grande ciotola di ceramica: era smaltata d'un turchino intenso con, al centro, un ramo fiorito su cui si era posato un uccellino dal piumaggio scuro. Tutto qui, ciò che ricordo del sogno: eppure tanto mi emozionò, quell'immagine, che mi svegliai. E, svegliandomi, seppi che quella ciotola era stata dipinta da Joan Mirò; seppi che mi apparteneva, e che ne ero incredibilmente  felice. E, per i pochi minuti prima di addormentarmi nuovamente, continuai a essere felice… 

 

(Giulia_live)

 
 
 

L'Italia e la Democrazia

Post n°1200 pubblicato il 23 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

 

988446_10152418857137223_55725

 

 

 
 
 

La virtù del silenzio

Post n°1199 pubblicato il 22 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

 

 

1620467_515803165205583_107290

 

*

 

Quello che hai pensato, che hai sognato, che hai voluto.

Quello che hai cercato, che hai sofferto, che hai vissuto.

Quello che ti ha emozionato, che ti ha illuminato, che ti ha arricchito.

Quello che ti ha sorpreso, che ti ha turbato, che ti ha ferito.

Quello che ha destato il tuo sorriso, quello che ha provocato il tuo pianto.

Quello che in sordina hai dato, quello che in sordina hai ricevuto.

Quello che è divenuto domanda, quello che si è mutato in sete.

Quello che si è cristallizzato in un sentimento.

 

E' quel tutto ciò che hai sempre taciuto:

quel tutto ciò che avrebbe avuto un ascolto assente,

proprio dal suo interlocutore privilegiato.

E' quello che, con le parole dette, si sarebbe perso nel vento:

perchè per l'incanto, il valore e la forza,

ogni parola è misurata sul rispetto del suo tempo, del suo momento.

E' quello che, forse per sempre, sarà solo una preziosa parte di te,

sarà il tuo intimo sofferto segreto.

 

(Giulia_live, da "Frammenti d'interiorità")

 

 

 
 
 

Grazie, Gabo

Post n°1198 pubblicato il 18 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

marquez-450x270

 

*

 

Grazie, Gabo...

per i cent'anni - e ancor più -

di quella tua magica e immaginifica fantasia 

che hanno accresciuto il mio vivere.

 

(Giulia_live)

 

 

 
 
 

Foresta vergine

Post n°1197 pubblicato il 16 Aprile 2014 da Giulia_live
 
Tag: amore

 

aadhjki

 

*

Un nuovo amore ha tutto il fascino di una foresta vergine.

Un vasto territorio da esplorare fra acqua terra e cielo,

da conquistare palmo a palmo,

passo dopo passo,

fra scoperte mozzafiato e insidie imprevedibili e distruttive.

L'amore nuovo è una conquista ed è un sentimento stabilizzabile,

a patto che nel tempo si mantengano lo spirito di sacrificio,

l'entusiasmo, lo slancio e la temerarietà

proprie di un ardito e instancabile pioniere.

 

(Giulia_live)

 

 

 
 
 

Remo Anzovino in Tour

Post n°1196 pubblicato il 14 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

 

*


Magnifico il concerto "Vivo in Tour" del pianista e compositore Remo Anzovino e della sua band, tenutosi venerdì 11 aprile al Nuovo Teatro Giovanni da Udine. Sedici erano i brani, di cui solo due già mi erano noti, di una musica magica, limpida e stupefacente. Una musica che, come poche, regala quell'emozione che mi fa volare in alto. Pianoforte dunque, protagonista sempre in primo piano: sullo sfondo, theremin, glockenspiel, percussioni, chitarra acustica e chitarra elettrica, violino, elettronica… e voce solista che si fa suono puro e intenso, senza la contaminazione delle parole.

Questo è stato il secondo concerto di Remo Anzovino cui ho avuto la fortuna di assistere: la prima volta fu a Palermo, in un teatro di second'ordine, nella primavera del 2011; da allora, il suo talento musicale ha fatto passi da gigante.

Da ascoltare "Transoceano", il brano proposto… ma anche "Orchidea", "Spasimo", "Musica per due", "Amore Pop"… poi, forse, diventerà impossibile non innamorarsi della sua musica anche se, nelle registrazioni reperibili su You-tube, essa perde moltissimo del suo smalto e del suo inimitabile incanto.

 

(Giulia_live)

 

 

 
 
 

Vassily Kandinsky

Post n°1195 pubblicato il 10 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

Vassily-Kandinsky-Vense-n_-4-V

 

*

 

Fra poco meno di tre settimane a Palazzo Reale, Milano, si chiuderà una mostra superlativa, dedicata a Vassily Kandisky.

Ottanta sono le opere esposte di cui molte, moltissime, sono assoluti capolavori.

L'unico neo della mostra è la notevole affluenza del pubblico (forse perchè ci andai di domenica)... ma, a dispetto di ciò, di fronte a tale arte dentro me era scattato il meccanismo del potermi astrarre, del potermi raccogliere in quel silenzio mentale in cui diventava possibile lasciarmi tramortire da quella bellezza visionaria e sovrana che felicemente m'invadeva la mente, mozzandomi il respiro...  

 

(Giulia_live)

 


 
 
 

Nati per crescere

Post n°1194 pubblicato il 08 Aprile 2014 da Giulia_live
 

 

Mi piacciono le persone autentiche. Mi piace chi dà valore alle proprie parole, alle proprie azioni e ai propri intenti. Mi piace chi guarda in faccia la realtà, e non se ne mette paura. Mi piace chi riconosce l'inevitabilità dell'avere limiti e dell'incappare negli insuccessi, e ne coglie lo stimolo per diventare migliore.

Non siamo forse nati per questo? Per crescere, giorno per giorno?

Ecco perché non ho simpatia per chi, in seguito agli smacchi della vita, cede all’insana, molle, irreparabile tentazione... di lasciarsi lentamente regredire.

 

 

(Giulia_live)

 
 
 
Successivi »
 

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

 

 

giul

Ai sensi del D.L. 196 30/06/2003
chiunque violi i diritti
di proprietà intellettuale
relativi ai post pubblicati
su questo blog,
verrà segnalato agli organi preposti
alla loro tutela.
Protected by Copyscape _nline Plagiarism Checker
AVVISO
Alcune immagini e alcuni scritti
appositamente virgolettati 
sono tratti dal WEB perchè ritenuti,
in assoluta buona fede,
di pubblico dominio.
Chiunque, riconoscendoli,
ritenga violato
il suo diritto di proprietà,
basta lasci un avviso
alla mia casella postale
e saranno prontamente rimossi. 
 

Un vincente trova sempre una strada,

un perdente trova sempre una scusa.

Lao Tzu

Frida_Kahlo_la_colonna_rotta

 

 

 

PICT0031

 

 

flower_014

. greenenergy

 

 

Qualunque cosa tu possa fare

o sognare di poterla fare,

incominciala.

L'audacia ha in sè

genio, potere e magia.

J.W. Goethe

6

 

 

imagesCAG23EUN

 

 Odio e amo.

Me ne chiedi la ragione?

Non so, così accade

e mi tormento.

 CATULLO

20061029180_amore_e_psiche

 

Il cielo stellato sopra di me,

la legge morale dentro di me.

I. Kant

 

inverno

 

Cuore nuovo G. Lorca
Il mio cuore come una serpe
si è spogliato della sua pelle
e la tengo fra le mie dita
piena di ferite e di miele.
I pensieri annidati
nelle tue rughe, dove sono?
Dove le rose che profumavano
di Gesucristo e di Satana?
Povero involucro che opprimevi
la mia stella fantastica!
Grigia pergamena indolenzita
di ciò che volli e ora non amo più.
Ti appenderò ai muri
del mio museo sentimentale,
vicino ai gelidi e oscuri
gigli dormienti del mio male?
O ti metterò sopra I pini
-libro dolente del mio amore-
perché tu conosca I trilli
dell'usignolo all'alba?

chirone

 

Più intelligenza avrai,

più soffrirai.

A. Schopenhauer

 

angeli

 

E' meglio pentirsi di ciò che si è fatto,

o pentirsi per ciò che non si è fatto?

G. Boccaccio

work_1949216_3_flat,550x550,07

 

Chi non ama le donne,

il vino e il canto,

è solo un matto, non un santo.

A Schopenhauer

albero-colorato

 

E' la dose, che fa il veleno.

Paracelso

imagesCA3O3KT8

 

Non è vero che i mariti,

appena vedono una bella donna,

dimenticano di essere sposati.

Al contrario:

proprio in quei momenti,

se lo ricordano dolorosamente.

M Twain

Susanna

 

Se non ci fossero tante pecore,

non ci sarebbero tanti lupi.

A Graf

foglie1

 

 

Chi non ha mai commesso

l'errore di togliersi i pantaloni

prima di togliersi le scarpe...

costui non sa niente dell'amore.

G. Gaber

dada1

 

Il paradiso

lo preferisco per il clima,

l'inferno

per la compagnia.

M Twain

imagesCAPL6TPH