Un blog creato da lasolitadani il 05/07/2008

Chiunqueiosia

Non importa chi

 
 
 
 
 
 

A TE CHE PASSI DI QUA

ideafix

un tuo commento è gradito

purchè sia attinente a quello

che viene postato e che non sia

a n o n i m o

Grazie  ;-)

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

GIUMBOLO

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Nostalgica_menteelavkmigolonepreziosa_meIneverlostcontrollasolitadanimauriziocamagnapietro221sifabriantropoeticoolegna69vaniloquiolubopoelektraforliving1963Epsilon_Revenge
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

IL BLOG DI SONIA

CLICCA SUL CUORE

 
 
 
 
 
 
 

VI ODIO E VI AMO

stemma comune di alessandria 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

LETTA DA QUALCHE PARTE

Post n°192 pubblicato il 16 Gennaio 2011 da lasolitadani
 

...e' una vita che ti aspetto,

ma ora la vita non aspetta più me...

 
 
 

CERCASI DISPERATAMENTE...

Post n°191 pubblicato il 10 Novembre 2010 da lasolitadani

SOLE

 

SE VI CAPITA DI INCONTRARE IL SOGGETTO DI CUI SOPRA, POTRESTE GENTILMENTE CHIEDERGLI DI FARSI VEDERE IN ALESSANDRIA?!

GRAZIE!

;-)

 
 
 

...

Post n°190 pubblicato il 25 Ottobre 2010 da lasolitadani

Sono anni oramai, per la precisione più di 26, che in negozio addobbiamo la vetrina personalizzandola con oggetti di qualunque genere per renderla più 'accattivante'.

Così di volta in volta vengono esposti: foto di viaggi, locandine colorate, statuette, piante, fiori, ecc.

L'altra settimana una signora ci ha regalato dei melograni bellissimi, così mia madre ha pensato di esporli in vetrina allestendola con capi di abbigliamento che richiamavano i colori dei frutti.

Spesso sono i bambini di tre o quattro anni che vengono attirati dalla piccola oggettistica esposta, divertendosi ad indovinare i nomi delle cose o a chiedere ai genitori o ai nonni: " cosa è questo e cosa è quello?".

Anche stavolta un bambino accompagnato dalla nonna ( una signora che ha meno di 60 anni), si è avvicinato alla vetrina ammirando i melograni e, poichè lui non li aveva mai visti prima di allora, ha chiesto informazioni alla nonna.

La signora, con tono saccente, si è rivolta al bambino esclamando: " Ma non vedi che sono zucche?! Perchè mi fai domande così stupide?!"

Già trovo di cattivo gusto che un adulto si rivolga ad un bambino dandogli dello stupido, ma in questo caso direi che la vera figura da idiota l'abbia fatta la nonna.

O sbaglio?

pomegrenate

pumpkins

;-)

 
 
 

ROMA CHIAMA. ALESSANDRIA RISPONDE

Post n°189 pubblicato il 16 Settembre 2010 da lasolitadani

Estate atipica questa che si sta concludendo per me e per Coinqui.

Niente ferie, solo due ore di spiaggia in una località vicina, diversi giri in scooter per le colline del nostro Monferrato, che nulla ha da invidiare ad altre regioni.

In compenso sono state settimane che ci hanno fatto vivere diverse emozioni, alcune poco belle, altre del tutto soddisfacenti.

Tralascio quelle spiacevoli e mi concentro solo su quelle positive... anzi... su QUELLA positiva!

Eh sì, perchè alla fine di luglio, abbiamo potuto sfogliare la prima copia del libro scritto da Coinqui.

Maury è ufficialmente entrato a far parte della schiera dei nuovi autori e grazie al fatto che la casa editrice è di Roma, abbiamo trascorso  due giorni e mezzo nella capitale.

Dopo sei ore e mezzo di viaggio eccoci a calpestare il suolo della città eterna.

Per Coinqui è una novità assoluta, dato che non è mai stato a Roma; per me invece si tratta di un ritorno dopo 29 anni (il pensiero è subito andato a quando, da bambina, mi lasciai convincere a buttare una monetina nella Fontana di Trevi. Evidentemente è vero il famoso detto secondo il quale se getti una moneta nella Fontana sicuramente tornerai a vedere Roma!)

Anche se non si è trattato propriamente di un viaggio da turisti, per via della promozione del libro, siamo riusciti lo stesso a visitare buona parte della città.

Cosicchè tra un'intervista televisiva ed una radiofonica, balzavamo sugli autobus che di volta in volta ci portavano ad ammirare gli edifici, le piazze, i monumenti e le chiese che rendono Roma una delle città più affascinanti e visitate al mondo.

Salire a piedi i 551 gradini che portano alla cima della Cupola di San Pietro è stata un'esperienza che ricorderemo senz'altro per molto tempo: sia per la fatica sia per il disagio di dovere camminare in uno spazio stretto, per un tratto inclinato e con scale a chiocciola talmente anguste da far levare il fiato.

Quando ci si trova sulla terrazza esterna ad ammirare l'immensità della città che si apre intorno a noi, ci si dimentica quasi subito dello sforzo appena compiuto: è come se tutta Roma si inchinasse di fronte alla Santità della Basilica di San Pietro.

Per contro, la discesa sembra durare un secondo rispetto a quanto sembravano infiniti quei gradini all'andata!

Purtroppo in men che non si dica ci siamo di nuovo trovati sul treno che ci riportava a casa, per cui, caro Coinqui, se per tornare a Roma bisogna aspettare un altro invito dalla casa editrice, allora sbrigati a scrivere un secondo libro!!

;-)

 

 
 
 

...

Post n°188 pubblicato il 08 Agosto 2010 da lasolitadani

" La collera dell'uomo eccelso dura un momento, del mediocre due vigilie, dell'uomo volgare un giorno e una notte; del malvagio non cessa mai"

Di natura non sono una persona collerica, forse perchè in passato mi sono ostinata a cercare di capire il perchè dei comportamenti delle persone sia nei miei confronti sia nei confronti della società, con l'unico risultato di fare accrescere in me un menefreghismo che uso più come barriera difensiva che non per vera indole.

Certo, pure io ho avuto le mie sfuriate dovute soprattutto al fatto di sentirmi intrappolata in situazioni che non mi erano congeniali.

Il mio anticonformismo mi ha sovente messo in condizioni di 'minoranza' rispetto alla massa, questo mi faceva arrabbiare tantissimo nel periodo adolescenziale, in seguito ho saputo 'canalizzare' questo sentimento negativo neutralizzandolo con la razionalità.

Ci sono riuscita talmente bene da venire accusata di essere una persona 'fredda'.

Se il non accettare provocazioni insulse, non cadere in volgarità gratuite, il non sentirmi parte di un gruppo ben definito significa mostrare 'freddezza' allora sì ... la sono.

Il punto è che ora come ora non vorrei essere diversa da come sono...giusta o sbagliata che sia, è una condizione che mi è assolutamente congeniale.

;-)

 

 
 
 

QUANDO TI IMBATTI IN UNA GIORNATA NO

Post n°187 pubblicato il 21 Luglio 2010 da lasolitadani

CELLULARE SFASCIATO!

TUTTI I DATI PERSONALI COMPRESE FOTO E FILMATI DI VACANZE NELLA MEMORIA DEL TELEFONO CHE NON VUOLE SAPERNE DI DARE UN ULTIMO CENNO DI VITA PER POTERLE RECUPERARE ALMENO IN PARTE

CORRIERE CHE SI RIFIUTA DI AIUTARMI A PORTARE SU DALLE SCALE DUE COLLI DA 30 KG CHE ,DETTO PER INCISO, CONTENGONO MATERIALE DI COINQUI.

MIA MADRE CHE MI SOFFOCA PIU' DEL CALDO

BASTA!!!

ORA NON NE POSSO DAVVERO PIU'!!!

RABBIA FURENTE

 
 
 

LUGLIO

Post n°186 pubblicato il 02 Luglio 2010 da lasolitadani

Sorrido se penso che, in passato, per me, il mese di luglio è sempre stato il più bello di tutto l'anno.

Le giornate lunghe, il caldo (quando non era ancora così insopportabile come ora), il vedere le persone in qualche modo più sorridenti perchè erano già in ferie o prossime a farle.

Ora se penso a questo mese mi viene solo nostalgia.

Tutta la smania che avevo un tempo di uscire, stare all'aperto, conoscere nuova gente sembra svanita nel nulla.

In queste giorni, soprattutto quando sono sola a casa nell'ora di pranzo, mi piace perdermi nel verde delle piante che ho dall'altra parte della strada.

Verde e azzurro: sono questi i colori che preferisco in questa stagione.

E poi la pace, il silenzio tipico delle giornate estive nelle ore più calde.

Un tempo detestavo restare sola in giornate così, ora invece riesco ad assaporarle fino in fondo, forse perchè per pochi istanti rimango sospesa  come se l'aria che entra dalle finestre spalancate mi cullasse accompagnandomi in uno stato di grazia assoluta.

;-)

 
 
 

COSI' E' SE VI PARE... E SE NON VI PARE DOVETE FARVELO ANDARE UGUALMENTE ;-)

Post n°185 pubblicato il 12 Giugno 2010 da lasolitadani

Televisione, radio e giornali per sette giorni su sette vi rimandano come uno specchio la situazione attuale dello STATO ITALIA.

Dopo esservi pasciuti di notizie quali: sprechi, corruzioni e scandali vari vi recate al lavoro pensando che, tutto sommato, per voi  che abitate in una tranquilla cittadina di provincia, le cose vanno ancora bene.

Poi però cominciate a considerare la vostra piccola fetta di mondo e prendete nota delle incongruenze più rilevanti:

1 il/la collega che dà malattia per 10 mesi richiedendo ferie per gli altri 2  restanti e non perchè abbia seri problemi di salute personali  o in famiglia, ma solo perchè avendo un lavoro a tempo indeterminato  ed essendo sicuro/a di percepire  uno stipendio tutti i mesi, si rifà alla carta dei DIRITTI DEL LAVORATORE per potere fare nulla ed essere garantito per farlo. Così almeno si può concedere tre mesi estivi al mare, una settimana bianca in inverno ecc. ecc. ecc.

2 il/la suddetta collega, nei giorni in cui vi concede la grazia della sua presenza in ufficio, vi sommerge di lamentele perchè secondo il suo punto di vista, che per altro è del tutto inconsistente, lo/la oberate di troppo lavoro e minaccia anche di farvi licenziare rivolgendosi ai sindacati.

Questi due esempi se lavorate come dipendenti.

Non molto diversa è la considerazione se tutte le mattine vi alzate e andate a tirare su una saracinesca sperando che qualche anima pia, di questi tempi, scelga voi come negoziante di fiducia per fare i suoi acquisti.

Anche in questo caso di incongruenze se ne notano:

1 - Sei sottoposto periodicamente a controlli per vedere se i prezzi sono tutti esposti in vetrina, se effettivamente le fatture che presenti sono relative agli acquisti fatti per la ditta e non per spese personali, se ti sei premurato di pagare l'ennesimo balzello creato ad arte dal giorno alla notte e di cui nemmeno coloro che devono riscuoterlo sanno darti delucidazioni in merito al perchè e a come devi pagarlo, se emetti tutti gli scontrini per le vendite che effettui ecc. ecc.

Però poi ti guardi intorno e vedi che:

2 - All'angolo della strada tre volte a settimana si ferma un camioncino dal quale scendono due giovani che mettono un lenzuolo per terra e di volta in volta si mettono a gridare che hanno l'aglio migliore che ci sia sul mercato raccolto a Napoli meno di sei ore prima (fanno il loro commercio su di una strada del centro di  Alessandria n.d.r.), che hanno il pecorino fresco proveniente dalla Sardegna nottetempo o che hanno gli agrumi freschi di Sicilia appena raccolti visto che hanno ancora le foglie e i rametti attaccati! Ovviamente i prodotti da loro venduti non hanno alcun tipo di bollino che ne certifichi la provenienza, come dovrebbe essere per legge.

Nell'arco di mezz'ora incassano i loro soldi, non emettono uno scontrino o ricevuta fiscale,  risalgono sul loro camioncino rigorosamente parcheggiato in divieto di sosta e se ne vanno per altri lidi.

Tanto sanno benissimo che se anche qualcuno si prendesse la briga di chiamare un vigile urbano o la finanza, prima che questi intervengano passano delle mezz'ore.

Per non parlare poi delle ragazze di vent'anni o poco più , solitamente clandestine, che ti entrano in negozio chiedendoti di far loro la spesa dato che devono mantenere due figli più quello in arrivo.
Da notare come si sono evolute pure loro: una volta si limitavano a chiederti 1 euro, ora vogliono tutta la spesa!
Oppure di quelli che la notte non sanno cosa fare e ti tagliano le tende parasole, tanto alla fine a pagare (ed a incazzarti) sei solo tu, onesto contribuente.

A questo punto cari lettori che voi siate zelanti lavoratori dipendenti oppure lavoratori autonomi rispettosi delle normative vigenti, sappiate che quando ritornate al lavoro dopo la pausa pranzo, il bruciore allo stomaco che sentite non è da addebitare al ristoratore dove di solito vi recate o alla mamma/moglie/fidanzata che vi ha servito la pasta troppo al dente...perchè quello che non riuscite a digerire non è affatto ciò che avete mangiato.

Buon week end!

;-)

 
 
 

DIPENDENTI PUBBLICI

Post n°184 pubblicato il 08 Giugno 2010 da lasolitadani

Telefonata all'ufficio informazioni di un ente  pubblico. Risponde una voce maschile.

"Pronto ufficio dell'.........."

"Sì buongiorno, vorrei un'informazione in merito ad un contratto di ....."

"Non lo so".

 A questo punto l'impiegato mi stacca la comunicazione senza dire nulla e mi ricollega ad un altro ufficio dove a rispondere questa volta è una donna.

"Pronto ufficio dell'..........."

"Buongiorno, vorrei un'informazione in merito ad un contratto di ......."

"Ah lei ha ricevuto una lettera in merito alle nuove normative bla bla bla ..."

"No. In realtà ho chiamato per avere una delucidazione su di un  contratto di ......"

"Questo ufficio non dà quel tipo di informazioni.

deve chiamare il numero 000xyz

oppure il numero 000xxx

oppure il numero 000xyy

i colleghi che rispondono a quei numeri trattano solo esclusivamente i contratti sui quali lei richiede informazioni"

Provo a digitare uno dei tre numeri e mi risponde anche questa volta una voce femminile  che però mi sembra molto scocciata.

"Buongiorno, senta posso chiedere a lei per un contratto di......?"

"PROVI!"

( PROVI?!?!?! 

Quelli che rispondevano a questi numeri non dovevano trattare solo esclusivamente i contratti sui quali io richiedevo informazioni?!?!?!?!??)

"Vorrei sapere se è cambiato qualcosa in questi ultimi due anni sulla compilazione dei contratti di....?"

"Naaaa ... è tutto uguale...buongiorno"

Avrei voluto dirle:

"Ti è andata bene che ti ho fatto una domanda facile facile, ma se per combinazione avessi dovuto farti una richiesta un pò più complessa chissà che mi avresti risposto?"

Magari a quest'ora ero ancora al telefono 'rimbalzata' da un ufficio all'altro.

;-)

 
 
 

LA SOLITA

Post n°183 pubblicato il 01 Giugno 2010 da lasolitadani
 
Tag: Dani

Interlocutore: ciao Dani

Dani: ciao

Int: è da un pò che non ti si vede, come stai?

D: avrei bisogno di riposo

Int: non puoi prenderti qualche giorno per te?

D: no, è da settembre che combatto in prima linea  e su diversi fronti

Int:   non puoi delegare qualcun altro al tuo posto?

D: no. i miei collaboratori hanno perso lucidità , per cui spesso devo scontrarmi anche con loro  

Int: sei proprio giù di tono, ma d'altronde come si dice: basta la salute!

D:

Int: che c'è?

D: anche quella fa difetto

Int: che hai?

D: tanti piccoli disturbi originati dalle continue tensioni

Int: e il tuo dottore che dice?

D: non ci sono ancora andata...

Int: brava!  vuoi stramazzare al suolo prima di chiamarlo?

D: spero di non arrivare a tanto

Int: non si vive di speranza

D: hai ragione. mi fai venire in mente un proverbio che dice: nella speranza non vi è certezza; nella certezza vi è speranza.

Int: carino

D: veritiero

Int: coraggio tieni duro, IO SO che tu puoi farcela

D: è consolante

Int: che cosa?

D: il sapere che TU SAI cose che io non so

Int:  vedi che qualche guizzo di ironia lo hai sempre

D: allora vuol dire che non sono poi in uno stato così pietoso

Int: sei sempre la solita tu

D: eh già... lasolitadani

;-)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Get the Maukie - the virtual cat widget and many other great free widgets at Widgetbox!
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

GLI ANGELI DI QUESTO BLOG

             

 
 
 
 
 
 
 

QUANTO TEMPO PASSATE QUI ;-)

lasolitadani

Min: :Sec

website stats

 
 
 
 
 
 
 

Non ci si può scindere dalla propria natura, sarebbe come morire, come perdere noi stessi.

Per cui, nonostante l'amarezza che ora provo per certi comportamenti che si sono tenuti nei miei confronti, dico che continuerò lo stesso a preoccuparmi per gli altri, ad essere la valvola di sfogo, la spalla su cui piangere.

E se gli altri non saranno così con me, poco importa: ho sempre me stessa su cui contare, di risorse ne ho ancora molte e poi... poi qualcosa accadrà.

D.

 
 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: lasolitadani
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 46
Prov: AL
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

In questo caso non si tratta di nord sud est ovest, è solo...
Inviato da: lasolitadani
il 22/09/2013 alle 11:17
 
A volte penso che, se in Italia non ci fosse stato il nord,...
Inviato da: cassetta2
il 22/09/2013 alle 10:42
 
un casino mettersela in tasca....
Inviato da: frakazzodaferrara
il 10/07/2013 alle 15:52
 
perfetto !!
Inviato da: frakazzodaferrara
il 10/07/2013 alle 15:51
 
peccato perchè merita davvero ;-)
Inviato da: lasolitadani
il 15/03/2012 alle 13:56
 
 
 
 
 
 
 
 

UNA DELLE NOSTRE MANIFESTAZIONI PIÙ BELLE

se volete saperne di più

clickate sul blog di Coinqui

[avere un moroso blogger

aiuta :-)))]

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

DONI VIRTUALI, MA ACCETTATI CON PIACERE *-*

Grazie a iocatwoman1

Grazie a daciablu

Grazie ad angolodistefano