Creato da lauviahdamore il 03/10/2005

Amici del Subconscio

Il subconscio può lì dove tu pensi di non farcela

 

 

Le tentazioni dell'Angelo

Post n°92 pubblicato il 05 Giugno 2006 da lauviahdamore

Assolutamente una storia NON vera... (Scritta nel 2001)

4°puntata 

"Bisogno di una "bolla"... 

...desiderio di un "numero"...

L'Angelo Serafino sente bussare alla porta della sua camera...

E' un suo vecchio amico, Cherubino, con il quale molto spesso piacevolmente parlano del più e del meno...

CHE... "Ma che ti è successo, come mai non eri alla partita di calcetto?" 

SER... "E' un periodaccio... lasciamo perdere... ho fatto una richiesta al Comitato... e non me l'accettano... la burocrazia è lenta..." 

CHE... "Raccontami... conosco un tipo che lavora nella segreteria del Comitato... proviamo a vedere se con un "regalino" si riesce ad avere più fortuna... Ma cosa ti serve?"

SER... "Lascia stare... quello che voglio è impronunciabile!"

CHE... "E che sarà mai!?... Non ti vergognerai mica di dirlo ad un vecchio amico?"

Serafino, all'orecchio del suo amico, pronunciò un solo vocabolo... Cherubino ebbe una sola reazione: rise, rise e rise per almeno 10 minuti...

CHE... "Dai che ce l'ho io la soluzione!!!... Tu hai semplicemente sbagliato il modulo di richiesta!... Devi compilare una "bolla di accompagnamento" e devi inserire i dati precisi... Lo sai che non ci si può spostare senza quel documento!!!"

Serafino era sgomento.

CHE... "Ora vado, torno tra un'ora e il modulo lo compiliamo insieme..."

Il suo amico andò via ancora ridendo però pensava a tutti i dati che occorreva inserire nella bolla e si accorse che uno, il più importante non lo conosceva... o forse non se lo ricordava...

Bastava ricordarsi un numero!!!!

Pubblicità

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo

Post n°91 pubblicato il 02 Giugno 2006 da lauviahdamore

Assolutamente una storia NON vera... (Scritta nel 2001)

3°puntata

Manca  qualcosa...

L'Angelo Serafino lesse con più attenzione...

"Chiedi e ti sarà dato ma chiedi ciò che vuoi veramente"

Lui si chiese se sapeva ciò che voleva veramente... si, questa volta lo sapeva!!!

Ora il suo compito era quello di esporre al "Comitato" la sua richiesta tramite una  modulo  che andava compilato seguendo delle regole ben precise...

1... Adoperare il verbo VOGLIO... (Nessun "Mi piacerebbe che..")

2... Descrizione della cosa desiderata con non oltre 15 parole...

3... Il "perché" della richiesta senza dilungarsi troppo in paranoie personali... 

E infine la sua dichiarazione doveva terminare con una frase...

"Grazie, so per certo che sarà così e non altrimenti!"

Serafino compilò tutto rispettando fedelmente i parametri richiesti...

Giunse alla frase finale e appena terminò di scriverla si cancellò..

Riprovò la seconda volta...  si cancellò ancora...

La terza volta... stessa cosa...

Andò su tutte le furie... prese il telefono e chiamò il "Centralino Celeste" per avere informazioni...

Serafino ascoltò con attenzione... gli prese il panico:  ci sarebbero voluti mesi affinché quella frase non si cancellasse... il segreto stava nel CREDERCI, solo allora non si sarebbe cancellata...

"Credere?... Ma se è impossibile!!!... Ringraziare?... Che paradosso!!!"... si ripetè Serafino afflitto e demoralizzato.... 

 Pubblicità

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo

Post n°90 pubblicato il 30 Maggio 2006 da lauviahdamore

Assolutamente una storia NON vera... (Scritta nel 2001)

2°puntata

La verità o la menzogna...

Una mezza verità o una mezza bugia...

L'angelo Serafino doveva chiedere l'autorizzazione al Comitato...

Non sapeva come fare per formulare la richiesta, erano notti che dormiva sonni agitati  pensando continuamente a ciò che desiderava...

Sapeva che doveva presentare una richiesta scritta, ma non trovava mai le parole giuste e nè tanto meno il coraggio...

"Scrivo o non scrivo?" "Scrivo la verità o una bugia?" "Scrivo una mezza verità o una mezza bugia?"

Prese coraggio e scrisse una mezza verità... e finalmente gli riuscì di inviare l'e-mail al Comitato...

Ogni 5 minuti Serafino era difronte al monitor del computer sperando nella risposta... ma dopo 1 ora ancora niente!!!

L'Angelo era colto dai dubbi e pensava... "Forse era meglio scrivere la verità almeno qualsiasi risposta mi fosse giunta l'avrei accettata più volentieri"

Ma ad un tratto ecco l'avviso di una mail ricevuta!!!

Con gli occhi semichiusi per poter leggere ma anche per poter non leggere gli riuscì di vedere e intendere...

La risposta era brevissima...

"CHIEDI E TI SARA' DATO MA CHIEDI CIO' CHE VUOI VERAMENTE!"

PUBBLICITA'

-

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo

Post n°88 pubblicato il 27 Maggio 2006 da lauviahdamore

Assolutamente una storia NON vera...

1°puntata

Un  desiderio  semplice ma impossibile,

però assecondabile...

Un angelo, di nome Serafino (Di sesso maschile, non è asessuato) vive nella dimensione celeste... 

Quella è la sua casa dove egli si dedica alle sue attività quotidiane... fa colazione, legge il giornale, lavora, fa le faccende domestiche, dorme e poi al mattino successivo si rialza...

Una vita tranquilla e serena, anche divertente perché con gli altri angeli si intrattengono a chiacchierare, fare sport, bere  ed  anche a fumarsi una sigaretta...

Sono tutti però vigilati da un ente che li tutela e li assiste: Il Comitato...  anche se nessuno sa chi ne è alla presidenza...

Il Comitato con loro è severo ma anche generoso: a Natale regala loro sempre un bel cesto con un dono particolare e insolito...

Quest'anno Serafino, a Natale, ha ricevuto un computer portatile con tanto di libretto d'istruzioni per imparare ad adoperarlo...

Dopo un paio di mesi è riuscito finalmente a capirci qualcosa...

Da qualche giorno però, Serafino, non riesce più a staccarsi dal computer... è stato catapultato nella dipendenza più totale...

E' sorto in lui un grande desiderio...  ma lui sa che ciò che gli sta passando nella mente è alquanto IMPOSSIBILE, non SEMPLICE e sicuramente non ASSECONDABILE...

Deve chiedere l'autorizzazione al Comitato...

Pubblicità

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo

Post n°86 pubblicato il 24 Maggio 2006 da lauviahdamore

Assolutamente una storia NON vera...

Una storia che non è spirituale, anzi...

Una storia che non vuol dir nulla, forse...

Una storia divertente, se mi riesce...

Semplicemente una storia NON comune... ma nota a TUTTI!!

PUBBLICITA'

 
 
 

E' troppo bello per essere vero

Post n°85 pubblicato il 22 Maggio 2006 da lauviahdamore

C'è chi dice che la vita va vissuta anzichè sopravvissuta.

C'è chi pensa che essere positivi significhi essere allegri.

C'è chi pensa che fare mille cose significhi vivere intensamente.

C'è chi pensa che viaggiare sia la libertà.

(Coloro credono di avere in mano la vita)

Ma c'è qualcuno che pensa... (Domanda)

"E' troppo bello per essere vero  ma ciò può essere possibile"  ?

"E' troppo bello per essere vero  ma  ciò che desidero già mi appartiene"  ?

(E invece ci si ritira pensando di non essere all'altezza)

La storia ha inizio...

Pubblicità 

 
 
 

Pubblicità

Post n°84 pubblicato il 22 Maggio 2006 da lauviahdamore

A  breve...

 
 
 

Il coraggio

Post n°83 pubblicato il 20 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

Essere... difronte a tutto e a tutti.

Quando pensi, scrivi o parli a qualcuno...

c'è sempre chi non condivide...

L'audacia

Qualsiasi opera d'arte, anche la migliore, non è detto che piaccia a tutti....

 
 
 

Processo "critico" del prodotto artistico finito

Post n°82 pubblicato il 19 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

Porsi mille domande...

...e trovare duemila risposte.

La logica deve mettere tutto in discussione... 

 
 
 

...razionalizzare l'ispirazione...

Post n°81 pubblicato il 18 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

...passaggio dal destro al sinistro...

 
 
 

La lampada si è accesa...

Post n°80 pubblicato il 16 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

L' Ispirazione

 
 
 

Quello che c'è quando non c'è quello che ci dovrebbe essere...

Post n°79 pubblicato il 15 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

Niente!

 
 
 

Un affitto a Roma

Post n°78 pubblicato il 14 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

Ultima puntata

"La fine"

Da una storia vera...

Il padre la trovò... capì perchè la figlia si era ostinata nel voler restare in quel posto nonostante tutte le difficoltà...

Quello era il luogo in cui un tempo suo nonno si era tolto la vita...

Il padre la convinse così...

"E' inutile recuperare  un triste  PASSATO ostinandosi nelle   difficoltà del  PRESENTE  per credere in un  FUTURO migliore"

Lei andò via da quel posto con le lacrime agli occhi... e mai più lo rivide... Si rifugiò in un piccolo e sperduto paesino d'Italia...

Quella casa aveva portato sfortuna a tutti quelli che ci avevano abitato... ed è da poco che questa villa è entrata nell'elenco delle "Case Stregate" d'Italia...

Il proprietario della villa, che lei aveva con tanta ostinazione mandato in carcere, uscì dopo pochi mesi e ancora sta provando a cercarla... speriamo che mai la trovi... lei smetterebbe di esistere!...

FINE

 
 
 

Un affitto a Roma

Post n°77 pubblicato il 12 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

32°puntata 

"La verità"

Da uno spettacolo teatrale...

Da una storia vera...

Lei doveva fare di tutto affinchè il padre non la trovasse...

Ciò che la spaventava non erano i disagi del posto in cui viveva, ma era qualcosa di molto più amaro...

Non voleva provocare alcun dispiacere...

Tutto era successo per caso e non riusciva a farsene una colpa... non aveva premeditato di trovare quel posto, le era capitato per caso...

Per caso aveva letto l'annuncio su Porta Portese...

Per caso si era imbattuta nel desiderio di comprarla...

Per caso aveva letto i documenti dei vari passaggi di proprietà...

Per caso aveva letto quel nome e quella data di nascita...

Sin da piccola aveva sempre sentito raccontare una triste storia ma mai le avevano detto dove, come, quando e perché...

Ed oggi si trovava in quel posto e doveva nascondersi per non rimembrare a qualcuno a cui voleva bene un triste ricordo...

Il padre la doveva trovare solo dopo che lei avesse concluso l'affare... era consapevole che lui glielo avrebbe impedito in tutti i modi.

"Io ce la posso fare... sono sicura che ce la posso fare... un'idea mi verrà!"... Erano queste le frasi che si ripeteva per autosuggestionarsi a tal punto da poterci credere...

Sentì il citofono... qualcuno era lì!....

Pubblicità

 
 
 

Un affitto a Roma

Post n°76 pubblicato il 11 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

31°puntata 

"L'arcano svelato"

Da uno spettacolo teatrale...

Da una storia vera...

All'indomani di quel ferragosto senz'acqua finalmente giunse una ditta che risolse tutto...

Ma lei, ora, aveva un pensiero fisso... quello del padre!... Lui non doveva scoprire niente, l'avrebbe portata via da quel posto con le buone o con le cattive...

Squillò il telefono...

"Dimmi dove sei!..." disse una voce austera dall'altro capo del telefono.

"E perché?..." rispose lei con una nota di paura nella voce...

"P.... mi ha raccontato che vivi in un posto poco dignitoso... e con mille difficoltà!... "

"Sono piccoli inconvenienti quotidiani, niente di così tragico!... ". La sua voce era sempre più insicura.

"Dimmi dove sei, tu sai bene che ti trovo così come  ho fatto  tutte le altre volte...." rispose il padre con voce ferma e sicura.

"No!"

"Mi dici perchè ti cacci sempre in mille problemi? Sei una pazza, così come tuo nonno... identici... le stesse velleità... Dimmi dove sei e perchè sei in questo posto!"

"NO!"

"Va bene, fra due giorni sono da te..." continuò il padre.

"Ho detto no e no!... Tu non mi troverai!" Lei sapeva bene che non era così.

 Pubblicità

(Solo chi ha letto la 28° puntata può capire perché)

 
 
 

Un affitto a Roma

Post n°75 pubblicato il 10 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

30°puntata 

"L'aiuto di un amico"

Da uno spettacolo teatrale...

Da una storia vera...

L'urlo fu straziante...

Tutto precipitò all'interno del pozzo...

I ragazzi avevano mollato la presa appena in tempo per non precipitare anche loro a 80 metri di profondità...

"Ed ora cosa si fa?" si chiesero scoraggiati...

"Io penso che dobbiamo chiamare P...., forse ci può dare una mano!" disse la ragazza contenta che la lampadina le si fosse nuovamente accesa.

Il signor P.... arrivò e si rifiutò categoricamente di aiutarli, anzi andò su tutte le furie e chiese a lei...

"Perchè continui a vivere in questo posto, ti si è dato di volta il cervello?... Io devo chiamare i tuoi genitori e avvisare di quello che stai combinando..."

Lei si innervosì, le dava fastidio essere trattata come una bambina scema...

"Perchè non ti fai i fatti tuoi?... Se resto qui c'è un motivo e non posso dirtelo!" rispose stizzita.

"Va bene... a me no, a tuo padre si!"

 

 Pubblicità 

 
 
 

Un affitto a Roma

Post n°73 pubblicato il 09 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

29°puntata 

"Il pozzo a ferragosto"

Da uno spettacolo teatrale...

Da una storia vera...

14 agosto: arrivano amici per festeggiare ferragosto...

Lei li accolse e  disse loro:...  "Non ho acqua in casa...  Si è bruciata la pompa del pozzo!"

"No!?..." esclamò un suo amico "...dove si trova la pompa?"

"A 80 metri di profondità!..." rispose  la ragazza nascondendosi il volto tra le mani...

"Va bene!..." continuò  lui "...vuol dire che domani chiameremo una ditta!"

"Domani?... Domani è ferragosto... quale ditta vuoi che venga?" rispose lei con sgomento.

Poi continuò e disse... "Se vogliamo l'acqua dobbiamo fare tutto da soli, ed io ho un'idea di come fare perchè ho comprato già quella nuova!... La pompa la si potrebbe tirare a mano noi, siamo in 4... possiamo farcela, vero?"

Riuscì a convincerli...

All'indomani costruirono una sorta di paranco che servisse loro a tirar fuori un tubo di 80 metri dal pozzo alla cui estremità c'era la "maledetta" pompa...

Cominciarono con buona lena... si accorsero subito che quel tubo era pesantissimo... ma continuarono ad insistere...

Dopo 1 ora avevano tirato fuori solo 1 metro di tubo... Fecero un calcolo... 80 metri di profondità... 1 metro in un'ora... ci vogliono altre 79 ore!...

"Dobbiamo cambiare metodo!" disse uno degli amici... "...anche se sarà un pò pericoloso dobbiamo rischiare... "

Adoperarono quel metodo... (Impossibile spiegarlo  per iscritto)  ...Il tubo cominciava si a venir fuori,  ma diventava sempre più pesante perchè pieno d'acqua...

Cercavano di tirarlo e al tempo stesso di mantenere la presa... come una sorta di "tiro alla fune"... resistevano con tutte le loro forze...

E fu in quel momento che il tubo divenne talmente pesante che scivolò dalle mani di tutti tornando nuovamente e violentemente  e prepotentemente all'interno del pozzo trascinandosi con sè tutto... 

Si sentì un urlo bestiale...

Pubblicità

 
 
 

Un affitto a Roma

Post n°72 pubblicato il 08 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

28°puntata "Una casa maledetta"

Da uno spettacolo teatrale...

Da una storia vera...

L'avvocato le disse...

"Da dove cominciamo: da tutto quello che è accaduto in quel posto o dall'attuale situazione economico-finanziaria-legale della casa?"

"Da ciò che è accaduto!... Prima i pettegolezzi e poi gli affari!"

L'avvocato cominciò a raccontare...

"Negli anni '60 il posto in cui oggi c'è la villa era campagna...

C'era solo un semplice rustico per uso agricolo e fu lì che  fu trovato suicida un famoso attore teatrale degli anni '50...

La famiglia decise di vendere tutto e fu acquistato nel '69 da un potente avvocato dell'epoca, nipote di un cardinale e padre dell'amica che l'ha tradita...

Dopo aver edificato l'intera villa,  morì sua moglie alla sola età di 30 anni lasciando una bambina di 1 anno... sempre la sua amica, la quale avrebbe ereditato l'intero patrimonio immobiliare e non solo...

Lui si unì ad una nuova donna, la tata della figlia, la quale qualche anno dopo fu arrestata per aver ucciso una sua nipote...

Lui si unì ad una nuova donna, la nonnina del garage, che sposò al comune solo dopo molti anni... si sarebbero anche sposati in Chiesa ma lui morì 4 giorni prima...

Qualche anno prima di morire lui ebbe un notevole tracollo finanziario che gli fece perdere completamente tutto...

Le due donne rimaste sole decisero di dividere la villa in tre porzioni tenendo per loro quello che un tempo era il garage...

In queste due porzioni rimaste si sono succedute varie famiglie ed anche ditte le quali sono andate via dopo poco tempo...

Ad una famiglia morì il figlio di 8 anni... e le ditte andarono via perchè tutte fallite!..."

L'avvocato fece una pausa... e lei disse...

"Che sfiga!... Non penserà mica che io mi faccia condizionare..."

"Non ho finito!..." aggiunse l'avvocato...

 Pubblicità

 
 
 

Un affitto a Roma  

Post n°71 pubblicato il 07 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

27°puntata   "Tutto all'asta"

Da uno spettacolo teatrale...

Da una storia vera...

Una villa di 1200 mq con 15000 di giardino a 100 metri dal raccordo di Roma...

"Io la compro!" disse la ragazza al suo avvocato.

"Aspetti prima di partire in quarta... facciamo i dovuti controlli... non agisca come un adolescente con il suo primo amore..." l'ammonì l'avvocato.

"Problemi, non problemi... io la voglio!" ribattè lei con ostinazione.

"Ok!... Tre giorni di tempo e sapremo su quella casa tutto ciò che c'è da sapere..."

Passarono i tre giorni e l'avvocato la chiamò...

"Carissima amica, se anche quella casa gliela regalassero lei non deve prenderla!" 

"Oh cosa ci sarà mai di così grave in 4 pareti?" chiese lei con tono curioso.

"E' una storia lunga quanto due metri di scartoffie che ho dovuto leggere... Roma è piena di queste situazioni... ma questa ha dell'incredibile!... Venga in ufficio e ne parliamo..." 

"Mi accenni qualcosa... la prego!" 

"Non ora!"   

Pubblicità

 
 
 

Un affitto a Roma

Post n°70 pubblicato il 06 Maggio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

26°puntata  "Il tradimento di un'amica"

Da uno spettacolo teatrale...

Da una storia vera...

L'amica era la vecchia proprietaria dell'intera villa...

46 anni di frustrazione, aveva perso  un'intera fortuna economica a 30.....

A questo personaggio, LA PERFIDA, dedico solo queste due righe di descrizione, di più sarebbe inutile... 

Alla domanda perchè l'avesse tradita non c'è risposta... la ragazza non volle nemmeno mai saperlo...

Però quel tradimento le diede una brillante e tragica idea: "Questa casa ora la compro io!"

"Auguri"... si disse da sola!

Pubblicità

 
 
 

Questo blog è interamente dedicato a Paola....                                                  "Quando i rapporti umani vanno oltre l'opportunismo virtuale"

 

 immagine

Ti criticheranno sempre e  parleranno
male di te... 

Quindi: vivi come credi e fai ciò che vuoi... 

Una vita è un'opera di teatro che non ha
prove iniziali.

Quindi: canta, ridi, balla, ama...

vivi intensamente
ogni momento della tua vita...

prima che cali il
sipario e l'opera finisca senza applausi.

Charlie Chaplin

"Luci della ribalta"

 

ALTRE IDENTITÀ

 

FACEBOOK