Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Pietrangelo Gregorio: i ..."EU" radice di Europa,... »

La prima Mostra dell’Arte Tridimensionale a NAPOLI

 Un nuovo primato napoletano

La prima Mostra dell’Arte Tridimensionale

nel museo del Maschio Angioino


Il 23 maggio prossimo, alle ore 11, sarà inaugurata a Napoli la prima mostra dell’Arte Tridimensionale nel Museo del Maschio Angioino. Un evento di particolare interesse, perché, vede risolto l’annoso problema di utilizzare la storica tecnologia anaglifica per diffondere e promuovere arte e cultura.
Per anni, si è sempre discusso sulla possibilità di diffondere la stereoscopia ed il tridimensionale, partendo dai musei, col semplice mezzo anaglifico (visione con occhiali bicolore) senza dover ricorrere a sofisticate tecnologie cinematografiche o televisive ma il sistema anaglifico presentava notevoli lacune, oltre la principale (una scarsa resa dei colori) e difetti, come la doppia immagine che imponeva rilievi limitati e immagini di piccole dimensioni, per evitare l’eccessiva sbordatura propria del sistema anaglifico; il tutto comportava una riduzione dell’effetto tridimensionale.
Avvalendosi di esperti stereografi si organizzarono mostre tridimensionali a Los Angeles,  Parigi, Francoforte, Montreaux, dove le immagini presentate di piccole dimensoni (30x40 cm.)  e con un rilievo limitato, non destarono alcun interesse da parte dei visitatori e le mostre tridimensionali vennero abbandonate.
In Italia le ricerche continuarono, seguendo le originali teorie ed innovazioni stereoscopiche del sistema “Stereogregor” ideate dal ricercatore napoletano, ingegner Pietrangelo Gregorio (vedi scheda-tributo al link http://gold.libero.it/lavocedimegaride/12811111.html ).
Si è, così, potuta realizzare la prima Mostra dell’ Arte Tridimensionale, esposta nel museo del  Maschio Angioino.  Napoli è la prima città a presentare  una mostra dell’Arte Tridimensionale, mentre al museo del Louvre  di Parigi è ancora allo studio, da anni, una “mostra stereoscopica  anaglifica". Sempre seguendo questo sistema, Geppino Gregorio (figlio dell’inventore) - che insieme agli ingegneri Zipoli, Di Febbraro e Caputo ha dato vita al “Centro Ricerche Scientifiche” - ha rielaborato il sistema anaglifico, riuscendo ad ottenere  immagini tridimensionali di grande formato, riducendo notevolmente i difetti dell’anaglifo, mostrando una notevole profondità di rilievo, di effetto gradevole e stupefacente.

Le opere presentate

Questa prima mostra è allestita al secondo e terzo piano della cosiddetta Torre del Beverello.
Comprende 12 opere su tela pittorica del formato di 100 x 140 cm., che rappresentano opere d’arte del Museo Archelogico di Napoli (Agrippina, Divinità fluviale, i Corridori);  fontane monumentali di Napoli (fontane del “Nettuno”, degli “Innamorati”, del “Carciofo”) e architettoniche e urbanistiche quali il Maschio Angioino, Castel dell’ Ovo, Chiostro grande di San Martino, Palazzo Reale, Arco di Trionfo (con un'eccezionale percezione del rilievo), la basilica di S.Francesco di Paola, la nuova Piazza Bovio.
Ogni opera riporta una particolare didascalia “breve, esauriente”, che contribuirà ad arricchire le nozioni artistiche e culturali dei visitatori.
Di ogni opera si è dovuta curare la particolare ripresa 3D (molto diversa da quella abituale), per stabilire le migliori convergenze e le varie parallassi con le relative distanze  stereoscopiche.
La tecnica “italiana” Stereogregor, utilizzata da Geppino Gregorio - che ha curato le riprese e le configurazioni 3D - offre una gradevole e suggestiva percezione della terza dimensione, al punto che il visitatore si sofferma a lungo, piacevolmente rapito, dinanzi ad ogni opera e - per consentirne la visione in contemporanea a più persone - si è  aumentato il numero dei visori.
Se tornasse nella sua Napoli il principe Raimondo de Sangro di Sansevero, resterebbe affascinato e stupito, ne siamo certi, ed imporrebbe il sigillo del casato, per naturale discendenza del genio, al nostro benemerito cittadino Pietrangelo Gregorio
(in foto: staff della mitica prima TV privata italiana "Canale 21" di Napoli, trent'anni dopo. Il secondo da sinistra in seconda fila: il mitico ingegner Pietrangelo Gregorio)


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/lavocedimegaride/trackback.php?msg=12812786

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: