« Il mio articolo su Scien...Sognare è un difetto? »

Alla ricerca della Verità:

Una conferenza di Carofiglio, Selleri e Petrocelli 

25/01/07

Uno scrittore, uno scienziato e un rettore, rispettivamente Gianrico Carofiglio, Franco Selleri e Corrado Petrocelli, dialogano sulla "ricerca della verità" nell'investigazione
giudiziaria, nella riflessione scientifica e nella creazione letteraria. L'incontro, a
cura di Saverio Pascazio e Sebino Stramaglia, si terrà giovedì 25 Gennaio alle 16 nell'aula A del Dipartimento di Fisica al Campus Universitario.

L'argomento non poteva non incuriosirmi, e indurmi ad abbandonare i compiti per ascoltare la conferenza.

Inizia a parlare Gianrico Carofiglio, magistrato e scrittore, ponendo all'uditorio una intrigante domanda: "E' possibile dire che un fatto è vero?" La risposta è no, è infatti possibile dirlo solo di un enunciato.
Anagrammando "LA VERITA' " si ottengono due suoi attributi: RELATIVA e RIVELATA.
Carofiglio illustra come la Verità sia al centro del lavoro di un giudice. Il fine del processo infatti è la ricerca della Verità (Codice di Procedura Penale), ma non è una verità scientifica o formale (per verità formale si intendono verità che partono da dati certi e arrivano a conclusioni certe); le verità storiche hanno invece una alternativa. Il lavoro del giudice assomiglia molto al lavoro dello storico. Il ragionamento giudiziario sui fatti giunge a "risultati accettabili". Si procede raccogliendo elementi e formulando ipotesi, che devono poi essere confermate da altre prove. Se le soluzioni sono probabilissime, queste vengono accettate.
Al contrario della verità storiche, le verità formali sono tali a prescindere dall'uditorio. Nei processi invece si ha una ricostruzione narrativa dei fatti. La lingua diventa perciò strumento di costituzione della conoscenza. Chi espone i fatti è come un narratore, quest'ultimo si occupa di storie verosimili, non vere. Bisogna avere il coraggio, però, di scegliere tra ciò che è verosimile e ciò che è vero.

Prende la parola Corrado Petrocelli, rettore dell'Università di Bari, il quale comincia il suo discorso mettendoci davanti ad una terribile "verità" (!): noi tutti abbiamo paura di sentirci dire la verità piuttosto che cose piacevoli. La verità non è quasi mai piacevole. Di solito si tende ad accogliere quella che si vuole credere sia la verità. Secondo Cicerone il vero equivale al giusto. Ma c'è una terza categoria: l'utile.
Tucidide sosteneva che quello che è vero deve essere utile, anche se spesso è sgradito.
Lo storico dovrebbe essere lo scienziato della verità.
Erodoto scriveva sui Persiani che essi istruivano i proprio figli a cavalcare, a combattere e a dire la verità.
Se si guarda la costruzione della parola greca "aleteia", che significa "verità", questa è composta dall'alfa privativo e dal verbo "lantano" che vuol dire nascondere, quindi la verità è qualcosa che non deve essere nascosta.

Tocca a Franco Selleri, fisico, illustrare il ruolo della verità nella scienza, ambito nel quale la certezza dovrebbe essere all'ordine del giorno. Tuttavia la parola "verità" ricorre raramente in Newton, Keplero, Cartesio; mentre appare più spesso in Giordano Bruno e Galileo Galilei.
Giordano Bruno venne condannato dall'Inquisizione per le sue idee sull'atomismo, sull'infinità dell'Universo, sulla verginità di Maria, sulla transustanziazione...
Oggi molte delle sue idee sono accettate e sono oggetto di ricerca attiva. Le sue idee sono state imposte a tutti gli uomini, anche se il suo nome viene fatto raramente.
Ma nemmeno nella scienza ci sono sempre certezze assolute, e verità inconfutabili.
Popper sosteneva che anche le migliori teorie e le migliori invenzioni sono piene di errori. Lo stesso Einstein aveva dubbi sulle sue teorie. In un qualsiasi esperimento, infatti, basta la presenza di un osservatore ad alterare i dati.
Quelli che dicono la verità lo fanno con lo stesso scopo di quelli che mentono.
Secondo Galileo, la verità è così tanto nascosta, che non è facile distinguerla dalle bugie.

Si passa poi al dibattito col pubblico. Dalle domande dei partecipanti, e dalle risposte dei relatori vengono fuori cose interessanti. Vittorio Delfino Pesce chiede: "Se la verità è semplice, che problema c'è?"
Saverio Pascazio, uno dei curatori dell'incontro, mette in luce come, in alcuni casi, ci possano essere molteplici verità. Il modo più semplice è chiamato verità probabile.
Selleri puntualizza: non è importante conoscere la verità su un fatto, ma avere una buona conoscenza di quest'ultimo. Norberto Bobbio formulò la teoria dell'argomentazione: rifiutare le teorie troppo nette: tra gli estremi c'è posto per LE Verità.

Anche io voglio dirvi la mia riguardo la Verità, e lo faccio citando da un libro:

"Ebbene, io amo la mia limitatezza e la mia fallacia. Anzi, ne sono perfino orgoglioso. Amo la mia fatica di pensare, amo il mio sforzo nel formulare pensieri che siano miei e soltanto miei, non rivelati da un'entità suprema e non accettati senza discutere e senza domande nell'attesa di una risposta che verrà dopo la morte, amo i miei pensieri con tutti i loro limiti e i loro difetti, amo la gioia che mi dà cambiare idea, litigare con le persone, capire che sto evolvendo, che sto crescendo. Amo la mia verità proprio perchè non è una Verità, ed è mia.

(Marco Cagnotti, Umberto De Vanna, Cerco un ateo per parlare di Dio)

Giulyana

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

Contatta l'autore

Nickname: supergiuggiola
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 32
Prov: BA
 

Scrivimi!

Se volete scrivermi il mio indirizzo email è: 

giuliana.galati chiocciola gmail.com

 
 

A little Skeptic in classifica su WIKIO!

Wikio - Top dei blog - Scienza

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Little Skeptic with James Randi

 

Little Skeptic with Massimo Polidoro




 

Little Skeptic with Piero Angela









 

Little Skeptic with Alex Rusconi

 
immagine
 

Little Skeptic with Paola DG



 

Ultimi commenti

Casualmente sono passato per questo BOLG che vedo che non...
Inviato da: Filippo
il 20/01/2013 alle 12:04
 
hmmm ... dopo Nizza, grazie per la condivisione ...,...
Inviato da: joenas
il 26/01/2012 alle 14:26
 
ciaoooooooooooo
Inviato da: licia
il 01/04/2011 alle 21:48
 
e
Inviato da: an;DROP TABLE *;--
il 01/04/2011 alle 20:11
 
Ogni verità attraversa sempre tre fasi: prima viene...
Inviato da: luu
il 03/01/2011 alle 13:53
 
 

Foto congresso "Eppur si crede"

Clicca QUI per vedere le foto del Congresso del CICAP "Eppur si crede", svoltosi a Padova (Ex fornace Carotta), il 4 e l'5 Ottobre 2008
 

Little Skeptic with Gigi Garlaschelli

 

Little Skeptic with Marco Morocutti


 

Little Skeptic with Silvano Fuso

 

Little Skeptic with Mariano Tomatis

 

Foto del X Congresso

Clicca QUI per vedere le foto del X Congresso Nazionale del CICAP, svoltosi a Padova, il 7 e l'8 Ottobre 2006