Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      
 
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

ranocchia56monellaccio19Vince198NoRiKo564woodenshipnina.monamourambradistellegabbiano642014prolocoserdianaSONIA.58mariateresa.savinolascrivanaNuvola_volaSEMPLICE.E.DOLCE
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« CI SONO MACCHINE E CI SO...SANREMO: POCO E NIENTE! »

ALLA FACCIA DELLE CODE

Post n°3135 pubblicato il 09 Febbraio 2019 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Un tempo c'era chi ci campava con le file: alla posta in genere, ma anche in tutti quei posti tanto affollati che le file erano inevitabili. Il solito nullafacente, per qualche spicciolo si prestava a fare la fastidiosa file mantenendo la posizione da cedere all'interessato al momento opportuno. Oggi le file si fanno ancora, sono sempre stressanti ma la gente, specie i giovani, preferisce non demandare ad altri l'ingrato compito, si arma di tanta buona pazienza e provvede personalmente. A Bari, ma presumo anche in tante parti d'Italia, presso l'ufficio anagrafe del comune si si sta notando in questi giorni, un afflusso superiore al solito che insospettisce per quanto sia raro e non ricorrente. Giovani in fila per accedere agli sportelli e cambiare la propria residenza potrebbe essere normale, ma il dubbio nasce spontaneo per i funzionari dell'anagrafe: "E se cambiassero la residenza a causa della ormai prossima donazione del reddito di cittadinanza?". Se lo chiedono un po' tutti, sono file che non possono evitare le perplessità allo sportello. Ovviamente, sono stati annunciati severi controlli per verificare e accertare eventuali cambi dovuti proprio alla nuova condizione richiesta per concedere il famoso reddito. Si temeva che accadesse, troppo ghiotta l'occasione e non sarebbe una novità se così fosse. Se ne è parlato, si temevano colpi bassi da parte dei potenziali beneficiari dei soldini e non credo sarà facile accertare, almeno nell'immediato, chi veramente sia in buona fede o chi stia facendo carte false per godere del notevole "regalo". Staremo a vedere e ciò che avevamo previsto sta puntualmente accadendo. Certo è che noi italiani siamo speciali: non ci spaventano le avversità, i sacrifici e le estenuanti code, pronti a tutto pur di ottenere quel che si vuole. Così è stato l'altra notte quando a Milano, sin dalla tarda serata ha cominciato a formarsi una coda/bivacco davanti al negozio Nike in via Statuto. Per quale ragione? Semplicissimo: per un paio scarpe a edizione limitata delle "Air Max 90", un must che non si può ignorare assolutamente! Beh  i giovani non si sono fatti pregare, se Parigi val bene una messa, un paio di "Air Max 90" a 160,00 euro, è una offerta unica e irripetibile. Tutta la notte fuori al negozio, in poco tempo si è formata una coda tale che è dovuta intervenire la polizia per gestire la marea umana. Tra i "codaioli"  erano sicuramente presenti giovani che avrebbero comprato le scarpe prestigiose ma non per uso personale, bensì per rivenderle in rete: il loro prezzo reale è molto ma molto più alto, sfiora e talvolta supera, i mille euro! Come vedete la coda è nel DNA dei giovani: fanno code dappertutto e per ogni ragione, nulla e nessuno li ferma e passano le nottate fuori casa pur di accaparrarsi ciò che desiderano. Una sola domanda: "Qualcuno di voi ritiene che in quella numerosa coda ci fosse qualcuno che ambisse ad ottenere il reddito di cittadinanza?".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog