Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

cassetta2g1b9monellaccio19amici.futuroierie_d_e_l_w_e_i_s_selyravworlordMARGO129fedechiaraneopensionatapanteradicuorifianna.mbEremoDelCuoresurfinia60
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« E CONTINUATE A BLATERARESOTTO A CHI TOCCA! »

STESSA SPIAGGIA STESSO MARE E...

Post n°4279 pubblicato il 26 Maggio 2022 da monellaccio19
 

 

 

 

Si stanno creando situazioni farraginose e contrastanti in seno al governo e pare che le forzature, siano programmate maldestramente da alcuni intemperanti. Non so cosa potranno ottenere con le loro posizioni rigide, ma su un punto dovremmo preoccuparci tutti: se perdiamo i soldi previsti dalla UE, saranno "uccelli senza zucchero" per tutti.  La guerra balneare è una di queste situazioni imbarazzanti e credo che dimostri ampiamente la poca voglia di fare "gruppo", per far fronte a problemi che riguardino tutti gli italiani.  Il demanio, in nome e per conto del popolo, gestisce tutte le coste e non esistono "padroni". Da anni purtroppo, si trascina questo spigoloso problema: chi ha in gestione le spiagge, specie chi da tempo immemorabile, non vuole mollare l'osso. Le hanno ricevute al loro tempo in gestione e per grazia ricevuta, nessuno è disposto a restituirle; pagano gli aumenti periodici, ma non si rendono conto che quei luoghi devono e possono essere affidati sempre in gestione, con gare precise e regolate da norme obbligatorie.  Questi gestori devono mollare perché finalmente si passerà alle assegnazioni regolamentate, le concessioni si devono meritare e devono essere pagate profumatamente tenuto conto che di soldoni i lidi italiani ne fanno a iosa.  Il demanio costituzionale del Popolo costituisce una proprietà pubblica, per cui non è possibile concedere a privati la gestione e i profitti di tali beni, rendendo la proprietà pubblica del Popolo una nuda proprietà, alla pari della proprietà privata, allorché il proprietario privato costituisca su di essa un diritto di usufrutto. La proprietà pubblica appartiene al Popolo per cui, ciò che appartiene a tutti, non può essere di una singola persona o società. Che facciamo? Rimandiamo di un anno o due e daremo pure la buona uscita a costoro?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=16306945

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Vince198
Vince198 il 26/05/22 alle 10:08 via WEB
In linea di principio quello che hai scritto è condivisibile, tuttavia da questa direttiva se ne sono usciti diversi paesi Ue, l'hanno lasciata cadere. Noi italiani, che abbiamo spiagge e clima invidiabili .. no! Secondo me bisognerebbe rivedere il sistema, trovare un punto d'incontro perchè non si possono alienare non so quante migliaia di persone, tra assunti a tempo indeterminato e determinato, che fanno questo lavoro da decenni. Il compito di un geoverno serio è mediare, non calare le braghe a fronbte di certe pretese Ue che possono essere discusse. non accettate quasi a babbo morto.
Già che la disoccupazione ci "ama follemente"..
M'infastidisce l'interessamento peloso della Ue in questa tematica (i "piccioli" pare siano un loro continuo e quasi unico interesse) mentre in altre attività, come ad esempio le immigrazioni, la giustizia, la sicurezza, la difesa etc. fa finta di non recepire alcunchè, tranne che per questo evento eccezionale afferente la dolorosa situazione ucraina, ma neanche tanto perchè è la Nato che agisce e lì dentro, "comandano" gli Usa. La Ue, Bruxelles dorme e pensa che le sanzioni comminate alla Russia funzionino. Lo hanno compreso anche al Cottolengo che la Russia se ne strabatte di quello che decidono a Bruxelles e fa affari ad .. oriente!
Pronti in Ue a chiedere, meglio dire spogliare quelli che risparmiano una vita per lasciare ai propri figli un bel "gruzzolo" (sono tanti miliardi di euro in possesso di privati ed enti privati - circa 4mila e 6mila in infrastrutture) che tempo fa La Ue, leggasi Merkel, voleva che il ns. governo prendesse lì dentro - un 14% - per ripianare i nostri debiti.
Come se la gente comune avesse fatto debiti e non una classe politica cialtrona che per decenni ha foraggiato i propri personali interessi per rimanere il più possibile con il culo attaccato alla "nota" cadrega! Adesso inchinati ai soliti 90° a gente che preferisco non nominare MA CHE MI FANNO RIBREZZO!!!
Cose dell'altro mondo, specie per chi non si fa i cazzi suoi e vuole comandare in casa d'altri. Ci sarà un governo nostrano che finalmente riuscirà a farsi rispettare e non abbozzare continuamente, pur nella necessità di dover ripianare debiti pregressi? Quien sabe!
Mandi, mandi ^_______^
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 11:35 via WEB
Nel pubblico, non si può e non si deve parlare di "usufrutto". Sembra che il lungo tempo deponga a favore di costoro che in possesso di una spiaggia data loro in gestione, debba poi passare per vocazione divina, nelle loro proprietà come fosse un bene acquisibile. Non pagano quasi nulla, pochissimo e fanno soldi a palate. Con il tuo permesso, io non ci sto: è un bene pubblico e vada gestito correttamente come tale: gare per aggiudicare lo spazio per il tempo stabilito, dopo di che ancora gare. I mafiosi si sono impadroniti delle spiagge e loro non vogliono mollare. Il problema dell'UE, all'occorrenza lo si gestirà come piace a noi e no come vogliono l'oro. Troppi abusi e ci siamo sempre lamentati, ora che possiamo mettere in ordine, non va bene!!!!! Le tasse che dobbiamo, sempre noi le pagheremo, quindi facciamo fruttare le nostre risorse. Ciao Vince.
(Rispondi)
 
 
 
Vince198
Vince198 il 26/05/22 alle 12:49 via WEB
Infatti quello che ho sostenuto è che debba esserci un incontro che risolva, anche a livello giuridico, questa faccenda. Che paghino quattro soldi lo sappiamo e bene, allora si discute questo aspetto, ma non si chiude la porta in faccia ad italiani sic et simpliciter, facendo un regalo agli stranieri, l'ennesimo. Se ben ricordi ad es. qualche anno fa un certo p.d.c. (Gentiloni) stava regalando ai francesi una parte di mare a nord della Sardegna facente parte del nostro territorio. In quello specchio di mare sul fondo ci sono giacimenti di gas di notevole importanza. E' mai possibile che debbano esserci politici nostri che calano le braghe in modo così vergognoso? Non mi piace che l'Ue forzi la mano dove a lei conviene, mentre in altre faccende che riguardano l'Italia non solo non interviene ma se ne frega altamente. Questo è il mio pensiero e tu hai il sacrosanto diritto di dire la tua: ci mancherebbe altro. Mandi ^_____^
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 17:10 via WEB
Che si medi tra gli italiani è un conto, discuto il principio e sul supposto diritto che taluni possano avere sulla concessione solo perché di vecchia data. Il 2019 è andato con 115 milioni incassati per le tutte le concessioni e 15 miliardi incassati dai gestori che hanno sempre pagato piangendo per gli affari che andavano male. Pertanto si procede con la legge, si faccia tutto a norma e le aste saranno corpose. Devono pagare questi signori o chi per loro, devono far fruttare i beni del demanio. L'Europa farà, se avremo le palle, scintille con noi, ma se sapremo battere i pugni sul tavolo, non avremo preoccupazioni. Peccato che solo uno a livello europeo sapeva come comportarsi nel mondo del calcio: il grande Artemio Franchi, uno che quando sedeva al tavolo per discutere con i suoi pari delle federazioni europee, si rimboccava le maniche ed era fermo e deciso su tutte le posizioni. Quando avremo un altro che si comporterà così in Europa? Non mi dire Salvini, Meloni, Tajani o Berlusconi...... Ciao vince, bella serata.
(Rispondi) (Vedi gli altri 2 commenti )
 
 
 
 
Vince198
Vince198 il 27/05/22 alle 08:43 via WEB
Ma no: bastano le genuflessioni alla musulmana di Letta, del Conte di Volturara Appula e di qualche altro sinistro abituato a quella posizione. Risolveranno con un indennizzo, pare. Sono sicuro che la Ue dichiarerà illegale quest'ultima "mossa". Restano tutte le mie perlessità sul resto che ho citato e che la Ue non mette in atto perchè non le conviene? E chi lo sa. Resta chiaro il fatto che noi facciamo gli "europeisti", altri stati membri lo fanno solo se conviene loro. Alla prossima!
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 27/05/22 alle 08:47 via WEB
Intanto l'accordo c'è stato: un pastrocchio giusto per stringere i tempi e essere pronti. Vedremo come andrà, non mi faccio illusioni e continuiamo a farci del male. Buon w.e. Vince.
(Rispondi)
 
g1b9
g1b9 il 26/05/22 alle 11:31 via WEB
La storia balneare sta diventando troppo personale per certi partiti, che ne stanno facendo un momento elettorale, incaponendosi su un punto che il buon senso dovrebbe presto portare a concordare gli indennizzi per coloro che dovessero rinunciare al loro orticello. Le spiagge ,come i litorali di ogni paese, sono beni dello Stato e questo deve farli rendere al meglio possibile quando ne viene data la possibilità di utilizzo a fine di lucro ai privati, mantenendo allo stesso tempo spazi per l'utilizzo pubblico di un bene, che in fondo ci appartiene. Mi sono sempre stupita di questo proliferare di stabilimenti balneari in Italia, da quando, giovanissima iniziai ad andare all'estero. Dovunque, nel mondo sono rarissimi, e quando esistono, sono propaggini di alberghi, che utilizzeranno i litorali secondo le loro leggi .Ma nel mondo , dovunque puoi fare il bagno dove ti aggrada, senza problemi e senza spendere un soldo. La splendida costa azzurra così come le coste spagnole, comprese le isole sono di libero accesso. In Italia invece è tradizione antica e ci sono stati gli anni in cui era davvero"ogni anno stessa spiaggia e stesso mare", cosi come mare fino a luglio e poi rigorosamente montagna. Ora i tempi sono cambiati come il modo di andare in vacanza e il tempo da dedicare. Spero che in seno al governo trovino la quadra per poter usufruire fino in fondo dei soldi Europei. Buonissima giornata Carlo con un sorriso:)
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 11:52 via WEB
Le spiagge sono per costituzione nostre, sono date in gestione e le gare dovrebbero essere ricorrenti e reiterate più spesso. Non esiste che chi abbia avuto a suo tempo la gestione di una spiaggia, la faccia sua nel tempo e non rinunci ad essa. Facciano le gare e offrano i prezzi giusti rapportati ai loro incassi. Sappi che lo stato nel 2019, dai gestori ha ricavato 115 milioni, mentre i gestori hanno incassato 15 miliardi in un anno. Orbene, perché dovremmo discutere su un problema che non esiste? Facciamo fruttare al meglio i nostri beni visto che poi le tasse le paghiamo anche noi. Usufrutto non esiste nel caso di beni pubblici. Buon giorno Giovanna.
(Rispondi)
 
elyrav
elyrav il 26/05/22 alle 12:20 via WEB
Le concessioni sul demanio esistono è comunque un bene pubblico per le spiagge gestite dallo stato, sicuramente poco pagate e quello è un male visto che come dici tu di soldoni ne fanno i concessionari. Serena giornata
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 12:33 via WEB
Se prendiamo l'ultimo anno esaminato, il 2019, noteremo che lo stato abbia ottenuto dai gestori 115 milioni, mentre loro hanno incassato 15 miliardi. Alla faccia nostra!!!! Ciao e buon pranzo Ely.
(Rispondi)
 
 
 
elyrav
elyrav il 27/05/22 alle 08:07 via WEB
Eh già quello è un gran problema. Non è così semplice cambiare i canoni di concessione, bisogna fare una norma apposta che li regoli. E la pubblica amministrazione è molto lenta in certe cose. Serena giornata
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 27/05/22 alle 08:17 via WEB
E non solo, c'è una parte politica molto dispiaciuta che questi rischino di non essere più gestori perdendo così la loro redditività e mettendo per strada molte famiglie. Partecipino alla gare e le vincano!!!! Buona giornata Ely.
(Rispondi) (Vedi gli altri 2 commenti )
 
 
 
 
elyrav
elyrav il 27/05/22 alle 10:58 via WEB
Eh sì decisamente!!! Buona giornata
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 27/05/22 alle 11:05 via WEB
Vedremo gli effetti che sortiranno. Ciao cara Ely.
(Rispondi)
 
simona_77rm
simona_77rm il 26/05/22 alle 14:16 via WEB
Bisognerebbe rivedere il sistema, non funziona così...e l'estate è alle porte. Rischiamo di creare un caos e perdere l'occasione di far crescere l'economia italiana. I turisti preferiscono l'Italia, abbiamo il record europeo di prenotazioni!!! Dobbiamo essere pronti ad offrire il meglio. Speriamo che la questione si risolva presto.
Ciao Carlo, un abbraccio...
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 17:14 via WEB
Purtroppo, per questa estate tutto resterà come prima, dal 2024 si comincerà se si passerà alla camere con la legge modificata. Una situazione partita male a suo tempo e finita peggio, grazie ai politici che vogliono conservare i loro bacini di elettori. I populisti, pronti a battersi con tutti pur di assicurare l'ovvietà a tutti i costi e voti sicuri per loro. Godibile serata Simo.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
KingsGambit il 26/05/22 alle 16:13 via WEB
Una delle prassi più consolidate in Italia è, accusare il governo precedente degli errori presenti e rinviare i provvedimenti alle successive elezioni. Ecco dunque perché i cantieri durano 20 anni e strade, scuole e uffici pubblici rimangono sempre senza manutenzione. La patata bollente delle concessioni balneari, verrà rinviata, come al solito o al massimo tamponata, le priorità son sempre altre. Buona giornata.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 17:18 via WEB
Pare che tutto inizierà per il 2024 sempre che entro il 31 maggio, passi il decreto già manipolato. Ormai sappiamo come funziona il giocattolo. Ti dico solo che nel 2019 il demanio ha incassato 115 milioni per le concessioni e i gestori hanno incassato 15 miliardi per i loro profitti. Buona sera Kings, ahimè, come conosci bene il nostro incedere politico e amministrativo.
(Rispondi)
 
cassetta2
cassetta2 il 26/05/22 alle 19:23 via WEB
Sulle spiagge italiane è più probabile vedere uno tsunami che uno scontrino.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 19:32 via WEB
Magari: vedere entrambi tsunami e scontrino, sarebbe una mano del destino, o un buon viatico per un futuro migliore? Ovviamente la spiaggia dovrà essere deserta....senza bagnanti innocenti.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
bruno il 26/05/22 alle 20:15 via WEB
Non si vedono scontrini in quanto non ci sono sufficienti controlli E il motivo è semplice TUTTI MANGIANO ED HANO TANTO APPETITO!!!!!!!!!!!!!!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 26/05/22 alle 20:25 via WEB
Beh, allora papale papale, ben venga lo tsunami augurato da Cassetta e spazzi via tutto. Ciao Bruno, buona serata.
(Rispondi)
 
EremoDelCuore
EremoDelCuore il 26/05/22 alle 22:40 via WEB
È un problema che si ripete ogni anno e purtroppo non si trova mai la soluzione. Negli altri stati sai come si svolge? Anche se magari hanno meno attività marittime. Su questo argomento non ne so molto. Un caro saluto! Buona serata!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 27/05/22 alle 08:00 via WEB
Siamo soliti crearci i problemi, senza non sapremmo come vivere e non saremmo italiani. Rimandandoli e aspettando che il tempo metta a posto da solo le nostre avverse situazioni, alla fine ci troviamo sempre più in difficoltà. Grazie mia cara, piacevolissimo w.e.
(Rispondi)
 
neopensionata
neopensionata il 27/05/22 alle 00:07 via WEB
"Ama e fa’ ciò che vuoi. Se stai in silenzio, fallo con amore. . Se ti trattieni dal vendicarti, fallo con amore. Fa’ che la radice dell’amore sia con te. Da una tale radice può venire solo bontà (Sant’Agostino)
Un caro saluto. Jole
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 27/05/22 alle 08:01 via WEB
Quale migliore occasione per onorare il santo odierno? Grazie mia cara. Abbi un sereno e piacevole w.e. Jole.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.