Creato da imperatoreinca il 17/02/2009

la giustizia

non è uguale per tutti

 

 

« PERFETTAMENTE D'ACCORDOCOSA SARA'? »

CARNI ROSSE ...TUMORE?

Post n°1599 pubblicato il 28 Ottobre 2015 da imperatoreinca

L’agenzia ha pubblicato il suo rapporto su Lancet Oncology ed ha incluso tra le carni rosse anche la carne di maiale insieme a quella di manzo, vitello, agnello, pecora, cavallo e capra. Lo stesso gruppo di lavoro ha classificato il consumo di carne lavorata nel Gruppo 1 (sostanze più cancerogene) in base a una evidenza sufficiente per il tumore colon-rettale, e pare sia stata trovata anche un’associazione tra consumo di tali carni e tumore allo stomaco. In altre parole, le carni lavorate come i wurstel sono classificate tout court quali cancerogene e, quindi, da inserire nel succitato Gruppo 1 insieme alle 115 sostanze che causano il cancro, allo stesso livello di pericolosità del fumo e del benzene.


Non è così. L’Oms ha fatto di tutta l’erba un fascio: infatti si riferisce soprattutto a indicazioni epidemiologiche che riguardano il mondo anglo-sassone, dove si inizia la colazione mattutina con bacon fritto, croissant salati con wurstel fritti, uova fritte con maionese e creme varie che aggiungono altri grassi. Il problema non è la carne, ma il suo grasso che, portato ad altissima temperatura e mangiato molto frequentemente nella settimana, può favorire l’insorgenza di malattie sia tumorali sia cardiovascolari.


È bene mettere un po’ di ordine nell’interpretazione di questi dati e tornare a proporre l’esempio della seconda popolazione più longeva dopo il Giappone. La dieta Mediterranea è onnivora con prevalenza vegetale e una presenza della carne minima e distanziata. Fino a qualche decennio fa la carne era domenicale, e non sempre. Oggi la dieta ideale è quella che prevede cibi proteici di origine animale due volte alla settimana per ogni tipo, cioè carne bianca, rossa, uova, pesce, formaggi, prosciutti.


Il mondo anglo-sassone ha l’abitudine di consumare cibi di origine animale, cucinati sempre ad alta temperatura (barbecue, frittura, ecc), ciò mina la salubrità nutrizionale del cibo e peggiora la salute dei consumatori. In Italia si comincia la mattina con del buon latte e caffè o tè e segue poi, sempre o quasi, un pasto ricco di buoni carboidrati, tipo cereali, pane o fette biscottate, che danno una grande energia sia ai muscoli sia al cuore e al cervello. In Italia le tecniche di cottura sono più leggere: lessatura, forno, ecc., e difficilmente ci sono parti carboniose, certamente cancerogene, perché le nitrosamine che si formano nella parte carbonizzata sono da eliminare. Come diceva Paracelso, «è la dose che fa il veleno», principio valido ancora oggi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

QB

QUESTO BLOG E ' CONTRO LA PEDOFILIA ED IL FEMMINICIDIO

 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 68
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ormaliberaavvbiaITALIANOinATTESAnomadi50manu83palzoppeangelojacopo.casadioNino44_CNlubopoaldogiornolunarossa111126imperatoreincasanquafin_che_ci_sono
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 68
 

gli scritti, le notizie sono pubbliche e riprese dal web

 

i video sono di pubblico dominio e ripresi dal web