CADAVERI VIVI

 

      MILANO LIBERA

 

DISCORSO TIPICO DELLO SCHIAVO

RIFLESSIONI

 

LA VITA AL CONTRARIO

 

 

Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

 

 
Creato da: pattikiari il 22/04/2009
Kit di Sopravvivenza

 

 

La Guerra lercia

Post n°174 pubblicato il 31 Agosto 2009 da stefano6680

Un assaggio della guerra che ci aspetta in autunno. Non sporca, lercia. La battaglia finale di un uomo malato, barricato nel delirio senile di onnipotenza che sta trascinando al collasso della democrazia un paese incapace di reagire: un uomo che ha comprato col denaro, nei decenni, cose e persone, magistrati, politici e giornalisti, che ha visto fiorire la sua impunità e i suoi affari dispensando come oppio l'illusione di un benessere collettivo mai realizzato. Dall'estero guardano all'Italia come un esempio di declino della democrazia, una dittatura plutocratica costruita a colpi di leggi su misura e di cavalli eletti senatori. Vent'anni di incultura televisiva - l'unico pane per milioni - hanno preparato il terreno. Demolita la scuola, la ricerca, il sapere. Distrutte l'etica e le regole. Alimentata la paura. Aggrediti i deboli.
È una povera Italia, un piccolo paese quello che assiste impotente all'assalto finale alle voci del dissenso condotto da un manipolo di body guard del premier armate di ministeri, di aziende e di giornali. L'ultimo assunto ha avuto il mandato di distruggere la reputazione del "nemico". Scovare tra le carte gentilmente messe a disposizione dei servizi segreti, controllati dal premier medesimo, dossier personali che raccontino di figli illegittimi e di amanti, di relazioni omosessuali, come se fosse interessante per qualcuno sapere cosa accade nella vita di un imprenditore, di un direttore di giornale, di un libero cittadino. Come se non ci fosse differenza tra il ruolo di un uomo pubblico, presidente del Consiglio, un uomo che del suo "romanzo popolare" di buon padre di famiglia ha fatto bandiera elettorale gabbando milioni di italiani e chi, finito di svolgere il suo lavoro, va a letto con chi vuole - maggiorenne, sì - in vacanza con chi crede. La battaglia d'autunno sarà questa: indurre gli italiani a pensare che non c'è differenza tra il sultano e i suoi sudditi, tra il caudillo e i suoi oppositori. Non è così: la parte sana di questo paese lo sa benissimo.
Un anno fa arrivavo in questo giornale scrivendo che avrei voluto diventasse "il nostro posto". Non immaginavo sarebbe stata una trincea di montagna. Mentre cresceva, l'Unità è stata oggetto di una campagna denigratoria portata avanti dal presidente del Consiglio e dai suoi alleati, da giornali compiacenti non solo - purtroppo - nel centrodestra. Anziché difendersi e reagire compatto il fronte dell'opposizione si è diviso in guerre fratricide. Mentre si alimentano i veleni e le calunnie su di noi i nostri lettori sono cresciuti, negli ultimi mesi, del 25 per cento, caso unico nel panorama editoriale. I cittadini ci sono: leggono, capiscono. Mentre l'aggressione diventava personale (scritte intimidatorie sotto casa, telefonate notturne, le nostre vite sotto scorta) ci venivano offerte da emissari dei poteri opachi videocassette e carte contenenti "le prove" di gesta erotiche dei nostri aggressori. Materiale schifoso, alcove filmate all'insaputa dei protagonisti. Naturalmente le abbiamo respinte. Il sesso tra adulti, di chi non lo baratti con seggi e presidenze, non ci interessa. Questo è quello che ci aspetta, però. Sappiatelo. Una guerra lercia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Le immoralità del premier, gli omicidi africani della Lega Nord e La siesta nei giardini vaticani

Post n°173 pubblicato il 23 Agosto 2009 da dinojay
 

Tratto dal Blog IL CANNOCCHIALE di Corrado Maria Gio



Quando il parlamento legifera leggi assurde, disumane e razziste (come il recente pachetto sicurezza) una buona parte di italiani s'impenna e protesta indignata, sopratutto di fronte al massacro di vite umane: vite di disperati in cerca di dignità e libertà. Episodi che da mesi si ripetono nel mediterraneo come diretta conseguenza di quella legge demoniaca.Nella calura d'agosto, dai giardini vaticani si ode soltanto il gracidare monotono delle cicale estive, nella siesta generale, all'ombra del rinfresco meridiano, color rosso-cardinale.Il Premier, acclamato dai sonnolenti e impinguiti rappresentanti di Dio in terra come 'L'uomo della Provvidenza', indicato come simbolo sociale dei valori cristiani al 'Family Day', suggerito nelle omelie a ridosso delle elezioni politiche come 'L'Unto di Dio' a cui dare il voto, decide di non recarsi nella sua immensa villa in Sardegna, per non incontrare la sua 'Seconda' moglie dalla quale sta per divorziare perchè colto da lei con le dita nella marmellata, ovvero: in festini, veline, escort e minorenni per acrobazie sessuali.Dai giardini vaticani nessun segnale, se non il solito, monotono gracidare delle cicale estive. Nulla, delle precedenti catastrofi morali riesce a scuotere dal torpore della siesta del pingue concordato, i sazi e soddisfatti cardinali: nè le trombate da dio del premier, nè i morti bruciati dalla salsedine infuocata del mediterraneo: uccisi dal sole africano d'agosto creato da Dio e venduto dai porporati e dai cristiani storditi del carroccio ad uso dei perversi delitti a distanza della Lega-Nord.I clamorosi scandali morali, dei rappresentanti di questo governo, che insultano pesantemente Dio, Gesù e il Vangelo, non turbano la siesta d'agosto dei climatizzati giardini vaticani. Se Gesù, per ipotesi, tornasse oggi sulla terra, sorprenderebbe pastori e pecore grasse a gozzovigliare ed a ingrassarsi sulla pelle delle pecore deboli e affamate. Gesù li troverebbe sazi e dormienti all'ombra di giardini imperiali adornati da simboli esoterici, asserviti alla geometria delle loggie massoniche, ben pasciuti nelle ville del Dragone.Ma ecco, come un fulmine a ciel sereno, come un temporale estivo, sale improvviso dai giardini vaticani un urlo di lancinate dolore, di protesta sociale, d'indignazione irrefrenabile. Le schiere porporate si sono destate e hanno dato fiato alle trombe mediatiche, facendo udire il suono fino agli estremi confini della terra: fino alla più periferica delle loro parrocchie. Schiere di prelati e pecore asservite fungono da ripetitori, facendo rimbalzare l'eco della protesta fino al più sperduto villaggio.Protesta il gran coro dei VIP rosso-cardinale; protesta a causa di una sentenza del TAR che, accogliendo il ricorso di 24 soggetti sociali, disciplina, secondo la giustizia dettata dalla Costituzione dello Stato Laico Italiano, una iniqua ordinanza del fù ministro Fioroni.Dai giardini vaticani sale la clamorosa protesta con nuvole d'ira rosso-cardinale e il gran fracasso gonfia fino a far scoppiare le vene del collo rugoso dei prelati: "La sentenza va modificata" gridano a squarciagola.Le cicale terrorizzate tacciono ben nascoste.Ed ecco la neo ministra (per quali meriti?) inaugura anche nel suo ministero (e ci mostri finalmente il suo ministero) la rivolta contro le istituzioni democratiche dell'Italia. La ministra della mignottocrazia ignorando la sentenza del TAR e sputando in faccia ai 24 soggetti sociali, al loro ricorso, al TAR, alla sentenza, alla Costituzione e all'ordine civile e democratico dell'Italia, riammette d'ufficio i prof. di religione (cattolica) agli scrutini.Uno scrosciante applauso per la serva del Dragone, sale dai giardini vaticani, dove finalmente ritorna l'assente silenzio della siesta rosso-cardinale, e le cicale riprendono il loro monotono concerto, tra le immoralità del Premier e gli omicidi africani della Lega-Nord. corradomariagio - Bologna 22 agosto 2009

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non Abbandonateli!

Post n°172 pubblicato il 13 Agosto 2009 da stefano6680

 

Ogni buon Papi di famiglia lo farebbe.

SEGUI L'ESEMPIO DI SILVIO,

PORTA FIDO

IN VACANZA CON TE!

Campagna contro l'abbandono degli animali domestici 2009.

Sponsorizzato, naturalmente, da tutti i cittadini Italiani.

Aut.Min.6969, Autoapprovata in data 12 agosto.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Incredibile: a Verona gli operai che manifestano per chiedere il loro stipendio arretrato vengono caricati!

Post n°171 pubblicato il 24 Luglio 2009 da dinojay
 

Ecco acosa servono in italia le FORZE dell'ORDINE: a caricare i lavoratori che protestano per il proprio salario. Accade alla Mondadori di Verona.

Siamo alla Frutta? 

A Bologna un operaio si toglie la vita per essere rimasto senza lavoro. 

E c'è ancora chi continua anegare la crisi. 

DI CIO CHE NON SI DICE

Abbiamo deciso di parlare noi….la crisi economica continuano a dirci che è passata o manca molto poco affinché termini, salvo poi a specificare che si tratta della crisi nel mondo della finanza, in pratica i broker torneranno a fare i loro affari i loro intrallazzi, non è che abbiano mai smesso di speculare forse avevano rallentato un po’, ovviamente in buona compagnia di palazzinari e intrallazzatori di ogni risma.

 http://informazionedalbasso.myblog.it/archive/2009/07/24/oltre-il-danno-la-beffa.html

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SECESSIONE DALL'ITALIA

Post n°170 pubblicato il 18 Luglio 2009 da pattikiari
 

La Libera Repubblica di Alcatraz

Il 12 aprile 2008 scrivevamo: se rivince Berlusconi la Libera Universita' di Alcatraz dichiara la secessione dall’Italia!
Berlusconi, indiscutibilmente ha vinto e noi ci apprestiamo a tener fede agli impegni. In questi mesi abbiamo lavorato in silenzio e abbiamo battuto moneta, IL TALENTO, abbiamo stampato bandiere e passaporti, francobolli e autoadesivi e il 25 luglio 2009 proclameremo la seccessione dall’Italia. Ciao ciao! Ce ne andiamo!
Li lasciamo con i loro scandaletti, le ballerine ucraine vestite da Babbo Natale per trastullare il Premier, l’evasione fiscale, i maleducati, quelli che saltano le code, che superano gli ingorghi usando la corsia d’emergenza, vivono di piccole furbate, mazzette, mancanza d’amore, sindrome dell’avarizia piccina eccetera. Segnatevi questa data: 25 luglio 2009, sara' la nostra festa dell’Indipendenza.

La Bandiera della Libera Repubblica di Alcatraz
La bandiera della Libera repubblica di Alcatraz

Elementi per la CARTA COSTITUZIONALE di una LIBERA REPUBBLICA SIMPATICA.

1 - La Libera Repubblica di Alcatraz e' una nazione fondata sulla poesia. Essa nasce dal rifiuto della banalita', dalla ricerca e il desiderio di fantasia e generosita' e nel diritto alla felicita'.

2 - La Libera Repubblica di Alcatraz promuove la crescita spirituale dei suoi cittadini. Riconosce il valore mistico e terapeutico del comico, del gioco, della convivialita', del bello e del rispetto della parola data.

3 - La Libera Repubblica di Alcatraz e' un atto d’amore universale, una ribellione dello spirito, un sogno, un gioco, una realta' energetica ed empatia capace di agire sulla storia del mondo come un lievito emozionale positivo. Libera Repubblica di Alcatraz e' un’immodesta scalata al cielo degli archetipi del potere.

4 - La Libera Repubblica di Alcatraz e' una nazione laica e spirituale.
Intrattiene legami genetici con il culto gioioso della Dea Madre e con qualunque altro culto che esalti l’amore, la fratellanza, il ridere come fulcro dell’esperienza di vivere. Aborrisce invece quelle fedi che esaltano la mortificazione del corpo, il dolore, la guerra, la benedizione delle armi, il perdono per gli sfruttatori di bambini, la censura delle idee, la vendetta come struttura mentale.

5 - Ogni cittadino e' simbolo della nazione e ha quindi la resposabilita' di perseguirne gli scopi. Tutti i cittadini sono uguali di fronte da legge ma profondamente diversi. La Libera Repubblica di Alcatraz promuove la diversita' in tutte le sue forme e adora il valore individuale, il senso dell’onore, la generosita', il sentimento pacifico, la gentilezza e l’amore.
Tutti i cittadini hanno diritto di voto di parola, di gioco e di rispetto.
Tutti i cittadini sono tali se partecipano attivamente alla costruzione della Libera Repubblica, nei loro cuori e nelle loro azioni.

6 - Ogni cittadino e' un dipartimento dello stato e ne ha le funzioni e le prerogative. Puo' quindi proporre leggi, iniziative e festeggiamenti a patto che sia poi disposto e capace di concretizzarli (anche trovando chi voglia concretizzarli con lui).
Ogni cittadino e' quindi un distaccamento dell’Esercito Disarmato della Libera Repubblica, dipartimento dell’educazione, sede di giustizia, unita' di soccorso mobile, partito politico, nucleo dell’apparato burocratico.
I cittadini prendono a maggioranza tutte le decisioni che ritengono di voler prendere, tramite una votazione elettronica.

7 - I CITTADINI godono del diritto di protezione. La Repubblica si prende cura dei suoi cittadini. La Repubblica crea fin da subito un FONDO INALIENABILE DI SOLIDARIETA’ con il quale sosterra' la difesa dei propri cittadini corrispondente al 10% DELLE ENTRATE ERARIALI. IL RESTO DELLE ENTRATE DELLA REPUBBLICA VIENE COMUNQUE DEVOLUTO AL BENESSERE DEI CITTADINI attraverso il finanziamento di imprese solidali, ricerca scientifica e tecnologica, iniziative internazionali volte al miglioramento della vita su questo pianeta (ad esempio chiederemo di partecipare al prossimo G14 che grazie alla nostra presenza sara' un G15).
 
8- Ogni cittadino difende i suoi connazionali

9 - La Repubblica ha a cuore anche la vita dopo la morte dei propri cittadini.  Il riposo eterno sia confacente a una vita passata alla ricerca della felicita'. Ogni cittadino ha quindi il diritto di seppellire le proprie ceneri all’interno dei maestosi boschi della Repubblica. Questa opportunita' sara' gratuita (ovviamente restano a carico dei cittadini l’individuazione del luogo, il funerale e l’inumazione).

10 - La Libera Repubblica di Alcatraz ha un suo centro geografico ma e' anche dovunque ci sia un cittadino. Quindi e' provvista di enclavi entro i confini di altre nazioni. Isole territoriali autonome, sub localita' poetiche. All’atto della presa di cittadinanza il nuovo membro della Repubblica decide se intende asservire un luogo geografico di sua esclusiva proprieta' all’interno dei confini sacri della nazione. In questo caso dovra' issare la BANDIERA NAZIONALE in modo che possa garrire spavalda ai venti.

11 - Ogni cittadino puo' sostenere la Repubblica con le opere e con il pagamento di una tassa annuale di euro 100 (clicca qui) che dara' alla Repubblica i mezzi economici per sostenere la sua missione nel consesso delle altre nazioni del pianeta: PORRE FINE A TUTTE LE GUERRE, ALLA POVERTA’ MATERIALE E INTELLETTUALE, ALLA DENIGRAZIONE DELL’AMORE.  La Libera Repubblica di Alcatraz perseguira' questi obiettivi attraverso pratiche pacifiche e stupefacenti via via concordate con i cittadini attraverso liberi sondaggi.
Qualora un cittadino intendesse proporre un evento, una campagna promozionale, una qualsiasi  iniziativa che richiedesse  un investimento economico la richiesta sara' vagliata dagli altri cittadini e messa ai voti nonche' eventualmente finanziata da una sottoscrizione  specifica.

12  - I cittadini che vorranno potranno riconoscere il valore economico della moneta nazionale e usarla per i loro scambi al posto di altre valute. Ugualmente i francobolli della Libera Repubblica di Alcatraz potranno essere utilizzati per spedire messaggi cartacei all’interno della Libera Repubblica di Alcatraz e nelle enclavi che si attrezzeranno con un Ufficio Postale Poetico.

13 - All'interno dei territori della Repubblica sono legalizzati tutti i matrimoni, anche interspecie.

14 - Nella Libera Repubblica di Alcatraz la sfiga e' un reato punibile con massaggi in acqua calda e sedute di comicoterapia.

Avevo scritto:
Fondiamo la Libera Repubblica di Alcatraz. Scaviamo un fossato, battiamo moneta, stampiamo francobolli, distribuiamo passaporti. Grazie al sole abbiamo l'indipendenza energetica, grazie a internet disponiamo di terribili canali di controinformazione, abbiamo acqua e cibo a sufficienza e abbiamo il nostro cimitero, la nostra bandiera. I veterani delle guerre indiane metropolitane del '77, i veterani delle Brigate Macondo e i claun sciamani difenderanno i nostri confini.
Fra poco avremo anche le auto elettriche e un pulmino a batterie assicurera' i trasporti pubblici del nostro stato indipendente. E visto che fra breve avremo anche uno spaventoso surplus energetico grazie ai mulini a vento, l'Italia non potra' scocciare piu'; di tanto perche' la nostra corrente elettrica sara' per lei vitale.
Abbiamo in mano la leva energetica!
Qualcuno potra' dire che al massimo arriveremo a produrre 200 kwh che non e' un gran che. Ma la differenza tra il black-out e il NON black-out e' di un solo kilowatt. Ecco, noi produciamo quello.
E siccome oggi come oggi nessuno Stato e' tale se non e' in grado di difendersi con le armi, i laboratori segreti di Alcatraz hanno gia' iniziato la progettazione di una batteria di baliste e catapulte, oltre a un grande specchio di Archimede che incenerira' qualunque forza militare straniera vorra' solcare i nostri cieli senza autorizzazione.
Inoltre abbiamo acquistato una partita di 200 cerbottane a due colpi realizzate da valenti armaioli piemontesi con ottime canne da lampadario.

Chiunque volesse appoggiare il progetto della Libera Repubblica di Alcatraz puo' contribuire nei seguenti modi:

1. Realizzare l'Inno Nazionale.
2. Trovare una tipografia in grado di realizzare banconote e francobolli con filigrana.
3. Progettare il Passaporto Digitale di Alcatraz che e' dotato di una memoria di dati, un sistema di identificazione, un rilevatore di posizione passivo, una torcia elettrica e una lente di ingrandimento. E' altresi' dotato di pinzetta per togliere le spine che si piantano nella pelle (come sopravvivere senza?).
4. Realizzare la costituzione e le leggi, che verranno approvate dall'assemblea web della Nazione Nascente dopo apposito dibattito.
5. Scrivere una lista di tutto cio'; che ci serve per fare una nazione e che qualcuno potrebbe poi realizzare (solo chiacchiere).
6. Scrivere fiabe e leggende mitologiche della nazione.
7. Realizzare il museo virtuale di Alcatraz.

Per concludere vorrei osservare che avere una nazione e' meglio.
Soprattutto se si tratta di una nazione amorevole che cerca di proteggere con tutte le sue forze i propri componenti.

Riconciliati con la vita!
Taglia anche tu i ponti con l'Italia.
Non ne vale la pena.

Per diventare cittadino della Libera Repubblica di Alcatraz clicca qui

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL RICICLO DELLA SPERANZA

Post n°169 pubblicato il 15 Luglio 2009 da pattikiari
 

IMPOTENTE……questa  è la definizione migliore. Cosa mi provoca rabbia? L’IMPOTENZA.Cosa crea in me tristezza? Frustrazione? Soffocamento? Ancora l’IMPOTENZA.

E’ la condizione costante quando vedo i loro volti irrigiditi dalla menzogna mentre parlano, parlano e parlano. Commercianti di giustificazioni , i peggiori come quelli che ti rifilano sole storiche, certe patacche! ! Li ascolto neanche tanto distratta…quasi m’impegno a non interpretare come mio solito, a spogliarmi dei miei pregiudizi, giuro che ci provo.  Ma lo sforzo è sovrumano e io sono umana, m’incazzo a voce alta, disperata urlo che non è possibile, che non si può mentire così spudoratamente. Il mio compagno mi osserva allarmato. Dove la metto tutta questa rabbia? Esiste un contenitore dove posare la rabbia e tutto lo schifo che accumulo ogni giorno? Non so….un contenitore per la raccolta differenziata. Qua la delusione, in questo invece le lacrime, in quest’altro ci metto la paura, in quello arancione la nausea e via così….perchè io tutta sta monezza non me la posso portare appresso. Mi pesa terribilmente. Loro invece sono sereni, noi siamo le loro discariche. Ci occupiamo noi di smaltire…solo che io non so più come!! Ieri l’ultima camionata di rifiuti tossici e non ci sta veramente più nulla. Ieri La Russa che, senza volerlo ammette che i nostri sono stati mandati allo sbaraglio, si! è come se l’avesse detto. “non ritiremo le truppe, ma controllerò di persona che i mezzi bellici siano adatti” Cioè? Ci vuoi dire che prima di ieri nessuno se ne era preoccupato? Cosa avete raccontato a questi giovani precari della guerra? Ah…già…che è una missione di pace e che se qualcuno muore è per una giusta causa; IL TERRORISMO

Mi serve una  sola discarica per contenere tutto questo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TOGLIETEGLI LA PENNA E ANCHE...ER VINO!!!|

Post n°168 pubblicato il 15 Luglio 2009 da pattikiari
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LE COSE CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

 

8xLORO

Post n°166 pubblicato il 08 Luglio 2009 da pattikiari
 

wanted

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VIRUS OPPORTUNISTA

Post n°165 pubblicato il 08 Luglio 2009 da pattikiari
 

MI hanno scritto diverse persone che vivono in località diverse del Messico e tutte confermano che il virus dei suini non si vede…se non in tivù.
Sappiamo che i virus non si vedono a occhio nudo, ma lì non si vedono neppure i morti, non si vedono i funerali, non si sentono le testimonianze dei parenti di questi presunti morti.
L’unica cosa che non manca sono le mascherine e l’isteria di massa: panico fomentato dal governo e dai media per motivi ben precisi, che adesso vedremo.

A febbraio scorso (attenzione alla data), nella località messicana La Gloria, nel municipio di Perote (Stato di Veracruz), c’è stata una strana ondata di infezioni respiratorie, con sintomi tipici dell’influenza, che ha colpito il 60% della popolazione. Su circa 3000 abitanti, 20 sono morti, tra cui 2 bambini per polmonite!

A marzo un altro bambino della zona è morto a causa della cosiddetta “febbre suina”.
Ufficialmente invece, i primi casi di “infezioni virali” sarebbero avvenuti a metà aprile!
Nella cittadina di Perote sorge casualmente la Granjas Carroll de Mexico, una transnazionale che trasforma i suini in “qualcosa” da ingurgitare.
Questa ditta scarica i liquami e vari rifiuti chimici e organici nelle lagune di ossidazione del territorio e questo potrebbe avere inquinato le falde e quindi l’acqua potabile dei paesi adiacenti, come La Gloria. Da diversi mesi infatti i cittadini locali si lamentano (arrivando anche a bloccare l’autostrada) dell’enorme inquinamento e dell’aria irrespirabile. 
  

Granjas Carroll de Mexico Logo

La Granjas Carroll, multata ed espulsa dagli Stati Uniti nel 2006 per grave inquinamento ambientale, era stata denunciata per lo stesso motivo anche in Messico nel 2007, ma qui le autorità sanitarie si sono girate dall’altra parte…
La cosa interessante, che potrebbe spiegare il menefreghismo delle autorità, è che la Granjas ha come soci (al 50%) la Smithfield Food Inc. statunitense!

La Smithfield è semplicemente il “primo trasformatore di suini del mondo” che ha come azionisti: Barclays, Wellington management Co (investimenti finanziari), Eaton Vance Corp. (servizi finanziari), John Hancock Financial Services (servizi finanziari), Lord Abbett 6 Co., Wachovia Corp. (settima banca privata al mondo), Cofco (primo importatore di cereali dalla Cina), e fattura qualcosa come 12 miliardi di dollari all’anno (dati 2007).
Ecco perché le autorità messicane, invece di bonificare aziende e multinazionali colpevoli di devastare l’ambiente (terra, acqua e aria) e di sfruttare in maniera miserabile gli animali, fanno orecchie da mercante e legiferano decreti ad hoc…
Come la legge approvata martedì 28 aprile 2009 (con 87 voti a favore e 10 contrari) dal Senato messicano sugli stupefacenti, che permetterà a chiunque di portare con sé 2
grammi di oppio, 50 milligrammi eroina, 5 grammi di cannabis o marijuana, 500 milligrammi di cocaina, 0,015 milligrammi di L.S.D. e 40 grammi di metanfetamine (come il Ritalin). Un bel regalo ai Padroni americani, visto che la centrale del narcotraffico a livello internazionale ha sede proprio in America, e uno dei diretti interessati è l’ungaro-israelo-statunitense George Soros.
Che sia questo il motivo della visita di Obama al presidente Calderon il 16 aprile scorso?

Non finisce qua, perché la situazione allarmante del fantomatico virus suino, ovviamente creata ad arte, serve anche per far passare leggi contro le libertà individuali: 11 settembre 2001 docet (Patriot Act).
Innanzitutto dal 28 aprile il governo di Città del Messico ha fatto chiudere ristoranti, bar, supermercati e scuole fino al 6 maggio prossimo, come se da quel giorno la pandemia e il contagio non preoccuperanno più. Questo per isolare le persone evitando, con la scusa del contagio, le riunioni.

Il 30 aprile chiuse tutte le attività commerciali pubbliche e private ad eccezione delle banche (i veri proprietari), ospedali (per somministrare farmaci ed eventualmente vaccini), farmacie (per le mascherine) e ovviamente i benzinai.
Dall’altra parte la Camera dei Deputati del Messico ha varato una nuova legge che permette alla Polizia Federale di intervenire sulle chiamate

Con 303 volti a favore, 13 contrari e 2 astenuti, verrà modernizzato il sistema di polizia federale del Messico e permetterà loro:
- Controllare, attraverso le società di telecomunicazioni, telefonate, posta elettronica e siti internet. Il tutto alla faccia della libertà di parola e di espressione;
- Le imprese private saranno costrette a fornire informazioni sul proprio personale;
- La polizia federale potrà infiltrarsi in associazioni, gruppi, movimenti civili, ecc., per prevenire ovviamente colpi di stato e terrorismo…

Nell’aeroporto di Città del Messico sono stati installati monitor termici per impedire che viaggino persone con una temperatura corporea superiore ai 37,50 °C. Follia pura? Ovviamente no, lo scopo è esattamente quello di creare isteria e panico di massa. Qui in Messico, l’unico virus che appare nella scena è il virus del controllo globale.
Nessuna pandemia, nessun mostro in grado di sterminare la popolazione, ma semmai le classiche e semplici infezioni batteriche isolate, amplificate dai media e trasformate in “terrorismo di stato” dal governo messicano e in “pandemia globale” dall’O.M.S. 
In questo caso il mostro non è il povero suino o il virus (inventato o no), ma l’uomo stesso.
Sapete per esempio come i maiali vengono allevati e infine macellati?
(AL PROSSIMO POST )

di Marcello Pamio

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

FREE BLOGGER

 

TESTAMENTO BIOLOGICO

logo fammi scegliere

 

 

TARANTELLA DELL'ULTIMO BANDITO

 

La società si compone di due grandi classi: quelli che hanno più pranzi che appetito, e quelli che hanno più appetito che pranzi.

 

 

FACEBOOK

 
 

Tag