Creato da non_siamo_cibo il 31/12/2007
blog animalista per chi ha cuore e sensibilità verso gli Animali

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

Ultime visite al Blog

lubopoLilian_HdcavaliukCaffeRistrettoisolde6lintelligenzaetuttogelixartam79atarantino_2008presidenza.ainaspagnolosanmar05le_solitaireunamamma1hankpimgri_maurizio
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

« Interpellanza Canile Lag...Messaggio #4 »

Interrogazione Canile Lager Modena

Post n°3 pubblicato il 13 Marzo 2008 da non_siamo_cibo

Gruppo Consigliare PD

                                                                                  Al Presidente del Consiglio Comunale

                           Cottafavi Ennio

 

                                                                                  Al Sindaco di Modena

                                                                                                             Pighi avv. Giorgio

 

                                                                                  All’Assessorato di competenza

 

 

Oggetto: Canile lager Via Nonantolana

 

 

Interrogazione:

 

 

I Sottoscritti Consiglieri Comunali sono stati informati da alcuni rappresentanti delle associazioni per la tutela degli animali dell'esistenza in Via Nonantolana, al civico 787 di una struttura fatiscente adibita a “ricovero per animali”, al cui interno sarebbero state rinvenute carcasse di animali (perlopiù identificati come cani) in stato di vera e propria mummificazione.

 

Il Consigliere Ercole Toni, in data  16 Febbraio 2008, si è portato sul posto e ha potuto constatare la veridicità di quanto a lui dichiarato.

Infatti in cinque box erano ben visibili carcasse di animali ormai in stato di mummificazione avanzata, di cui probabilmente quattro appartenenti a cani di media taglia e uno di piccola taglia, pur essendo molto difficile il riconoscimento in quanto per una carcassa era rimasto solo polvere e un piccolo teschio.

 

Tutto attorno (area esterna) e in prossimità dei corridoi di accesso ai box venivano rinvenute caterve di rifiuti, oltre a numerosi (circa una quarantina) sacchi contenenti sostanze non identificabili, oltre che una miriade di buste molto probabilmente contenenti mangime di vario genere in stato di putrefazione.

 

Raccogliendo informazioni sul posto è stato rilevato che alcune persone pur non sapendo indicare né la proprietà né la causa della morte degli animali, erano comunque concordi nell'affermare che tale stato di cose durava da circa tre anni, e che varie erano state le segnalazione da loro inviate alle Autorità preposte.

Gli interroganti chiedono se l'ufficio Diritti degli Animali del nostro Comune fosse a conoscenza della situazione sopra illustrata, in quanto comparsa su un giornale cittadino da almeno tre settimane.

 

Chiedono inoltre per quale ragione non si sia provveduto al sequestro e rimozione delle carcasse, se sia stata presentata regolare denuncia all'autorità giudiziaria e quale

azione sia stata intrapresa a carico della proprietà, al fine di “normalizzare” l'area in questione e togliere tutto quel materiale di risulta; materiale che attualmente può solo servire ad alimentare i numerosi ratti  che sono stati avvistati in zona e segnalati più volte al Consigliere Toni dai residenti.

 

Gli interroganti sono consapevoli che gli uffici di competenza hanno tempi non celeri per un intervento di recupero iniziale di parti degli animali deceduti, al fine di stabilirne la taglia, la razza ed eventualmente le cause o il periodo della morte.

Si chiedono tuttavia cosa si aspetti a togliere le carcasse mummificate, mettendo fine a queste “visioni”, non certamente degne di un popolo civile, tanto meno dei cittadini Modenesi. 

 

Chiedono altresì che si provveda senza indugi allo smaltimento dei sacchi contenenti quelle sostanze di natura sconosciuta, ma che costituiscono certamente cibo a volontà per i grossi ratti che infestano la zona, indipendentemente dalle competenze di rito. Tutto questo deve essere prioritario per la salvaguardia della salute pubblica, prima di tutto quella dei residenti.

 

                                                                       I Consiglieri Comunali

 

                                                                       Ercole Toni             PD

                                                                       Fausto Cigni            PD

                                                                       Achille Caropreso Gruppo Indipendente

 

 

 

 

Modena, 25 Febbraio 2008                                                   

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog