Creato da non_siamo_cibo il 31/12/2007
blog animalista per chi ha cuore e sensibilità verso gli Animali

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

Ultime visite al Blog

lubopoLilian_HdcavaliukCaffeRistrettoisolde6lintelligenzaetuttogelixartam79atarantino_2008presidenza.ainaspagnolosanmar05le_solitaireunamamma1hankpimgri_maurizio
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

« CAnile Lager a ModenaInterrogazione Canile La... »

Interpellanza Canile Lager MODENA

Post n°2 pubblicato il 13 Marzo 2008 da non_siamo_cibo

Comune di Modena

Consiglio Comunale

 

Gruppo Consiliare

FORZA ITALIA - PdL

 

Modena,  10 marzo 2008

 

Al Presidente del Consiglio Comunale

 di Modena

SEDE

 

Al Sindaco del

Comune di Modena

SEDE

 

Canile abusivo di via Nonantolana n.787 dove sono state rinvenute le carcasse di alcuni cani: quali sono le responsabilità del Comune di Modena, ente proprietario del terreno sul quale la struttura è stata costruita?

  

INTERPELLANZA

 

I  sottoscritti Dante Mazzi, Andrea Leoni e Mario Tamburi, consiglieri comunali del Gruppo Forza Italia-PdL,

 

premesso

che dalle dichiarazioni della Responsabile dell’Ufficio Diritti Animali del Comune di Modena è emerso che negli anni 2001-2002 sono stati compiuti sopralluoghi nell’allevamento-canile abusivo in cui sono state recentemente trovate le carcasse di diversi cani e che all’allevatore erano state date delle prescrizioni da seguire per adeguare la struttura al numero di cani presenti;

 

osservato

- che dalla documentazione acquisita presso il Catasto Terreni del Comune di Modena risulta che il terreno sul quale insiste questa struttura un tempo adibita ad allevamento è di proprietà del Comune di Modena;

- che non risulta sia mai stata rilasciata alcuna concessione per l’utilizzo di tale terreno;

- che in quella struttura abusiva, al momento del sopralluogo eseguito dall’UDA del Comune, era detenuto un numero di cani tale per cui la struttura si mostrava inadeguata, tanto che furono ordinate alcune prescrizioni di adeguamento;

 

valutato

che nel corso del sopralluogo effettuato dall’UDA del Comune di Modena avrebbe potuto ed anzi dovuto segnalare l’abuso edilizio riscontrato agli uffici del Comune interessati al fine di accertare se l’allevatore avesse ottenuto regolare concessione per l’utilizzo dell’area e, soprattutto, se la struttura fosse conforme alla normativa in campo di edilizia e urbanistica;

 

ricordato che

-  per anni è dunque stata svolta un’attività lucrativa (allevamento e vendita cani) in una struttura abusiva costruita su un terreno di proprietà del Comune di Modena;

- che  tale situazione di illegittimità è stata avvallata dal comportamento dello stesso Comune, nella persona della Responsabile dell’UDA che, dopo il sopralluogo eseguito insieme all’ASL, ha dato prescrizioni per l’adeguamento della struttura senza segnalare la situazione di abuso agli uffici competenti;

- che in quell’allevamento abusivo costruito su terreno del Comune sono morti almeno cinque cani e che il Comune, in qualità di proprietario del terreno su cui sorge tuttora la struttura, potrebbe essere ritenuto quantomeno corresponsabile per una carenza di vigilanza e controllo;

 

INTERPELLANO

il Sindaco per sapere:

 

1. se conferma che il terreno sul quale sorge la struttura di allevamento abusivo è di proprietà del Comune di Modena;

 

2. se è mai stata conferita concessione per l’utilizzo del terreno all’allevatore che ivi svolgeva la propria attività;

 

3. se nel 2001-2002, al tempo del controllo da parte dell’UDA vi erano i presupposti per qualificare l’attività svolta nella struttura come allevamento a fini di lucro e qual’era il numero delle fattrici (intese come ceni femmine non sterilizzate) e dei cuccioli presenti; 

 

4. se nel corso dei sopralluoghi effettuati, oltre alle prescrizioni per l’adeguamento della struttura, siano state applicate sanzioni e se è stato appurato o meno che l’allevatore avesse la necessaria autorizzazione;

 

5. se la Responsabile dell’UDA ha inoltrato una segnalazione per l’abuso edilizio ai competenti uffici comunali o all’autorità;

 

6. perché sono state date prescrizioni di adeguamento di una struttura abusiva, peraltro utilizzata per attività lucrativa, che sorgeva su terreno demaniale e in assenza di concessione. Non si  ritiene che tali prescrizioni fossero illegittime visto che la struttura nemmeno avrebbe dovuto essere costruita e che, comunque, il Comune avrebbe dovuto ordinarne l’immediato abbattimento;

 

7. se ritiene che possa essere riscontrata una responsabilità del Comune di Modena, in qualità di ente proprietario del terreno sul quale sorge la struttura per la morte degli animali ivi ricoverati quantomeno per un’omissione di vigilanza.

 

 

 Dante Mazzi

Andrea Leoni

Mario Tamburi

 

Si autorizza la diffusione a mezzo stampa

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog