Blog
Un blog creato da heart63 il 29/11/2008

OLTRE LA STRADA...

I FIUMI PIU' PROFONDI SONO QUELLI CHE SCORRONO SENZA RUMORE

 
 

TAG

 

 

Dietro un sorriso c'è qualcosa di inaspettato, non sempre si evidenzia uno stato d'animo ma spesso lo si nasconde.

Dietro un sorriso c'è qualcosa di chiaro ma al tempo stesso di oscuro, c'è la voglia di dare quanto di avere o di togliere senza pietà.

Un sorriso nasconde un'anima, un desiderio o un pericolo...perchè niente è così come appare.

heart63

 

MITICI ANNI '80


Balliamo con stile, balliamo per un pò
il Paradiso può aspettare
stiamo solo guardando il cielo
sperando per il meglio
ma aspettandosi il peggio
stai per far cadere la bomba o no?

moriamo giovani o viviamo per sempre
non abbiamo il potere
ma mai dire mai
stiamo seduti in una cava di sabbia
la vita è un viaggio breve
la musica è per gli uomini tristi

riesci ad immaginare quando
questa gara sarà vinta?
giriamo i nostri volti dorati verso il sole
lodando i nostri capi, entriamo in melodia
la musica è suonata dagli uomini pazzi

per sempre giovane,
voglio essere per sempre giovane
vuoi davvero vivere per sempre?
per sempre e per sempre

alcuni sono come l'acqua
alcuni come il calore
alcuni come una melodia
e alcuni sono il battito
prima o poi, moriranno tutti
perchè non rimangono giovani?

è così difficile invecchiare senza una ragione
non voglio perire come un cavallo che si dissolve
la gioventù è come i diamanti nel sole
e i diamanti sono per sempre

così tante avventure non potevano accadere oggi
così tante canzoni che abbiamo dimenticato di suonare
così tanti sogni che scivolano fuori il blu
gli permetteremo di avverarsi

per sempre giovane...

 

Oltre la strada

Min: :Sec

 

 

 (....scritto nn da me, ma che mi trova perfettamente d'accordo...)

 

Da un certo punto della vita in poi, ti ritrovi ad essere "un genitore", che tu lo voglia o no...che tu sia o non sia pronto a farlo..

 

genitore di te stesso, dei tuoi figli, dei tuoi genitori...del nipotino o di quel bimbo che ti fermi a guardare, all'angolo della strada, mentre chiede un soldino o vorrebbe pulirti il vetro della macchina..

 

sempre più genitore e sempre meno figlio..pieno di responsabilità alle quali non puoi sottrarti..con un cuore gonfio per le cose che tu, da figlio, ti aspetti ancora e che non verranno..perchè so che non verranno....

 

Così ti arrabatti  a fare ciò puoi, ciò che sai..e anche ciò che non sai, che intuisci, che immagini..scartabellando tra impolverati desidèri, residui di una parte di te bambina che ancorà lì, a chiedere di essere compresa e accolta..

 

 

AMORE...DIPENDENZA AFFETTIVA O...OSSIGENO?

Amare è come una droga: all'inizio viene la sensazione di euforia, di totale abbandono. Poi il giorno dopo vuoi di più. Non hai ancora preso il vizio, ma la sensazione ti è piaciuta e credi di poterla tenere sotto controllo. Pensi alla persona amata per due minuti e te ne dimentichi per tre ore. Ma, a poco a poco, ti abitui a quella persona e cominci a dipendere da lei in ogni cosa. Allora la pensi per tre ore e te ne dimentichi per due minuti. Se quella persona non ti è vicina, provi le stesse sensazioni dei drogati ai quali manca la droga. A quel punto, come i drogati rubano e s'umiliano per ottenere ciò di cui hanno bisogno, sei disposto a fare qualsiasi cosa per amore. (Paulo Coelho)

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

AMORE...SESSO...E IL BACIO...

Post n°146 pubblicato il 21 Gennaio 2011 da heart63
 

... l' Amore,  l'idea che scompone la mente ed il cuore... il Sesso che ne scaturisce è l'ebbrezza che soddisfa il corpo...

... il Bacio è unico, dipende dai sensi e dai desideri, non chiede per forza Amore e Sesso, ma s'insinua tra i due...

heart63

(sottofondo musicale: Broken wings - Mr Mister http://www.youtube.com/watch?v=4MvE_Tt5opY&feature=player_embedded) 

 

 
 
 

CARO BABBO NATALE...

Post n°145 pubblicato il 11 Dicembre 2010 da heart63
 
Tag: AUGURI

fa che questo Natale porti un pò di cervello a chi nn lo possiede già...

che la mala erba venga estirpata definitivamente e messa in quei pochi inceneritori che abbiamo...

che la buona gente abbia di che guadagnare in tutti i sensi...

che la buona fede, la lealtà, la giustizia, decidono una buona volta di avere il sopravvento sulla miseria d'animo che ci circonda.

Ed infine,  chi ha rotto tutto quello che c'era da rompere, se ne vada direttamente a..............(a buoni intenditori poche parole)

Sempre con un sorriso sul volto, auguro
  
Buone Feste
ma solo a chi se lo merita..............

heart63

 
 
 

THE PROMISE...TRACY CHAPMAN

Post n°144 pubblicato il 22 Novembre 2010 da heart63
 

...quando la bellezza dell'essere ferma il tempo passato...

 
 
 

ALI D'ORO...

Post n°143 pubblicato il 03 Ottobre 2010 da heart63

Metti la tua mano sul mio cuore,

esso ti guiderà alla mia mente, ai miei sensi,

da lì potrai sentire il paradiso,

Non sbagliare strada, stavolta non andare oltre....

E' tutto lì.

(heart63)

(sottofondo musicale "ALI D'ORO"- ZUCCHERO FORNACIARI
 

 http://www.youtube.com/watch?v=Ig6JOQtxyTQ&feature=player_embedded )

 
 
 

I WANT TO KNOW WHAT LOVE IS - FOREIGNER

Post n°142 pubblicato il 29 Luglio 2010 da heart63
 

BUONA ESTATE...

heart63

 

  

(http://www.dartagnan.ch/article.php?sid=4062)

 
 
 

MAGNETI...MARIO VENUTI

Post n°141 pubblicato il 28 Giugno 2010 da heart63
 

 

QUANTA VERITA'...

 

 

 
 
 

FEDELTA'...

Post n°140 pubblicato il 20 Giugno 2010 da heart63
 

"Quando leggerai queste parole sarà incominciato il mio viaggio verso l'infinito. Non so se nel mistero di questa nuova avventura mi sarà concesso il dono di continuare a ricordarti. Se accadrà, continuerò a vivere in eterno. Abbiamo avuto per noi poco tempo, quel poco che non ha potuto cambiare la nostra vita, quel poco che è riuscito a cambiare il significato della mia vita.
Forse tutte le grandi felicità sono un pò tristi. Una volta mi avevi detto che le cose che hanno davvero avuto un valore  sono quelle a cui siamo rimasti fedeli. Nelle lunghe ore di solitudine, ho capito che si può essere fedeli o infedeli soltanto a ciò che si ricorda. Ti ho sempre portata con me, nell'unico modo che mi è stato possibile: nel ricordo.
Il tempo scorre e ci obbliga ad andare avanti, verso il futuro: è facile allora incamminarsi per i sentieri dell'infedeltà. Ma c'è la memoria. La vera infedeltà è dimenticare: Quante volte avrei voluto apparirti per un solo istante e dirti : 'Non ti chiedo di amarmi , mio amore, ma non dimenticarmi mai'.
Con dolore avevo rispettato la tua decisione, ma non ho potuto dimenticare. Si può voler ricordare? Si può decidere di ricordare? No; succede, proprio così come il mare si imbianca di schiuma sollevata dal vento, così come sboccia un fiore: senza volontà.
Non avevo il tuo corpo; sono rimasto fedele a ciò che abbiamo vissuto insieme, a quella coincidenza che ha fatto incontrare i nostri destini. E il destino è stato generoso con me: non ho avuto bisogno, per amare il presente, di tradire il passato. Questo è stato il contrassegno della mia castità. Senza sacrificio. Il sacrificio non consente la libertà, non offre garanzie, non da sicurezze. Quando passa l'emozione che lo ha reso possibile, chi si è sacrificato si sente abbandonato in un deserto di rancori.
In questi anni tenevo con me un libro di Goethe, Le affinità elettive. Quante volte ho letto e riletto il decimo capitolo pensando di esserti vicino, di sfiorare la tua pelle.
Solo ciò che ci è concesso, rimane:  dice proprio così. Ciò che viene concesso lo si riconosce perchè è qualcosa di straordinario, improvviso e inatteso, che illumina, anche solo per poco, la nostra vita.
A me è stato consentito di ricordare, come fosse la cosa più semplice e naturale, il breve tempo della nostra storia.
A volte ho temuto di dimenticare il fascino segreto di ciò che mi è stato concesso vivere. Non è accaduto mai.
A te, alla bellezza di quell'amore lontano, sono rimasto fedele."

 " tratto dal libro Fedeltà di Stefano Zecchi "

(sottofondo musicale: L'amore è l'inganno della ragione - Michele Zarrillo
http://www.youtube.com/watch?v=I14tgNeNtJI)

 
 
 

LACRIME IN PARADISO...ERIC CLAPTON

Post n°139 pubblicato il 17 Giugno 2010 da heart63
 

Saprai il mio nome se ci vedremo in Paradiso?
Sarà lo stesso se ci vedremo in Paradiso?
Devo essere forte e andare avanti
Perchè lo so che non è il mio posto il Paradiso

Mi terrai la mano se ci vedremo in Paradiso?
Mi aiuterai a stare in piedi se ci vedremo in Paradiso?
Troverò la strada attraverso notte e dì
Perchè lo so che non posso restare qui in Paradiso

Il tempo può abbatterti; il tempo può piegarti le ginocchia;
Il tempo può spezzarti il cuore, e farti implorare pietà
implorare pietà

Oltre la porta c'è pace, ne sono certo,
e lo so che non ci saranno più lacrime in Paradiso

Saprai il mio nome se ci vedremo in Paradiso?
Sarà lo stesso se ci vedremo in Paradiso?
Devo essere forte e andare avanti
Perchè lo so che non è il mio posto il Paradiso
Perchè lo so che non è il mio posto il Paradiso




 
 
 

LE FOGLIE ROSSE DEI GELSI....MITI E LEGGENDE DI SICILIA

Post n°138 pubblicato il 03 Giugno 2010 da heart63
 

" Perché alcuni gelsi hanno le foglie rosse? Si dice che i bachi che si nutrono dei gelsi a foglie rosse fanno la seta di color rosso come il sangue. Durante la guerra del vespro, i siciliani davano caccia agli angioini e per riconoscerli facevano pronunciare la famosa parola "ciciri" (ceci). Ovviamente i francesi non sapevano pronunciarla e dicevano "sisiri". Proprio durante quel periodo un mercante angioino e la figlioletta scapparono da Palermo per potersi salvare. Si avviarono verso una montagna dove incontrarono un uomo e gli chiesero se potesse aiutarli. L’uomo li cacciò, vedendo che dal basso salivano i siciliani con bastoni e spade che uccidevano chiunque aiutasse i francesi. Il mercante era cieco, e, camminando per i boschi, cadde, batté la testa e morì. La figlia, rimasta sola al mondo, pianse tutta la notte fino a quando, il giorno successivo, un pastorello la vide ed ebbe pietà di lei. Seppellì il padre e la fece riposare nella sua grotta. Mentre la ragazza riposava arrivò il gruppo di siciliani con bastoni e spade e chiesero al pastore se avesse visto dei francesi passare da lì. Il pastorello rispose di no, e alla domanda su chi fosse la ragazza nella grotta, rispose che era la sorella, e che era muta dalla nascita. Il gruppo andò via, la ragazza, che aveva sentito tutto, si alzò e volle ringraziare il pastorello raccogliendo per lui delle rose. Mentre le raccoglieva però, si punse un dito con una spina e si asciugò il sangue con una foglia di gelso. Proprio da allora alcuni gelsi portano delle macchie rosso sangue. Secondo fonti botaniche le macchiette che si trovano sulle foglie sarebbero dovute ad un fungo che infesta le foglie dei gelsi, ma noi siciliani siamo sicurisssssssimi che derivino invece dalla leggenda appena raccontata ;-) " (Di Alessandra Cancarè )

(Sottofondo musicale: L-O-V-E  -  Joss Stone
http://www.youtube.com/watch?v=hYqkEb8OhzY&feature=related)

 
 
 

UN ANGELO CHE SAPEVA VOLARE...

Post n°137 pubblicato il 14 Maggio 2010 da heart63
 

" Angelo d'Arrigo, nato a Catania il 03/04/1961, vissuto a Parigi fino al 1984, ha da sempre perseguito il sogno di volare come gli uccelli, ed insieme a loro.

Divenuto campione mondiale di volo, ha abbandonato gare e cronometri per dedicarsi allo sviluppo del volo libero e ha concepito e realizzato imprese, che si pongono ben al di là del semplice evento sportivo.

Ha studiato per anni il volo dei grandi rapaci, ai quali si è affiancato in incredibili migrazioni nei cieli del pianeta.

Ha sorvolato il mare e i deserti, è salito a oltre 9.000 m. in volo libero, fino a superare le vette dell'Everest e dell'Aconcagua.


Nel corso della sua carriera agonistica ai vertici internazionali del volo sportivo, Angelo d'Arrigo ha avuto modo di volare in giro per il mondo. Durante i suoi viaggi attraverso i vari continenti, Angelo ha sorvolato mari, deserti, vulcani e catene montuose, insieme ad aquile e rapaci di ogni specie.
Laureato all'Universita dello Sport di Parigi, ma innamorato della montagna, Angelo d'Arrigo esce dalla sua metropoli per cimentarsi negli sport estremi.
Con i suoi titoli di istruttore di volo, di maestro di sci e di guida alpina, riesce a vivere delle sue passioni legate agli sport "Plein Air".
Progetta e realizza delle "Prime" sulle Alpi nelle sue tre specialita: Sci Estremo, Volo Libero e Alpinismo.
Dal Monte Bianco al Cervino, dall'Aiguille Verte all'Aiguille du Midi, Angelo riesce ad esprimere il suo stile di vita con successo.
Realizzando dei documentari amatoriali sulle sue "imprese"che divulga nelle scuole e nei centri culturali della capitale francese, Angelo ha contribuito allo sviluppo e alla popolarizzazione degli sport estremi, dove l'individuo e la natura sono gli assoluti protagonisti.
Denominato, allora in Francia, "Le Funambulle de l'Extreme", Angelo progetta di operare anche fuori Europa: l'Himalaya e le Ande.
In occasione di un reportage per una rete nazionale francese, Angelo vola per la prima volta dal vulcano piu alto d'Europa in piena eruzione: l'Etna.
Attratto dal contrasto degli elementi di questo paesaggio Siciliano, al quale sono legate le sue origini, Angelo decide di istallarsi sulle falde del vulcano e crea una scuola di volo libero: l'ETNA FLY.
Ambientato in un quadro unico e spettacolare, dove i quattro elementi ARIA ACQUA TERRA e FUOCO si mescolano, questo centro di addestramento al volo libero si e trasformato, oggi, in un centro turistico basato sulla pratica di sport estremi: il No Limits Etna Center.
Dopo anni di agonismo in volo libero e due titoli mondiali con il deltaplano a motore, Angelo decide di allontanarsi dal circuito delle competizioni per potersi dedicare ai voli record ma soprattutto all'emulazione del volo dei rapaci per la ricerca del volo istintivo.
Avvia un progetto intitolato "Metamorphosis" che e uno studio analitico delle tecniche di volo dei piu grandi rapaci dei cinque continenti.
Dalle aquile delle Alpi ai rapaci dell'Himalaya e dagli avvoltoi dell'America Latina a quelli Australiani, Angelo impara ad osservarli e convivere con loro, nel loro elemento e con le loro regole gerarchiche.
Osservare, studiare ed imitare il volo istintivo dei grandi veleggiatori è stato per lui un percorso naturale che gli ha permesso di perfezionare la sua tecnica di volo.
Angelo ha voluto dedicare questo suo bagaglio di esperienze al servizio della scienza. Questa sua ricerca lo ha portato a compiere delle imprese uniche che hanno suscitato un forte interesse mediatico a livello mondiale.
E' stato il primo uomo a percorrere in volo libero, senza ausilio di motore, il Sahara, ad attraversare la Siberia e ultimamente a sorvolare la montagna più alta della terra: l'Everest.
Un'incredibile esperienza umana, in luoghi ostili e spesso inesplorati che lo hanno visto protagonista di eventi straordinari dai quali sono stati tratti diversi documentari.
Questo misto di sport, avventura, scienza e tecnologia hanno reso possibile il sogno dell'uomo che, dai tempi di Icaro fino a quelli di Leonardo da Vinci, ha sempre sognato di volare come gli uccelli.

Alla sua morte (avvenuta nel corso di una manifestazione a Comiso, il 26 marzo 2006, in seguito a un incidente al piccolo aereo, su cui egli viaggiava da passeggero ed ospite d'onore) un senso di sgomento ha pervaso tutti coloro che nel mondo lo ammiravano e lo seguivano nelle sue esultanti conquiste.
La Fondazione Angelo d'Arrigo, costituitasi dopo la sua scomparsa, ha significato rimettersi sulla rotta delle tante strade da lui tracciate: il desiderio di volare, la realizzazione di sogni impossibili, la metamorfosi, la ricerca di un rapporto con la natura e con gli animali, l'osservazione diretta dei fenomeni, le scoperte e le applicazioni pratiche, lo sport, le tecnologie più avanzate, la scienza e la poesia, l'amicizia e lo spirito di solidarietà.

Quanti lo hanno conosciuto, inoltre, ne ricordano una dote particolarissima: era un grande maestro, perché riusciva a guidare gli altri alla scoperta delle risorse riposte nell'intimo di ciascuno, senza imposizioni, senza forzature. "


 

 (sottofondo musicale: The Highwayman- Loreena McKennitt
http://www.youtube.com/watch?v=S2CFM4ev-g8&a=TZjTT3RNV38&playnext_from=ML)

 

 
 
 
Successivi »
 
 

HEART

 

LA FAVOLA DELLA LEPRE E DEL CORVO

Un giorno una lepre vide un corvo appollaiato su un ramo e gli chiese: "Ciao corvo, cosa fai?" Ed il corvo rispose: " Un cazzo".
E la lepre: "Ma come, e non ti annoi?"
Il corvo: "No, è molto piacevole e gratificante, dovresti provare anche tu"
Cosi la lepre si sedette alla base dell'albero ed inizio a non fare un cazzo.
Poco dopo passo di lì una volpe e...si mangiò la lepre!
Morale:
per non fare un cazzo...devi essere seduto molto in alto!!

 

AMICI IN LINEA

 
 
 

GRANDE MICHAEL!

 

 

I VERI COLORI DELL' ANIMA GUARDANO OLTRE...

Tu con gli occhi tristi
non ti scoraggiare
mi rendo conto, è difficile farsi coraggio
in un mondo pieno di gente
puoi perderti di vista
e l'oscurità che hai dentro può farti sentire così piccolo

Ma vedo i tuoi veri colori
che brillano
vedo i tuoi veri colori
ecco perchè ti amo
quindi non aver paura di mostrarli
i tuoi veri colori
sono belli come un arcobaleno

quindi mostrami un sorriso,
non essere infelice
non riesco a ricordare l'ultima volta che ti ho visto ridere
se questo mondo ti fa impazzire
e hai subito tutto quello che puoi sopportare
tu chiamami
perchè lo sai che ci sarò

E vedrò i tuoi veri colori
che brillano
vedo i tuoi veri colori
ecco perchè ti amo
quindi non aver paura di mostrarli
i tuoi veri colori,
i tuoi veri colori
sono belli come un arcobaleno

Dedicato a tutti "gli angeli bambini" che ho incontrato nei blog

 

 

DELLA SERIE \"COSA PENSANO DI TE...\"

Questo è il pensiero del mio amico "virtuale" GUANOT in risposta ad un mio testo inviatogli per il suo blog " Il tempo corre via" :

"...carissima amica HEART63, che stimo per la sua intelligenza e rara bellezza..."

Grazie, mi fa piacere che tu lo abbia pensato!

 

NON È MAI UN ERRORE...?

 

CATANIA FIGGHIOZZA DO PATRI ETERNU

 

"SULU" VENUTI-CANTO-VIRGILLITO

 

ULTIMI COMMENTI

ciao complimenti per il blog un saluto dal nostro bed and...
Inviato da: bella trapani
il 21/04/2017 alle 23:04
 
ciao complimenti per il blog un saluto dal nostro bed and...
Inviato da: marye53
il 21/04/2017 alle 22:47
 
^____^.....brando
Inviato da: marcopolo2005
il 30/06/2012 alle 16:43
 
^_____^......brando
Inviato da: marcopolo2005
il 25/03/2012 alle 19:42
 
Ciao!!!! ^____^ brando
Inviato da: marcopolo2005
il 31/01/2012 alle 09:30
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

actafabulaest0andreamarchioriGabriellaBasile340borgofocegiovanemarmotta5leucippa85akkula0marcopolo2005tombeurdefemme2010annabaralisraganatovalem.sperlaricatalanoveronicamitziaparrucchieriagiacomo
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom