**TEST**
 
Creato da paolafarah il 19/07/2012
SCRIVERE ZEN

 

Archivio messaggi

 
 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

 

Area personale

 
 

Tag

 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
dolcesettembre.1DiVinoRossoSangueio_deja_vumauriziocamagnaQuartoProvvisoriosquaw04birillowiskyamorino11IrrequietaDmoschettiere62Tony_058prefazione09pilu1961thesunshiine0kora69
 

Chi puņ scrivere sul blog

 
Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 
« LA FORMULA DEL TEMPO RALLENTATOGENOVA E NON SOLO - Desi... »

I FANTASMI DEL CAPPELLAIO

Post n°30 pubblicato il 30 Maggio 2013 da paolafarah
 

Uno strano romanzo I FANTASMI DEL CAPPELLAIO di Georges Simenon, un romanzo diviso in due blocchi distinti forse a causa di una riscrittura effettuata su un precedente racconto. Il primo blocco è “giallo”, il secondo blocco è “psicologico”. La trama è semplice: una serie di omicidi di donne anziane, coetanee, nella tranquilla cittadina di La Rochelle. L’assassino si svela nelle prime cinquanta pagine ed il “perché” degli omicidi nelle cinquanta successive, svincolando la regola che vuole la risoluzione di un caso solo nel finale. Non c’è indagine in questo romanzo. Simenon ti presenta tutto sul classico vassoio d’argento come solo un grande scrittore può permettersi di fare, poche portate. Comunque, a prescindere dall’analisi della struttura di questo romanzo, credo che i primi capitoli siano un concentrato di bellezza narrativa, condotta nel dettaglio su silenzi, passi, sguardi, giochi di prospettiva, entrate in scena al rallentatore, zoom e grandangolo, tutto totalmente visivo, perfetto nei particolari senza necessità di dialogo. Il lettore riesce a percepire sulla pelle l’aria densa e gelata, l’umidità, i respiri trattenuti o concitati, le abitudini, gli scricchiolii, i movimenti minimi, le distanze, i gesti ripetuti e metodici: una situazione esplosiva in altre parole, che esploderà in silenzio al Cafè des Colonnes durante una partita a bridge, quando il piccolo sarto armeno, Kachoudas, si piegherà a terra a raccogliere un pezzetto apparentemente innocuo di carta in un risvolto di pantaloni ….     

 
 
 
Vai alla Home Page del blog