**TEST**
Blog
Un blog creato da pasquale.zolla il 17/04/2012

pasqualezolla

Il blog di Pasquale Zolla

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

« La pentolacciaRestiamo a casa »

8 Marzo: Giornata della donna

Post n°306 pubblicato il 06 Marzo 2020 da pasquale.zolla

 

 

Dall’inizio del Novecento ci sono stati molti avvenimenti che hanno portato alla lotta per la rivendicazione dei diritti delle donne e all’istituzione della Giornata internazionale delle donne.

Il primo fu il VII Congresso della II Internazionale socialista svoltosi a Stoccarda nell’agosto del 1907, dove si discusse della questione femminile e del voto alle donne. Pochi giorni dopo si svolse, invece, la Conferenza internazionale delle donne socialiste in cui fu istituito l’Ufficio di informazione delle donne socialiste e Clara Zetkin ne fu eletta segretaria..

La prima giornata della donna negli Stati Uniti si svolse il 23 febbraio 1909.

A San Pietroburgo, l’8 marzo 1917, le donne manifestarono per chiedere la fine della guerra e, in seguito, per ricordare questo evento, durante la Seconda conferenza internazionale delle donne, che si svolse a Mosca nel 1921, fu stabilito che l’8 marzo fosse la Giornata internazionale dell’operaia.

In Italia la prima giornata della donna si svolse il 12 marzo 1922.

Nel settembre 1944 a Roma è stato istituito l’UDI, Unione Donne Italiane, e si èdeciso di celebrare il successivo 8 marzo la Giornata delle donne nelle zone liberate dell’Italia.

Dal 1946 è stata introdotta la mimosa come simbolo di questa giornata.

Oggi la festa della donna ha un po’ perso il suo valore iniziale. Le organizzazioni femminili continuano a cercare di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi di varia natura che riguardano il sesso femminile, come: la violenza contro le donne e il divario salariale rispetto agli uomini. 

Fèmmene: chjuve sópe andò tutte gire

 

L’òtte de Marze, a vuje Fèmmene

 

addedekate, avarrìje prutrajì

 

pe trècindesessandacinghe jurne

 

pekkè vuje site nu chjuve sópe andò

 

tutte gire. Site kum’è brellòkke d’u cile

 

pekkè pe kuande nuje ummene putime

 

chjude l’ucchje, ce allumenate sèmbe.

 

Ne ngambe sóp’ò munne krjature

 

chjù sblennènde è chjéne de magagìje

 

de vuje pekkè k’a reruta vòstre

 

ngavedate i kure de tutt’i krestjane

 

è allumenate u munne, ka sarrìje

 

pe sèmbe skurde. Pe tutt’i vjulènze

 

sópe de vuje kunzumate, pe tutte

 

i umeljazjune avute, p’u kurje

 

vustre sfruttate, p’u ndellitte vustre

 

sòtt’è pite misse, p’a lebertà njate,

 

p’a vòkka vòstre uppulate, p’i scille

 

vòstre taghjate, nuje umene

 

chjù ka i memòse respitte purtà

 

v’avarrèmme. Spisse dì se sènde: ki

 

dice fèmmene dice danne. È éje

 

alluvére pekkè lòre danne ‘a vite,

 

‘a speranze, u kuragge è lòre

 

stèsse p’ammòre. Pe kuiste ‘a fèsta

 

vòstre sarrà kuanne ne nge sarranne

 

chjù fèmmene accise, a bòtte pegghjate,

 

sfregiate, perzegutate, mulustate,

 

da ki ve dice de ve vulè béne. Kuanne

 

fèmmene se skrive abbesugnarrìje

 

mbònne ‘a pènne dind’u arkuvaléne

 

è ‘a pagene asciukà k’a pòvele

 

d’i scille d’i fraffralle pekkè vuje

 

ka site perzegutate d’u timbje

 

 andò site adurate, nunustandetutte

 

ògnè jurne kundenuate a sciarrjà

 

tutte i pikkule è granne nduppe

 

d’u kambà è arrjuscite a truà ‘a fòrze

 

pe mètte a pòste kuille ka nen vace.

 

 Donne: perni su cui tutto gira

 

L’otto Marzo, a voi Donne

 

dedicato, dovrebbe durare

 

trecentosessantacinque giorni

 

perché voi siete un perno su cui

 

tutto gira. Siete come le stelle

 

perché per quanto noi uomini possiamo

 

chiudere gli occhi, ci illuminate sempre.

 

Non esiste al mondo creatura

 

più raggiante e affascinante

 

di voi perché con il vostro sorriso

 

riscaldate i cuori dell’umanità

 

e illuminate il mondo, che sarebbe

 

eternamente buio. Per tutte le violenze

 

su di voi consumate, per tutte

 

le umiliazioni subite, per il corpo

 

vostro sfruttato, per l’intelligenza vostra

 

calpestata, per la libertà negata,

 

per la vostra bocca tappata, per le ali

 

vostre tagliate, noi uomini

 

più che le mimose rispetto portare

 

vi dovremmo. Spesso si sente dire: chi

 

dice donna dice danno. Ed è

 

vero perché danno la vita,

 

la speranza, il coraggio e loro

 

stesse per amore. Per questo la festa

 

vostra sarà quando non ci saranno

 

più donne uccise, picchiate,

 

sfigurate, perseguitate, molestate,

 

da chi vi dice di volervi bene. Quando 

 

si scrive donna bisognerebbe

 

intingere la penna nell’arcobaleno

 

e la pagina asciugare con la polvere

 

delle ali delle farfalle perché voi

 

che siete vittime del tempio in cui

 

siete adorate, nonostante tutto

 

ogni giorno continuate a combattere

 

tutti i piccoli e grandi ostacoli

 

della vita e riuscite a trovare la forza

 

per sistemare ciò che non va.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pasquale.zollachiacchiomacchineZONCA_DENISEPENGUIN04mamasnoorandromeda92anu990oracolo703vertuani.deleddaalissiadgl2m030949caloiarosalvatoreiengogiuseppe61ALMIG_FONDIarty7449
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom