Creato da pietroxac il 03/02/2006
Il piacere di saperne un pò di più

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

dublin75omniacalcestruzziheleriaunamamma1pinadottlau3smvalentina_pierrohopelove10azramsalvinocasciofrenkolivergera10VEDI_SE_TI_PIACCIOpsicologiaforense
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

VIVA L'ITALIA

Post n°77 pubblicato il 02 Giugno 2007 da pietroxac
Foto di pietroxac

Festa della Repubblica !!!

L'italia Repubblicana compie 60 anni.

L'Italia del referendum che consacrò il passaggio dalla Monarchia alla Repubblica, esiste ancora ?  I valori espressi nella nostra Costituzione, sono ancora validi ?  I principi che esprime sono applicati ?

Belle domande. Attualissime domande. Incalzanti domande !!!

Era questo che i padri della Costituzione Italiana volevano accadesse ?

Un'Italia oppressa dal potere politico ed in cui la corruzione la fa da padrone ?

Un'Italia in cui la meritocrazia non esiste e dove il "piegarsi" è lo sport più in voga nella pubblica amministrazione ?

Un'Italia in cui fare politica è diventata un "professione", aldilà dei meriti o dalle cose non fatte, ma soltanto per aver saputo coltivare il proprio orticello di "elettori" con segnalazioni, raccomandazioni, falsi concorsi, false attestazioni, false invalidità, etc..etc..

L'Italia delle prevaricazioni, delle Leggi ad personam, degli aggiustamenti dei processi  in itinere , dei condoni generalizzati o dagli indulti programmati, di furbetti del quartierino ?

Un Parlamento con componenti che oltre che i Parlamentari, Presidenti di Commissione Giustizia (Legge Pecorella),  nel contempo fossero anche avvocati di "Premier" indagati e potessero far leggi che salvassero i propri clienti ?. 

Era questo che avevano in mente, quando scrissero che la "Legge è uguale per tutti " ?

Che dire dell'Italia fondata sul lavoro.

Pensavano alla Legge Biagi ed allo sterminato esercito di precari ?

Pensavano ad una classe politica composta da "perfetti ed inutili buffoni", il cui unico intento è sprecare le risorse del paese ? Alle migliaia di auto blu che sarebbero diventate contemporaneamente l'emblema dell'arroganza politica e dello spreco ?

POVERA PATRIA !!!

AUGURI  REPUBBLICA  ITALIANA

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SENZA PAROLE !!!

Post n°76 pubblicato il 31 Maggio 2007 da pietroxac
Foto di pietroxac

Non ho voluto inserire nessun commento perchè ritengo che quello che leggerete riesca ad mostrare pienamente l'arroganza del "potere" nei confronti dei cittadini !!!

da www.pieroricca.org

TI DENUNCIO ! May 31, 2007 on 4:51 pm | In Libertà |

Eravamo in attesa della querela di Emilio Fede e invece è arrivata quella di Pietro Caltagirone. Il mio amico Duccio mi ha comunicato oggi di essere stato convocato dai solerti carabinieri di Lecco per vedersi notificata una querela per diffamazione, estesa anche a me. La colpa di Duccio? Aver diffuso un volantino sul curriculum giudiziario del direttore dell’ospedale della sua città. La mia? Aver scritto questo articolo sul blog. Così la giustizia lecchese, che immagino intasata di gravi questioni, dovrà occuparsi anche dell’onore di Caltagirone. Il magistrato di turno studierà i documenti, compulserà il codice e deciderà se avviare il procedimento. Intanto può essere sottolineato che i fatti riportati sono veri. Vera è la condanna definitiva comminata a Caltagirone. Vero il rifiuto di Caltagirone alla pubblicazione dell’intervista rilasciata a Duccio. Vera la telefonata al preside della scuola dove Duccio studia per accertarsi che l’intervista non fosse pubblicata. Vero il dominio dei partiti del centrodestra e di Comunione e Liberazione sulla Sanità lombarda. Vero che i pubblici funzionari in un paese civile dovrebbero dare il buon esempio ed essere al di sopra di ogni sospetto. Vero che la credibilità delle istituzioni pubbliche è svilita dall’indifferenza alla questione morale nella selezione della classi dirigenti. Vera la nostra indignazione e la nostra volontà non di diffamare bensì di informare.
Vero, prima di ogni cosa vero che il potente di turno che arriva a denunciare un diciottenne per un volantino non gradito, rivela tutta intera la sua natura. Per questo solo atto, io al posto di Caltagirone proverei vergogna. Ma il sentimento della vergogna è un lusso, di questi tempi.
Trasformeremo la querela in un boomerang. Una bella manifestazione a Lecco a questo punto s’impone, dopo che Duccio avrà conseguito, anche formalmente, il diploma di maturità. Può essere l’occasione per parlare della gestione della Sanità in Lombardia, oltre che per difendere la libertà di espressione. Che è libertà di critica o non è. Per la libertà di applauso, infatti, bastano e avanzano i cortigiani.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TROPPO SEMPLICE ? IMPOSSIBILE DA FARE !!

Post n°75 pubblicato il 31 Maggio 2007 da pietroxac
Foto di pietroxac

Le cose semplici spesso lasciano incantati.  I ragionamenti semplici, spesso lasciano senza parole.

Oggi un'associazone di Commercianti di Sciacca, la Noi.comm, ha posto un problema semplice, semplice: "Cara amministrazione comunale, visto che i lavori per rifacimenti, ristrrutturazioni, lavori di riqualificazione  ed altro, non sono un belvedere, è possibile avere una sorta di moratoria durante il periodo estivo ?"

Una cosa semplice, razionale, quasi logica. In buona sostanza questi benedetti commercianti, tartassati dal fisco, oppressi da mille adempimenti, bistrattati dalle amministrazione pubbliche, non chiedono altro che di poter lavorare in un ambiente privo di "cantieri" o per meglio dire, non da iniziare nel periodo giugno-settembre, ovvero durante la stagione estiva.

E' chiedere troppo ?  E' una richiesta eccessiva

Io credo di no, anzi, la ritengo una valida posizione costruttiva dell'immagine che una città (turistica) deve dare ai propri visitatori. Oggi invece, pur ritenendoci una citta turistica, presentiamo  uno scenario da post-terremoto o, per dirla come il Presidente della Noi.comm, Calogero Dimino, da periodo post-bellico durante la fase di  ricostruzione.

Il mondo è proprio cambiato !! 

 Una volta erano le "Amministrazioni" a dare consigli per una migliore accoglienza dei turisti o della buona immagine della città, oggi è esattamente il CONTRARIO !!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA POLITICA....DIGERIBILE

Post n°74 pubblicato il 30 Maggio 2007 da pietroxac
Foto di pietroxac

L'Italia paese di Santi, Navigatori, Poeti e di.........furbetti !!

Si , purtroppo, per noi comuni mortali con visione della società obsoleta e sorpassata, dove l'onestà veniva premiata e il disonesto allontanato; dove rubare era una "macchia" e non un "pregio"; dove sperperare i soldi pubblici era un'intollerabile azione contro la comunità, e non una dimostrazione di "furbizia",  non siamo di "moda", anzi esattamente il contrario. 

La crisi della politica è oggi l'argomento del giorno.I  costi della Politica sono oggetto di dibattito. I  privilegi della Politica sono motivo di accesa di discussione.

L'arroganza della Politica, i continui schiaffi alla gente che lavora, l'idea di Leggi particolarmente favorevoli per alcuni, e l'idea che comunque ci sia qualcuno che più di altri ne tragga beneficio è grande, grandissima, per questo i cittadini si sentono ormai soltanto sudditi e non ne possono più.

La "casta" politica dei cosidetti "intoccabili"  trova  ogni giorno, con mille marchingegni, il modo  per finanziarsi alle nostre spalle e dalle nostre tasche;

La piaga, mai sconfitta, della corruzione ha  superato  di nuovo i livelli di guardia, anche di più di quanto era in atto nel 1989.

Un esempio ?

L'Affaire Cesare Previti.

Com'è possibile che a distanza di oltre un anno, costui continui a percepire il lauto stipendio da Parlamentare, pur essendo condannato in maniera definitiva ed interdetto in perpetuo dai pubblici uffici ? Come mai nessuno dice nulla ?

La stessa cosa vale per Marcello Dell'Utri,  anch'esso condannato per  estorsione in combutta con un boss, e nessuno mette in risalto ciò, lo si accetta supinamente, non ci si indigna .

Se qualcuno, com'è successo a Palermo, trova l'ardire di chiedere al Ministro dell'Interno, come mai si tolleri la presenza in parlamento di ben 25 pregiudicati, la risposta è la seguente: "So cos’è la lotta alla mafia, ma tu sembri un piccolo capo populista. Occorre distinguere le condanne: ci sono reati minori».

Se questa è la "filosofia" di chi deve rappresentare le istituzioni, se questa è il sottile file conduttore che rende simili la destra dalla sinistra, poveri noi !!!!

Per la cronaca i deputati che si sono macchiati dei cosidetti "reati minori" a cui accennava il Ministro Amato e che siedono in Parlamento (addirittura in commissione antimafia) sono:  condannati per omicidio, corruzione, concussione, finanziamento illegale, falso in bilancio, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, lesioni, percosse, incendio, truffa, peculato.

Cìè da chiedersi, se questi sono "minori", quali sono quelli "maggiori" ?

Ma che forse...forse... gli anomali siamo Noi e loro la normalità ?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'ASSUEFAZIONE E LA TOLLERANZA

Post n°73 pubblicato il 26 Maggio 2007 da pietroxac
Foto di pietroxac

Ieri, leggendo un articolo sull'ultimo libro di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, sugli sprechi, i privilegi, le "eccezioni" che la classe politica Italiana  ha rispetto ai cittadini che li eleggono, mi è venuta in mente una domanda: "Ma si può avere "Assefuazione" e "Tolleranza" di un tale fenomeno ?". 

Alcuni numeri  Vi daranno un''idea del problema.

 

TRATTAMENTO ECONOMICO DEPUTATI

Nota: Nella Finanziaria 2006 l’importo del trattamento economico e’ stato decurtato del 10% ma non sono state ritoccate: Diarie – Rimborso Spese – Spese di trasporto – Spese Telefoniche – Assegni Vitalizi.

12 Mensilità nette di Euro 5.486.58 (Prima del taglio della Finanziaria 2006 I’importo era Euro 5.941,91).

Diaria: è riconosciuta, a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma è ammonta a 4.003,11 euro mensili. Tale somma viene ridotta di 206,58 euro per ogni giorno di assenza del deputato da quelle sedute dell’Assemblea in cui si svolgono votazioni, che avvengono con il procedimento elettronico. E’ considerato prese se partecipa almeno al 30% delle votazioni nell’arco della giornata.

Rimborso per spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori: a titolo di rimborso forfetario per le spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori, al deputato viene attribuita una somma mensile di 4.190 euro.

Spese di trasporto e spese di viaggio: i deputati hanno tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale. Per i trasferimenti dal luogo di residenza all’aeroporto più vicino è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l’aeroporto più vicino al luogo di residenza, ed a 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km. I deputati che si recano all’estero per ragioni connesse all’attività parlamentare, possono richiedere un rimborso spese fino ad un massimo annuo di 3.100,00 euro.

Spese telefoniche: i deputati dispongono di una somma annua di 3.098,74 euro per le spese telefoniche.

Assegno vitalizio: il deputato versa mensilmente una quota - l’8,6% (1.069,35 euro), che viene accantonata per il pagamento degli assegni vitalizi. il deputato riceve il vitalizio a partire dal 65° anno di età. Il limite di età diminuisce fino al 60° anno di età in relazione agli anni di mandato parlamentare svolti. Lo stesso Regolamento prevede la sospensione del pagamento del vitalizio qualora il deputato sia rieletto al Parlamento nazionale ovvero sia eletto al Parlamento europeo o ad un Consiglio regionale. L’importo dell’assegno varia da un minimo del 25% a un massimo dell’80% dell’indennità parlamentare, a seconda degli anni di mandato parlamentare.

TOTALE INDENNITA’ DI UN DEPUTATO: CIRCA 15.000 EURO MENSILI.

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SENATORI

Nota: Nella Finanziaria 2006 l’importo del trattamento economico e’ stato decurtato del 10% ma non sono state ritoccate: Diarie – Rimborso Spese – Spese di trasporto – Spese Telefoniche – Assegni Vitalizi.

L’indennità corrisposta per 12 mensilità per un importo mensile pari a€. 5.486,58. (5.941,91 euro prima della finanziaria 2006).

La diaria ammonta a 4.003,11 euro mensili. Tale somma è ridotta di 258,23 euro per ogni giorno di assenza del Senatore dalle sedute dell’Assemblea in cui si svolgono votazioni qualificate e verifiche del numero legale.

 Rimborso per spese inerenti i supporti per lo svolgimento del mandato parlamentare

Il mandato parlamentare, al Senatore è attribuita una somma mensile di 4.678,36 euro, in parte (35% pari a 1.637,43 euro) erogata direttamente al Senatore medesimo ed in parte (65% pari a 3.040,93 euro) erogata al Gruppo parlamentare di appartenenza.

Spese di trasporto e spese di viaggio: i Senatori hanno tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale. Per i trasferimenti dal luogo di residenza a Roma, è previsto un rimborso spese annuo pari a 13.293,60 euro, per il Senatore che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l’aeroporto o la stazione ferroviaria più vicina al luogo di residenza, ed a 15.979,18 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km. Per i Senatori residenti a Roma ed eletti in collegi del Comune di Roma, il rimborso è corrisposto nella misura di 6.646,80 euro.

Spese telefoniche: essi dispongono di 4.150 euro annui.

Assegno vitalizio: Anche in questo caso, il Senatore versa mensilmente una quota - l’8,6%, pari ora a 1.069,35 euro, più il 2,15 per cento, come quota aggiuntiva per la reversibilità, pari a 267,34 euro. Il Regolamento prevede la sospensione del pagamento del vitalizio qualora il Senatore sia rieletto al Parlamento nazionale ovvero sia eletto al Parlamento europeo o ad un Consiglio regionale. L’importo dell’assegno vitalizio varia da un minimo del 25% ad un massimo dell’80% dell’indennità parlamentare, a seconda degli anni di mandato parlamentare.

UN SENATORE GUADAGNA CIRCA 17.000 EURO MENSILI.

UN ESEMPIO PER TUTTE LE REGIONI

REGIONE SICILIA

Rendiconto delle entrate e delle spese dell’Assemblea regionale per l’anno finanziario 2004 (Documento n. 128), approvato nella seduta n. 349 del 17 gennaio 2006.

Somme effettivamente spese, risultanti dal rendiconto:

a)       Indennità parlamentare e spese varie per i deputati in carica.

(Capitolo II, articoli 5, 6, 7 e 9) = € 20.487.076,49.

b) Contributi ai Gruppi parlamentari (Capitolo VI, articolo 25) = € 7.360.910,70.

c) Spese per i Gruppi parlamentari (collaborazioni, etc.) (Capitolo VI, articolo 26) = € 5.004.441,33.

d) Assegni vitalizi a deputati cessati dal mandato (Capitolo III, articolo 10) = € 19.173.003,69.

e) Retribuzioni al personale di ruolo (Capitolo IV, articolo 17) = € 30.794.620,91.

f) Pensioni per dipendenti in quiescenza (Capitolo V, articolo 20) = € 32.137.616,92.

g) Totale complessivo somme spese nell’anno finanziario 2003 = € 141.420.092,30.

h) Partite di giro nell’anno finanziario 2004 = € 37.501.161,44.

Dicevamo dunque de l' assuefazione (degradante effetto, soprattutto psichico, della medesima dose di droga con la conseguenza che il dosaggio dello stupefacente deve essere aumentato in modo da ottenere il grado originario dell'effetto psichico desiderato) e  tolleranza(capacità dell'organismo di sopportare dosi gradualmente più elevate di droga), sostantivi che sono normalmente riferiti alle droghe o ad altro, sicuramente non alla politica ed ai sui effetti sui suoi cittadini. Allora mi domando: quando un'intera nazione, senza nessun accordo scritto o programmato, decide di accettare un tale schifo di "realtà", si può parlare di assuefazione e tolleranza  politica, al pari di quella delle droghe ?

Se quanto sopra lo modifichiamo come segue: "assuefazione politica (degradante effetto, soprattutto psichico, della medesima dose di  sottomissione al potere con la conseguenza che il dosaggio dello  stesso deve essere aumentato in modo da ottenere il grado originario dell'effetto psichico desiderato) e  tolleranza politica(capacità dell'organismo del cittadino di sopportare dosi gradualmente sempre più elevate di inefficienza, arroganza, degrado,  delle istituzioni da parte dei suoi rappresentanti)

Io ritengo che l'Italia , i suoi cittadini,  ne abbiano  assunto una tal massiccia dose , che un'eventuale  tentativo  di "disintossicarsi"   da questo degrado politico-isituzionale , risulterà molto complesso, complicato e difficile.

In Sicilia, poi, il problema è ulteriormente accentuato dalla sua peculiarità "autonomista", che aggiunge (come se non bastasse) agli sprechi e privilegi dei Politici Nazionali, quelli dei deputati regionali, dei Presidenti di Provincia, dei Sindaci, dei consiglieri di circoscrizione, dei Consiglieri Comunali, degli Assessori, dei Presidenti di Commissioni, dei Commissari straordinari , per le emergenze (interminabili) e non, l'antica e radicata piaga della Mafia e delle sue ramificazioni, che alla stregua del degrado della politica, viene accettata dal popolo siciliano come si accettano i raffreddori, i mal di testa, i mali di stagione.

Tutto questo ed altro, molto altro ancora,  condito con un grado di inefficienza, incuria e incapacità ,  che tutto il mondo ci INVIDIA !!! (si fa per scherzare, naturalmente !!) 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'EAS ?  CON L'ACQUA ALLA GOLA

Post n°72 pubblicato il 24 Maggio 2007 da pietroxac
Foto di pietroxac

Siamo alle solite !!! 

Si avvicina l'estate, e come ogni estate che si rispetti ecco parlare dell 'EAS , ovvero dell'Ente Acquedotti Siciliani.

Il perchè se ne parla ha, come molte cose in Sicilia, dei risvolti farseschi o Pirandelliani, se volete.

Infatti dovete sapere che l'EAS è in liquidazione da ben 4 anni, non ha un euro, ma continua a detenere la gestione (si fa per dire) di molte reti idriche, tra cui quella di Sciacca.

La stessa incassa per conto dei Comuni, i canoni di DEPURAZIONE e di FOGNATURA, che dovrebbe senza indugio riversare al Comune.

Cosa succede invece ? Succede che questi nostri soldi sacrosanti non vengono riversati nelle casse Comunali , ma trattenuti, non si sa bene con quali scopi.

Anche tre mesi fa abbiamo diligentemente fatto il nostro dovere, pagando quando dovuto, ma credo che anche stavolta questiu soldi non siano rientrati.

Dico questo, perchè da ben 12 anni l'EAS non provvede a riversare tali somme al nostro Comune, impunemente e senza che alcuno ne abbia chiesto conto.

Ora che un'ente come questi sia in difficoltà è conclamato dal fatto che si trova in liquidazione, ma che al Comune di Sciacca nessuno si fosse accorto che da ben 12 anni non si ricevevano questi benedetti soldi ha dell'incredibile.

Sciacca, vanta nei confronti di questa operosa, volenterosa, disponibile, ma incapace società, la non ridicola somma di oltre 8 MILIONI DI EURO !!!

Quindi, oltre agli 8 milioni di euro, il Comune di Sciacca vanta un'ulteriore credito di circa 1.500.000, 00 euro per CANONI DI FOGNATURA e DEPURAZIONE.

Nonostante tutto questo, nonostante i continui disservizi, nonostante le continue rotture della linea di trasporto dell'acqua, credete che il "servizio" sia stato tolto ?

In un paese normale, la risposta sarebbe stata: SI !!! da noi, popolo più evoluto, invece si cerca di fare continue, noiose, infruttuose CONFERENZE di servizio.

Vi domanderete : "ma a cosa servono le conferenze di servizio ?" - La risposta sarebbe: a risolvere i problemi molto più celermente se con prassi normale.

Nel caso dell'EAS tutto questo non solo non può accadere (essendo in liquidazione), ma le sue condizioni economiche sono sull'orlo del tracollo, se non azzerate.

Allora la domanda è: "Dareste i vostri soldi ad un soggetto che sapete in condizione di non potervi restituirveli ?", ovvero, è normale continuare a pagare all'EAS le somme per il consumo dell'acqua, dei canoni di depurazione e fognatura, sapendo fin d'ora (da loro stessi dichiarato) che non sono in grado di far fronte ai dissesti sulla rete idrica ?

Si attendono risposte.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UN DOLCE.....CANGEROGENO

Post n°71 pubblicato il 17 Agosto 2006 da pietroxac
Foto di pietroxac

L'informazione, o meglio, il diritto all'informazione è una delle conquiste dell'umanità meno utilizzate.

Non lasciamoci ingannare dalle miriade di testate giornalistiche o televisive, non lasciamoci abbindolare da una serie di agenzie giornalistiche "sponsorizzate" da chi le notizie le controlla, perchè non avremmo la "verità".

La verità, nella nostra bella società dei consumi, è merce rara e chi la produce non riesce a renderla fruibile a tutti, anzi..........

Ed è cosi che tra una navigazione ed un'altra mi sono imbattuto su un'argomento,  diciamo, "dolcificante", cioè L'ASPARTAME.

Cos'è  l'aspartame ? In quali alimenti lo ingurgitiamo ?

Un recente  studio  ha dimostrato per la prima volta che, sperimentalmente, l'aspartame è un agente cancerogeno, in grado di indurre tumori maligni nei ratti, anche a dosi ammesse per l'alimentazione umana.

Voi ne sapevate nulla ? I giornali ne hanno dato diffusamente notizia ? Il prodotto è stato sospeso negli alimenti ?

Tutte belle domande, ma la cui risposta non è semplice, in quanto gli interessi che andrebbero a colpire sono cospicui, quindi bisogna andarci piano e  con le molle, anche se questo produrrà ancora delle vittime inconsapevoli.

Qualcuno potrebbe dire: << Se ora uno si mette a guardar il capello, veramente non mangia più. E' molto meglio non sapere niente e continuare a sorbirci un prodotto che con molta probabilità è cancerogeno.>> E' vero, ha ragione !!!

Del resto mica possiamo campare all'infinito, prima o poi dobbiamo morire........aspetta....aspetta....forse è proprio qui il problema, perchè dobbiamo morire senza sapere il perchè, o meglio, sapendo che qualcuno che dovrebbe tutelare la nostra salute non ci ha informato ?

E' lo stesso discorso del fumo da sigarette, fa male, te lo dico, poi se ti vuoi uccidere......prego si accomodi.

C'è però da sapere anche chi ci ha fatto questo «regalo».

DONALD RUMSFELD !!

La fortuna del dolcificante si deve, negli anni ' 80, a due personaggi: Ronald Reagan e Don Rummie, al secolo Donald Rumsfeld. Nel 1981 Reagan sostituisce il capo dell’FDA con un dirigente del pentagono, mentre Don Rummie se ne va a dirigere la Searle farmaceutica, che produce l'aspartame. «L'aspartame sarà approvato dalla FDA», dichiarò Don Rummie. E con il dolcificante che rendeva dollari a palate, la Searle fu acquistata dalla Monsanto. Anche Don Rummie intascò dei bei bigliettoni.

Cosa fa attualmente Donald Rumsfeld ?

Dal 1977 al 1985 Rumsfeld ebbe incarichi dirigenziali di alto livello nella G.D. Searle & Company, arrivando ad esserne presidente. La G.D. Searle & Company è una multinazionale farmaceutica nota per la pillola contraccettiva Enovid e per il dolcificante brevettato con il nome di aspartame. Nello stesso periodo, tuttavia, Rumsfeld non abbandonò la carriera nell'amministrazione statunitense. Tra gli altri incarichi ricoperti, dal 1983 al 1984 fu inviato speciale di Reagan in Medio Oriente. Fu in questa veste che incontrò Saddam Hussein, all'epoca sostenuto dagli Stati Uniti nella guerra contro l'Iran. Risale a quest'epoca il famoso video in cui Rumsfeld stringe la mano a Saddam Hussein.

Dal 1985 al 1990 Rumsfeld continuò a portare avanti in parallelo carriera pubblica e affari privati. Dal 1990 al 1993 diresse la General Instrument Corporation.

Nel 1997 Rumsfeld ha fondato, con altri esponenti della destra ultraconservatrice statunitense, il Project for a New American Century (Progetto per un nuovo secolo americano), il cui ruolo è stato determinante nella decisione di dichiarare guerra all'Iraq.

Nel 2001 Rumsfeld fu nominato dal neo-Presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, Segretario alla Difesa. Nel secondo mandato, iniziato nel 2005, Rumsfeld è stato confermato nel suo ruolo.


E' proprio vero, il buon Dio ci ha dato il libero arbitrio e noi lo stiamo utilizzando.....in modo arbitrario, che dopo calciopoli vuol dire in modo Truffaldino !!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL "PIZZO" LEGALIZZATO

Post n°70 pubblicato il 13 Agosto 2006 da pietroxac
Foto di pietroxac

Perchè dobbiamo pagare per le ricariche dei cellulari ?

Perchè ci viene imposto una sorta di "pizzo" su un servizio che in tutti gli altri paesi è gratuito ?

Perchè, essendo un denominatore comune per tutti i gestori, non interviene l'Antitrust del mercato, contestando "il cartello" delle società telefoniche ?

Su http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1460661 esiste una petizione da sottoscrivere e mandare alla Commissione Europea e all'Antitrust Italiano.

Il problema sollevato dalla petizione è reale: le tariffe dei telefonini prepagati sono dichiarate dagli operatori senza tenere conto dei costi di ricarica. Come dice Punto Informatico, "Se acquistando 25 euro di traffico telefonico in realtà se ne pagano 30 perché 5 euro sono costo di ricarica, allora anche il prezzo delle chiamate cambia per l'utente: ciò significa che il profilo tariffario adottato, pubblicizzato dagli operatori, nei fatti non corrisponde alla realtà della spesa effettuata."

Il consumatore, tuttavia, non può lamentarsi di essere stato gabbato: queste condizioni sono scritte a chiarissime lettere nelle condizioni di vendita pubblicate dai vari operatori cellulari. Sta al consumatore fare due conticini e capire che il costo di ricarica altera il costo reale delle telefonate e degli SMS prepagati. Per esempio, un costo di ricarica di 5 euro su una ricarica da 30 euro (25 euro di traffico) comporta una maggiorazione del 20%.

L'affermazione che si tratti di un "fenomeno... tutto italiano" è corretta, a quanto mi risulta: non ci sono costi di ricarica, infatti, perlomeno in Svizzera e nel Regno Unito, non mi risulta alcun costo per tale servizio.

Diciamo basta a questa presa per il culo che, oltre a rapinarci dei nostri soldi, ci rende ridicoli nei confronti del resto dell'Europa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I FURBETTI DEL GIORNALINO

Post n°69 pubblicato il 25 Giugno 2006 da pietroxac
Foto di pietroxac

Per caso mi sono imbattuto nel sito del  MANIFESTO  , in cui veniva lanciato un grido d'allarme sulla propria situazione finanziaria e delle difficoltà che tale prestigioso quotidiano attraversa.

Il motivo della mia curiosità, leggendo quanto scritto nel sito, era incentrata sulla famigerata legge sull'editoria, recentemente ed in maniera egregia, analizzata e "sputtanata" in una mitica puntata della trasmissione  "Reporter" .

Ora finalmente si ha la possibilità di leggere tutte le testate giornalistiche che si "appropriano indebitamente" del famigerato contributo.

L'elenco, ha dell'incredibile, sia per il numero di giornali (per la maggior parte sconosciuti) , sia per gli importi,  come è altrettanto  incredibile è la  Legge   che  consente questo schifo.

Si parla di sacrifici, di rigore, di risparmio.................bene, incominciamo proprio da questa vergogna !!!

Come diceva Nanni Moretti:

PRODI, FAI QUALCOSA DI SINISTRA PER FAVORE!!!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'ISOLA  NON C'E', IL VULCANO INVECE SI !! 

Post n°68 pubblicato il 23 Giugno 2006 da pietroxac
Foto di pietroxac

Per chi non conosce Sciacca non sa che oltre ad avere delle risorse storico naturali di tutto rispetto, come le famose Terme, le Stufe vaporose, il Clima, il mare ecc..., oggi possiede anche un....Vulcano sottomarino .

La scoperta è recentissima e investe una zona che nella storia ha qualcosa di "misterioso" e affascinante.

Infatti è proprio facendo delle ricerche sulla mitica "isola che non c'è", la Ferdinandea, che gli esperti ricercatori hanno potuto scoprire questo vasto complesso vulcanico, paragonabile addirittura all'Etna !!!

Ad essere sincero la cosa, da un lato mi piace, dall'altro mi fa un'enorme paura. Essere cosi vicini ad un vulcano cosi grande ( oltre trenta chilometri) e ancora attivo, non è il massimo di quanto noi speravamo.

Noi speravamo in una classe politica che "eruttasse" idee e progetti in continuazione, proprio come un vulcano. Un vulcano di idee, che riuscissero ha dare a questa città un'impronta diversa e finalmente definità di località turisticam non il solito paesello retrogrado, inefficiente, caotico del Sud.   Ci ritroviamo,, invece, al momento, con il solo Vulcano.................è pochino e, sopratutto,  non ascrivibile all'attuale classe politica , ma meglio di niente !!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso