Creato da senor11 il 29/12/2007
Sono un falso d'autore

Area personale

 
 

Tag

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

Ultime visite al Blog

 
senor11letizia_arcuripapericemarialiberadbretif48unforced0cercamilovevalficemiranda.davideomarveroRicamiAmokaron9006federica1850dglantonellomtLegend33
 

Ultimi commenti

 
Ciao Eufrasio come stai spero bene complimenti per...
Inviato da: retif48
il 12/05/2015 alle 04:22
 
ciao ^_^
Inviato da: ioxamicizia
il 02/03/2014 alle 09:42
 
Ciao Eufrasio bellissime riflessioni un caro saluto Raimondo
Inviato da: retif48
il 08/11/2013 alle 02:40
 
Innanzitutto, grazie per la visita. Leggo spesso i tuoi...
Inviato da: senor11
il 08/05/2013 alle 21:01
 
Un viaggiare sulle ali del linguaggio,scivolando di verso...
Inviato da: woodenship
il 08/05/2013 alle 18:57
 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 

L'amore.

Post n°357 pubblicato il 05 Maggio 2013 da senor11

A QUATTRO MANI.

 

L’AMORE

 

Eu

 

L’amore non ha giudizio, non ha morale.

L’amore ignora cosa è bene, cosa è male.

 

Buio

 

L’amore è un punto interrogativo alla fine di una certezza.

L’amore è il dubbio dell’essere di chi si mette in discussione.

 

Eu

 

L’amore è una malattia, una febbre che ti assale.

L’amore è un brivido sottile che scende e che sale.

 

Buio

 

L’amore è una malattia che guarisce aggravandosi.

L’amore è uno schiaffo improvviso che ti strappa un sorriso.

 

Eu

 

L’amore è un’eterna sfida alla sorte.

L’amore è vita, l’amore è morte.

 

Buio

 

L’amore è una carezza gentile che si scioglie in una lacrima.

L’amore è un cortocircuito che illumina la vita.

 

Eu

 

L’amore è una bugia che non mente.

L’amore è tutto, l’amore è niente.

 

Buio

 

L’amore è una verità che si nutre di bugie.

L’amore è leale con chi ami e vile con se stessi.

 

Eu

 

L’amore è una strada che cerca il suo viaggio.

L’amore è paura, l’amore è coraggio.

 

Buio

 

L’amore è una linea retta che cammina a zig zag.

L’amore si nutre di digiuno.

 

Eu

 

L’amore è una valigia abbandonata alla stazione.

L’amore è un treno che non conosce destinazione.

 

Buio

 

L’amore è una valigia che contiene il mondo.

L’amore è un biglietto senza ritorno.

 

Eu

 

L’amore è un mistero buffo, un soffio di magia.

L’amore è un buco nero nel cielo della follia.

 

Buio

 

L’amore è una passione che arde senza consumare.

L’amore è il tutto che riempie il nulla.

 

Eu

 

L’amore è un angelo senza la grazia di Dio.

L’amore è un incontro e forse un addio.

 

Buio

 

L’amore è una fede senza religione.

L’amore è un metronomo che dà il ritmo al cuore.

 

Eu

 

L’amore è un libro antico, un vecchio senza memoria.

L’amore è un foglio bianco dove scrivere la tua storia.

 

Buio

 

L’amore si fa più vicino quando lo senti lontano.

L’amore è un fiore custodito tra le pagine del cuore.

Ma soprattutto l’amore è… e basta.

°

Versi scritti da Senor11 e Buiosudime.

 

 
 
 

EUFRASIO BURZI - L'ULTIMA FUGA

Post n°355 pubblicato il 24 Aprile 2013 da senor11

 

Realizzazione video: Eufrasio Burzi

 

 

  

  

  

   Vai Marco, vola ancora

che di mollare non è l' ora

c' è solo una montagna da scalare

un' ultima fuga da inventare

 

Il tempo ci cambia dentro e fuori

dei fasti, degli antichi splendori

resta solo il ricordo, l' amaro rimpianto

di una storia svanita d’ incanto

 

La vita è un' infinita salita

aspre pendenze, mille tornanti

perle di sudore, una ferita mai guarita

ma si sale, si soffre curvi in avanti

 

Vai Marco, vola ancora

che la cima è ormai vicina

neve bianca, immacolata

purissima come cocaina

 

In punta di piedi, piuma d' ali

come una prima ballerina

danzerai leggero sui pedali

lungo la strada grigia e assassina

 

Vai Marco, vecchio pirata

genio, folle poeta dell' arrembaggio

un' ultima disperata accelerata

e il traguardo non sarà più miraggio

 

Chi sa d'essere una persona speciale

non può accettare una fine normale...

 

e allora vaffanculo a tutti quanti

ai benpensanti, ai giudici intriganti

a chi ha sempre saputo e sempre taciuto

a chi ora si finge stupito d' esser cornuto

a chi ti ha immolato, agnello sacrificale

in nome d' una falsa, ipocrita morale

 

Vai Marco, fragile eroe, non avere paura

perché Dio ama chi ha saputo macchiarsi d' avventura

Lassù, fra le nuvole, c'è un sentiero che s' apre all' eternità

Finalmente la tua anima vivrà l' immensa luce della libertà...

 

 

(Dedicata a Marco Pantani, eroe fragile e indifeso)

 

Eufrasio Burzi

 

 
 
 

AVREI

Post n°354 pubblicato il 05 Aprile 2013 da senor11

Avrei tanti silenzi da raccontarti

e troppe storie da tacerti

ma il filo logico degli eventi

il ritmo dei tamburi battenti

sono ombre in cerca d’un indizio

e forse confonderei la fine con l’inizio.

Certo che ce n’è voluta di fantasia

per render credibile quest’enorme bugia!

Tutto sarebbe scivolato via senza clamore

se non avessi fatto così tanto rumore

Quanti ieri, quanti oggi, quanti domani

da plasmare come argilla con le mie mani

donando al tempo forme sempre nuove,  diverse

ma erano solo lapidi e tombe di anime ormai perse…

E a pensarci bene, non ho una vita vera da narrare

un dolore autentico, sincero da lacrimare

una gioia, un momento magico da ricordare…

Perché lo spettacolo è uno solo, sempre lo stesso

Ed io di vivere non so più da quanto ho smesso!

 

(da: “La terra di nessuno”)

 

Eufrasio Burzi

 
 
 

JESUS CHRIST 2013

Post n°353 pubblicato il 11 Marzo 2013 da senor11

So’ duemila anne e cchiù

ca trascine sta croce…

E arripuosete nu poco!

Magnate quacche cosa,

bivete ‘na coca cola,

fumate ‘na sigaretta!

Nun ‘o vide comme te sì ridotto?

Nu scheletro tutto pelle e ossa!

Nun è pe’ cattiveria,

ma fiete ‘e cane muorte!

Da quand’è ca nun te lave?

E poi, cagnate sta tunica,

ca me pare nu sacco p’’e patane!

Guagliò, tu sì Gesù, ‘o figlio ’e Dio,

mica nu fesso qualunque!

Che figura ce fai fa’ a’’o Pataterno?

Nun ‘o vide c’’a gente te ride arreto?

Si, va buono l’umiltà, la beata povertà,

ma me pare ca staje nu poco esageranno!

E po’ sta croce ‘e legno massiccio…

Nun ‘o ssaje ca mò s’usano

‘e croce in fibra di carbonio?

So’ resistenti ‘o stesso, ma accussì leggere

ca ‘e scale do’ Golgota te faje a quattro a quattro

senza sprecà nu grammo ‘e fatica!

E visto ca mò ce stammo, eccoti vinte euro,

va da Peppe ‘o barbiere

e fatte barba, capille e shampoo,

ca nun me pare affatto nu cristiano…!

“Ma io debbo salvare il mondo”…

Ma quale mondo e mondo!

Accà, si vaje annanze accussì

nun te salve neanche tu!

“Ma è scritto che io debba morire

per la salvezza dell’umanità”…

Alle, mò accumenza cu’ ‘a solita storia!

Gesù, ‘o tiempo è passato, ‘o munno è cagnato…

Va nu poco a Roma, addò San Pietro

e vide nu poco ca t’hanno cumbinato

e scagnuozze dell’Apostolo tuo,

‘o piscatore, ‘o taglia recchie,

chille ca t’ha rinnegato tre vote

prima ca ‘o gallo cantasse

e se avesse cantato dieci vote,

dieci vote t’avesse rinnegato!

“Pietro, su questa pietra

edificherò la mia Chiesa”…

Sti cazzi, e che chiesa t’hanno attrezzato!

Mò, si tu t’appresiente allà,

accunciato ‘e chesta manera

chille te danno nu caucio ‘nculo

e te fanno ruzzulà pe tutte ‘e scale!

Si, allucca pure ca sì Gesù…

Nisciuno ce credarrà, diranno ca sì nu pazzo!

E che cazzo, nun t’hanno riconosciuto

quanno sì risuscitato dopo tre juorne,

figurammece mò ca so’ passate duemila anne!

Chille se so’ misse tutti in su.

Stanne chine ‘e quattrini

mò tengono pure ‘na banca

e tu nun saje quante ‘mbruglie ce fanno!

Se vesteno co’’e tuniche ‘e seta pura

chelle griffate, all’urdema moda

e se sparano ‘e pose annanze ‘a ‘e fedeli!

Predicano ammore, moralità e castità,

e intanto se fottono ‘e creature ‘nnucente!

Siente a mme, Gesù, lassa sta’ sta croce…

tanto in Palestina, in Giordania, in Israele

d’’allora niente è cagnato.

Stanno sempe a fa’ cane e jatte!

Oggi ce sta ‘a televisione, internet

network e pure l’anima ‘e chi t’è muorte!

E’ inutile ca tu vaje cammenanno

annanze e arreto comme a nu scemo:

“Beati gli ultimi perché saranno

I primi nel regno dei cieli”…!

Chille stanno accussì ‘ncazzati

ca sì te ne viene cu na strunzata e chesta

t’abboffano ‘e mazzate!

E tiempe so’ cagnate, tutto è cagnato…

e sì tu continui cu chesta tiretera

te rinchiudono dint’’a nu manicomio

per gravi forme di delirio mistico – religioso!

Statte ca guagliò, siente a me

Simme ‘na famiglia modesta, semplice, ma onesta.

Nu piatto pe' te sempe ce sarrà;

pecché addò se magna pe’ sette,

se pò magnà pure per otto

e nu posto per durmì se trova sempe…

basta ca ci strignimme nu poco ‘e cchiù.

‘A sera, pe' fa’ piglià suonno a ‘e guagliune,

magari ce raccunte quacche bella parabola de’ toje…

Ah, a proposito che sigarette fumi?

“I.N.R.I. senza filtro”…

Dalle, ma chiste tene proprio ‘a capa tosta!

Gira e rigira sempe là va a fernì!

Sta marca è fuori commercio da 2000 anne…

E fatte ‘na Marlboro… perdio!

 

Eufrasio Burzi

 
 
 

EUFRASIO BURZI - DONNA

Post n°352 pubblicato il 12 Gennaio 2013 da senor11

Testo, musica e voce: Eufrasio Burzi

Feat: Sergio Pampaloni

Trumpet: Tino Muto

Elaborazione video: Eufrasio Burzi

 
 
 
Successivi »