Creato da: meninasallospecchio il 28/04/2012
un concept blog (non so che voglia dire, ma mi sembra figo)

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Bugenhagensimona_77rmg.ianni83marco.ferriogabar68giovanni80_7kora69wxzycalaazzurrPat_962tetro65impelgioanima_on_linevirgola_dfFLORESDEUSTAD
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 

 

 
« Uomini di una voltaDiario di una donna somm... »

Uomini di una volta - seconda parte

Post n°396 pubblicato il 02 Febbraio 2015 da meninasallospecchio

(continuo la mia disamina di presunte caratteristiche degli Uomini di una Volta, iniziata al post precedente)


Affidabile

Un uomo affidabile è qualcuno su cui si può fare conto, che c'è quando serve, che non viene meno ai suoi impegni e alla parola data. Il che dovrebbe includere anche la fedeltà.

Gli Uomini di una Volta erano più affidabili? Probabilmente sì. La coerenza è molto scesa nella scala dei valori, e questo ovviamente vale anche per le donne. Erano più fedeli? Non credo proprio.

Volete un uomo affidabile? Cercatelo noioso.

Uomo affidabile

Responsabile

Responsabile è chi si fa carico dei problemi in prima persona. Chi prende su di sé il peso delle decisioni, l'onere di stabilire il meglio per sé e per gli altri. Una persona responsabile non vuole il merito del successo perché considera di aver fatto appena il proprio dovere, ma si addossa la colpa di ogni eventuale fallimento.

Gli Uomini di una Volta erano più responsabili? Sì, per forza, visto che comandavano loro. Com'è un uomo responsabile? E' un uomo devastato dalla solitudine e dai sensi di colpa; normalmente sopravvive soltanto grazie a un'amante che gli concede qualche ora di tregua da una vita tutta sotto tensione.

Uomini responsabili ce ne sono ancora? Sì, cercatevi un primogenito con fratelli e sorelle. E pagategli l'analista o la escort. O entrambi.

Uomo responsabile

Sicuro di sé

Definire la sicurezza non è semplice: diciamo che è la capacità di compiere le proprie scelte serenamente, senza farsi troppo condizionare dall'opinione o dall'approvazione altrui. E' una caratteristica personale, non dipende dal contesto sociale. Voglio dire che una monaca di clausura può essere sicura di sé quanto un amministratore delegato: lo sarà nell'ambito delle mansioni che svolge e delle sue relazioni. Il fatto che le donne abbiano acquisito indipendenza e autonomia priva gli uomini di alcune "mansioni", gliene conferisce altre, non meno nobili, ma certamente non influisce sulla loro sicurezza. Chi si lamenta di questo aveva qualche problema già a monte.

Non c'è nessun motivo per cui gli Uomini di una Volta dovessero essere meno insicuri di quelli di oggi: soltanto, la società gli imponeva di dissimularlo, talvolta con esiti disastrosi. L'insicurezza repressa prende spesso la forma dell'aggressività o di comportamenti autolesivi.

Se cercate un uomo sicuro di sé dovete guardare i suoi genitori. Prediligete quelli con un padre estremamente pacato o insignificante e una madre brillante e volitiva. Dalle famiglie patriarcali escono maschi pieni di problemi.

Uomo sicuro di sé

Trombatore indefesso

Gli Uomini di una Volta erano più interessati al sesso? Non so giudicare. Guardando gli uomini coevi su una scala di età posso soltanto rilevare che l'interesse per il sesso reale, praticato e non virtuale, tende mediamente a diminuire con gli anni. Ma gli stessi uomini, ora agé, erano un tempo più arrapati di quelli che sono giovani adesso? Sì, è probabile. Avevano meno occasioni, c'era più senso del proibito, della conquista difficile. Il sesso inflazionato ha perso un po' di valore.

Ma anche su questo le donne non sono molto coerenti: si lamentano che gli uomini pensano solo al sesso, e anche che non ci pensano abbastanza. Personalmente sto più sulla seconda. Da quel punto di vista anche a me a volte verrebbe da dire: non ci sono più gli Uomini di una Volta.

E ora che ci penso, neppure le mezze stagioni.

Trombatore indefesso

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog