Creato da: meninasallospecchio il 28/04/2012
un concept blog (non so che voglia dire, ma mi sembra figo)

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

venere_privata.xAVV_PORFIRIORUBIROSAMAGNETICA_MENTE.2017prefazione09marke555Vasilissaskunkletizia_arcuriStratocoversBrezzadilunaParStranoettorevaldag.ianni83asettico35costel93fsimona_77rm
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 

 

 
« ProattiviFarsi degli sconti »

Il senso del dovere

Post n°206 pubblicato il 15 Giugno 2013 da meninasallospecchio

Quello che ci frega, noi donne, è il maledettissimo Senso del Dovere. Ovviamente è colpa di quelle stronze delle nostre madri, che ci hanno trasmesso questa iattura, come probabilmente faremo noi con le nostre figlie. Solo le figlie naturalmente, i maschi sono esentati; e temo che questo abbia poco a che fare con la genetica.

Non parlo del senso del dovere che ti porta a prenderti cura in primo luogo dei figli. Quello è sacrosanto, anche se in Italia assume forme da sacrificio umano che meritano un altro post. Vero è che dal momento in cui mette al mondo un figlio, una donna ha una specie di chiodo conficcato dentro al cervello, per cui non esiste un istante della sua vita in cui non abbia un retropensiero per la creatura.

No, parlo proprio di quel senso del dovere del cazzo, per cui quando torni la domenica sera alle 23 da un weekend al mare, senza neanche fare la pipì, ti fiondi a disfare i bagagli e fare la lavatrice, mentre tuo marito sentenzia "Io sono stanco", si stravacca 10 minuti sul divano e poi va a dormire, lasciandoti lì a mettere a posto come una cretina. Se protesti, lui ribadisce "Io sono stanco". La questione non ammette repliche.

La maggior parte delle donne rovinate dal Senso del Dovere ritiene che gli uomini possano permettersi questo atteggiamento soltanto perché hanno una donna che provvede alle necessità inderogabili, come quella di fare una lavatrice alle 23 della domenica, magari per sfruttare la tariffa bi-oraria o per poter stirare il lunedì sera. Errore.

L'uomo abbandonato a se stesso sopravvive egregiamente. Per esempio gli uomini non si fanno il letto, lavoro che considerano sommamente inutile. Molti single non tirano neanche su le tapparelle, anche questa è considerata un'attività a somma zero. La lavatrice si fa quando non si ha più niente da mettersi. Stirare non serve, basta ricordarsi di stendere il bucato entro le prime 48 ore dalla fine del lavaggio. Si mangia fuori il più possibile; oppure si acquistano cibi già pronti o da cucinare rapidamente e mangiare direttamente dalla pentola. Tovaglia e tovaglioli non pervenuti. Riordinare e pulire è un'operazione che richiede una giornata dedicata, più o meno in prossimità degli equinozi. Interventi straordinari sono previsti nel caso in cui si debba ricevere la visita di una donna particolarmente appetibile e con la quale rapporti di stima reciproca siano esclusi (perché in caso di stima si esigerebbe dalla donna medesima tolleranza assoluta sullo stato di abbandono in cui versa la casa).

Con estrema gradualità sto facendo dei passi in quella direzione. La teoria si chiama "farsi degli sconti". E' basata sul principio maschile che i lavori di casa si dividono in due categorie: i Lavori Inutili e i Lavori Che Si Possono Fare In Un Altro Momento.

Alla prima categoria appartiene per esempio fare il letto; alla seconda la maggioranza delle incombenze,  come per esempio  pulire. Con un po' di pratica si riesce a individuarli.

 

(continua)

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: