Creato da luvif il 12/06/2008

sogni nel cassetto

I MIEI SOGNI NEL VENTO

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

« IL CLEBBE CAP 6

IL CLEBBE CAP 7

La stanza è piena de sbrilluccichii colorati e me gira tutto. Ho l’occhi sfocati come na notte de nebbia in varpadana. E sto tanfo che dè?

Ammazzate oh! Quanto  ho bevuto co l’amici mia ieri sera dopo la bella notizia che ho ricevuto dar   telegiornale. I giorni der crociato so finiti in una scarica de skorpio e na stella a cinque punte disegnata sur cofano della macchina brindata.

E mamma mia che mar de capoccia ma ritrovo.  che c’era in quer boccione dinamite?

E mo che ce fa quel gabinetto all’angolo della mi camera sur sopparco? Boh! Sarà stato stecca che ha fatto delle modifiche a mia insaputa.

Eppure nu quadra. Questa nu me pare proprio casa mia…ma andò so finito?

 

Aspetta famme grattà dietro l’orecchio che sembra mo stanno a rosicà n’esercito de topi.

E mò perché nun riesco a move er braccio? E neanche l’artro mannaggia a me mannaggia ma c’ho combinato ieri sera?

Sembra che ciò e mani legate dietro a schiena. No sembra. Mortacci sua so legato davero!! E chi è stato sto fijio de na mignotta a famme sto scherzo macrabo? Me strizza er culo.

- steccaaa!- urlo a piu nu posso – a secco se sei stato tu a famme sto scherzo giuro che t’ammazzo! -

Macché, sembra che nu ncè nisuno. Cercanno de nu scavà er pavimento lercio co le froge der naso cerco de tiramme sulle ginocchia. Na faticaccia nfame ma alla fine sto ritto sulle gambe e barcollo leggermente di lato così finisce che m’appoggio alla parete unta e fredda, tutta ricoperta de piastrelle luride. Annamo bene! M’anno rinchiuso in una cucina spoglia e  zozza come er pelo de Vanda quanno tornava da batte sulla prenestina.

Sbamm! Ho sentito sbatte na porta. E mo n’artra. E quella de dove so rinchiuso che s’apre de botto.

- il bastardo si è svegliato. – dice uno tutto incappucciato e vestito co na mimetica. Ammazza quant’è grosso.

- E che dè? Uno nun fa a tempo de raggranellà un po de grana che subito te rapiscono! - 

A regà er culo se me ce nfili no spillo se piega. Quello neanche me guarda, m’acchiappa pe la collottola e me trascina fori.

- haio! piano che me fai male – urlo ma quello me scaraventa in un’artra stanza a sbatte cor grugno su certa moquette polverosa. Uno piu gentile mi prende per un braccio.

- siediti che sta per entrare la corte. – alla meno peggio me siedo incrociando le gambe. E mo che è sta corte? Ma nu dico na parola. I tipi gentili mi hanno sempre messo paura, come il maestro alle elementari quando mi faceva sanguinare le mani con il righello e un gran sorriso sulle labbra.

 

Me guardo ntorno spaurito come er gattino de nonna Giulia quando s’arrampicò sull’albero de cerase visciole. E domanno all’aria fetida:

- ma che volete, e che è sta corte? -

Certo che so stato sempre un tipo svejio io.

- stai bravo che adesso ti diciamo tutto.  -

Fa quello che m’à sbattuto sur tappeto. Manco a fallo apposta la porta se spalanca de botto e entrano tre tipi in mimetica e passamontagna seguiti da due altri incappucciati armati de mitra. Me sento er core che se ferma. Uno de quelli armati me vien vicino e m’appunta un cartello sur petto. Lo leggo sottovoce senza n’acino de fiato:

“traditore del popolo”

Sotto c’è na stella a cinque punte disegnata a pennarello rosso. Sento che stò pe svenì.

Se siedono su tre sedie sgangherate, gli armati ai fianchi all’impiedi.  Uno apre na cartellina de quelle co l’elastico.

- Amedeo Nanducci, questa corte ti condanna a morte come traditore del popolo per aver prestato il fianco alla borghesia che tiranneggia il paese e la classe operaia.  Avendo tu e i tuoi ripetutamente sabotato le manifestazioni proletarie. -

me sento avvampà de rabbia:

- ma che cazzo stai a blaterà? Io traditore der popolo? E tutta la povera gente che state a trucidà voi allora? Sete voi i traditori der popolo ma se ve credete de metteme paura ve sbagliate de grosso!! -

Me guardato muti e allora continuo, tanto ormai che cio da perde? Armeno me resta a dignità de morì a testa arta.

- stalinisti de merda, ammazzateme pure ma sì che li giorni vostri so contati. -

Uno dei due boia fa un passo avanti e me corpisce col calcio del  kalashnikov alla spalla con misurata violenza. Barcollo ma riesco a star seduto. La capoccia me gira come na trottola.

- porta rispetto alla corte  porco di un nazista o ti spacco la testa prima di spararti in bocca. -

Che posso dì? Resto muto a sentire quel cumulo de stronzate. E li guardo; sembreno usciti da un firme de Dario Argento, li buchi dei passamontagna sembreno sguardi de teschio, le bocche cucite cor fiato che disegna sulla lana er buco fetido delle loro labbra già morte. Strane cose se osservano sul momento de morì. Ne avevo sentito parlare al mi padre quanno raccontava le storie della guerra. Che uno quando sta pe morì diventa piu intelligente. Aho! A me, me sembra solo che ma sto a fa sotto. Ma neanche tanto, me viè pure da ride ma me trattengo, senno la corte se incazza de brutto, chissà come sudano sti puzzoni drento a qui preservativi de lana er mese d’agosto.

I tre finita la filippica se arzano e se ne vanno seguiti da quelli armati.  Resto solo co quello che mi ha trattato con rispetto. Pio coraggio e gli domando:

- perché so andati via? Nun dovevano ammazzamme? –

A quello stronzo se rompe la voce mentre me risponne:

- quella è la corte, per eseguire la sentenza verrà un altro che si è offerto volontario apposta per questo compito. -  

Ammutolisco co la scucchia che me sbatte sul petto. Arriva un altro incappucciato d’ombra con un vassoio, un piatto de bucatini alla matriciana belli  fumanti, na coscia de pollo, mezzo litro de vino. C’è pure dell’uva regina.

- quando hai finito ti porto il caffè e le sigarette. -

Dice liberandomi le mani e ammanettandomi le caviglie.

Restano li a guardare mentre mangio. Non che avessi una gran fame ma capii che si sarebbero offesi se avessi rifiutato e piu che altro avevo paura de prende altre botte. Brutta gente gli idealisti, credono davvero nelle loro cazzate. Noi der clebbe semo un’antra cosa. Ci battiamo per denaro e per sopravvivere, a noi nu nce frega un cazzo de ste stronzate politiche. Ho divorato tutto e accendo due muratti scolando il caffè di un fiato. All’improvviso mi è venuta fretta.

N’antro stronzo entra nella stanza. Pure lui veste la mimetica e il passamontagna nero. In mano stringe na pistola, io me ne intendo, quella è una calibro nove semiautomatica. Molto precisa e poco rinculo. Solo che spesso se nceppa. Di nuovo mi hanno ammanettato le mani dietro la schiena e sto in ginocchio cor culo sui tacchi degli scarponi chiodati.

Er tizio me viene vicino de lato, ar contrario degli altri nun porta l’anfibi ma delle ridicole scarpette da ginnastica. Me prende la testa e me la china in avanti, e la tiene ferma. Trema tutto lo stronzo. Sento er freddo dell’acciaio penetramme nella nuca, cerco de divincolamme e forse so piu forte perché cado a terra de lato sfuggendo per un pelo ar macellaio. Il bono corre a raddrizzamme ma

nun fossi mai caduto. Quello che ho visto mi ha spezzato er core. Bastardo di un infame.

Me ripunta la berta alla nuca molto piu deciso, all’urtimo secondo me sussurra:

- voi dire qualcosa Amedeo? -

- Si!  Mortacci  mia e de quanno ho permesso a tu sorella de compratte   i carzini co li sordi mia! –

Sto stronzo porta i calzini co le paperelle gialle che avevo visto Valeria comprare per suo fratello. Me guarda spaurito e ritira l’arma balbettando:

- ma che cazzo dici? Io non ho sorelle.  – ma ormai si è tradito ed è ancor piu infuriato.

- proprio a li calzini dovevi guardarmi stronzo di un nazista? Ora te lo dico, ti uccido volentieri, per tutte le botte che mi hai dato, tutti l’amici mia che hai mandato all’ospedale. -

Un boato fa tremare l’edificio, quei tre finocchi incappucciati se guardano in faccia spauriti e corono a mbraccià le armi ma la sbirraglia è ben armata e li stende secchi a corpi de parabellum compreso er boia che doveva da ammazzamme. Un boia che conosco bene, er fratello nfame da mi ragazza.

Io so diventato un difensore della patria, godo pure di un’immunità particolare come potenziale vittima dei stalinisti  e in Italia nu lo sa nessuno ma a me e Valeria ci hanno nascosto alle Hawaii.  Si  perché dovete sapè che è stata lei a sarvamme er culo avvertendo la madama della mia scomparsa e denunciando suo fratello Andrea. E ’ proprio vero, dietro ai grandi omini (modestamente) se nascondono sempre delle donne ancor piu grandi!  Un giorno de questi però risentirete parlare di me e der clebbe. Parola de Amedeo Nanducci detto Spadino!

L’amici mia dici ndo stanno? Sempre co me. L’amici mia so li sordi bello! E fatte furbo, a sto monno bisogna sapecce stà. Chi spara finisce sempre ammazzato e chi mena da sempre piu botte, nto scordà sennò finisci a magnà ruelle merdose come er mi padre. Te saluto. Se vedemo. Che dichi, te serve un prestito? Me dispiace nu ntè conosco.

(chi non comprende la morale della storia se mi commenta glie la spiego)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

DISTRAZIONE, IL RACCONTO A QUATTRO MANI

NASCE "DISTRAZIONE" IL RACCONTO A QUATTRO MANI, DALLA GENIALE INVENTIVA DI LOSCRIGNO10 E LUVIF.

SEGUITE GLI SVILUPPI E CERCATE DI CAPIRE QUALE DEI DUE ARTISTI DI VOLTA IN VOLTA INTERVIENE A DARE VITA AGLI INTRECCI DELLA TRAMA.

QUANDO VEDRETE RISTAGNARE L'OPERA, PUO' ESSERE CHE GLI AUTORI ACCETTINO SUGGERIMENTI, MA NON E' DETTO...

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lascrivanawoodenshipmax_6_66psicologiaforenseVolo_di_porporaViviana_Airiluvifbal_zactu.trimmerpoeta.72ninokenya1luciacastellastrong_passionsermagino
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

PRIMA RECENZIONE A PICCOLE PERLE

 
ScarpetteRosse.60 il 14/03/09 alle 17:24 via WEB
Bel libro, molto scorrevole. Quando lo inizi hai voglia di leggere tutte le storie, in ognuna ti pare di trovarti dentro e di viverla. Davvero bravo al mio amicone Nicoletta

 

IL BLOG SI RINNOVA

I° chiedo scusa per la moderazione; tranne le frasi offensive, pubblicherò tutte le risposte.

II° Via via sto eliminando quei post che mi sembrano superflui o non in tema con tutto il resto.

III° Non nascondo a nessuno che lo scopo di questo blog è di far conoscere a più gente possibile il mio libro "PICCOLE PERLE". Quale padre non è orgoglioso di mostrare al mondo intero il proprio figliolo?

IV° I post pubblicati su questo blog sono  l'aperitivo offerto dalla casa.

buona permanenza a tutti.