Blog
Un blog creato da Tartina0 il 03/04/2006

Un cucciolo di uomo

Alessandro

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nitrox3pery78Tartina0cricorti1980euro.restaurisrlclfalorMariluna070fanny.vdeagatta80antonio.bettoni83michela.spagnuloMeSararanatoniaLibero_di_esseremar1anna3
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

 

« Thomas ci ha lasciatiL'incapacità di gestire... »

Post N° 75

Post n°75 pubblicato il 05 Agosto 2008 da Tartina0

Dopo vari tentennamenti si è deciso di unirci al gruppo di amici e andare  a mangiare in un piccolo ristorante, dove di solito mia sorellina lavora.

Che c'è di  straordinario, direte voi...

beh di straordinario c'è che , dovevamo portarci dietro la pulce...:D

Mio marito che già sulla porta di casa mi diceva di lasciare l'aria condizionata accesa che tanto da li a 20 minuti saremo tornati , ed io che raccomandavo alla pulce mentre mi piastravo i capelli e lui mi stava attaccato al sedere,  di fare l'ometto grande.. in fondo però ero quasi della stessa idea di mio marito, Alessandro ci avrebbe fatti scappare a gambe levate in men che nn si dica.

Tirato un profondo respiro chiudo la porta di casa e ottimisticamente spengo anche l'a.c..

Appena entrati, Ale si guarda intorno, luci soffuse , musica soft ,appena udibile in sottofondo e il chiacchierio della gente.

Ci viene incontro mia sorella che appena vede la pulce se lo sbaciucchia ... ma lui serissimo, un po' spaesato, con gli occhi sgranati continuava a guardarsi in giro come chi in quel posto nn ci volesse proprio stare..incrocio le dita e ci dirigiamo ,accompagnati da mia sorella , al tavolo dove stavano gli altri..

saluti e abbracci e ci sediamo...

Ale sembra svegliarsi di colpo ed inizia a piangere .. oddio ed ora che si fa?

Apro la mia capiente borsa, e come un mago con il capello ,inizio a estrarre le macchinine , che lui adora e che per ogni evenienza mi ero portata dietro.

Niente ,di stare la dentro proprio nn se ne parla, lo prendo in braccio e usciamo fuori, ci sono dei portici e delle vetrine, e sempre camminando mano nella mano, Ale si distrae, fino a ritrovarci di nuovo davanti alla porta del ristorante... spingo la porta e lui senza protestare entra .. si siede in una sedia tra me e suo padre ed inizia a giocare con le sue macchinine e con un cellulare che gli è stato dato..ovviamente le macchinine avevano il compito di trasportare il cellulare( il mio camionista!!!!  :D )..

Per farla breve è rimasto tutta la cena seduto al suo posto , bevendo acqua frizzante ( lo so che nn dovrei, ma preferisco quella agli zuccheri delle bibite ), mangiando pane e pezzetti di cibo che gli mettevo nel piatto..

sino a quando inizia a prendere confidenza con il posto e messosi in piedi sulla sedia inizia a chiamare a gran voce la zia " Eba , vini!!! " e dato che la zia in quel momento era occupata a fare altro , e nn gli dava molto ascolto, il tono è salito diventando quasi una cantilena...io mortificata , mentre gli altri ridevano, compresa mia sorella che prendeva delle ordinazioni in un tavolo, quasi scoppiava a ridere in faccia ai clienti.."Eba , viniiiiiiiiii".

Il tutto è finito quando la zia se lo è portato via per farlo conoscere al resto del personale..soddisfatto delle attenzioni ricevute si è messo a sedere di nuovo tranquillamente , spazzolandosi  via dal mio piatto una porzione di dolce ( amore della mamma... )

Sono quasi emozionata, anzi lo sono, potrò tornare ad avere una vita sociale quasi normale!!!

Gente ,si ricomincia a vivere un po', la prova del nove è stata superata :D

 
 
 
Vai alla Home Page del blog