Creato da kicara il 14/07/2009

Desiderando la luna

Desiderare la luna è invidia ed insolenza, lo so. Ma non riesco a fare a meno di desiderare l'impossibile...

 

Vacanze amalfitane

Post n°4 pubblicato il 27 Luglio 2009 da kicara
 

Dopo quattro magnifici giorni in costiera a casa dal mio amore, sono ritornata alla vita reale. Avevo tanto pregato Ciccio di andare a Positano di sera, poichè io l'ho sempre vista con la luce del sole, e lui sabato sera mi ha accontentata. Non prima però di aver fatto due giorni di mare e in due luoghi della costiera differenti. Giovedì siamo andati a ritirare alla concessionaria Piaggio a Salerno il Beverly 400, che ha cambiato con la sua moto per questioni di praticità, ed abbiamo fatto un giro di prova fino a Minori, da Salvatore de Riso e la sera giro a Salerno per rivedere qualche amico. Il giorno dopo, insieme con la sorella ed il fidanzato, siamo andati a Praiano, dopo 700 scalini, in un angolo di paradiso. Venerdì sera è stato tranquillo, solito giretto a Salerno, questa volta per vedere quali palazzi stanno costruendo e le zone riqualificate dal comune. Sabato è stata una giornata intensa, perchè la mattina siamo andati al mare prima a Minori e poi a Maiori, dove erano arrivati i cugini di Ciccio con la bambina. Poi siamo ritornati a casa verso le quattro del pomeriggio, abbiamo fatto la doccia, ci siamo riposati e poi a Positano, sempre a bordo dello scooter. Dire che è bella è riduttivo: già sulla strada dell'andata tutta la costiera era baciata dal sole del tramonto. La sera Positano è una piccola bomboniera piena di lucine deliziose e romantiche. Abbiamo cenato in un ristorante sopra al piccolo porticciolo e per la prima volta lui si è aperto, mi ha raccontato ciò che prima lo ha fatto soffrire, che mi aveva tenuto nascosto fin'ora. Ho provato rabbia mista a gelosia e in quel momento volevo mettermi a piangere, perchè non capisco come aveva fatto ad innamorarsi di una persona spregevole come quella. Poi ho riflettuto. Anche io ho perso la testa per il bell'A, sapendo che non sarebbe stato mai l'uomo della mia vita. Dopotutto non si può scegliere la persona da amare, non è vero? Sono fortunata ad aver trovato lui, che ora è più romantico del solito, forse a causa di questi giorni trascorsi senza vederci. Dice che sente la mia mancanza quando non ci sono e non basta l'amico che ora è lì con lui perchè io ieri son voluta tornare a casa mia, forse mi mancavano casa mia e i miei.
Beh, la serata di sabato non si è conclusa con Positano: sono venuti tre amici del mio amore e ci hanno portati a ballare al Dolce vita. Non andavo a ballare da anni, escusi i capodanno ed una mezza serata l'anno scorso, e vedere l'alba prima dalla spiaggia, poi sullo scooter al ritorno a casa è stato semplicemente favoloso.
Domani ritorna a casa, dobbiamo saldare l'agenzia di viaggi per il viaggio alle Canarie e forse solo adesso posso dirmi realmente felice.

 
 
 

I'm a fool to want you

Post n°3 pubblicato il 20 Luglio 2009 da kicara
 

E' strano come durante la notte arrivino centomila pensieri che vorrei scrivere e poi, quando mi trovo di fronte al nuovo editor, non me ne viene in mente nessuno. Devo cominciare una cura di fosforo, sto cominciando a preoccuparmi. Scherzi a parte, eccomi di nuovo a scrivere, dopo un bel weekend. Sabato ho raggiunto il mio amore col treno e siamo andati a Marina di Albori a fare il bagno: l'acqua era stupenda, la spiaggia di sassolini è l'ideale per una come me, che odia la sabbia che si attacca ovunque e poi c'era lui, il mio amore, che la sera è tornato a casa con me, in moto, portando solo qualche cosa di poco, nello zaino. Ieri ha pranzato da me, insieme con gli zii ed il nonno e poi mi ha portata in giro, sempre in moto, vicini vicini e stretti, perchè lo abbraccio sempre tanto.
In questi ultimi tempi, ripenso a qualche momento passato e certe volte sorrido, pensando a quelli piacevoli, ed altri, invece, cerco di scacciarli dalla memoria, peccato che non si possano cancellare. Ripenso ai primi tempi insieme, alla voglia sfrenata che avevo di ricominciare una storia nuovissima, dopo essermi lasciata alle spalle il Bell' A e tante tante delusioni. E ripenso che le storie passate, per quanto siano tali, restano sempre impresse nella memoria di chi le ha vissute, con o senza volerlo. Io ogni tanto faccio un passo all'indietro, ma tremo all'idea che lui possa ripensare alla vecchia storia. Mi torturo, lo so, ma l'amore vero mi sta rendendo pessimista, indebolita da tutti quelli che mi hanno sempre profondamente delusa.
Ripenso all'amicizia, che io ho perduto da un momento all'altro. Le mie amiche, chissà che staranno facendo in questo momento. Una di loro, la mia prima amica, la sento sporadicamente, un po' grazie a Fb, ma delle altre due non ne ho alcuna traccia. A volte mi viene di telefonarle. Ma la fiducia, così come l'amicizia, una volta perduta non ritorna. E poi avranno altri amiche, altri amici con cui scherzare e uscire.
Certe volte mi sento crollare: la vita ti regala una cosa bellissima in cambio di un'altra, ma non mi lamento, poteva andarmi peggio. E poi sono felice di aver trovato un'altra famiglia che mi ami, al pari della mia, forse anche di più: perchè vedono in me la speranza di avere i nipotini che tanto desiderano. 
Se mi giro verso destra, vedo quel borgo illuminato dalle lucine notturne, il cielo che è zeppo di stelle, e penso che non vorrei essere a casa stasera.

 
 
 

In un attimo

Post n°2 pubblicato il 16 Luglio 2009 da kicara
 

Il primo pensiero che mi è venuto in mente appena ho visto questa meravigliosa foto è stato: che bello sarebbe sposarsi su una spiaggia così e fare il ricevimento con dei tavoli e degli ombrelloni di paglia, molto stile Paradise Beach. Ma il mio pensiero di matrimonio è un po' più distante dai giorni nostri: senza laurea non mi sposo. Fosse per il mio lui, che mi spinge a fare quanti più esami possibili, potremmo sposarci anche adesso. Forse è così anche per me.
E' partito, il mio amore, proprio mezz'oretta fa. E' andato a casa al mare, in costiera, e tra qualche giorno forse lo ragiungerò anche io, tempo di sistemare delle cose qui a casa, cominciare a preparare la lista di ciò che devo mettere in valigia per agosto e potrò andare. Fa caldo, si respira proprio male. Unica consolazione delle afose giornate è proprio la sera, calda sì, ma fuori al mio terrazzo, sdraiata sul divanetto, guardo le stelle ed aspetto di vederle cadere. Ricordo qualche anno fa al mare, la vacanza più brutta della mia vita, lontana dall'unica persona importante per me, ogni sera guardavo le stelle. Avevamo un appartamentino su un giardino enorme, fresco, e mi mettevo sulle sedie sdraio con una coperta, il lettore mp3 nelle orecchie ed aspettavo. E ne vedevo cadere tante. E il mio desiderio era lo stesso, per ogni singola stella, ogni benedetta sera. E mi viene da pensare a come cambiano i sentimenti in un attimo. Come cambia la vita che quando incontri una persona, la persona giusta. Per me è stato così, lui mi ha cambiato la vita.

 
 
 

Paure di una donna innamorata

Post n°1 pubblicato il 14 Luglio 2009 da kicara
 

Una cosa che noto con sommo dispiacere è che, crescendo e maturando, aumentano gradualmente le paure. Non sono mai stata una persona coraggiosissima, ma ho sempre cerato di affrontare i miei timori, credendo che un giorno sarei stata talmente forte da affrontare anche un leone. Vabbè, questo è decisamente troppo, ma avete capito no, cosa intendo! Dico questo perchè sono convinta che alla tenerissima età di venti... anni, io sia diventata una bella e dannata fifona ed ho dovuto affrontare di tutto, dalle cosucce familiari a quelle esterne, affrontare direttamente i problemi senza delegarli a qualcun altro. Penso anche che la maggiore causa delle mie paure sia l'amore immenso e inspiegabile che provo per il mio fidanzato. Ho sempre paura che qualcuna me lo porti via, specialmente una "brava ragazza" che abita fuori regione, buon per lei, altrimenti sarebbe già morta sepolta. In tutto questo tempo, avrei voluto raccontare ciò che mi è successo, ma qualcosa me lo impediva sempre: qualcosa cercava di tenermi tutto dentro, di non lasciarlo scappare. Non ho più le amiche che avevo anni fa a cui confidare tutto, forse se le avessi ancora qui con me terrei lo stesso nascosto nel mio cuore. Sono stata gelosa, possessiva, pazza come Giovanna d'Aragona e Castiglia, leggendo la sua storia mi sono immedesimata in lei. Si può diventare pazzi d'amore? Io sono convinta di sì, sono appunto le paure che ti portano a temere e diffidare di tutto, persino della persona che ami. Di Ciccio mi fido, certo, ma ho sempre quel qualcosa che mi frena e mi lascia col beneficio del dubbio. Perdonatemi, ma ultimamente faccio cose un po' pazze, come scrivere questo post ed annoiarvi con le mie fantasie sceme. Spero che riesca a mettere da parte tutti i dubbi e le incertezze (anche perchè fanno invecchiare prima) e vivere tranquillamente e senza cretinaggini mentali.


 
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIME VISITE AL BLOG

strong_passionnikguecicinelliluanaluca_bocciakaory.mbal_zacpiraino2giannonecarminekarlaugustadaniele.m85lilli40albertofioriti11957torre.icocaramella_dolcelucas_2009
 

ULTIMI COMMENTI

uuuuuuuuuuuh post post post !
Inviato da: Jen_Runz
il 24/08/2009 alle 12:52
 
Lo penso anche io... :D
Inviato da: kicara
il 27/07/2009 alle 16:18
 
Tu devi uscire di pių secondo me ;)
Inviato da: CornFlakes_Girl
il 23/07/2009 alle 16:07
 
Ciao! Ti invito a scrivere anche sul mio Blog
Inviato da: scrivisulmioblog
il 20/07/2009 alle 19:26
 
Concessa, ma no dai, invidia mai! io credo che ci sia posto...
Inviato da: kicara
il 20/07/2009 alle 18:58