Rodrigo diventa donna, debutta in A2. La Lega: “Coni e Federvolley ci dicano cosa fare”

Tifanny Pereira de Abreu_20093026Rodrigo da ieri è diventato Tifanny Pereira de Abreu anche per lo sport, dalla serie B belga maschile è sbarcata in Italia, in A2 femminile, a Palmi e subito è stata decisiva. Mvp nel 3-1 con Trento, dal subentro a metà del primo set.

La brasiliana era uomo, ha avuto l’ok dall’Fivb per passare al femminile e così ha lasciato il Jtv Dero Zele-Berlar. Ad Anversa era all’ultimo posto con zero punti e pochi set vinti, adesso è schiacciatrice-opposto nella provincia di Reggio Calabria. Il primo parziale non lo raddrizza (17-25) ma sugli altri mette la firma: 25-16, 25-22, 25-23. I 28 punti arrivano con una percentuale del 48%, insomma attacca molto, anche dalla seconda linea. In totale 52 palloni, con un muro e due ace, è quasi il terminale offensivo unico.

Il suo metro e 94 dà la spinta alle ragazze di Giangrossi, entusiasma il PalaSurace. Lei è naturalmente felicissima: «Per i momenti in campo e fuori. Gli abbracci delle compagne mi hanno fatto vivere una serata straordinaria».   Meno contento è il presidente della Lega Mauro Fabris. «E’ il secondo caso del genere in due anni, la questione è sportiva e molti club di A2 me l’hanno posta. Aspetto risposte da Coni e Federvolley, per un campionato leale, nel rispetto delle persone».  Il precedente riguarda Alessia Ameri, tesserata da Olbia lo scorso anno come libero, ma in quel ruolo la muscolatura è meno determinante. La 31enne è una modella con la sindrome di Morris, ovvero la femminizzazione testicolare, e gioca anche a beach. Tifanny è ancora mascolina, per la verità meno rispetto alle esperienze in Francia, Olanda, Spagna e Belgio. «Ha perso il 60% della forza – spiega coach Pasqualino Giangrossi -: schiacciava a 3 metri e 60, adesso a 3,15».

10269554_10202196600536779_8069997332805505683_n_20093006A Palmi c’era un migliaio di spettatori per l’ex Rodrigo, magari qualche compagna sarà persino in imbarazzo, ad averla in squadra. «Ce l’hanno offerta senza dirci del suo passato da uomo – sottolinea l’allenatore – l’ho scelta per le sue doti, accogliendola come donna. Gioca bene». Tifanny ha sofferto parecchio, nel cambio di sesso, e l’ha raccontato alla nuova squadra. Quando giocherà fuori casa sarà presa di mira dal pubblico, intanto gioca. Finchè magari qualche ricorso la fermerà.  L’A1 MASCHILE. I risultati della 11^ giornata di ritorno.  Diatec Trentino-Azimut Modena 3-0: 25-23, 27-25, 25-18.
Calzedonia Verona-Cucine Lube Civitanova 2-3: 21-25, 17-25, 25-16, 25-23, 6-15.
Top Volley Latina-Sir Safety Conad Perugia 1-3: 18-25, 17-25, 27-25, 23-25.
Lpr Piacenza-Kioene Padova 3-2: 21-25, 25-14, 25-21, 22-25, 15-11. Exprivia Molfetta-Gi Group Monza 3-1: 25-18, 25-17, 26-28, 25-19.
Revivre Milano-Bunge Ravenna 0-3: 20-25, 18-25, 20-25.
Biosì Indexa Sora-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1: 25-22, 19-25, 32-30, 26-24.  Classifica: Civitanova 64 punti, Trento 56, Perugia 55, Modena 50, Verona 47, Piacenza 39, Monza 32, Ravenna 29, Vibo Valentia e Latina 26, Molfetta 25, Sora 20, Padova, Milano 15.  L’ex Macerata passa la tie break a Verona e per la 6^ volta nella storia vince la regular season, stavolta con due giornate di anticipo, e si qualifica direttamente alla prossima Champions league. E’ alla 18^ affermazione di fila, comprese le coppe. Modena perde nettamente a Trento e rischia di essere ripresa da Verona, al quarto posto. Perugia vince a Latina, resta un punto dalla seconda piazza e favorisce Ravenna, per l’ultimo posto dei playoff. Sabato i romagnoli erano passati a Milano, arrivano a +3 anche su Vibo, uscita senza punti dalla lunghissima partita di Sora, complici i 31 punti di Miskevich.  A1 FEMMINILE. La 18^ giornata. Liu Jo Nordmeccanica Modena–Igor Gorgonzola Novara 3-2: 25-20, 26-28, 30-28, 22-25, 15-7.  Club Italia Crai–Imoco Conegliano 0-3: 23-25, 22-25, 11-25.
Saugella Team Monza–Foppapedretti Bergamo 2-3: 18-25, 25-23, 28-26, 25-27, 13-15.
Metalleghe Montichiari–Sudtirol Bolzano 3-2: 23-25, 25-20, 25-21, 21-25, 15-13.
Unet Yamamay Busto Arsizio–Savino Del Bene Scandicci 3-1: 25-22, 29-27, 12-25, 25-23.
Giovedì 2 marzo, ore 19 Il Bisonte Firenze–Pomì Casalmaggiore.  CLASSIFICA. Conegliano 46, Casalmaggiore 39, Novara 36, Bergamo 34, Scandicci 29, Busto Arsizio 28, Modena e Bolzano 24, Firenze 20, Monza 17, Montichiari 14, Club Italia 10.

Rodrigo diventa donna, debutta in A2. La Lega: “Coni e Federvolley ci dicano cosa fare”ultima modifica: 2017-02-20T12:02:25+01:00da ellenaellena73
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.