Artigianato choc: in 8 anni hanno chiuso 150mila imprese

Sono numeri scioccanti quelli dell’artigianato italiano. Negli ultimi 8 anni infatti sono state chiuse 158mila imprese attive. Quasi tutte erano relative al settore dell’artigianato (145mila), mentre le restanti erano operanti nel piccolo commercio. Botteghe e negozi di vicinato stanno diventando attività sempre più difficili da portare avanti, e cosa ancora peggior, nel corso di questi ultimi anni sono andati persi circa 400mila posti di lavoro.

artigianatoQuesti dati messi in evidenza dalla CGIA, ovvero la confederazione delle imprese artigiane e le PMI del Veneto, indica anche le principali ragioni di queste profonde difficoltà del settore. Anzitutto la crisi scoppiata nel 2008, che a sua volta ha portato ad un calo dei consumi, ma anche l’impatto della Grande distribuzione che è sempre più diffusa. Ma ci sono anche fattori imputabili al “sistema”. Le tasse troppo alte, l’eccessiva burocrazia, la mancanza di credito e l’impennata del costo degli affitti. Stritolati da tutti questi problemi, molti esercenti hanno così deciso di arrendersi e abbassare definitivamente la saracinesca.

Il declino dell’artigianato

Il problema è che non si vedono vie di uscita, visto e considerato che questo trend è continuato anche negli ultimi 12 mesi. Tra giugno 2016 e giugno 2017 sono infatti state chiuse 25604 imprese attive nell’artigianato e nel commercio al dettaglio. La variazione percentuale è di -1,2%. Peraltro la contrazione non è geograficamente circoscritta, ma si estende a tutto il paese. Anche se il Sud è stata la zona più interessata dalla chiusura delle attività artigianali (12,4%), al Nord si è avuto il maggior numero assoluto di chiusure (18.652).

A livello di categorie, i più penalizzati sono gli autotrasportatori, per i quali il settore ha avuto una contrazione del 30%. Seguono i falegnami (-27,7 per cento), gli edili (-27,6 per cento) e i produttori di mobili (-23,8 per cento). Il dato in controtendenza invece è quelli dei riparatori/manutentori/ installatori di macchine, che ha visto una impennata del 58%.

Artigianato choc: in 8 anni hanno chiuso 150mila impreseultima modifica: 2017-08-29T08:48:06+02:00da nonsparei

1 commento


  1. // Rispondi

    A riguardo cosa fa “LO STATO”?
    Questo è un problema primario da risolvere a brevissimo tempo ( a mio parere per un po di tempo si dovrebbe incaricare lo stato a pagare gli stipendi per far sì che le aziende in crisi si possano risollevare). Inoltre penso che tutti gli altri “problemi”in primis l’immigrazione vengono dopo la risoluzione del suddetto problema.

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.