Economia cinese in frenata, la PBoC potrebbe alzare i tassi nel 2018

L’economia cinese rallenta il passo, ma non sembrano esserci view drammatiche all’orizzonte. La leggera decelerazione è testimoniata da alcuni dati macro resi noti dal National Bureau of Statistics. Le vendite al dettaglio hanno segnato durante il mese di ottobre un aumento del 10,0% annuo, fermandosi sotto le aspettative che erano del 10,5% . Sul calendario della piattaforma Markets.com abbiamo visto anche altri dati (vedi qui markets.com cos’è come funziona). Salgono gli investimenti fissi così come la produzione industriale. In entrambi i casi questo incremento è stato al di sotto delle aspettative.

I dati sull’economia cinese

mercati cinaPer la precisione, gli investimenti in asset fissi sono cresciuti del 7,3%, dopo l’incremento del 7,5% messo a segno nello stesso periodo del 2016. Era dal dicembre 1999 che non si vedeva un andamento così a rilento. Il consensus era per un miglioramento del 7,4%. In questo caso ad impattare negativamente sono stati gli sforzi del Governo di abbassare l’elevato indebitamento di aziende e famiglie.

E’ andata peggio del previsto la produzione industriale, che è aumentata su base tendenziale del 6,2% ma quindi meno del +6,6% messo a segno nel mese precedente. Il dato è peggiore delle stime degli analisti che stimavano un incremento del 6,3%.  Su base mensile si è verificato invece un aumento dello 0,5%, come a settembre.

La mossa della banca popolare cinese

Quello che giunge dall’oriente è quindi un segnale di rallentamento dell’attività economica. Il raffreddamento del real estate terrà in allerta le autorità monetarie, pronte a intervenire nel caso l’attività cali troppo. Ad ogni modo il fatto che la crescita stia rallentando non è certo una cosa sorprendente, vosta la guerra della banca centrale sui prestiti ombra e l’inquinamento. Malgrado le immissioni di liquidi (circa 150 miliardi di yen attraverso i depositi di riserva), il rendimento dei titoli di stato a 10 anni è salito ai massimi nell’ultimo triennio.

Per scongiurare il pericolo che il capitale possa fuggire altrove, la Banca Popolare Cinese potrebbe dare anche operare una stretta ai tassi a metà del 2018. E infatti molti trader, dopo aver visto la classifica piattaforme di trading online, ha deciso di puntare sul rialzo dello yuan. La valuta cinese ha guadagnato un leggero vantaggio sul dollaro. La coppia USD/CNY infatti è scesa a 6,64 proprio sulla scia dell’ipotesi che la PboC possa seguire la Fed con una stretta monetaria.

Economia cinese in frenata, la PBoC potrebbe alzare i tassi nel 2018ultima modifica: 2017-11-15T10:10:28+01:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.