Eurozona, salgono le possibilità di rialzo dei tassi nel 2019

Gli economisti tornano a vedere con maggiore decisione la possibilità che la BCE possa operare il prossimo anno una stretta monetaria. L’Eurozona potrebbe così cominciare quel percorso di normalizzazione che la FED ha già avviato da un pezzo. Le attese del rialzo del costo del denaro di 10 punti base nella riunione Bce di giugno 2019 si attesta ora al 50%, quando appena pochi giorni fa era vista al 30%. Un ritocco verso l’alto di 10 pb del tasso sui depositi viene scontato in pieno nel meeting di settembre 2019, mentre pochi giorni da era a ottobre.

L’Eurozona e la situazione dell’euro

eurozonaQuesta rinnovata attesa è già prezzata dal mercato monetario, dove la valuta unica ha ripreso vigore dopo le difficoltà di pochi giorni or sono, quando c’era la crisi politica italiana a zavorrare la valuta unica. Alla base della risalita delle aspettative c’è il forte dato sull’inflazione della zona euro. La dinamica dei prezzi al consumo evidenzia infatti un balzo all’1,9% in maggio, ovvero poco al di sotto del target che è stato fissato dalla Eurotower.

Nel frattempo sono stati resi noti alcuni dati macro relativi alla Eurozona. I prezzi alla produzione sono rimasti stabili ad aprile, dopo lo 0,1% del mese precedente. Il dato, comunicato dall’Ufficio di Statistica dell’Unione Europea (Eurostat), risulta inferiore alle stime degli analisti che erano per una crescita dello 0,3%. Se invece consideriamo un orizzonte temporale annuo, c’è stato un lieve calo del 2% dopo il 2,1% registrato nel mese precedente. Anche in questo caso le aspettative degli analisti sono andate deluse, visto che erano per una salita al 2,4%.

I prezzi nell’intera Unione Europea (EU28) su base congiunturale vanno invece in salita, sia pure minima (0,1% come nel mese precedente). Su base annua invece si è registrato un incremento del 2,4%, in linea con il dato precedente.

Eurozona, salgono le possibilità di rialzo dei tassi nel 2019ultima modifica: 2018-06-04T14:55:53+02:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.