Lavoro, Italia tra i peggiori al mondo per allineamento tra richiesta e offerta

Una delle gravi distorsioni del mercato del lavoro italiano, è che i percorsi di studio dei nostri giovani sono molto disallineati rispetto alle esigenze del mercato. In pratica ci formiamo tra i banchi di scuola/università per fare quel mestiere o quell’altro, ma in realtà il mercato chiede altre figure professionali.

Lavoro e competenze

occupazione lavoroPer capire quanto grave sia questo fenomeno nel nostro paese, basta pensare che siamo al terzultimo posto al mondo nella classifica di “allineamento” tra i campi di studio scelti dai giovani e le esigenze del mercato del lavoro. Peggio di noi stanno messe solo Corea del Sud e Inghilterra/Irlanda del Nord. Lo ha evidenziato una ricerca di J.P. Morgan e Bocconi, che ha pure portato in luce altri aspetti interessanti. .

Ad esempio, nonostante siamo trai paesi con la percentuale più bassa di laureati questo non influisce molto sul lavoro. Il tasso di disoccupazione è infatti equilibrato tra non laureati e laureati. Il motivo è che i giovani continuano a scegliere il percorso di studi in base alle proprie attitudini e preferenze, mentre trascurano le opportunità professionali. Per questo la disoccupazione dei giovani laureati italiani finisce per essere 4 volte quella dei colleghi tedeschi (da noi è nel range 8-13%, contro 2-4% in Germania). In Germania ci sono molti più laureati in informatica, ingegneria ed economia e management, mentre l’Italia doppia la Germania per laureati in scienze sociali e in discipline artistiche e umanistiche, che nel mondo del lavoro creano un imbuto.

Non sarebbe male arrivare a costruire una “scheda pubblica” per ciascuna facoltà, indicando il reddito atteso da quel percorso di studi e il grado di occupazione. E’ una cosa che accade ad esempio in una realtà più complessa, come gli Stati Uniti.

Skills e titoli di studio

Ad aggravare il quadro c’è pure un altro duplice aspetto. Spesso le competenze richieste dal mercato del lavoro e quelle apprese tra i banchi non coincidono per niente. E inoltre i titoli rilasciati dal sistema scolastico/universitario non risultano davvero informativi delle effettive competenze delle persone. Questo spiega perché la percentuale di italiani che lavorano in posizioni non adatte al loro titolo di studio è molto alta.

Lavoro, Italia tra i peggiori al mondo per allineamento tra richiesta e offertaultima modifica: 2019-02-14T09:37:38+01:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.