Rupia indiana in caduta verticale: siamo sui minimi storici contro il dollaro

Un mix di fattori negativi, a cominciare alla diffusione del coronavirus su scala globale, sta appesantendo la rupia indiana. La valuta indiana è così precipitata sui minimi storici contro il dollaro americano settimana scorsa, e anche se questa giornata è cominciata discretamente, la pressione continua ad essere alta.

Il crollo della Borse e della Rupia indiana

rupia indiaAnzitutto questa mattina il mercato azionario domestico ha fatto registrare un nuovo capitombolo. Il Sensex è sceso infatti di 3.576,75 punti, cioè dell’11,96% a quota 26339,21 mentre il Nifty è sceso di 1.023,30 punti o l’11,70% a 7722,15. La rapida diffusione del virus nello Stato (quasi 350 casi e 7 morti) ha indotto al blocco di importanti zone, tra cui la capitale del paese. Molte aziende hanno chiuso e la normale frenesia quotidiana del paese praticamente non esiste più.

Per quanto riguarda la Rupia, venerdì è scivolata su un nuovo minimo storico di 75,20 contro il dollaro USA (USD-INR), in quanto gli investitori stanno cercando liquidità, incrementando così la domanda per la valuta di riserva mondiale.

Suggerimento: cercate sempre di scoprire nuove tecniche di investimento, ad esempio lo swing trading cos’è, oppure la strategia Ichimoku, ecc

Petrolio e Rupia

Come detto, ci sono diversi fattori che stanno incidendo. Gli effetti del coronavirus sull’economia globale stanno appesantendo il mercato petrolifero, perché i Governi stanno chiudendo le frontiere per frenare la diffusione dell’epidemia, e quindi i trasporti si sono ridotti. Questo incide sul petrolio e anche sull’andamento della rupia indiana. Pesa inoltre il fatto che la pandemia sta causando l’arresto dell’intera economia, e ciò penalizza le valute dei mercati emergenti, più vulnerabili a causa della loro dipendenza dal debito del dollaro.

L’intervento della RBI

Per fermare questa svalutazione costante del cambio, la RBI (banca centrale indiana) potrebbe ancora vendere dollari in modo aggressivo, ma ciò potrebbe non fermare l’emorragia della Rupia. Nelle prossime due settimane, vi è il rischio crescente che il cambio USD-INR si avvicini ai livelli di 78,00, e così dicono i migliori indicatori forex affidabili. Tecnicamente, l’USD-INR deve rispettare i livelli di 74.50, sempre precedenti alto, per mantenere viva la propensione rialzista.

Rupia indiana in caduta verticale: siamo sui minimi storici contro il dollaroultima modifica: 2020-03-23T09:54:21+01:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.